Accoglienza profughi: una coop di Monza rileverà l'Hotel San Carlo?

cambio gestione.jpgConcorezzo. Nessuno, in assenza di fatti certi, vuole comprensibilmente parlare. Ma l'ipotesi che al Milanino possa arrivare un numero consistente di profughi, richiedenti asilo e clandestini sta prendendo forma. Tant'è che l'Amministrazione comunale vuole vederci chiaro e chiederà a breve un incontro urgente con il Prefetto di Monza. Anche l'Arma dei carabinieri è stata informata. Come nasce questa ipotesi? L'Hotel San Carlo, posto in via Monte San Michele 1, sarebbe in vendita e l'acquirente potrebbe essere una cooperativa di Monza. Cosa se ne fa una cooperativa di un albergo? La nostra redazione martedì ha provato a contattare l'albergo, ma chi ci ha risposto non ha voluto commentare. Poco dopo, però, è comparso un cartello fuori dalla struttura: "Chiuso a tempo indeterminato. Cambio gestione. Si prega di non suonare". Tanto mistero, forse troppo. Al di là della bagarre politica che ne potrebbe derivare, le domande oggettive sono (nel caso in cui questa ipotesi di vendita fosse fondata): questa struttura è adatta all'accoglienza di rifugiati o presunti tali? Il Comune è strutturato per gestire anche questa emergenza sociale, oltre ai casi che sta già affrontando (ad esempio 71 cittadini sono in graduatoria in attesa di un alloggio erp)? Esiste un piano di controllo rapido degli effettivi requisiti per richiedere protezione umanitaria? Quante persone verranno impiegate dalla cooperativa per coordinare corsi e attività di formazione? Le proteste scoppiate ad Agrate, le risse di Lesmo e Camparada e tanti episodi di cronaca dimostrano che l'accoglienza è un'operazione seria e laboriosa.

Leggi anche

Malore in auto, 86enne finisce contro la rotatoria

English break, Lesson 12 : London Parks

Allarme intossicazione, paura in corte Nuova

Amarcord: la voce degli Spandau Ballet gira un video in città

san_carlo.jpg

Commenti   
0 #1 Fabio 2016-12-02 13:46
Penso che sia ora di PIANTARLA con tutti questi immigrati. QUATTRO MILIARDI di euro stanziati per il 2017 per MANTENERE i 165.000 arrivati da gennaio 2016, VENTIMILA MINORI NON accompagnati da accudire, sfamare, ecc.ecc, è di ieri la richiesta di aiuto del sindaco di Como con QUATTROCENTO minori che il Comune NON sa dove mettere, e che costa alle casse comunali DUEMILIONI e SEICENTOMILA euro. Il nostro caro Renzi / Alfano, invece di INVADERE le televisioni per il LORO referendum, si diano da fare per FERMARE l'immigrazione di massa che porterà scontri sociali prima o poi.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI