Penna nera ancora più in alto, addio ad Angelo Ronchi

ronchi1.jpgConcorezzo. Lui, il suo sorriso garbato e profondo, la sua penna nera erano sempre presenti. Da quando c'era da partire per aituare qualcuno, a quando il Corpo degli alpini animava speciali momenti in piazza, dal vin brulè di mezzanotte a Natale alle più svariate iniziative durante l'anno. La morte improvvisa di Angelo Ronchi, nella notte tra domenica e lunedì, ha lasciato un grande vuoto, nella sua famiglia e nella famiglia allargata delle penne nere. Ronchi, residente in via Pio X, sposato e padre di due figlie, con gli alpini concorezzesi aveva partecipato a maggio anche alla partecipatissima adunata dell'Aquila. Senza dimenticare l'annuale festa presso il parco giochi di via 25 Aprile, struttura che deve tantissimo al volontariato delle penne nere di via santa Marta. "Non ti dimenticheremo mai", "Sei stato un maestro di vita" sono i primi messaggi di cordoglio degli amici. Ieri sera, nella sua abitazione, è stato recitato il rosario alla presenza, tra i tanti, del capogruppo degli Alpini, Eugenio Brambilla. Mercoledì, alle 9,30, l'estremo saluto. In alto la penna! (foto tratte da Facebook).

ronchi2.jpg

Commenti   
0 #1 Emilia 2015-07-08 22:20
Quando si perde una persona cara si prova un grande senso di vuoto. Perdere poi un amico, un cittadino attivo, sempre collaborativo nelle varie iniziative che l'associazione Alpini per Amore organizza per la comunità, e' molto triste. Unica consolazione per noi credenti e' che Angelo, con il suo sorriso e la sua dolcezza sia "andato avanti " e unica speranza è di riabbracciarlo un giorno. Riposa in pace caro Angelo e prega per tutti noi che abbiamo avuto la fortuna di incontrarti.
Emilia Sipione
Aggiungi commento