Linkra-Compel, interviene Salvini e arriva convocazione Mise

cordon_salvini.jpg

Agrate. "Guardiamo con speranza al tavolo convocato per giovedì presso il Mise per affrontare la grave crisi occupazionale che sta interessando i lavoratori della ex Linkra-Compel, acquisita dai francesi della Cordon. La situazione è critica e dobbiamo fare di tutto non solo per salvaguardare i posti di lavoro, ma anche per generarne altri, vista la strategicità del settore interessato. Per la improvvisa e auspicata convocazione di giovedì presso il Mise è stato fondamentale l'interessamento in prima persona del ministro Matteo Salvini, che ha incontrato una delegazione ieri a Monza, e il pressing istituzionale esercitato dalla Lega alla Camera e in Regione Lombardia".   

Lo rimarca l'onorevole della Lega Massimiliano Capitanio (primo firmatario) che, assieme ai colleghi Giulio Centemero, Roberto Ferrari e Jari Colla, ha presentato ieri una interrogazione a risposta scritta al Ministro dello Sviluppo economico e al Ministero della Difesa  per fare luce sulla situazione delle ex società Linkra S.r.l. e Compel Electronics S.p.A.. Realtà specializzate nell'hi-tech e in grado di arrivare fino a 450 dipendenti nelle sedi di Cornate d’Adda ed Agrate Brianza, prima della gravissima crisi che ha portato  nel 2017 le due aziende alla procedura di amministrazione straordinaria. "L'accordo tra le parti nel 2017 aveva portato a scongiurare la definitiva chiusura delle aziende e a tutelare 147 dipendenti attraverso la cessione in affitto di tre rami d’azienda della Compel Linkra alla Cordon Group inerenti i settori Interconnections Solutions Sales & R&D, Microtech, Hardware Service e Interconnections Operations - ha proseguito Capitanio - Sono passati due anni e si pone l'esigenza di coinvolgere tutto il personale attualmente occupato in Cordon, anche con il ricorso ad ammortizzatori sociali e alla riduzione degli orari di lavoro, per superare la congiunturale difficoltà di mercato e procedere ad una riorganizzazione produttiva ed aziendale attraverso un nuovo piano di investimenti e di rilancio industriale" . 

Da qui l'interrogazione al Governo che, oltre a chiedere quali misure intenda porre in essere, ha chiesto "se il Ministero della Difesa abbia affidato specifiche commesse alle società Linkra S.r.l. e Compel Electronics S.p.A., oggi facenti capo al Gruppo francese Cordon, e quale fosse la tipologia di prestazioni richieste". E a conferma della delicatezza della situazione è arrivata anche la convocazione da parte del Mise.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI