La Ghiringhella ci porta in India: tre serate da non perdere

india.jpgConcorezzo. La libreria La Ghiringhella fucina della cultura locale. Nei prossimi giorno sono in calendario due interessanti proposte. Venerdì 9 ottobre si terrà il primo incontro del ciclo "Suggestioni dall'india" una serie di tre incontri per conoscere un continente tanto affascinante quanto complesso, attraverso l'arte, la letteratura, il cinema e le parole di testimoni ed esperti. Primi due incontri al Circolin di via Verdi: venerdi 9 padre Luca Galimberti, missionario Pime, racconterà la società indiana attraverso la sua esperienza. Venerdì 16 inaugurazione mostra di pittura di Eraldo Calvi che attraverso le sue tele raccoglie fondi per il suo progetto in india; a seguire buffet offerto dalla libreria e approfondimenti con un medico (salute e povertà) e un agronomo (economia rurale e microcredito, con l'intervento via cavo di un agricoltore indiano), il tutto moderato attraverso letture da libri selezionati dal circolo di lettura della libreria. Ultimo incontro (cineforum) venerdì 23 al centro civico. La Ghiringhella promuove inoltre un corso di teatro per adulti. Si parte il 26 ottobre: info Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

ghiringhellaIndia.jpg

ghiringhellateatro.jpg

 

Commenti   
0 #1 Libreria La Ghiringhella 2015-10-06 18:11
Grazie per la segnalazione. Per completezza riportiamo due dati su padre Galimberti e sul suo "collega" indiano che verranno a trovarci nel primo incontro.
SIAMO DUE PRETI MISSIONARI DEL PIME.
PADRE LUCA GALIMBERTI NATO NEL 1962, DIPLOMATO RAGIONIERE E DOPO 2 ANNI DI LAVORO E' ENTRATO IN SEMINARIO. ORDINATO NEL 1992,, DESTINATO IN INDIA PER 2 ANNI A POONA E POI IN BANGLADESH. DA CINQUE ANNI IN ITALIA PER SERVIZIO A ROMA E VILLA GRUGANA (MERATE).
PADRE PRASAD GALI NATO NEL 1984, ORDINATO PRETE NEL 2015 DOPO CINQUE ANNI DI SEMINARIO IN ITALIA.  NATO IN INDIA NELL'ANDRAPRADE SH E ORA DESTINATO ALLA ANIMAZIONE GIOVANILE IN ITALIA A VILLA GRUGANA.
Padre Luca scrive: "Un'esperienza davvero indimenticabile , che mi ha fatto crescere come uomo e come prete: alle prese con la povertà di milioni di persone, alla scoperta di me stesso e degli altri nella relazione con tradizioni, lingue, mentalità completamente diverse dalla mia, ma con una sorprendente ricchezza e dignità dalle quali imparare. Anche la convivenza con tante esperienze religiose come l'Islam, l'Induismo, il Buddismo, le religioni Tribali, i non praticanti di nulla e le diverse denominazioni cristiane presenti, mi ha fatto capire come la mia esperienza "Brianzola-Mila nese" poteva dare spazio ad un incontro serio e autentico nella scoperta di quell'Altro con la "A" maiuscola, e che fra tutti noi si manifesta nel dono della vita, della festa, della gioia, della pace, della comprensione e dell'ospitalità vicendevole".

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI