Banda ultra-larga, per le aziende occasione imperdibile

brianzaspeednet.jpgConcorezzo. Partiranno lunedì 12 novembre alle 18,30 presso la sala di rappresentanza del Comune di Concorezzo presso piazza della Pace 2 i quattro incontri istituzionali fortemente voluti dal comune, dal Distretto Green High Tech, da Regione Lombardia e dalla Camera di Commercio per promuovere il progetto “Brianza Speed Net”, relativo all’arrivo della Banda Ultra Larga (BUL). Gli incontri pubblici si svolgeranno il 12, il 15, il 19 e il 22 novembre dalle 18,30 alle 19,30. Ad ognuno di questi meeting parteciperà oltre al sindaco, Riccardo Borgonovo e ai dirigenti del Distretto Green High Tech, anche un “testimonial”, ovvero un imprenditore che racconterà ai sui colleghi le ragioni della scelta di aver aderito al progetto della BUL. Nell’ordine essi saranno: Gabriella Meroni (OMR) , Federico Pella (Sering), Alessio Barbazza (Magazzini Generali Brianza), Rosario Mancino (Cleaning Management). «La BUL rappresenta un asset in più per la Brianza e inoltre trasversale perché valorizza tutti i settori industriali. Nessuno oggi si può permettere di fare un passo indietro perché questa è un’occasione unica per il territorio – anticipa Alessio Barbazza – i vantaggi sono talmente evidenti che anche se oggi può sembrare una scelta non urgente, nel giro di pochi anni potrebbe diventarlo». Dello stesso parere Federico Pella, che sottolinea: «La Banda Ultra Larga aumenta la competitività delle aziende. Il nostro è un territorio privilegiato in quanto è stato scelto come destinatario dell’investimento voluto da Regione Lombardia. Non aderire significa perdere il treno per il futuro». 

GUARDA IL VIDEO: https://www.dropbox.com/s/pbdkxq8l7rflst8/BUL.mp4

Ad oggi le aziende che hanno espresso la loro “manifestazione d’interesse” al progetto sono oltre 100. Ne servono altre 200 affinché nel 2013 regione Lombardia investa per la creazione dell’infrastruttura. Durate i quattro meeting istituzionali saranno forniti ai partecipanti  i dettagli del progetto per poter effettuare la migliore scelta, nell’interesse sia delle Aziende stesse che del territorio. Ricordiamo come la Banda Ultra Larga è un’occasione unica per incentivare la produttività delle vostre aziende e rivalutare il nostro territorio. Solo se almeno 300 aziende esprimeranno il loro interesse (tramite la loro Manifestazione di Interesse), Regione Lombardia realizzerà a proprie spese il Progetto; sono già pronti infatti 1 milione e 100 mila euro per implementare  le infrastrutture necessaria per portare la fibra ottica. L’accesso alla fibra ottica, che consentirà alla aziende di aver accesso a molteplici servizi che contribuiranno a migliorare la produttività aziendale e l’attrattività del territorio, avverrà a prezzi di gran lunga inferiori a quelli che oggi il mercato propone. Se il numero di aziende che sottoscriverà il servizio sarà di almeno 300 il costo dell’abbonamento mensile per una connettività di minimo 100Mbit/sec sarà di soli 50€, senza ulteriori costi di allacciamento a carico dell’azienda. 

Inoltre, la Camera di Commercio di Monza e Brianza ha messo a disposizione delle prime 280 aziende che sottoscriveranno l’abbonamento, un voucher di 300€ per il primo anno, che contribuirà ad abbattere ulteriormente il costo dell’allacciamento.

Tutte le informazioni sul progetto sono reperibili sul sito internet www.brianzaspeednet.it o contattando il Distretto Green & High Tech Monza – Brianza al numero Tel. 039 6396305


Il successo di questa iniziativa dipende ora esclusivamente dal numero delle aziende che aderiranno al progetto
 ; contiamo su di Voi affinché questa occasione non vada perduta ma diventi un primo passo per l’avvio di un circolo virtuoso di crescita delle aziende e del territorio.

Commenti   
0 #2 MauroCapitanio 2012-11-10 21:14
Caro seppec, grazie per le preziose considerazioni.

Solo 2 note. Se non si arriva alla soglia di adesione, il progetto non partirà perchè quello è il traguardo che non rende anti-economico l'investimento.
Per i servizi on-line, il Comune di Concorezzo è molto avanti e ne ha attivati diversi, soprattutto su pratiche edilizie e servizi anagrafici (se ne hai però alcuni specifici da richiedere, il Comune è disponibile a vagliarli).

Quanto all'importanza per le aziende di attivare la banda ultra larga, stiamo cercando in tutti i modi di spiegare che la competitività nei prossimi anni passerà obbligatoriamen te da cloud computing, servizi on-line e web-marketing. Quindi la BUL (banda ultra larga) non è uno sfizio ma uno strumento imprescindibile di business.

Mauro Capitanio
Assessore con delega all'Innovazione
0 #1 seppec 2012-11-09 13:09
Anche se l’adesione non arriva a 300, la posa va fatta ugualmente perché il mercato obbligherà tutti ad aderire. Ovviamente chi tarda paga di più.
Inoltre se il comune e le scuole attivassero un po’ di servizi online, e ce ne sarebbero veramente tanti da fare, si stimolerebbe il privato a richiede l’allacciamento.
Il costo non è lontano dall’attuale 7mb + telefono. Ma nel caso della banda super larga, con Skype il fisso diventa definitivamente obsoleto e le parabole sparirebbero quasi tutte. Conclusione, si risparmia.
Aggiungi commento