Cooperativa Mongibello, intervista esclusiva a Pietro Catania

b_450_500_16777215_00_images_casecoopmongibellovialapira.jpegConcorezzo. Al momento il rischio di fallimento è scongiurato. Ma se non si trova una soluzione con il Comune, saranno guai seri per buona parte dei proprietari delle case in edilizia convenzionata di via Ozanam 24 e 26 (angolo La Pira).

E’ un Pietro Catania preoccupato ma combattivo quello che racconta in esclusiva a concorezzo.org tutta la (sua) verità sui 67 alloggi in zona Acquaworld che rischiano in parte di finire all’asta. 67 appartamenti di cui 18 tuttora invenduti, 85 box di cui trentuno ancora vuoti: questi i numeri di una situazione di crisi che obbliga la cooperativa Mongibello, fondata nel 1979 in area politica socialdemocratica, a pagare 25mila euro di interessi trimestrali alla banca (così riferisce Catania, fondatore, ma non attualmente presidente della coop), oltre alle spese condominiali e alle varie tasse. Uno stallo che ha portato la cooperativa ad una esposizione bancaria che sarebbe di oltre 4 milioni di euro.

 Si rischia il fallimento?

“Per ora no. Possiamo uscirne ma serve la collaborazione di tutti, dai soci al Comune. Fino ad esso però sono sconcertato da molti atteggiamenti”.

La cosa più seria è quella della presunta mancanza di requisiti per accedere al bando. Lo conferma? Chi doveva controllare?

 “Sì, ci sono dei soci assegnatari individuati che non avrebbero i requisiti. Noi ci siamo attenuti ad una legge nazionale, tra Dogana e altro ho lavorato per 45 anni per il ministero delle Finanze, so di cosa parlo, anche se qualcuno mi sottovaluta. La Convenzione è un atto imposto dal Comune, che aveva il potere di verifica…”.

 Colpe anche dei soci?

“Si passa da un estremo all’altro: a due coppie, nubendi, è stato negato il nulla osta dal Comune con un atto tutto da verificare. Un socio, dall’altra parte, era proprietario di una villetta…. L'illustrazione e la consegna della fotocopia della pagina di Convenzione, riferita ai requisiti, fu tenutasempre in Villa Zoia nell'Assemblea Ordinaria del 23 dicembre 2005, alle ore 21. Successivamente, dopo la rinuncia di buona parte dei Soci Prenotatari, per mancanza dei requisiti (circa 32), il Consiglio di Amministrazione della Cooperativa chiese la sottoscrizione della Dichiarazione Sostitutiva di Certificazione ai sensi dell'Art.47  D.P.R. 28/12/2000 n°445 per evitare l'accumulo di carte e certificazioni, così come prevede detta Legge. In sede di assegnazione definitiva con rogito notarile detta Dichiarazione è stata riportata, ammonendo il socio sulla responsabilità penale in caso di falsità. In seguito, vista la crisi, avevamo chiesto ai soci uno sforzo: acquistare a 6000 euro i posti auto, avremmo tolto 240mila euro dall’ipoteca. Si sono rifiutati, ma se qui le cose non si aggiustano sarà un “rebelot”. In tutto questo noi siamo parte lesa, potremo addirittura chiedere i danni…”.

 E il Comune?

 “Il Comune, lo ripeto, aveva potere di verifica e di veto, ha sempre il pallino in mano. Noi a Concorezzo abbiamo sempre fatto le cose per bene: 20 alloggi in edilizia convenzionata in via Adda, 64 in via Zincone. E siamo stati gli unici a far riavere l’iva ai soci… Ora il Comune non può dar la colpa a noi se qualcuno non ha i requisiti…”.

 Una via d’uscita c’è?

 “Se venisse accertata la mancanza di requisiti di alcuni inquilini, questi dovrebbero essere messi nelle condizioni di restare, pagando la differenza tra la quota convenzionata e quella del mercato libero. A quel punto si libererebbe una quota di convenzionata, che vorremmo vendere a 1550 euro al metro quadro. Così si può uscire, se si va in liquidazione sarà un gran casino per molti…”.

Commenti   
0 #3 Giorgio 2012-09-03 09:32
Buongiorno,
in riferimento a questa vicenda, forse sarebbe meglio che il comune convocasse un'assemblea (sulla falsa riga dei problemi con il riscatto del terreno per le case di via Adda) in cui ci siano gli "esperti" di edilizia del comune, i rappresentanti della Cooperativa , e sopratutto i proprierati degli appartamenti, che mi sembra vengano sempre bistrattati perchè oltre a gente che forse non ha i requisiti per l'assegnazione (ne pagheranno le conseguenza!!!! !!!!!!!!) la maggior parte vorrebbe essere tutelata perchè ci sono altri punti oscuri della convenzione:
-i posti auto esterni dovevano essere "di pertinenza dei residenti" invece sono stati rogitati a nome della Cooerativa che li vorrebbe vendere; a questo riguardo il Sig. Catania ha rilascito un'intervista al "Cittadino" pubblicata il 25 Agosto in cui si dice che i residenti vogliono avere in regalo i suddetti posti. Forse sarebbe più giusto dire che vogliono chiarezza su chi sia il legittimo proprietario e il perchè il comune non dica niente a riguardo.
Per quello che riguarda i controlli (comune o Cooperativa): ma i requisiti dovevano essere all'assegnazion e delle case nel 2006 o ai rogiti 2009? La differenza è notevole (in tre anni uno potrebbe rientrare nei requisiti ad es. vendendo casa sua).La convenzione specifica che le assegnazioni andavano fatte partendo da chi aveva (in base a un'autocertific azione) il reddito familare più basso; il comune ha controllato che effettivamente la Cooperativa ha proceduto in questo modo?In attesa di informazioni, buon lavoro
Giorgio
0 #2 GC 2012-09-02 14:49
Caro "piccolo"
sono sicuro che si riferisce alla palazzina di edilizia libera infatti al momento non ci sono appartamenti di edilizia convenzionata da visitare e in ogni caso le agenzie hanno avuto da proporre solo l'invenduto di via La Pira, palazzina di edilizia a libero mercato.
0 #1 piccolo 2012-09-01 16:08
Per quanto concernono le palazzine cop Mongibello,Io e mia Moglie eravamo stati inviati dall'agenzia Tecnorete via Liberta' 191 Concorezzo a visitare gli appartamenti ,accompagnati dal Dott Catania ,presidente : niente problemi anche se da parte nostra fosse fatto a fine tuttaltro che prima casa o con requisiti specifici.Perci ò mi sembra che stiano arrampicandosi sugli specchi.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI