Mensa delle "Marconi", dita puntate sulla qualità della mensa

mensascolastica.jpg

Qualità scadente del cibo o alunni (e genitori) troppo pretenziosi. Comunque sia è polemica sul cibo dispensato alle elementari di via Marconi, soprattutto dopo che l'assessore Walter Magni ha portato in aula le rimostranze di alcune mamme. Stizzita la replica dell'assessore all'Istruzione, Emilia Sipione, sia per l'invasione di campo del collega, ma soprattutto perché la Commissione che vigila sulle mense avrebbe garantito sulla qualità. Il dibattito è aperto. In redazione è arrivata una lettera che pubblichiamo. Non mancheranno le repliche.

Ovviamente si tratta del parere di una lettrice. Siamo certi che chi eroga il servizio la pensi in maniera diametralmente opposta e se lo vorrà avrà modo e spazio per dire la propria. Così per tutti.

Gentile Redazione,

sono la Mamma di una bambina che frequenta la Scuola Elementare Guglielmo Marconi di Concorezzo, ed approfitto della Vostra gentile disponibilità per scrivere sul Vostro giornale, che so essere molto letto dai nostri Concittadini e non solo.

Oggi ho avuto modo di leggere su un quotidiano locale dell’interrogazione che l’Assessore all’Urbanistica Walter Magni ha esposto all’Assessore all’Istruzione Emilia Sipione, direttamente in Consiglio Comunale, inerente a due telefonate ricevute da altrettante Mamme, che si lamentavano della scarsa qualità del cibo della Mensa Scolastica, distribuito da una Società esterna che viene servito ai nostri figli.

Appena ho letto, mi sono sentita in dovere di spezzare una lancia a suo favore ed appoggiare pienamente il gesto fatto in Aula Consigliare, nonostante, attingendo dal quotidiano locale, sembrerebbe non fosse stato di sua competenza;  il problema esiste veramente, non è per niente da sottovalutare e va affrontato seriamente.

Porto mia figlia a scuola quotidianamente e quello che emerge confrontandomi con le altre mamme è uno stillicidio di lamentele in merito alla qualità del cibo a loro erogato; faccio alcuni esempi:

Il Pollo il 04.05.12 era maleodorante, tant’è che anche le insegnanti se ne sono accorte; il pesce è solitamente immangiabile dal cattivo odore; le verdure sono sempre dure perché crude;  la bresaola è composta “misteriosamente” dal 50% di grasso; i pomodori arrivano solo verdi; i piselli e la rucola vengono sistematicamente gettati nei rifiuti; il riso naviga nell’acqua e le posate sono sporche ed i piatti sono in numero insufficiente;  senza contare la frutta che non la mangia nessuno perché arriva già guasta ed impresentabile.

Senz’altro l’Assessore alla partita avrà modo di difendere il suo operato e di trovare una risposta adeguata a tutto e a tutti, come spesso sanno fare bene tutti gli Assessori, ma credetemi, così i problemi che quotidianamente riscontriamo nei nostri figli, non si risolvono e non si risolveranno assolutamente mai!      E’ come se dovessimo sostenere che la “cura è stata efficace ma il paziente è morto”.

E’ così difficile dare la parola anche ai nostri bimbi e sentire dalle loro testoline, magari sottoponendoli a dei quiz/gioco, quello che pensano? Per avere una statistica reale di quello che  loro mangiano e quello che loro non mangeranno mai, sono convinta che ne vedremo tutti  delle belle, anche per evitare quell’enorme spreco quotidiano di cibo avanzato che immancabilmente finisce nei rifiuti.

Basterebbe usare un po’ di quel buon senso che oggi sembrerebbe non dimori più in ognuno di noi e guardare in faccia la realtà; sono solo dei bambini ed andrebbero trattati come tali anche nell’alimentazione.

Ho la certezza, senza peccare di presunzione,  di non essere la sola a volerlo e quindi faccio appello a tutte le mamme che la pensano come me, chiedendo loro di non sottovalutare il problema della salute dei propri Figli.

Fatevi sentire anche Voi.

Mia figlia ed io, ringraziamo la Redazione del Giornale per lo spazio che ci ha gentilmente concesso.

Una mamma preoccupata.

Commenti   
0 #9 PAPA 2012-05-14 14:27
Già tre anni fà era stato detto piuù volte che il cibo non era ben cotto e scadente.... ma avevamo il tecnologo alimentare rispondeva l'assessore pagato da dal comune non una sciura Maria qualsiasi.... eppure ....
A distanza di tre anni il tecnologo non c'è piuù per i tagli giusti dell'amministra zione ..... e allora parole parole e solo parole
0 #8 zac 2012-05-14 13:40
Genitori della commissione mensa, dietologo, alimentarista, assessore alla partita, ufficio scuola, insegnanti, personale ata, segreteria scolastica, dirigente scolastico, rappresentanti di classe, consiglio d'istituto a cui poter chiedere a chi rivolgersi per le rimostranze, ma il genitore finisce col chiederlo ... all'assessore sbagliato che pensa bene di protrarre i tempi di risoluzione del problema per andare in aula e far capire che la maggioranza si diverte a suicidarsi. Ma chi ho votato?
0 #7 Federica 2012-05-13 16:44
Buongiorno, vorrei rispondere al commento pubblicato sul Vostro GIornale dalla Sig.ra Rossana. Comprendo la Sua buona fede, ma vorrei chiederle se è a conoscenza di chi sia il Presidente della Commissione Controllo Qualità della mensa scolastica. La informo che è lo stesso Assessore alla Partita, ovvero all' Istruzione, la Sig.ra Emilia Sipione. Sinceramente, Le sembra una cosa logica? E' come se a Natale dovessimo chiedere al tacchino di entrare da solo nel forno ... non lo farà mai!!!
0 #6 Rossana 2012-05-11 09:38
Salve, mi chiedo, nella scuola Marconi non c'è una "commissione mensa" come alla scuola dell'infanzia? So che alla Via Verdi c'è la commissione ed è composta da alcune insegnanti e alcuni genitori che verificano giornalmente (mi sembra) la qualità e il gradimento del cibo proposto ai bambini! A parte qualche segnalazione per pietanze "fredde" invece che "calde" e forse qualcosa riguardo le porzioni, non mi sembra che lì ci siano problemi! La qualità del cibo deve essere garantita!!
0 #5 mamma 2012-05-10 18:45
Beh .... che dire? anni fa per un problema di intossicazione che abbiamo segnalato, noi genitori siamo stati bollati come ansiosi, protettivi, quasi degli psicopatici dall'assessore di turno. Perchè invece non chiedete alle maestre? Qualcuno ci vuole ascoltare ed andare a verificare o dobbiamo solo pagare e stare zitti? Ricordo che di questi tempi è un sacrificio anche pagare la mensa .... almeno che sia decente!!!

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI