Festa della Repubblica dedicata ai giovani

Repubblica_festeggiamenti_1946.jpg

Concorezzo. E' ormai diventata una gradita tradizione, spesso sposata da associazioni cittadine che colgono l'occasione per incontrare i nuovi cittadini maggiorenni. "Buon compleanno diciottenni" è il titolo sotto il quale il sindaco Riccardo Borgonovo e tutta l'Amministrazione, ha voluto raccogliere le manifestazioni legate a sabato, 2 giugno.  In occasione del 72° anniversario della Repubblica l’Amministrazione comunale consegnerà infatti, alle ragazze ed ai ragazzi che diventano maggiorenni nel corso del 2018, la bandiera tricolore e una copia della nostra Costituzione La cerimonia avrà luogo presso la Sala di rappresentanza del Municipio alle ore 11. Tutta la cittadinanza è invitata per condividere questo importante momento di crescita umana e sociale dei nostri diciottenni. Seguirà un piccolo rinfresco. 

 

COSA SI FESTEGGIA IL 2 GIUGNO? FACCIAMO UN RIPASSINO... 

Il 2 e il 3 giugno del 1946 si tenne un referendum istituzionale con il quale gli italiani vennero chiamati alle urne per decidere quale forma di stato (monarchia o repubblica), dare al paese. Com'è noto, per un piccolo scarto, vinse la Repubblica. La data viene considerata importante anche per un altro aspetto. Questo referendum istituzionale fu la prima votazione a suffragio universale indetta in Italia. Il risultato della consultazione popolare, 12 717 923 voti contro 10 719 284 a favore della repubblica, venne comunicato il 10 giugno 1946. L'11 giugno 1946, primo giorno dell'Italia repubblicana, venne dichiarato giorno festivo. Il 2 giugno si celebra la nascita della nazione moderna in maniera simile al 14 luglio francese (anniversario della presa della Bastiglia) e al 4 luglio statunitense (anniversario della dichiarazione di indipendenza dal'Inghilterra). La prima celebrazione della Festa della Repubblica Italiana avvenne nel 1947, mentre nel 1948 si ebbe la prima parata in via dei Fori Imperiali. Il 2 giugno fu definitivamente dichiarato festa nazionale nel 1949

 

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI