Calcio,il Monza avanza in Coppa Italia

51329564_2314568732199986_6489213061860163584_n.jpg

[ MONZA-PRO VERCELLI 1-0 Qualificazione ai quarti di finale della Coppa Italia Serie C, ma anche decimo risultato utile consecutivo, e quarta vittoria di fila, in partite ufficiali: ormai cambiando l’ordine degli addendi, in questo caso i giocatori, il risultato non cambia. Il Monza ha preso gusto a vincere perché, come dicono molti allenatori, vincere aiuta a vincere, in quanto cresce l’autostima della squadra. I prossimi due match di campionato, però, saranno dei veri banchi di prova: la Triestina in trasferta sabato prossimo (alle ore 16.30) e il Vicenza Virtus in casa nel turno infrasettimanale di martedì (alle 20.30) diranno se il sogno di agguantare la capolista Pordenone, distante 13 punti, potrà continuare o se suonerà la sveglia della realtà di lottare solo per il miglior piazzamento possibile in vista dei play-off.
Miglior piazzamento che potrebbe scaturire da una eventuale conquista della Coppa Italia di categoria. Grazie al successo per 1-0 contro la Pro Vercelli nella gara secca di mercoledì pomeriggio, disputata al Brianteo, i biancorossi guidati da Cristian Brocchi si sono qualificati per i quarti di finale dove incontreranno, di nuovo in gara secca (il 27 febbraio) ma in sede ancora da sorteggiare, l’Imolese, formazione al secondo posto nello stesso girone. Intanto è stato superato l’esame dei bianchi piemontesi, al primo posto nel Girone A in attesa che la Virtus Entella recuperi le sue 6 gare. Va comunque precisato che sia i brianzoli che gli eusebiani allenati da Vito Grieco hanno affrontato l’incontro con le riserve.


In casa monzese hanno fatto il loro esordio il difensore centrale De Santis e il centrocampista centrale Di Paola. Proprio quest’ultimo ha trovato la traversa direttamente su calcio d’angolo già al 2’. Dopo un giro di lancette d’orologio il Monza ha messo la freccia grazie a una zampata in area piccola dell’ex bicciolano Reginaldo su calcio di punizione di Ceccarelli. Curiosità numero 1: l’attaccante aveva messo la firma anche sull’amichevole giocata tra le due compagini la scorsa estate a Vercelli, terminata con lo stesso punteggio. Curiosità numero 2: il brasiliano domenica sera era uscito di strada col suo Suv mentre percorreva la tangenziale ovest di Milano, ma evidentemente non ha per niente risentito del sinistro, nemmeno a livello psicologico. Il resto della contesa non ha offerto emozioni particolari: al 7’ c’è mancato poco che raddoppiasse il borgosesiano (provincia di Vercelli) Tomaselli e al 18’ della ripresa Galli, mentre 11’ dopo è stato Emmanuello a stampare il pallone sulla traversa. Nei 3’ di recupero ha esordito pure Matheus Paquetà, il fratello del fuoriclasse brasiliano del Milan, Lucas: pochi i palloni toccati per giudicarlo.
In sala stampa Brocchi ha dichiarato di aver “puntato per la partita di oggi su giocatori che per diversi motivi avevano voglia di giocarla”. Ha avuto parole d’elogio per tutti ma hanno colpito soprattutto quelle per Galli (“è cresciuto in maniera esponenziale”), per Tomaselli (“sono molto contento per lui perché ha sempre fatto bene”) e per Otelè Nnanga (“più che un attaccante mi sembra un giocatore da utilizzare sulla fascia perché ha grande forza fisica e calcia molto bene; mi sta dando grandi soddisfazioni in allenamento”).
Per la trasferta di Trieste dovrebbe recuperare dall’infortunio Palazzi mentre Chiricò è in dubbio per un fastidio agli adduttori saltato fuori durante il match di sabato scorso. Le alternative ci sono e se ne sono viste anche oggi. Sarà una bella partita, ci sarà un bel tifo: le tifoserie sono gemellate, ma in campo bisognerà essere spietati.