Sotto il paradiso, il romanzo che racconta l'inferno del gioco

b_450_500_16777215_00_images_sottoilparadiso.jpegConcorezzo. Può esistere un Paradiso per i giocatori? Affamati di sfide, drogati dal magnetismo delle slot machine, con il cuore che batte al ritmo delle corse dei cavalli, i giocatori d'azzardo possono scendere (e la maggioranza lo fa molto in fretta) dalle stelle all'Inferno. Con buona pace dei numeri e dei calcoli della probabilità. C'è tanta matematica, tanta sociologia, tanta passione per il gioco e il videogioco nell'intrigante "Sotto il Paradiso", il romanzo che il concorezzese Luca Lissoni, 39 anni, ha dato alle stampe per i tipi di Loescher. 176 pagine ispirate a Dostoevskij, per raccontare la storia di Alessio, ragazzo alle prese con l'esame di maturità e una passione innata per la statistica e i giochi di strategia. Il protagonista per dare sostanza alla sua tesina inizia a frequentare le sale da gioco dove uomini e donne si svenano con l'illusione della vincita.  Il protagonista osserva, studia, conosce. Non manca l'incontro con una giocatrice. E con lei scoprirà che quel mondo può rovinare fino all'inferno.

b_230_220_16777215_00_images_lucalissoni.jpeg

Qui una videointervista all'autore: http://innovando.loescher.it/il-filo-del-racconto/intervista-a-luca-lissoni.n1785

Aggiungi commento