Dramma: due morti e una 21enne rischia l'arresto

 

Mortale_Bellusco.JPG

Bellusco. Due uomini morti  e una giovanissima che rischia l'arresto per omicidio stradale.  Questo l'autentico tragico bilancio dell'incidente avvenuto la notte appena trascorsa lungo la Provinciale Monza-Trezzo, circa all'altezza della caserma dei carabinieri.

IL FERMO

Tutto ha avuto inizio alle ore  3.30 nei pressi della sala giochi, dove i militari della Compagnia di Vimercate stavano eseguendo gli abituali controlli. Tra le tante vetture fermate, anche quella dei tre marocchini. Al volante un 31enne residente a Bellusco, unico sopravvissuto e al momento a colloquio con i carabinieri per ricostruire i fatti.  I militari hanno eseguito il test alcolemico e li beluschese, regolarmente residente in italia e senza precedenti come i due amici, è risultato avere un tasso di alcool nel sangue superiore a quello consentito per legge. A quel punto è scattato il fermo della vettura e i tre sono rimasti a piedi. Con il belluschese in auto c'erano due connazionali residenti a Cornate di  38 e 33 anni. Per ora non è chiaro cosa abbiano fatto dopo lo stop dell'auto dato che il superstite è stato trovato a casa sano e salvo subito questa mattina.

L'INCIDENTE

Opposto, purtroppo, il destino dei due amici che stavano camminando a lato della Provinciale quando giunti all'altezza della stazione dei carabinieri, poco dopo la rotonda di Bellusco, per motivi ancora da chiarire, non  ultima la scarsa visibilità dei tre che indossavano (pare) vestiti scuri e nessun giubbotto catarifrangente, sono stati travolti da un'utilitaria condotta da una ragazza di 21 anni residente a Ornago. La giovane, in stato di shock, ha subito chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivate diverse ambulanze e i carabinieri. Per i due cornatesi è apparso purtroppo presto chiaro che non c'era nulla da fare. Sarebbero morti sul colpo, anche se sarà l'autopsia ad accertarlo.

 

LE CONSEGUENZE

 

Dalle ultime informazioni emerse anche la giovane è stata sottoposta (come da prassi) ai controlli per accertare il suo stato alla guida. In attesa dei risultati, i militari stanno valutando gli estremi per la denuncia, che potrebbe trasformarsi in arresto, per omicidio stradale. Ma quest'ultimo frangente è ancora tutto in corso di valutazione da parte degli investigatori e del magistrato di turno.