Cerca di parcheggiare in divieto di sosta: danneggia auto e panchina

fioriereriparate.jpg

Concorezzo. Una manovra azzardata che gli è costata un danno all'auto e una panchina da ripagare al Comune. Un episodio che sicuramente riaprirà il dibattito recentemente sopito su panchine e fioriere di via Libertà. Ma questa volta l'estetica e il posizionamento c'entrano ben poco. Secondo le prime ricostruzioni, infatti, ieri un automobilista ha cercato di parcheggiare in divieto di sosta nella zona di via Libertà compresa tra le intersezioni con via Cavezzali e via Repubblica, davanti al parrucchiere "Hair image". Nonostante l'evidente cartello di divieto di sosta continuativo, l'automobilista ha cercato di piazzare la vettura sul lato destro di via Libertà. Probabilmente, data anche l'altezza ridotta dell'arredo, non ha visto la panchina e la ha letteralmente distrutta. Questa mattina (ringraziamo il lettore di concorezzo.org che ci ha regalato la foto) gli operai comunali hanno provveduto alla sostituzione e riparazione. I danni saranno a carico del cittadino o della sua assicurazione.

Commenti   
0 #5 Alby 2013-11-16 19:05
Citazione:
Citazione:
Ci vuole coraggio! Quello vero! Per dar corso alla pedonalizzazione di fatto del centro! ... Si darebbe un servizio ai Concorezzesi... e si eviterebbero brutti episodi (come successo) ed una situazione ad alto rischio!
...e pensare che prima era cosi'! E' stata la nuova (scandalosa) giunta di centrodestra a voler riaprire via Liberta' alle auto, per far contenti i loro amici commercianti. Come se la colpa del calo delle vendite fosse del traffico auto e non della crisi economica!
Tutti i comuni stanno piano piano chiudendo al traffico le vie dei borghi, noi con gli "amici" di PdL e Lega camminiamo al contrario.
"Tutti i Comuni stanno piano piano chiudendo al traffico le vie dei borgo...". Appunto, PIANO PIANO, come sta facendo questa amministrazione , tenendo in considerazione gli interessi di tutti, anche dei commercianti. E non drasticamente e male come abbiam gia visto negli anni passati. Prima di chiudere il centro storico bisogna rivedere la viabilità circostanze, i parcheggi ( vedi quello sotterraneo che verrà) e mantenere in vita il commercio locale ( vedi "affitti calmierati" ). Se ti operano ad una carotide, al 90% dei casi, ti applicano un bypass per portare il sangue al cervello. Se chiudi un'arteria devi far in modo di non peggiorare le condizioni del paziente. La panchina è stata abbattuta dai soliti furbetti della sosta!

P.S.:Orgoglioso di essere un amico dei commercianti locali. Infatti oggi ho provveduto a richiedere la "Socialcard". ( www.commercianticoncorezzo.it ).
NO GLOBAL - PRO LOCAL
0 #4 Balanite 2013-11-14 09:08
Citazione:
Ci vuole coraggio! Quello vero! Per dar corso alla pedonalizzazione di fatto del centro! ... Si darebbe un servizio ai Concorezzesi... e si eviterebbero brutti episodi (come successo) ed una situazione ad alto rischio!
...e pensare che prima era cosi'! E' stata la nuova (scandalosa) giunta di centrodestra a voler riaprire via Liberta' alle auto, per far contenti i loro amici commercianti. Come se la colpa del calo delle vendite fosse del traffico auto e non della crisi economica!
Tutti i comuni stanno piano piano chiudendo al traffico le vie dei borghi, noi con gli "amici" di PdL e Lega camminiamo al contrario.
0 #3 Francesco Lissoni 2013-11-12 13:42
Ci vuole coraggio! Quello vero! Per dar corso alla pedonalizzazion e di fatto del centro! ... Si darebbe un servizio ai Concorezzesi... e si eviterebbero brutti episodi (come successo) ed una situazione ad alto rischio!
0 #2 Luca 2013-11-12 10:13
Alla fine paghiamo tutti. Queste panchine sono una porcata sotto gli occhi di tutti.
0 #1 Andrea 2013-11-08 16:06
E io pago.... la manutenzione panchina deve pagarla il contravventore.
Aggiungi commento