Concorezzese rischiò di morire folgorato, al via il processo

luminarieoperaio.JPGConcorezzo. Si è aperto ieri a Como il processo per un gravissimo infortunio sul lavoro che, nel 2010, rischiò di costare la vita a Gianluca Ricci, 41 anni, sposato e residente in città. L'uomo, il 12 gennaio di tre anni fa, si trovava a Faloppio (Co) per conto di una ditta di Meda ed era impegnato a smontare le luminarie natalizie, servendosi di una piattaforma mobile a diversi metri di altezza. Quando il carrello, durante uno spostamento, si è avvicinato troppo ai cavi dell'alta tensione che passavano poco distanti, si è verificato il dramma: Ricci è stato investito da una potentissima scarica (stimata in 15.000 watt) ed ha perso inizialmente i sensi, dopo essere stato scaraventato a terra. Soccorso d'urgenza dal 118, era stato dimesso con due mesi di prognosi. E ora i vertici della ditta di Meda per cui Ricci lavorava devono rispondere di lesioni colpose: secondo i referti Asl, l'azienda avrebbe dovuto premurarsi di far staccare la corrente prima dell'inizio dei lavori, di isolare i cavi e di far rispettare le distanze di sicurezza. Su questo accusa e difesa si confronteranno con nuovi testi l'11 febbraio 2014.
In precedenza il presidente e l'amministratore delegato della ditta avevano patteggiato 20 giorni di reclusione, pena poi convertita in 5mila euro di multa.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI