Via Garibaldi, il sindaco è pronto a valutare deroghe motivate

via_garibaldi.jpgConcorezzo. Tutto è pronto per il nuovo tassello del piano viabilistico che vorrebbe allontanare per sempre il traffico di attraversamento dal MIlanino. Come annunciato, dal 7 marzo entra in vigore il divieto di transito a tutti i veicoli a motore in via Garibaldi all'altezza dell'intersezione con via Trieste dal lunedì al venerdì (escluso festivi) nella fascia oraria 7,30-9,00. L'unica deroga prevista per ora è per i residenti in via Garibaldi nel tratto interessato dal provvedimento (dall'intersezione con via Trieste all'intersezione con via Gramsci/Dante).

Il sindaco Riccardo Borgonovo, lasciate sbollire le prime reazioni a caldo di alcuni cittadini (nella disinformazione generale c'è anche chi ha pensato e scritto che la via sarebbe stata chiusa tutti i giorni), ora mette i puntini sulle fatidiche "i". 

"Innanzitutto la comunicazione c'è stata - precisa - Ho incontrato i due Comitati un mese fa e mi aspettavo che fossero loro a comunicare i dettagli esatti delle novità a tutti i residenti, altrimenti il dialogo con i rappresentanti perde di valore. Poi vorrei che fosse chiaro che queste soluzioni sono mirate proprio al benessere del quartiere, a cui devono contribuire tutti i residenti facendo la loro parte. Prendiamoci un mese e poi, dati alla mano, sono pronto a valutare deroghe specifiche e motivate". Ad esempio per chi avesse necessità di trasportare persone malate per visite fissate in ospedale o in ambulatorio in quell'orario o in altri casi di stretta urgenza.

"Le proteste, per carità, sono comprensibili perché a fronte di un possibile disagio è naturale far sentire le proprie ragioni - prosegue il primo cittadino - Ma ricordo che è stato così per via Ozanam, per via Libertà, per via Repubblica e Varisco e ovunque siamo intervenuti cambiando le abitudini dei cittadini. Se è vero che passare da via Remo Brambilla e Vittorio Veneto comporta un allungamento del tragitto, è anche vero che stare incolonnati in via Grasci, Pellico e Garibaldi fa perdere più tempo e crea maggior inquinamento. Quindi la soluzione proposta è sensata. Se infine aggiungiamo che è stata realizzata una ciclopedonale lungo via San Rainaldo per favorire pedoni e ciclisti, anche le proteste politiche della minoranza diventano ridicole: disincentiviamo l'attraversamento delle auto e favoriamo la mobilità sostenibile e questi protestano? Pazzesco....".

Non è però finita qui. A fronte dell'aggravamento del traffico causato anche dai movimenti legati all'Energy Park di Vimercate e dal traffico che da Lecco/Arcore taglia dalla Sp60 per usare il Milanino come scorciatoia verso Vimercate e la tangenziale Est, l'Amministrazione è tornata a spingere per la nuova tangenzialina che, in linea d'aria, collegherà via Monte Rosa con via Oreno. "Una soluzione inevitabile - conclude il sindaco - Stiano tranquilli quanti temono che la strada porterà con sè nuove edificazioni: la zona è vincolata a parco, tutto intorno resterà verde".

UNA VIA AL COLLASSO

Nelle foto sopra il nuovo cartello di divieto e come si presenta oggi via Garibaldi, via che evidentemente non è più in grado di sostenere tutto il traffico di attraversamento. E non tutti rispettano il divieto di svolta (video) sulla Provinciale Monza-Trezzo.

via_garibaldi.JPG

Leggi anche

Rilevatori, dissuasori ed autovelox: Milanino sotto controllo

Carambola al Milanino, coinvolte tre auto

Milanino, tra le richieste una farmacia e riattivare la fontana

Commenti   
0 #10 M.R. 2016-03-08 21:01
Beh... che il problema della viabilità possa esserci anche in altre zone del Comune (sto pensando a via Volta)... nessuno lo nega. Portarsi però il traffico "in casa" volontariamente ... non mi sembra molto intelligente.
0 #9 BARBY 2016-03-08 13:37
Prima non si poteva entrare dalla Via Dante.....adess o dalla Via Trieste.....ma quanti santi in comune hanno gli abitanti di Via Garibaldi????? Concordo in pienissimo con Fabio....va fatta una deviazione a monte...come da sempre ribadito alla nascita di questa orrenda viabilità. I miei genitori abitano adiacenti alla via inaccessibile.. .è assurdo facciano il giro del mondo per uscire di casa. Ma che cavolo di amministratori avete votato???
0 #8 Debora 2016-03-08 07:58
Buongiorno a tutti ho appena attraversato la via Monte Grappa e vorrei invitare sindaco e giunta ad utilizzarla ........coda per arrivare allo stop dove anche li devi riuscire ad infilarti perché sono tutti in coda verso la rotonda del cimitero ....senza contare che .....chi riesce tenta di svoltare a sinistra....... arrivi alla rotonda DISASTRO!!!!!! Auto che arrivano da Monza che s immettono verso Vimercate...... auto che dalla via Dante fanno inversione sulla rotonda per andare a Vimercate auto che arrivano da Malcantone ecc......ma dov'è lo smaltimento del trafficooooo??? ?? Gli abitanti di via Monte Grappa saranno contenti di respirare tutto quello smog.....e i bambini del pedibus che passa in quelle zone????
Alla faccia della salute......che vergogna.
0 #7 ugo 2016-03-07 17:29
Forse ci sono interessi importanti e diverse da quelle dichiarati, il sospetto " vogliono costruire una strada per poi riqualificare alcune zone e renderle edificabili ", mi sembra quello piu ovvio .
Credo che tutta l'operazione " nuova viabilità zona milanino " sia gestita malissimo
e necessita di essere chiarita da parte degli enti competenti, il sospetto ormai si e' annidato nei concorezzesi e non solo.
0 #6 Mario 2016-03-05 10:54
Basta pensare a leggi ad-quartierem, non facciamo ridere per favore.
Quelli del milanino che abbiano la stessa, e non diversa, pazienza che hanno tutti gli abitanti di Concorezzo nelle ore di punta nei confronti dei pendolari.
Il milanino va OMOLOGATO al resto del paese: 50Km/h su tutte le sue strade e aperte a tutti.
Altrimenti proseguiamo a creare obrobri come via San Rainaldo, 30 Km/h e una pista ciclabile da barzelletta.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI