Milanino, ora la protesta si è spostata in via Monte Grappa

via_monte_grappa_traffico.jpgConcorezzo. La seconda giornata di test dopo l'introduzione del divieto temporaneo (7,30-9) in via Garibaldi ha paralizzato via Monte Grappa. Complice anche l'aumento fisiologico del traffico portato dal giorno di mercato, questa mattina a subire le conseguenze della novità del piano del traffico è stata l'arteria a senso unico che sbuca su via Dante. I residenti si sono ritrovati imbottigliati in un flusso quasi continuo di auto, molte della quali (una al minuto circa) deviate da via Garibaldi. Non è andata meglio a chi, seguendo le indicazioni che consigliano di usare via Veneto e via Brambilla per usare la Provinciale Monza-Trezzo, hanno percorso in colonna a passo d'uomo la Sp2 fino a Vimercate. C'è anche chi, come Silvana Cereda ha impiegato 36 minuti per arrivare dal Milanino al centro di Vimercate. Francesca Azzoni, invece, ha messo a confronto la viabilità precedente con quella attuale. Come in matematica, insomma, cambiando l'ordine dei fattori, il risultato non cambia: se prima a protestare erano i residenti di via San Rainaldo e delle vie limitrofe, ora la voce la alzano quelli di via Monte Grappa e chi, dal Milanino, si trova a subire i nuovi percorsi. L'Amministrazione è comunque intenzionata a proseguire con il divieto di via Garibaldi ancora per un po', per vedere se, con il passare dei giorni, il traffico proveniente da Arcore e Villasanta riesca a trovare alternative all'attraversamento di Concorezzo. Problema per cui sul tavolo del futuro Piano del Territorio è tornata a farsi sentire l'ipotesi tangenzialina, una strada che colleghi via Monte Rosa (zona Dogana) con via Oreno, da dove riversare il traffico diretto a Vimercate.

via_monte_grappa_cartina.jpg

via_garinaldi_cartello.jpg

via_monte_grappa_prima_dopo.jpg

 

Commenti   
0 #8 M.R. 2016-03-10 22:42
Vero! Il problema del traffico proveniente dall'esterno lo si poteva risolvere con una decina di cartelli stradali (anche meno) per deviare chi non è residente nel Comune di Concorezzo negli orari di punta o creare le condizioni affinché il traffico parassitario sia invogliato a non addentrarsi all'interno del tessuto urbano cittadino non adatto per conformazione a sopportare traffico ulteriore rispetto a quello dei residenti. Niente di eccezionale: bastava "copiare" dai comuni limitrofi. Noi invece abbiamo spostato il traffico dal percorso A al percorso B (con costi ben diversi dalla decina di cartelli stradali).
0 #7 Paola 2016-03-09 21:24
Vivo nella zona Milanino da quasi mezzo secolo. Da sempre la via Dante ha funzionato da spartiacque per i cittadini di serie A e i cittadini di serie B. Non crredo di dover precisare chi sono gli uni e chi gli altri. Seppur il carico fiscale e i balzelli siano identici ovunque si risieda sul territorio comunale, la qualitá dei servizi offerti ė indiscutibilmen te diversa. Per anni attraversare la via Dante in prossimità del Ristorante Cinese per portare mio figlio alla scuola materna di Via XXV Aprile è stata un'avventura... .fintanto che la storia non ha rischiato di trasformarsi in tragedia: madre e figlio travolti da una moto mentre attraversano sulle strisce pedonali ormai divenute invisibili. Tante ossa rotte ma pe fortuna nulla di irreversibile.. .. Alla domanda di ridipingere le strisce, il comune ha risposto che non era possibile perchė strada di pertinenza provinciale. Mi sono offerta di fare il lavoro personalmente adducendo che al di lá della compentenza di una strada, i cittadini a rischio di morire travolti erano quelli del comune di Concorezzo e cosi le striscie sono state ridipinte come per magia alcuni giorni dopo. Ora per portarre mio figlio alla scuola G. Marconi ho un tempo di percorenza di circa 20 minuti perchè è quanto serve per uscire dal Milanino passando per la via Monte Grappa o per la via Veneto per ritrovarsi di nuovo in coda su questa maledetta Via Dante. E fin qui poco male......ma il prossimo anno mio figlio frequenterà la scuola media a Concorezzo e lo vorrá fare in bicicletta come da tradizione concorezzese consolidata negli anni....ed ecco che l'unico semaforo che garantiva la sicurezza nell'attraversa re quel maledetto provinciale è stato tolto ed in aggiunta è stata messa una meravigliosa pista ciclabile che prevede al suo termine un attraversamento pedonale cosí prossimo alla rotonda che spesso ho assistito a violente frenate da chi venendo da Vimercate gira sulla via San Rainaldo perchè non avendo visuale libera (l'esistenza da sempre di una palazzina lo impedisce) si ritrova i pedoni a tiro di ruota....inoltr e chiunque di voi ha provato a transitare per questa rotonda a qualunque ora, non può non aver notato come sia chi viene da Vimercate che chi viene dalla direzione opposta tende a tagliare la rotonda facendola a velocitá sostenuta. Detto questo che dire d'altro? Se non che nasce inevitabile la sensazione di sentirsi prigionieri di questa Via Dante. Tutta questa rivoluzione sotto l'egida del "migliorare la viabilitá del Milanino"? Al monento gli unici ad averne beneficiato sono gli abitanti dell'ultimo tratto di Via San Rainaldo, gli abitanti del Palazzone.... Ma a che prezzo? La Via trieste, la via Garibaldi, la Via Pellico, la via Gramsci, storiche zone residenziali di villette sono diventate una pista di Formula UNO.... E a breve lo diventerà la Via Monte Grappa. Alle volte le cose semplici sono le meglio riuscite e allora non posso non chiedermi: ma non bastava lasciare la viabilitá a doppio senso sulla via San Rainaldo e alla rotonda di Via Monte Rosa ( quella della Torre del complesso residenziale La Ghiringhella) mettere un cartello di divieto di transito dalle 7 alle 9 per i non residenti di Concorezzo....l a pattuglia di vigili che in questi giorni sosta davanti alla Via Garibaldi avrebbe potuto sostare in prossimitá di questa rotonda per dissuadere i non residenti e perchè no riempire le casse del comune con qualche sana multa ai furbetti di turno.. Concludo dicendo che crederò ad un fattivo impegno da parte di qualsivoglia SINDACO o giunta a favore della zona Milanino SOLO ED ESCLUSIVAMENTE quando ad essere eletto sará qualcuno che ci abita e che conosce DAVVERO i lati positivi come quelli negativi, le potenzialitá e le fragilitá di questo territorio. Diversamente, altro non si tratterá che delle solite promesse vacue in campagna elettorale finalizzate a raccogliere voti e tutto ciò a prescindere dall'appartenen za politica..... Forse varrebbe la pena chiedere l'annessione al comune di Villasanta, se non fosse che Concorezzo è il paese dove abito da sempre e dove voglio abitare nonostante l'amarezza per le solite aspettative disilluse e le continue delusioni.....
0 #6 Manzoni Alessandro 2016-03-09 21:15
Fino a quando ci sarà il casello sulla tangenziale tutto il traffico rimarrà nei paesi... Gira e rigira le macchine sono quelle non spariscono.
0 #5 Fabio 2016-03-09 13:18
Il danno è stato fatto all'inizio, i nostri amministratori "lungimiranti" hanno pensato di togliere il semaforo tra via Dante e via San Rainaldo, piazzando la rotonda, ma si sono scordati(??) del semaforo tra via Libertà e via per Oreno (zona campi da tennis), una rotonda andava fatta anche in quel punto contemporaneame nte all'altra, la situazione che si crea è la STESSA del semaforo zona Pagani, il problema è che purtroppo chi ci amministra NON veda al di là del proprio naso. Era talmente ovvio che si sarebbe creato un gran casino in via Monte Grappa, mi chiedo....ma dove sono finiti tutti i soldi spesi per MONITORARE ed ANALIZZARE i flussi di traffico all'interno del Milanino?? A cosa sono serviti ??? Solo a dimostrare che l'Amministrazio ne si impegnava per gli abitanti del quartiere?? Risultati reali pari a ZERO.
0 #4 Roberto 2016-03-09 11:03
Un'osservazione forse banale: se si decide di deviare il traffico sulle strade provinciali (in particolare sulla via Dante) è opportuno modificare anche i tempi di percorrenza dell'unico semaforo rimasto (via Dante/via per Oreno). Poichè non è stato fatto (perchè non c'è lungimiranza) la conseguenza è che il blocco della provinciale concorre a bloccare anche tutte le strade che su di essa si immettono. Poco c'entrano l'energy park che c'era già e l'Esselunga (in quanti fanno la spesa alle 8 della mattina?!?).
Buon traffico a tutti!

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI