Morte di Luca, lutto e speranze: la mamma insegna alle medie

Luca Marziano 15 anni morto.jpg

Concorezzo. Un rosario per la sua anima e per la salute del resto della sua famiglia. Anche i genitori e la sorella sono infatti ricoverati.  Ieri, domenica, la comunità della parrocchia dei santi Cosma e Damiano, si è riunita per pregare e stare vicino, almeno idealmente, alla famiglia di Luca Marziano. Il giovane, 15 anni è infatti perito sul colpo a seguito di un terrificante incidente (leggi qui la cronaca dello schianto) mentre si trovava sul camper di famiglia in Francia, diretto in Portogallo.

d4d6c45a-8ebe-4f1e-8fda-19abe3857f16.JPG

Si è pregato non solo a Concorezzo, ma anche a Sesto San Giovanni all'Istituto Salesiano dove il ragazzo frequentava il Centro di formazione professionale. "Ricordiamo e preghiamo per l’anima del nostro caro Luca e attendiamo notizie del resto della sua famiglia", ha scritto il direttore don Elio Cesari che ha fatto affiggere anche una sua immagine in refettorio per chiunque volesse  dedicargli un pensiero. Ancora frammentarie le notizie sulle condizioni di salute dei genitori, che sembrerebbero essere i meno gravi. Il papà Alessandro è titolare di un'azienda di ristrutturazioni. In molti stanno mandando manifestazioni di affetto a lui e alla moglie. La madre di Luca, Manuela Merlini è infatti molto conosciuta in paese essendo insegnante di Lettere nelle scuole medie del paese. Più serie sarebbero le condizioni della figlia maggiore, Marina, 19anni, ma non si conoscono dettagli più precisi: non sarebbe comunque in pericolo di vita. 

Commenti   
+2 #1 antonella 2018-08-08 07:43
Non ci sono commenti da aggiungere.
Davanti a queste disgrazie restiamo pietrificati. Soprattutto per chi è genitore, questa è la paura e il dolore più grande che si possa provare.
Spero che condannino l'autista del Tir, anche se questo non potrà far tornare in vita Luca.
Ora l'unica cosa che possiamo fare è stare vicino a questa famiglia: preghiere o messaggi personali di conforto possono solo far bene a tutti loro.
Antonella

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI