Nuova viabilità al Milanino: ecco cosa cambia

 

 

b_450_500_16777215_00_images_pianomilanino.jpegConcorezzo. Qualche richiesta di modifica, qualche nodo che non convince, ma nella complessità la nuova viabilità per il quartiere Milanino proposta lunedì sera dall'assessore Innocente Pomari, in Commissione congiunta con il collega al Territorio Walter Magni, ha incontrato il consenso di quasi tutti. La Commissione Lavori pubblici al termine di una lunga discussione ha approvato il lavoro della società TAU, presente anche una delegazione del comitato "Amici del milanino". Lega, Pdl e Cdc hanno votato a favore, benevola astensione per Pd e Centrosinistra, più scettica la lista civica "Per il bene comune". L'intervento si aggirerà sui 200 mila euro e prima di Natale si dovrebbe tenere un'assemblea pubblica di presentazione. Si conta di finire i lavori entro l'estate (patto di stabilità del Governo Monti permettendo). 

b_230_220_16777215_00_images_magniwalter2.jpeg

 

"Adesso sentiremo il parere dei residenti e poi la parola passerà al Consiglio comunale per lad definitiva approvazione - spiega Walter Magni - Molti si concentrano sui sensi unici, ma il risultato più importante di questo studio è che miglioriamo la qualità dell'ambiente, e quindi della vita, mitigando il traffico e abbattendo le colonne d'auto. Tuteliamo i pedoni ad esempio con la rotonda con semaforo a chiamata su via Dante/San Rainaldo/Libertà e con l'attraversamento protetto in via Monte Grappa". In via San Rainaldo, per un tratto, è previsto un senso unico in direzione di Monza.

L'ex sindaco 
Antonio Lissoni, che pur astenendosi ha comunque invitato i residenti del Milanino a non salire sulle barricate, avrebbe voluto più restrizioni, soprattutto in via San Rainaldo/via Garibaldi per combattere definitivamente il traffico parassita (l'ha definito così), quello che usa le arterie concorezzesi come scorciatoie.

Claudio Mandelli, segretario del Pdper le stess ragioni dice NO all'apertura a doppio senso di marcia  di via La Pira. Rosanna Garofalo , esprime perplessità sulla realizzazione della rotatoria in via Dante, anche in presenza dell'impianto semaforico adibito ai pedoni, avverte la preoccupazione per la velocità, secondo lei in aumento, degli autoveicoli. Ha chiesto la riorganizzazione dei posteggi del suddetto quartiere e della poca visibilità che avrà lo sbocco di via San Michele con via Vittorio Veneto. Alessandro Magni e Antonio Lissoni, chiedono più parcheggi  "alternati", a gincana  ( sul modello di via Girotti), secondo loro con la funzione di rallentare il traffico. La rappresentanza "Amici del milanino", chiede all'amministrazione di allontanare dal quartiere, il traffico dei non residenti, verso via Remo Brambilla, strada che collega con la Monza-Trezzo e la statale che porta alla Bergamina. Tutto sommato lo studio effettuato dalla TAU srl è stato apprezzato. Il Piano nei dettagli verrà appunto illustrato in occasione dell'incontro pubblico in cui si illustreranno le proposte di modifiche su via San Rainaldo, l'ipotesi di rotonda via Dante/Libertà/San Rainaldo e i nuovi sensi unici nelle vie limitrofe. La cartina che pubblichiamo è una ipotesi molto vicina alla proposta (sul tavolo ce n'erano due) approvata in Commissione.

 

 

Commenti   
0 #5 Claudio 2014-07-14 17:09
Confido nel buon senso,chi vive a Concorezzo Sa benissimo che via Dante non È una semplice provinciale ,ma un arteria pulsante del nostro paese;avete tenuto conto del problema della sicurezza,capis co che si debba accontentare alcuni residenti ,ma una rotatoria (praticamente) al centro del nostro paese la trovo una scelta per lo meno azzardata,ok vige un limite di velocità ? Chi lo rispetta!?sopra ttutto nelle ore notturne: L'Attenzione del bene comune,deve essere interpretata in maniera lungimirante come dovrebbe fare un buon padre di famiglia,pensan do si' a migliorare la viabilità' ma tenendo conto della sicurezza di tutti.
0 #4 residenti Milanino 2012-12-16 16:44
PERCHE' IL NUOVO PIANO DELLA VIABILITA' RISULTI REALMENTE UTILE AI RESIDENTI E' ASSOLUTAMENTE INDISPENSABILE PORRE IL DIVIETO DI ACCESSO ALL'ULTIMO TRATTO DI V. M.TE ROSA IN CORRISPONDENZA DI V. R. BRAMBILLA PER IL TRAFFICO PROVENIENTE DA VILLASANTA CHE DOVRA' AVERE L'OBBLIGO TASSATIVO DI SVOLTA A DESTRA. QUESTO PER EVITARE CHE TALE MEGATRAFFICO POSSA RIVER-SARSI SU V. VENETEO-V. PIAVE-V.TRIESTE -V.GARI-BALDI, SPOSTANDO SOLO IL PROBLEMA DA UNA VIA ALL'ALTRA SENZA RISOLVERLO.
0 #3 Marco 2012-12-06 22:47
Citazione:
Volevo ringraziare gli assessori Magni e Pomari per aver messo mano dopo anni di chiacchiere ad un problema reale. Prima di fasciarsi il capo come fanno alcuni, sperimentiamo finalmente un progetto fatto da esperti che dovrebbe liberarci dalle code e dallo smog. GRAZIE!
Non si fanno esperimenti con 200.000 euro e, sopratutto, non si può considerare un successo nella lotta allo smog, spostare il problema da una via all'altra. Buona sera
0 #2 Carlo D. 2012-12-06 15:57
Volevo ringraziare gli assessori Magni e Pomari per aver messo mano dopo anni di chiacchiere ad un problema reale. Prima di fasciarsi il capo come fanno alcuni, sperimentiamo finalmente un progetto fatto da esperti che dovrebbe liberarci dalle code e dallo smog. GRAZIE!
0 #1 Marco 2012-12-06 13:29
E' una cosa assurda! Costringere tutto il traffico di Via San Reinaldo verso l'ultimo tratto di via Monte Grappa è una cosa che non ha senso. Già adesso sembra di essere in autostrada, con evidente rischio e pericolo delle persone che ci abitano; figuriamoci quando ci sarà anche una coda fissa di macchine nelle ore di punta. Se servirà creeremo un comitato e bloccheremo pacificamente la strada fino a che non le cose non cambieranno. Siete degli irresponsabili! !!

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI