santalfredo-1.png
santalfredo-2.png

La Vero Volley piega anche il Verona

dzavoronok.jpg

VERO VOLLEY MONZA-VERONA VOLLEY 3-1
 
Prosegue bene la marcia della Vero Volley Monza nei play-off per il 5° posto di Superlega, quello che qualifica per la Challenge Cup, la terza coppa continentale per importanza. Nella seconda giornata del girone (di sola andata), disputata all’Arena davanti a pochi intimi, i rossoblù hanno superato il Verona Volley per 3-1, lo stesso punteggio con cui avevano vinto in casa dell’Allianz Milano 7 giorni prima. L’obiettivo è quello di piazzarsi tra le prime 4 delle 6 contendenti, in modo da qualificarsi per le semifinali che si giocheranno in gara secca.
 
Il match era da prendere con le pinze perché se all’Arena in regular season i brianzoli avevano avuto la meglio per 3-2, a Verona nel ritorno erano invece stati sconfitti per 3-1. La compagine allenata da Massimo Eccheli ha mostrato un gioco frizzante e potente, con un’ottima correlazione muro-difesa e una battuta precisa e insidiosa. L’unica pecca della partita è stato il calo vertiginoso accusato nel secondo set, quando gli scaligeri hanno eretto un muro arcigno su gran parte dei palloni schiacciati dai monzesi.
 
Il primo set è stato l’unico equilibrato, vissuto sulla sfida tra gli opposti Grozer (9 punti) e Qafarena (6 punti). La formazione guidata da Radostin Stoytchev ha provato la fuga sul 9-9 portandosi a +4 (10-14), ma Dzavoronok e Grozer hanno guidato la rimonta, compiutasi già sul 16-16. Si è quindi proseguito testa a testa fin sul 23-23, quando un attacco di Beretta e una schiacciata di Davyskiba dalla seconda linea hanno consegnato il parziale alla squadra di casa.
 
Il secondo set si è aperto con Wounembaina in campo al posto di Mozic tra le fila venete. Lo schiacciatore camerunese ha però iniziato male (17% in attacco), ma al suo posto si è scatenato Asparuhov (6 punti) e la banda dei “blockers” (0-6 il parziale dei muri-punto a favore dei gialloblù). Gli ospiti hanno salutato gli avversari sul 2-2 accumulando fino a 6 lunghezze di margine (8-14). La Vero Volley ha quindi dimezzato lo svantaggio grazie a qualche errore di troppo di Wounembaina e compagni (14-17). Sul 15-19, però, una serie di muri devastanti hanno messo in ginocchio i locali, che si sono infine arresi dopo un attacco di Zanotti (17-25).
 
Nel terzo set è salito in cattedra Dzavoronok (8 punti dei 16 complessivi), che sul 2-1 ha inanellato 5 punti (3 ace seguiti da 2 schiacciate dalla seconda linea) creando il solco che il Verona Volley non è più riuscito a coprire. L’8-1 l’ha firmato con un muro Orduna (nel suo carniere ci sono altri 2 punti di cui 1 a muro), ottimo regista della serata e per questo premiato come MVP. Il Verona Volley ha accusato il colpo e con 2 punti di Galassi (dei 13 complessivi del match) è sceso a -13 (18-5), divario rimasto quasi inalterato fino alla battuta finale sbagliata di Wounembaina (25-13).
 
Il quarto set è risultato molto simile, nonostante l’ingresso tra gli ospiti di Cortesia al posto di Zanotti. Con altri 8 punti Grozer ha chiuso a quota 23, di cui 3 ace. É stato proprio lui a scatenarsi in avvio, trascinando i compagni sul 6-1. Sull’11-8 sono state invece 2 schiacciate di Galassi, inframmezzate da 2 attacchi di Dzavoronok e Grozer (dalla seconda linea), a ricacciare indietro gli scaligeri. E infine sul 21-16 sono arrivati 2 attacchi di Galassi e 2 punti di Grozer (schiacciata dalla seconda linea ed ace) a sancire la fine di set e match.
 
Il prossimo impegno della Vero Volley Monza sarà mercoledì prossimo alle ore 20.30 in casa della Gas Sales Bluenergy Piacenza.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
2Daniele Usuelli e Massimiliano Capitanio
 

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI