Si sbriciola la scuola media, ira sul Patto di stabilità

b_450_500_16777215_00_images_scuolamediaconcorezzotransenna.jpegConcorezzo. Pezzi di cemento armato che si staccano dal porticato delle scuole medie "Leonardo da Vinci" di via Lazzaretto. Un consistente "sbriciolamento" ha costretto l'ufficio Tecnico del Comune a correre immediatamente ai ripari, transennando la parte finale dello scivolo, dove abitualmente passano centinaia di ragazzi.
La manutenzione del porticato e di altre zone della scuola erano in programma da tempo, ma il Comune, pur avendo i soldi necessari, si è trovato le mani legate dal Patto di stabilità.
"E' una vergogna il fatto di non poter spendere soldi che abbiamo nemmeno per le nostre scuole - spiega l'assessore ai Lavori pubblici, Innocente Pomari - A questo punto però non possiamo più rimandare. Abbiamo già lavorato per sbloccare in qualche modo i fondi e ci metteremo subito al lavoro".
"Roma la smetta subito di penalizzare i Comuni virtuosi come Concorezzo - tuona il vicesindaco leghista, Mauro Capitanio - I cittadini di Concorezzo lo sanno che chi ha sempre speso bene i soldi come noi adesso viene fermato, mentre chi ha scialacquato i nostri soldi adesso continua a spendere? Perché Roma nel 2012 ha versato a Concorezzo 1,1 milioni di trasferimenti e a Rosarno Calabro, che ha gli stessi abitanti, 2,6 milioni? Sapete con quei soldi, ogni anno, quanti interventi potremmo fare?".

Aggiungi commento