Multa al defunto? A rimetterci è il Comune (e i concorezzesi)

b_450_500_16777215_00_images_autoabbandonata.jpegConcorezzo. Quella che raccontiamo (dopo averla raccolta da Lorenzo Merignati del Cittadino di Monza) è una storia tutta italiana. Avvenuta a Concorezzo, e con biglietto a carico dei concorezzesi.
Verso la fine del 2011 la Polizia locale, giustamente, decide di far rimuovere un'auto in sosta vietata e che ostruiva la circolazione del traffico. Il mezzo viene caricato dal carro-attrezzi e portato nel deposito di Vegetti, al confine con Monza.
Lì sì scopre che il proprietario dell'auto era deceduto alcuni giorni prima della rimozione dell'auto. Quando si è finalmente risaliti agli eredi, la sopresa: nessuno dei famigliari voleva prendersi in carico la vettura, e ovviamente anche la sanzione e i costi del deposito. Con l'auto "confiscata" il Comune è andato a batter cassa dallo Stato: prima ha avuto ragione, poi la Prefettura ha cambiato le carte in tavola, rispedendo il conto al Municipio. Solo per il 2013 i concorezzesi dovranno sborsare 345 euro, per il 2012 a spanne si arriverà ad altri ottocento. E della vettura cosa sarà? Viva l'Italia...
A lieto fine (in senso ironico) il problema tutto italiano delle auto presenti sul territorio senza assicurazione e a volte senza targa che i Comuni, lasciati a secco da Roma, hanno paura a far rimuovere: se queste sono le conseguenze, si capisce perché tante volte le carcasse restano in strada (nella foto una delle tante auto da rimuovere segnalate in paese tempo fa).

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI