Lotta alla ludopatia, la Lista civica italiana dà la scossa

noslot2.jpg

noslot.jpg

Concorezzo. Tutti concordi nel contrastare il triste, grave e costoso fenomeno della ludopatia. La dipendenza da gioco (prevalentemente slot machine) è ormai da anni curato dalle Asl insieme a quella da droga e alcol. Solo negli ultimi mesi (anche per le discutibili resistenze dello Stato centrale che guadagna ogni anno circa 9 miliardi di euro, il doppio di quello che rende l'ex Imu...) si è intensificato il contrasto da parte degli enti locali che, alla fine, si ritrovano a pagare i conti in termini sociali (malattie, liti in famiglia, impoverimento) e spesso di sicurezza (infiltrazioni malavitose, riciclaggio, etc..).
A dare la scossa in Consiglio comunale, giovedì sera, ci ha pensato il consigliere della Lista civica italiana, Rosanna Garofalo, che ha presentato una mozione per chiedere al Comune maggiori controlli per il rispetto della normativa esistente. Il documento è stato poi ritirato per una riscrittura che recepisca anche alcune sostanziali novità nella normativa regionale, ma tornerà a breve in Consiglio e ha comunque già incassato l'appoggio di tutte le forze politiche.
Lo scorso ottobre, infatti, Regione Lombardia (nella foto il Presidente Roberto Maroni "brinda" con una maglia no-slot il giorno dell'approvazione) ha varato una rivoluzionaria legge no-slot: se il Comune mettesse in pratica alcune di queste direttive, il fenomeno della ludopatia verrebbe sicuramente circoscritto.
Ecco i punti salienti della nuova legge-

I punti salienti della legge:
 
1. Viene istituito un numero verde per segnalazioni e richieste di aiuto.
 
2. E' promossa la formazione per i gestori di slot e per la Polizia locale.
 
3. Viene previsto il divieto di pubblicizzare il gioco d’azzardo sui mezzi di trasporto pubblico.
 
4. Prevista la realizzazione, entro sei mesi, di un marchio regionale “no slot”, ed è imposta la presenza nei locali che ospitano slot di materiale informativo sui rischi della dipendenza da azzardo.
 
5. Sono inserite agevolazioni fiscali ai fini Irap dello 0,92% per coloro che disinstallano le apparecchiature e un aumento dello 0,92% per coloro dove restano istallati apparecchi da gioco.
 
6. Vengono imposte norme rigide per l’accesso ai locali dove siano presenti più di tre slot machine.
 
7. Viene determinata in 500 metri la distanza minima dai luoghi sensibili (scuole, oratori, centri sportivi, strutture socio-sanitarie, etc…).
 
8. Vengono ampliati i poteri di intervento dei Comuni sulla collocazione dei luoghi dove sono presenti slot.
 
9. Concessi ai sindaci possibilità di prevedere forme premianti per disincentivare il proliferare delle apparecchiature.
 
10. Sono definite le linee di intervento delle Asl e le attività di formazione e prevenzione nelle scuole.
 
11. I gestori dovranno partecipare obbligatoriamente a corsi di formazione.
Commenti   
0 #8 ED 2014-02-10 12:57
Citazione:
Ma la domanda è semplice: Pechè e chi ha autorizzato l'apertura del locale? (es. quello vicino ad Acquaworld). Comune ci dia una una risposta...( soprattutto del PERCHE')!
Ehi Comune? Quindi....aspet tiamo risposta!
0 #7 Rossana 2014-02-10 12:39
Citazione:
Ma la domanda è semplice: Pechè e chi ha autorizzato l'apertura del locale? (es. quello vicino ad Acquaworld). Comune ci dia una una risposta...( soprattutto del PERCHE')!
Salve ED, se non sbaglio l'apertura dei locali slot è regolamentata a livello statale e i comuni non possono fa nulla contro la loro apertura se non controllare che "sia tutto in regola".....

Gentile Rossana,
le licenze sono nazionali, ma ora c'è anche una legge regionale a cui i Comuni posso attenersi. Proprio oggi, 11 febbraio, sul Corriere e Repubblica c'è l'articolo relativo alla momentanea chiusura di una sala slot. Però bisogna fare le cose per bene seguendo la legge, perché non siamo nel far west
0 #6 ED 2014-02-07 12:42
Ma la domanda è semplice: Pechè e chi ha autorizzato l'apertura del locale? (es. quello vicino ad Acquaworld). Comune ci dia una una risposta...( soprattutto del PERCHE')!
0 #5 Rossana 2014-02-06 12:32
"Il documento è stato poi ritirato per una riscrittura che recepisca anche alcune sostanziali novità nella normativa regionale, ma tornerà a breve in Consiglio e ha comunque già incassato l'appoggio di tutte le forze politiche."

Se non erro, il documento è stato ritirato perché la Lega non ha voluto approvare la richiesta di chiusura dei locali slot, tra le 10 e mezzanotte o sbaglio?? Perché non l'avete scritto nel vostro articolo??

Gentile lettore,
le risulta male. In secondo luogo come dovrebbe sapere che nè le leggi nazionali nè quelle regionali possono imporre chiusure a casaccio. Il documento come è stato correttamente scritto è stato ritirato per presentare un documento che sia attuabile e non vada contro le leggi. Anziché citare altri giornali, vada a vedersi il filmato originale sul sito ufficiale del Comune www.comune.concorezzo.mb.it
0 #4 daniela 2014-02-04 17:43
PROPONGO AL PROSSIMO SINDACO DI VIETARE LE SLOT A CONCOREZZO ...... FAREMO SICURAMENTE UNA BELLA FIGURA COME COMUNE PIU' VIRTUOSO

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI