Milanino, la nuova viabilità piace: confronto coi cittadini e qualche ritocco

milanino.JPGConcorezzo. Chi si aspettava fuoco e fiamme è rimasto deluso. Il confronto di sabato tra Amministrazione comunale e cittadini del Milanino ha confermato di fatto la necessità dell'intervento viabilistico. Finalmente, dopo decenni di attesa, il quartiere è collegato al centro storico, a breve godrà di una pista ciclopedonale su via San Rainaldo e buona parte del traffico di attraversamento è stato dirottato sulle provinciali. Certo la nuova viabilità ha innegabilmente creato dei disagi su via Monte Rosa, su via Trieste, su via Pellico e Gramsci. Disagi con possibili soluzioni che saranno al centro dell'assemblea pubblica che il sindaco Riccardo Borgonovo e l'assessore ai Lavori pubblici, Innocente Pomari, hanno garantito di convocare entro fine settembre. Di certo indietro non si torna.


"Questo intervento era necessario e in buona parte riuscito, come ci confermano tantissimi residenti che non usano certo il tempo per urlare o scribacchiare su internet - spiega il primo cittadino, che ha anche la delega alla viabilità - Se chi ha realizzato il quariere Ghiringhella non aveva pensato alle strade subito, beh, noi abbiamo fatto anche questo. E sono certo che certe critiche finiranno come quelle di via Libertà: trasformate in elogi e parziali scuse. Noi abbiamo una visione complessiva del paese: a settembre faremo il bilancio con i cittadini, valuteremo eventuali divieti o sensi unici per calibrare al meglio, ma l'intervento era quanto il quartiere attendeva da sempre".

"Ci sono ancora degli attraversamenti impropri - conferma l'assessore Pomari - ma la fase 1 è riuscita ed è apprezzata. Ora si apre la fase 2 che prevede la possibilità di nuovi vincoli, di strade accessibili solo a residenti in determinate fasce. Potremmo anche rispolverare l'ipotesi di una rotondina sulla Sp2 all'intersezione con via Remo Brambilla, anche se il primo parere dei tecnici era negativo. Sicuramente i benefici sono superiori ai disagi, a partire dalla ciclabile che sarà realizzata su via San Rainaldo prima dell'inizio delle scuole".

Quanto ai nodi di via Veneto e alle svolte per Vimercate, Pomari è lapidario. "Via Veneto è calibrata per sostenere il traffico attuale e le svolte per Vimercate sono state inibite proprio per evitare il traffico di attraversamento: le alternative, anche più scorrevoli, ci sono".

A settembre, quindi, si aprirà la fase 2. Non resta che attendere.

LA QUESTIONE FONTANA

Quanto alla “riaccensione” della fontana di piazza Falcone e Borsellino, l’assessore Pomari si dice possibilista. “So che la petizione è stata protocollata ma non l’ho ancora letta – spiega – dal mio punto di vista si può riattivare anche subito: serve però un po’ di attenzione da parte dei residenti perché non si trasformi come in passato in un wc a cielo aperto. La Polizia locale vigilerà, ma serve il contributo di tutti”.

LA POSIZIONE DEL PD

Il Partito Democratico di Concorezzo, insieme al suo gruppo  consiliare e al gruppo “Città Democratica” rappresentato da Massimo Canclini, sottolinea per l’ennesima volta diversi gravi errori commessi dalla Giunta Borgonovo per quanto riguarda la nuova viabilità del quartiere Milanino.

Innanzitutto il ritardo nella comunicazione dei cambiamenti previsti: solo pochi giorni prima del 14 luglio, di fatto contemporaneamente all’inizio dei lavori, sono apparsi cartelli informativi, in numero non sufficiente e difficilmente leggibili, a meno di essere a piedi. È poi da registrare la mancanza di segnaletica verticale: molti automobilisti brancolano alla ricerca di una via di uscita. È apparsa totale anche l’assenza di vigili, almeno negli orari di punta, nei giorni immediatamente successivi all’entrata in vigore della nuova viabilità.
La rotatoria di via Dante non funziona: chi ha necessità di fare inversione verso il cimitero, o semplicemente ha un’auto di una certa lunghezza e deve svoltare a sinistra provenendo da via De Capitani, è costretto a fare manovra visto il raggio molto limitato della rotatoria. Una situazione che certamente preoccupa, dato il carico di traffico di questa importante arteria stradale.

Lungi dall’impedire l’attraversamento improprio, questo piano ha fatto divia Monte Grappa, via Trieste e via Garibaldi il nuovo attraversamento automobilistico in direzione di Vimercate e Malcantone, per non parlare di via Silvio Pellico, stretta, a doppio senso e con permesso di parcheggio, che, nell’idea dell’Amministrazione, dovrebbe fungere da congiungimento verso via Oreno e, di conseguenza, verso la S.P. 3 per Imbersago.

Infine, fatto ancora più grave, nessuna comunicazione in merito è stata recapitata ai cittadini residenti nel quartiere, al contrario di quanto era successo in occasione della modifica della viabilità nel centro storico. Tale scelta non ha fatto che aumentare il senso di isolamento percepito dai residenti, già determinato dalla maggiore difficoltà nell’attraversare via Dante a piedi e nel raggiungere Vimercate in auto.

 

Commenti   
0 #5 Paolo 2014-08-06 06:42
Pienamente d'accordo con il commento di Franco e Marco.
Con l'attuazione della nuova viabilita' non si e' risolto alcun problema, e' stato dirottato il traffico su percorsi non adatti a supportarlo. Una verifica la si e' gia' riscontrata in questi primi giorni in cui il traffico dovrebbe essere anche minore rispetto alla norma.
Non mi risulta nemmeno che la nuova viabilita', come riportato nell'articolo piace, anzi la petizione presentata dimostra il contrario, ed un giudizio negativo arriva anche dai residenti non interessati direttamente.
0 #4 Franco e Marco 2014-08-04 20:31
La realtà è ben diversa da quanto risulterebbe dai commenti dei nostri amministratori pubblici.
La nuova viabilità del Milanino è risultata un “pastrocchio” , con logica incomprensibile , che ha solo causato nuovi problemi.
E’ stato alleggerito il traffico in via San Rainaldo. Però detto traffico , anziché essere deviato sulle arterie esterne all’abitato, come di prassi e come il comune buon senso suggerirebbe, è stato in realtà incanalato in vie più interne, più strette ed a minor scorrimento. Prima il traffico in arrivo da Villasanta si immetteva sulla provinciale per Vimercate con una sola curva al semaforo di via Dante. Ora percorre 6 curve con scarsa visibilità, due stop ed un semaforo. Il tutto con un forte incremento del rischio di incidenti.
E’ altresì sorprendente il comportamento degli amministratori.
Pochi giorni dopo l’attuazione della nuova viabilità, una delegazione di residenti ha presentato una garbata petizione con un centinaio di firme, che evidenziava i nuovi rischi e disagi, all’assessore ai Lavori Pubblici. Lo stesso aveva assicurato che la nuova viabilità era in parte ancora provvisoria e manifestato l’apertura a riconsiderare possibili modifiche nelle zone più critiche.
Ora i fatti si sono rivelati ben differenti a quanto sopra esposto. Sono proseguiti i lavori con posizionamento di cartelli stradali e divieti di sosta in aree prive di parcheggi alternativi. Tutto questo, insieme alle risposte, sbrigative e supponenti, ricevute dal Responsabile Unico del Procedimento a chi di nuovo evidenziava tali disagi, fa pensare ad decisioni già prese ed irrevocabili.
Il malumore sta montando, così come la sfiducia nei relativi amministratori.
0 #3 Marcello 2014-08-04 17:12
Affermare che l'intervento di modifica della viabilità possa ritenersi "un successo"... direi che un po' prematuro dal momento che siamo in pieno periodo estivo con traffico molto ridotto.
Che dire? Vedremo! La sensazione è che chi si è occupato di monitorare il traffico su via San Rainaldo (è stato fatto?) non si è accorto che la maggior parte di esso si dirige poi verso Vimercate. Il traffico infatti era sempre molto lento proprio perchè chi doveva svoltare a sinistra aveva innanzitutto l'obbligo di dare precedenza a chi proveniva da via De Capitani.
Con la nuova viabilità, si corre quindi il rischio che il traffico un tempo su via San Rainaldo si sposta in Via Trieste e successive. Se così sarà... è evidente che saremo di fronte non ad "un successo" ma all'insuccesso di aver semplicemente "spostato" il problema (in analogia a chi nasconde la polvere sotto al tappeto).
0 #2 PINK O'PALLOW 2014-07-31 13:12
"La nuova viabilità piace"... Un titolo degno della miglior stampa di regime!
0 #1 Gianni 2014-07-31 08:32
Non siamo certo tra coloro che "urlano e scribacchiano su internet" ma l'affermazione che "buona parte del traffico di attraversamento è stata dirottata sulle provinciali " non ci risulta nel modo più assoluto!?Il monitoraggio costante da noi effettuato nelle ultime tre settimane ci dimostra semmai il contrario: quasi tutto il traffico esterno, da Villasanta per Vimercate, transita ininterrotto sulle vie Trieste, Garibaldi, Gramsci, Pellico, Cattaneo che a ragione vengono citate come "alternative più scorrevoli", ma per chi? Non certo per i residenti che si vedono messi in secondo piano (rispetto ai non concorezzesi) e che numerosissimi (oltre un centinaio) hanno espresso il loro dissenso in una petizione critica ma propositiva consegnata all'ass. di competenza e per c/c al sindaco.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI