Fine dell'ecomostro: entro l'anno un tetto per 24 famiglie

ecomostro.JPG

Concorezzo. Cinque anni di vergogna, di burocrazia all'italiana, di regole sugli appalti che ti costringono ad assegnare lavori a chi potrebbe anche non farcela o che specula proprio sugli assurdi procedimenti dettati a livello nazionale. In uno di questi gorghi, come noto, c'era finito anche il cantiere di via Dante angolo via Libertà dove, al posto degli orti comunali, l'allora Amministrazione guidata da Antonio Lissoni aveva deciso di dare un tetto e una speranza ad almeno 24 delle 150 famiglie che, ancora oggi, sono in lista di attesa in Comune per avere un alloggio a prezzi calmierati. Il cantiere avviato nel 2008 non è mai stato ultimato: ma ora un accordo con Aler sembra aver fatto il miracolo.
Il primo progetto, infatti, si era subito incagliato tra fallimenti, subappalti e tribunali: e ai concorezzesi non era rimasto che lo scheletro, ovvero il tristemente noto ecomostro.

Intervenire, in mancanza di soldi e col patto di stabilità che blocca i nostri risparmi, era impossibile. La nuova Amministrazione guidata da Riccardo Borgonovo aveva anche pensato di vendere il tutto a privati, ma in questo modo si sarebbero persi 2 milioni di euro stanziati ai tempi da Regione Lombardia come contributo. 

Nei giorni scorsi, con tanto di passaggio ufficiale in Consiglio comunale, è stato siglato un accordo con Aler, l'Azienda lombarda per l'edilizia residenziale. Sarà la struttura del Pirellone, recentemente dimagrita dalla cura Maroni (da 13 Consigli di Amministrazione si è passati a 5 con un risparmio dell'85% delle indennità) ad occuparsi e a gestire gli alloggi. Lo scopo: inaugurare i 24 alloggi entro la fine del 2014. 

Commenti   
0 #6 luca 2014-01-18 19:44
finalmente così Concorezzo darà la casa ai Brianzoli bisognosi e non ai soliti extracomunitari .
0 #5 Paola 2014-01-15 13:46
Certo, sarebbe bello abbattere tutto e fare un orto, ma evidentemente non è possibile, oltre che costoso. Ormai il progetto era stato approvato e il minore dei mali è concluderlo. Purtroppo i nostri soldi finiscono altrove anziché rimanere a Concorezzo, se non sarei favorevole anche io a buttare giù tutto. Un tetto comunque a chi ha bisogno si deve trovarlo
0 #4 DAVID 2014-01-14 19:27
La penso come Roberto , basta palazzoni che portano solo extracomunitari . Il comune dovrebbe far si che tutte le nuove costruzioni siano alte massimo 3 piani . Il verde deve rimanere assolutamente , in queste zone siamo già in troppi basta case, basta cemento .
0 #3 Roberto 2014-01-14 12:48
La costruzione è veramente una schifezza degna di quartieri dormitorio della periferia di Milano (Quarto Oggiaro, Rozzano, ecc.) che non c'entra niente col contesto che lo circonda. E' proprio vero che per soldi non si bada a niente. Speriamo che lo spreco del poco verde che è rimasto si fermi definitivamente.
Saluti a tutti
0 #2 DAVID 2014-01-13 00:15
Era giusto scrivere , fine dell'ecomostro , se si decideva di buttarlo giù . Invece per il dio denaro si decide di portare a casa 4 soldi ,che verranno senza dubbio buttati in qualche altra cavolata . Che vergogna, ogni volta che ci passo mi dico, ma come si fa , esistono persone così incapaci da fare un progetto del genere ? Si esistono

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI