Rerefendum, Lega Nord 11 ore in piazza per dire no

referenzium.jpgConcorezzo. Undici ore in piazza per dire "no" al referendum sulla riforma della Costituzione, in calendario per il 4 dicembre. La sezione cittadina della Lega Nord allestirà domani in centro, di fronte alla chiesa, il suo classico gazebo per distribuire materiale con le ragioni del "no". Dalle 8,30 fino alle 19,30 i militanti, guidati dal segretario Vittorio Mandelli, daranno vita ad una non-stop contro quello che hanno ribattezzato "referenzium". "E' la prima di una lunga serie di iniziative - spiega Mandelli - La Lega sarà presente in prima linea e anche sostendo i comitati trasversali per il no, dove lavoreremo accanto ad associazioni e cittadini. Le ragioni del no sono semplici: questo referendum uccide ogni livello di autonomia accentrando tutto a Roma e Bruxelles, non semplica e anzi complica i processi legislativi, toglie libertà al popolo di scegliersi i propri rappresentanti come già avviene per le Province, pone le basi per una pericolosa e moderna forma di dittatura. Anche la riduzione dei costi è una delle tante balle a cui ci ha abitutato Renzi".

Leggi anche

Topi d'appartamento, è caccia a questi malviventi

Cane smarrisce il padrone e cerca rifugio tra salumi e carpacci

"Ci manda il Comune", ma la nonnina sventa la truffa

Borse di studio, il 15 ottobre scadono i termini per le domande

Aggiungi commento