Esami di terza media, meritocrazia addio?

medie.jpgConcorezzo. Meritocrazia addio? Se lo chiede il genitore di uno studente impegnato negli esami di terza media. L'esito delle valutazioni di ammissione, come ogni anno, ha lasciato ad alcuni l'amaro in bocca. "Vorrei fare una domanda a un insegnante o un dirigente scolastico - scrive il genitore, firmandosi, a concorezzo.org - Vorrei chiedere cosa devo dire a mia figlia che oggi ha letto il suo voto di ammissione all'esame di terza media un 7 che si aspettava un 8 considerato che è una ragazza che studia (ai colloqui con i docenti mi è stato confermato ) nei compiti e interrogazioni ha avuto 7/8/9 mai una nota un rapporto o un accompagnamento? Mi ritrovo una ragazzina in lacrime che nn vuole fare l'esame perché tanto studiare "non serve a niente non vieni gratificato". È giusto tutto questo? Comunque era uno sfogo perché parlerò con chi di dovere. È vero che i professori valutano gli alunni in autonomia ma è anche vero che la legge è uguale per tutti, quindi vengano fuori le ingiustizie e i favoritismi perché, se è vero che lei meritava un 7, allora c'è sicuramente chi meritava la bocciatura" .

LEGGI ANCHE

Esami di terza media, voti coerenti?

Commenti   
0 #7 Maria 2017-07-04 11:57
Buongiorno a tutti. Si, vale la pena impegnarsi a studiare. Ne sono convinta, ma certe frustrazioni sono difficili da metabolizzare per ragazzini di solo 14 anni.
L'esperienza di mia figlia e' ancora piu' significativa: in tre anni non ha mai preso un'insufficienz a, ne' un voto inferiore al 7. Le sue pagelle di fine anno erano tutte superiore alla media del 9, 9,20 in prima, 9,40 in seconda, quella di terza 9,65. Voto di ammissione all'esame 9. Voto finale 9. Certo..il voto di ammissione conta solo 1/7 cara EA67 , ma a causa di questa assurdità si è giocata il 10. Perche' mai mi dirà?....perche anche i migliori non sono perfetti e avendo fatto un esame a marce forzate (in 5 giorni 4 scritti, 2 invalsi e un orale) mia figlia si e' permessa di prendere un otto. Morale della favola non raggiungeva il 9.50. Insieme a lei almeno un paio di altri ragazzi dotati di belle teste. Unico 10 dato : una compagna miracolata che per problemi di comportamento ha rischiato la sospensione, tutti promossi i 5 che diventano 6, i 6 che diventano 7, i 7 che diventano 8....ma i nove e 49 non diventano dieci...neanche se prima gli hai tolto quello che sarebbe stato giusto dare, grazie all'impegno, la costanza, l'educazione e il senso di responsabilita' e i risultati raggiunti. Cara Elena....nè genitori ne' ragazzi trattati ingiustamente hanno bisogno di pacche sulle spalle per sapere che valgono. Chi merita sa che vale anche anche perchè mediamente è dotato di un elevato intellettivo . Cio' che resta inaccettabile è questo garantismo solo verso il basso, lo stesso che guarda caso sta portando questo paese al grigiore della mediocrità (quando va bene). La meritocrazia funziona se riguarda tutti indistintamente , senno' e' solo una chiacchiera priva di senso.
+1 #6 xxxxxxxxxxxxxxxxxxx 2015-07-02 12:06
Mi chiedo....
Vale la pena impegnarsi e studiare?
Chi non ha fatto nulla per tre anni con tutti i voti insufficienti e non presentandosi alle interrogazioni esce dagli esami con 8 .... chi si impegna, mostra miglioramenti e riceve anche i complimenti in sede di esame prende 7.
Qualcosa non torna!!!
Solo poche cose sono certe ... la dubbia qualità degli insegnanti e le lacrime di tanti ragazzi davanti ai tabelloni.
I Responsabili dovrebbero supervisionare meglio certe decisioni, la vita è dura e non è necessario scaricare ingiustizie gratuite a chi sta affrontando le prime prove importanti e perde così fiducia in sé stesso.
-1 #5 Marta B. 2015-06-17 13:14
Caro Sergio, intanto non sono per niente una professoressa intoccabile. Ovvio che la meritocrazia deve essere applicata su tutti i livelli, ma tra bocciare e ridimensionare un voto ce ne corre! Credo che sia sempre facile parlare dall'esterno.
0 #4 EA67 2015-06-16 12:22
Una sola domanda per il genitore che giovedì ha inviato la lettera a Concorezzo.org. La figlia frequenta la scuola media di Concorezzo? Se sì come faceva a sapere il giovedì del voto visto che solo venerdì sono stati affissi i quadri con gli ammessi agli esami (senza voto) e le pagelle con il voto sono state consegnate solo sabato?
Infine una precisazione, nota agli alunni e ai genitori: il voto di ammissione conta per 1/7 sul voto finale degli esami, gli altri 6/7 dipendono dalle prove d'esame quindi forza e in bocca al lupo che c'è modo di rimediare.
+1 #3 Sergio 2015-06-16 11:49
Care mamme e professoresse "intoccabili", forse non avete colto il senso dello sfogo del genitore. Non ha scritto che voleva voti più alti per la figlia, ma ha fatto notare che la scuola italiana mortifica gli alunni anziché stimolarli: se la ragazzina avesse avuto 7 in una classe con alcuni ragazzi bocciati e ridimensionati, quello sarebbe stato uno scenario giusto, dove i voti non si regalano, ma non si regalano nemmeno le promozioni. Invece l'Italia è il paese dove si mortificano i migliori e si premiano e si salvano i pigri e i furbi

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI