Milanino, 400 firme e un unico comitato

via_garinaldi_cartello.jpg

Concorezzo. Un unico comitato per chiedere una sola cosa: la revisione della sperimentazione viabilistica al Milanino e la deviazione del traffico proveniente da Villasanta in via Remo Brambilla.

Sono queste le novità arrivate dal quartiere dove alcuni giorni fa era stata promossa, anche porta a porta, una raccolta firme. "Più di 400 sono state le adesioni alla raccolta di firme del 14 maggio 2016 e giorni successivi, per manifestare per l’ennesima volta all’amministrazione comunale i disagi causati ai residenti del quartiere Milanino dalla nuova viabilità introdotta nel 2014 - spiegano i promotori - Detta raccolta era stata organizzata dai due gruppi “Amici del Milanino e “Gruppo spontaneo”, ora riuniti in un solo gruppo “Amici del Milanino” per dare ulteriore coesione ed incisività alle istanze dei residenti".

Il Comitato chiede di introdurre una zona a traffico limitato che nelle ore di punta veicolasse sulla provinciale il traffico di transito.

"Data la vasta adesione all’iniziativa - evidenziano i promotori - riteniamo che ora l’Amministrazione comunale si debba far carico in modo serio e tempestivo delle richieste dei residenti del Milanino. Speriamo che per smuoversi dalle rigide posizioni attuali l’amministrazione comunale non aspetti il verificarsi anche di qualche grave incidente stradale, la cui forte probabilità di rischio è già stata più volte segnalata dai residenti".

La modalità di raccolta, in parte porta a porta, era stata al centro di uno scontro di vedute su altri giornali locali.

Leggi anche

Rapinatore ciclista armato di scacciacani: preso a Monza

Dama, trofeo Concorezzo: grande sfida tra maestri e futuri campioni

Atti osceni in via Brodolini: show di un camionista

farinadelmiosaccoconcorezzo.jpg

 

Fatti conoscere da oltre 1200 lettori al giorno! Preventivo per il tuo banner: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Commenti   
0 #2 Massimo74 2016-06-25 02:17
Mi sorge spontanea la domanda:forse non era il caso di stravolgere la viabilita' e qualcuno se ne e' accorto troppo tardi?
0 #1 Roberto Brambilla 2016-06-14 22:21
Lista Civica Italiana - Concorezzo é lieta di apprendere che i comitati "Amici del Milanino" e "Gruppo spontaneo di cittadini" hanno raccolto 400 firme a favore della deviazione del traffico su via Remo Brambilla. Ci sembra una soluzione ragionevole e sostenibile.
LCI – Concorezzo manifesta tutto il suo stupore leggendo che il sindaco Borgonovo ha detto (trascriviamo letteralmente dal Giornale di Vimercate del 31 maggio 2016 pag 28) “con molto dispiacere e rammarico, sono venuto a sapere che i membri dei due Comitati andavano casa per casa a far firmare le persone nella loro abitazione pur di raccogliere un numero elevato di sottoscrizioni. Trovo questo modo di agire francamente scorretto. "

Il sindaco avrebbe ragione se i cittadini si fossero presentati con manganelli e olio di ricino per convincere a firmare, ma se – cosa di cui siamo certi – i cittadini si sono limitati a suonare casa per casa chiedendo educatamente di poter illustrare la loro posizione sulla viabilità del Milanino e raccogliendo le firme di quanti erano d'accordo non ci pare assolutamente un fatto da biasimare anzi semmai da lodare visto che per ora la libertà di opinione e di aggregazione è ancora tutelata dalla nostra Costituzione.
Noi di LCI siamo felici di apprendere che dei cittadini e delle cittadine impiegano il loro tempo per creare dibattito su una situazione viabilistica che le amministrazioni comunali sia di destra e che di sinistra hanno gestito sempre senza il coinvolgimento dei diretti interessati.
Chiediamo quindi al sindaco di farci sapere se c'è stata una cattiva trascrizione del suo pensiero o se pensa che effettivamente quel comportamento è scorretto. In chiusura diciamo che LCI Concorezzo è a favore della proposta dei comitati perchè permette di evitare la costruzione della famosa tangenzialina tanto cara a chi vuole creare pretesti per mettere altro cemento sul nostro territorio. Qualche chilometro in più in macchina vale bene la salvaguardia della nostra preziosa terra!
Aggiungi commento