Messaggio di speranza dalla Madonna della Rocchetta

Concorezzo. Un pensiero positivo dal concorezzese Fiorenzo Mandelli, storico ed appassionato custode del santuario della Madonna della Rocchetta. "L’aria fredda ha portato ad imbiancare nella notte  i tetti delle case e a stendere un velo di gelo sui parabrezza delle macchine qua da noi. Giornata immacolata di sole con pochissime o nulle macchine che circolano. Dal Santuario della Madonna della Rocchetta, sarà stata sicuramente una visione magnifica del panorama  che avrebbe  certamente  incantato anche Leonardo da Vinci (Peste del 1485) e mi piace pensarlo  fuggito in quel di Vaprio d’Adda o meglio ancora su più oltre, fin sulla Rocchetta a prendere appunti e memorizzare il paesaggio per poi trasferirlo nei suoi dipinti - scrive Mandelli - Ora siamo tutti rintanati in casa a “smanettare” e farsi coraggio, inviarci messaggi e foto d’incoraggiamento con le attuali “diavolerie elettroniche”. Il 25 marzo è giornata molto importante per i Cristiani: è il giorno dell’Annunciazione, auguri agli amici che si chiamano Gabriele e Annunziata. In attesa che sventoli la bandiera della Speranza e in attesa di riaprire la chiesina e sempre confidando nell’aiuto della Madre Celeste,  un pensiero a chi è in lutto e a chi sta male".

Sul Santuario leggi anche:

Turismo a Km0: il Santuario della Rocchetta che incantò Leonardo

La Rocchetta strega i concorezzesi

Dalla Transilvania a Concorezzo, passando per il santuario della Rocchetta

rocchetta.jpg

Aggiungi commento