Maxi-evasione fiscale, il pm chiede condanne pesanti

guardiafinanza.jpegConcorezzo. Si è svolta l'altro giorno a Monza, davanti al Gup, l'udienza preliminare per la maxi-evasione contestata dalla Guardia di Finanza al Consorzio Cecis di via dei Mestieri. Un giro di presunte false fatturazioni e iva evasa rispettivamente di 10 e 7 milioni di euro. Per i responsabili del Consorzio, specializzato in logistica e facchinaggio, il pm Emanuela Massenz ha chiesto 4 anni di reclusione. La commercialista del consorzio e un socio di quest'ultima avevano già patteggiato la pena, mentre altre 20 persone sono indagate a vario titolo. I titolari, i due fratelli Luciano e Mauro Q., hanno respinto ogni accusa. Si torna in aula nel Tribunale di Monza il prossimo 8 gennaio per la sentenza. Nell'operazione erano stati sequestrati anche immobili e società.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI