Concorezzo piange la dottoressa Lilia Maccario

b_450_500_16777215_00_images_MACCARIO_LILIA.jpegConcorezzo. Ha chiuso gli occhi nel giorno di Pasqua. Lo ha fatto con serenità e speranza, raccontano alcuni amici che le sono stati vicini. Una speranza che è stata sicuramente più forte e tenace della malattia che fino all'ultimo non le ha dato tregua.
E domani mattina, alle 9,30, nella chiesa parrocchiale di Concorezzo la comunità le darà l'estremo saluto. Lilia Maccario, 52 anni, viveva con la famiglia in via Massironi. Originaria di Ventimiglia, la dottoressa si era fatta apprezzare in Brianza come dirigente medico dell'Ospedale di Vimercate e Desio e in paese come ginecologo attento, professionale e dal grande spessore umano. Laureta in Medicina e Chirurgia nel 1988, specializzazioni in Ginecologia e OStetricia nel 1992, era iscritta all'Albo dei Medici Chirurghi della provincia di Monza e Brianza. 
Ieri sera la chiesa dei Santi Cosma e Damiano era gremita per la recita del rosario, a testimonianza dell'affetto che la circondava.
Nel web, in un portale della sua Ventimiglia, tempo fa aveva lasciato parole di conforto per un amico malato, parole che meglio di altre la ricordano come donna serena e forte.
"Caro Marco - scriveva - per stare di fronte alla malattia serve la fede certamente, ma serve poi in modo inequivocabile la speranza; diceva Peguy che per sperare bisogna aver ricevuto una grande Grazia, e per le la grande Grazia sono stati tutti i volti che ho amato, i miei figli, mio marito. Nella vicenda di questa malattia mai mi sono sentita abbandonata e quindi sono certa che colui che ha dato ora toglie misteriosamente e anche questo sarà il bene per me".

Commenti   
0 #14 Francesca e Francesco 2016-12-25 16:30
Volevamo ringraziare la dottoressa Maccario che il 30 dicembre 2009 ha salvato la vita al piccolo Edo e la mamma. Grazie alla sua professionalità ,dedizione,intu ito e attenzione e tanto altro oggi possiamo festeggiare il Natale e tra qualche giorno il settimo compleanno del piccolo.
Ti vogliamo bene e siamo dispiaciuti anche per la classe medica che ha perso una grande professionista.
Un abbraccio di cuore
0 #13 Chiara 2014-05-23 07:18
Lilia è passato un anno e ancora non mi rassegno alla tua assenza...deve nascere la mia terza bambina e ogni volta che vado all'ospedale ho l'illusione di poter incrociare il tuo sguardo...mi hai salvato la vita due volte e ho capito dal nostro primo incontro, ormai più di 12 anni fa, che eri "unica". Quando, dopo aver girato ospedali e professoroni per anni, sono arrivata da te mi hai guardato, mi hai preso la mano e mi hai detto: "sarà lunga ma ce la faremo" io ho capito che non ero più sola ad affrontare i miei problemi! Grazie per la professionalità , per la comprensione, per le parole e per quello sguardo che non uscirà mai dal mio cuore. Mi manchi.
0 #12 cristina 2013-07-11 15:39
Cara Lilia, ho appena saputo che non ce l'hai fatta e la notizia mi ha riempito di dolore.
Eri una persona speciale ed una grande professionista che gestiva le sue pazienti prendendosi a cuore le situazioni, soprattutto quelle piu' difficili. Se non fosse stato per te i miei figli probabilmente non sarebbero nati e questo è il motivo per cui avrai sempre un posto speciale nel mio cuore.
Ti abbraccio fortissimo.
Cri
0 #11 francesca 2013-04-19 08:36
Cara Lilia, solo oggi da un' amica ho saputo che non sei più con noi...e ho pianto..come si piange quando si perde una parte importante della nostra vita.. Le mie bambine sono nate grazie alla tua grande professionalità e grazie alla forza che ogni volta che venivo da te riuscivi a trasmettermi... la tua dolcezza, il tuo sorriso e la tua sicurezza mi facevano capire che potevo e potevamo farcela.. Grazie Lilia, ti porterò sempre con me.. Un abbraccio affettuoso a tutta la tua splendida famiglia, di cui mi parlavi sempre con gli occhi che ti si riempivano di gioia.
0 #10 Lucia 2013-04-13 16:57
Ciao Lilia, sei stata la "mia ginecologa" per quasi 20 anni e una grandissima amica, hai sempre saputo come consolarmi nei momenti difficili, sia quando si trattava di problemi di salute (e ne ho avuti parecchi) sia quando 11 anni fa è morta la mia mamma. Come faremo senza di te?
Un abbraccio, che spero ti raggiunga in Paradiso.
Aggiungi commento