Centri commerciali assaltati da banditi: carabinieri fanno gli "extra"

b_450_500_16777215_00_images_aranciameccanica.jpegSupermercati e centri commerciali letteralmente assaltati da predoni. Lo scorso 21 febbraio i carabinieri della Compagnia di Vimercate, comandati dal capitano Marco D’Aleo, non hanno avuto tregua e per l’intera giornata hanno dovuto fermare il saccheggio messo in atto da incalliti professionisti.
Misure eccezionali per contrastare i riflessi di una immigrazione clandestina spesso incontrollata.
Le manette sono così scattate, intorno alle 19, presso il Centro commerciale di Busnago, “Il Globo”, all’interno del supermercato “Iper”. Lì si sono vissuti autentici momenti di terrore e panico: Kote Wasadze, nato in Georgia nel 1980, in Italia senza fissa dimora, nullafacente, pregiudicato aveva forzato la vetrinetta in cui erano esposti degli Ipod. Arraffatini alcuni modelli per un valore di 2500 euro, l’energumeno si è messo a correre verso l’uscita. Fermato dall’addetto ai controlli, il georgiano si è liberato colpendo il vigilantes con calci e pugni. Bloccato, è stato arrestato con l’accusa di rapina e lesioni e portato in carcere. Ci resterà?
Nemmeno un ‘ora dopo, alle 19,40, simili scene si sono vissute a Carugate, presso il Carosello. Lì un altro volto noto alle Forze dell’ordine, una donna, M.C., 38 anni, nullafacente e con precedenti, aveva rubato generi alimentari per 350 euro. Anche per lei, serata a tu per tu con i carabinieri.
Alle 20,45 tocca alle Torri bianche di Vimercate, dove vengono arrestati:

·      Panajoti Spiro, nato in Albania 1986, nullafacente, incensurato;

·      Sinani Florenc, nato in albania1979, nullafacente, incensurato;

·      Maliqai riges, nato in albania 1980, nullafacente, con precedenti;

Tutti e tre erano in Italia senza fissa dimora. I tre si erano concentrati in vari negozi di abbigliamento, rubando capi per 3000 euro, prima di essere fermati. 

Commenti   
0 #7 claudio 2016-10-10 11:38
Bravissimo paraculo ecco perchè Italia è diventata una m.......aaaaaaa aaa
0 #6 nadia 2013-02-24 22:11
ma saranno gia' fuori si!!
0 #5 Giuliano 2013-02-24 07:34
Questa é l'Italia giusta che vuole Gargamella Bersan
0 #4 V.M. 2013-02-23 22:27
Premetto di non essere razzista e di non aver nulla in contrario nel ricevere nel nostro paese persone che arrivano da posti in cui senz'altro vivere la propria la vita possa essere molto più difficile che da noi, ma non sono neanche "ottuso" da voler credere che in questo nostro paese, e sopratutto in questo particolare difficile momento economico, ci sia posto per chiunque desideri trovarlo.
Io faccio sempre l’esempio della propria abitazione, chiunque di noi quando qualcuno bussa alla porta di casa , si riserva il diritto di controllarne l’identità e le intenzioni, semplicemente perché questa è casa nostra e chi ci vive vuole essere sicuro di non creare situazioni spiacevoli o potenzialmente pericolose per se stesso e per la propria famiglia.
Poi, accertato che queste condizioni vengano rispettate, si può decidere di ospitarlo o no.
E se si decide di farlo entrare in casa propria, ci si aspetta perlomeno che chieda il permesso, che si comporti educatamente e che rispetti la proprietà altrui.
Se lo Stato Italiano avesse veramente a cuore i propri cittadini, la stessa cosa dovrebbe valere anche per un paese di 60.000.000 di abitanti.
Fino a prova contraria questo è il NOSTRO paese, e chiunque desideri entrarne, deve chiederne il permesso, dimostrarsi rispettoso delle regole che vi trova e comportarsi come un Ospite, in caso contrario il “proprietario” deve, senza ombra di dubbio, poter avere la facoltà di decidere se sia desiderato e possa entrare o ritenga sia più opportuno che rimanga fuori dalla propria dimora e che se ne vada altrove.
Sono le semplici regole di buon senso che oggi vengono messe in discussione per il perbenismo dilagante diventato ormai di moda e che rischia di non farci più capire dove veramente sta il “Buono” ed il “Cattivo”, il Giusto e lo Sbagliato, il Costruttivo e il Distruttivo.
Non dimentichiamoci mai che il futuro dipende solo da noi.
0 #3 Sabrina F. 2013-02-23 15:13
Io generalmente voto a sinistra e credo lo farò anche questa volta. Ma mi chiedo se Bersani, quando dice che la sua priorità è la cittadinanza italiana per gli stranieri, non voglia far vincere la Lega e il Pdl. Prima di parlare di diritti, non è il caso di far rispettare le regole? Se io domani volessi andare a vivere in Australia, lo sapete che non mi sarebbe permesso? e non mi sembra che là si neghino i diritti... Scusate lo sfogo

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI