Gattile distrutto, parla uno dei residenti di via Sauro

b_450_500_16777215_00_images_gattileconcorezzo2012.jpegConcorezzo. Distrutto per errore, scambiato per un cumulo di rifiuti, ma forse anche per fare un po' di ordine. Dopo la bufera mediatica scatenata dalla notizia del gattile di via Sauro (centinaia di post su siti animalisti, e la notizia di concorezzo.org ripresa da Corriere della sera e Giorno), interviene con una lettera al nostro giornale uno dei residenti della zona dove erano state realizzate delle casette di fortuna per alcuni felini. Ripari artigianali e qualche piattino dove lasciare un po' di latte, acqua e cibo.
"Credo di dovere trovare una spiegazione logica a quanto ho letto - spiega Cristina - Lo spazio dove sono stati appoggiati gli scatoloni per i gatti è di pertinenza della casa dove io abito, lo spazio di cui si parla è adibito a raccolta dei rifiuti per la casa in questione, di conseguenza gli scatoloni saranno stati portati via pensando fosse spazzatura, spesso capita che lo spazio sia ingombrato di rifiuti, biciclette rotte e cartoni anche da chi non abita nello stabile, mi spiace per i gatti ma anche un po' di senso civico credo non guasta".
Quindi, secondo questa ricostruzione, potrebbe essersi trattato di un errore, non di un atto vandalico. Ma tra le pieghe di questo intervento si coglie anche la necessità di trovare una mediazione tra chi vuole dare assistenza ai gatti e chi chiede in generale un po' di decoro. La missione non è impossibile. Si riuscirà a trovare la quadra?

Commenti   
0 #2 cristina pilloni 2013-01-10 11:09
sicuramente se ci uniamo, anche con una raccolta di pochi euro donati da ognuna delle persone che sono intervenute alla discussione, si potrebbe allestire un piccolo spazio dove accudire i gatti che, come dice LP, non sporcano e non creano disordine.
io do' la mia piena disponibilità, attendo notizie e vi auguro una buona giornata.
0 #1 LP 2013-01-09 12:21
credo basti poco per trovare la quadra, basta scegliere un angolo defilato della zona non vicino alle piazzuole delle pattumiere, la donazione da parte di un grande negozio di articoli x animali di due cucce per esterno in plastica, e di due distributori automatici x acqua e cibo (sarebbe un'ottima pubblicità) visto che ci sono volontari disponibili a provvedere al rifornimento. I gatti sono animali puliti e non sporcano dove mangiano. Ma soprattutto come succede in altri comuni sensibili, l'apposizione da parte del Comune di un cartello che segnali la presenza legale di una colonia felina tutelata dalla legge e avvisi delle conseguenze penali di eventuali maltrattamenti. Ci penseranno poi i volontari a controllare che tutto funzioni in modo civile nel rispetto delle bestiole.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI