santalfredo
santalfredo

La Vero Volley mantiene l'imbattibilità casalinga

muroorrostevanovic.jpg

VERO VOLLEY-REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-1
 
La Vero Volley torna alla vittoria dopo lo stop patito in casa della capolista Prosecco DOC Imoco Conegliano (finora l'unica sconfitta in campionato) e lo fa non con una squadra di basso livello ma con quella che questa settimana ha condiviso la quarta piazza in classifica: la Reale Mutua Fenera Chieri. Davanti ai 2317 spettatori dell’Arena di Monza le ragazze allenate da Marco Gaspari hanno però fornito una prestazione contraddittoria, mostrando ottime cose nella correlazione muro-difesa e in battuta, ma faticando non poco in ricezione e in attacco. Oggi Parrocchiale e Orro hanno insomma avuto il loro bel daffare e in particolare la palleggiatrice ha dovuto sopperire alle percentuali non eccelse delle schiacciatrici andando a mettere a segno la bellezza di 10 punti, tra cui “solo” 2 ace e 2 muri. Il premio di MVP del match è stato però assegnato a una delle due brave centrali, Stevanovic, che ha chiuso con 15 punti, di cui 2 ace e 4 muri. Quest’ultimo fondamentale è proprio quello che ha fatto la differenza, con un dato finale di 20-5 per la Vero Volley nei muri-punto.
 
Nel primo set le lombarde prendono subito qualche punto di vantaggio arrivando a +6 (13-7) trascinate dalla schiacciate di Thompson e dai muri di Folie. Dopo una battuta sbagliata di Stysiak le piemontesi allenate da Giulio Cesare Bregoli prendono coraggio e recuperano fino a -1 (15-14). A rilanciare le padrone di casa è Stevanovic che mette a segno un attacco e due ace (20-15), ipotecando il parziale poi chiuso 25-21.
 
La serba è protagonista anche nel terzo set, con 6 punti messi a terra. Si parte con 2 punti di Cazaute (saranno 5 al termine del parziale), poi da un muro di Thompson si arriva al ribaltamento del punteggio (4-3) e quindi alla fuga (+6 sul 21-15) nonostante la buona vena di Weitzel (5 punti nel parziale) che tiene in vita le compagne sul 24-18. È però la solita Thompson, più precisa che efficace, a chiudere la frazione di gioco con una schiacciata dalla seconda linea.
 
Il terzo set è quello del tracollo di Stysiak (20% in ricezione e 10% in attacco) e dell’ingresso tra le fila ospiti, come opposto in sostituzione di Grobelna, di Storck, capace di chiudere il parziale con ben 8 punti nel carniere. Si inizia con un +3 (6-3) che promette bene, ma la neoentrata Storck si mette subito in mostra e poi con un errore in attacco di Thompson dalla seconda linea è già sorpasso (8-9). Cazaute e Storck trascinano le compagne, tra cui la “ex” Mazzaro, a +6 (10-16). La reazione biancorossa arriva da Folie, Sylla (che chiuderà a 5 punti il parziale) e Orro, che firma il punto del -1 (23-24). Però Cazaute sigilla col suo quinto centro nel parziale il set a favore delle torinesi.
 
Il quarto set non viene deciso tanto dall’ottima performance di Thompson (8 punti dei 20 totali) e da quella pessima di Cazaute (16% in attacco), ma dai muri: 10-2 il computo parziale di quelli vincenti. Il primo “break” di 5 punti arriva sul 9-9, recuperato dalle piemontesi sul 18-18. Il secondo e decisivo “break” di 4 punti (sempre col muro protagonista) si registra sul 19-19. Il punto del 25-21 porta la firma di Stevanovic.
 
Il prossimo impegno della Vero Volley, l’ultimo prima dell’esordio stagionale in Champions League, sarà domenica prossima alle ore 17 in casa del Cuneo Granda San Bernardo.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI