Il Comune compra l'ex oratorio femminile e vende alla Parrocchia Villa Teruzzi

Per alcuni (soprattutto per le minoranze di centrosinistra che non hanno condiviso) si tratta dell'operazione del secolo. Sicuramente quanto sancito dall'ultimo Consiglio comunale è uno degli atti più importanti della maggioranza guidata da Riccardo Borgonovo. Al termine di una discussione fiume, semplificando, il Comune ha venduto alla parrocchia di don Pino Marelli la proprietà di Villa Teruzzi in cambio dell'ex oratorio femminile di via Libertà (foto archivio storico), di altri due appartamenti e di un consguaglio di 220mila euro, somma necessaria per arrivare agli oltre 4 milioni di valore dell'immbile che ospita oggi la Residenza per anziani.

b_450_500_16777215_00_images_oratoriofemminileconcorezzo.jpeg

L'operazione serve al Comune per spostare il servizio in centro città, alla parrocchia per realizzare una sorta di cittadella multifunzionale al servizio della comunità. Compatta la maggioranza Cdc-Lega-Pdl nel portare avanti il progetto, compatta l'opposizione nel contrastarlo.
Dubbi non irrilevanti quelli delle minoranze di sinistra. Il prezzo: 4,1 milioni sarebbe un prezzo troppo di favore per un immobile come quello di Villa Teruzzi. "Spirito santo": sarebbe intervenuto per far lievitare le stime dei due appartamenti avuti in cambio dalla parrocchia, valutati a 2500 euro al metro quadrato seppur ristrutturati. "Rudere": la riqualificazione dell'ex oratorio non sarà certo una passeggiata.
Dal canto suo il centrodestra ha scelto: loro hanno vinto le elezioni, loro prendono alla fine le decisioni. E su queste verranno giudicati. Sicuramente dall'Alto, ma anche dai concorezzesi. Adesso buon lavoro a tutti.

Commenti   
0 #12 Carlo 2012-01-05 16:34
Villa Teruzzi è venduta a circa 1500 euro al metro. Si parte da un prezzo di 2800 che viene scontato del 35% perchè l'immobile ha più di sessanta anni senza considerare l'evidente pregio della villa. Se bastasse avere più di sessant'anni per avere uno sconto così tutto corso italia a monza sarebbe in saldo. A ciò si aggiunge un'altro sconto del 20% perchè l'immobile è attualmente locato. Peccato che tale sconto abbia senso se si vende un immobile occupato da inquilini che chissà quando se ne andranno..per Villa Teruzzi si sa già che l'immobile sarà libero quando la RSA sarà spostata in Via Libertà. Quale cittadino venderebbe, se ne fosse proprietario, Villa Teruzzi a 1500 Euro al metro?
0 #11 Carlo 2012-01-05 16:34
Villa Teruzzi è venduta a circa 1500 euro al metro. Si parte da un prezzo di 2800 che viene scontato del 35% perchè l'immobile ha più di sessanta anni senza considerare l'evidente pregio della villa. Se bastasse avere più di sessant'anni per avere uno sconto così tutto corso italia a monza sarebbe in saldo. A ciò si aggiunge un'altro sconto del 20% perchè l'immobile è attualmente locato. Peccato che tale sconto abbia senso se si vende un immobile occupato da inquilini che chissà quando se ne andranno..per Villa Teruzzi si sa già che l'immobile sarà libero quando la RSA sarà spostata in Via Libertà. Quale cittadino venderebbe, se ne fosse proprietario, Villa Teruzzi a 1500 Euro al metro?
0 #10 paolo 2011-12-29 09:08
Ovviamente il Comune ha in progetto la realizzazione di una nuova RSA nel sito dell'ex oratorio femminile, sicuramente più funzionale dell'attuale, che verrà ovviamente ceduta alla parrocchia solo a lavori ultimati; la realizzazione della stessa potrebbe presumibilmente essere realizzata con un project financing ..... ecco dove stanno i guadagni per l'amministrazione.
Faccio più fatica a vedere l'affare dall'altra parte, in quanto la parrocchia se da un lato viene a concentrare i propri stabili in una zona circoscritta creando una sorta di polo tra oratorio-cinema /villa Teruzzi/ S. Eugenio, dall'altro viene in possesso di un edificio (tra l'altro 2/3 anni dopo aver ceduto l'ex oratorio) da adeguare alle proprie esigenze con altri costi.
In ogni caso mi sembra francamente fuori luogo parlare di un'operazione volta a procacciarsi voti per le prossime elezioni; reputo questa una scelta (anche se a mio parere vantaggiosa) piuttosto impopolare, da sempre i voti si procacciano con le promesse e le riasfaltature dell'ultimo minuto.
0 #9 paolo 2011-12-29 09:08
Ovviamente il Comune ha in progetto la realizzazione di una nuova RSA nel sito dell'ex oratorio femminile, sicuramente più funzionale dell'attuale, che verrà ovviamente ceduta alla parrocchia solo a lavori ultimati; la realizzazione della stessa potrebbe presumibilmente essere realizzata con un project financing ..... ecco dove stanno i guadagni per l'amministrazione.
Faccio più fatica a vedere l'affare dall'altra parte, in quanto la parrocchia se da un lato viene a concentrare i propri stabili in una zona circoscritta creando una sorta di polo tra oratorio-cinema /villa Teruzzi/ S. Eugenio, dall'altro viene in possesso di un edificio (tra l'altro 2/3 anni dopo aver ceduto l'ex oratorio) da adeguare alle proprie esigenze con altri costi.
In ogni caso mi sembra francamente fuori luogo parlare di un'operazione volta a procacciarsi voti per le prossime elezioni; reputo questa una scelta (anche se a mio parere vantaggiosa) piuttosto impopolare, da sempre i voti si procacciano con le promesse e le riasfaltature dell'ultimo minuto.
0 #8 MA 2011-12-28 14:28
mi chiedo per cosa verrà utilizzato l'oratorio femminile, e soprattutto quanti soldi serviranno per ristrutturarlo (già 10 anni fa cadeva a pezzi)?
Aggiungi commento