Migranti al Milanino: "Niente barricate, ma vogliamo il Vigile di quartiere"

commercianti_milanino.jpgConcorezzo. Nessuna barricata a patto che il Comune garantisca controllo e sicurezza nel quartiere. Oggi, sabato, ha preso il via la raccolta firme promossa dai commercianti del Milanino per chiedere vigilanza in vista dell'arrivo di una trentina di migranti (potrebbero essere richiedenti asilo, cittadini con programmi di protezione o clandestini in attesa di istruttoria). "La mancanza di informazioni e partecipazione, fatta eccezione per quello che si legge sui giornali, è imbarazzante - spiega il coordinatore degli esercenti del Milanino, Andrea Molteni - Lo Stato centrale, a nostre spese, decide di imporci l'ospitalità ma si guarda bene dal comunicarne l'arrivo, preferendo fare come sempre tutto di nascosto. Questo è un quartiere che ha bisogno di attenzione: a questo punto ci metta una pezza il Comune, distaccando un Vigile di quartiere, anche solo per alcuni giorni alla settimana. Il presidio servirà per monitorare il centro di accoglienza e anche la viabilità, visto che moltissimi automobilisti non rispettano le nuove segnaletiche, a partire dalla pista ciclabile usata come parcheggio. In vista dell'arrivo dei presunti profughi non faremo barricate, per quanto ci riguarda: ma il Comune ci garantisca una risposta in tempi brevissimi".

La petizione, che verrà protocollata poi in Municipio, ha già raccolto questa mattina una trentina di adesioni solo tra i commercianti. Ma è facile immaginare possa arrivare a raccogliere l'adesione di un numero di cittadini molto superiore. Le firme saranno raccolte porta a porta ma si potrà firmare anche presso la Pizzeria Ristorante Rubina in via Dante.

I migranti saranno accolti nell'ex Hotel San Carlo di via Monte San Michele, struttura acquistata per 250mila euro da una cooperativa di Monza specializzata nella gestione e collocamento dei richiedenti asilo.

Nella foto d'archivio Molteni dà la mano al sindaco Borgonovo in occasione della presentazione dell'Associazione di quartiere

Leggi anche

Processo malocchio, parrucchiera condannata in primo grado

Luca Villa "schedato": un futuro come Locatelli e Donnarumma

Cuncuress nel cuore, ecco i negozi doc

Furto da Lanfranchi, forti sospetti sull'autore del colpo

 

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI