santalfredo-1.png
santalfredo-2.png

Playoff scudetto, la Vero Volley costringe l'Igor alla bella

festeverovolley.jpg

VERO VOLLEY MONZA-IGOR GORGONZOLA NOVARA 3-0
 
Una straordinaria Vero Volley Monza regala ai 4090 calorosi spettatori dell’Arena (tutto esaurito) uno spettacolo magnifico regolando in soli 3 set, nella gara-2 delle semifinali dei play-off scudetto, l’Igor Gorgonzola Novara, vendicando dunque le 2 sconfitte in regular season e quella di gara-1 per 3-2. L’accesso alle finali, già raggiunte dalla Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano, sarà dunque deciso in gara-3, che si disputerà mercoledì prossimo alle ore 20.30 a Novara. Le atlete agli ordini di Marco Gaspari, terze in regular season, hanno giocato con determinazione, coraggio e intelligenza, cercando di colpire le avversarie nei loro punti deboli e non calando di concentrazione nei momenti topici del match. Le azzurre allenate da Stefano Lavarini, seconde in regular season, hanno deluso, non riuscendo mai a cambiare marcia anche a causa dei troppi errori commessi in attacco. Tra le quattro giocatrici statunitensi in campo, le grandi protagoniste sono state le due padrone di casa, Rettke e Larson, quest’ultima votata come MVP del match grazie ai 13 punti all’attivo (41% in attacco ), di cui 1 muro, e al 75% in ricezione. L’ex rosablù Hancock non ha giocato al suo solito livello e Washington si è vista a sprazzi, anche se comunque ha fatto meglio dell’altra centrale Chirichella.
 
Sia Hancock che la palleggiatrice avversaria Orro hanno variato molto le giocate, mandando a segno un po’ tutte le “bocche da fuoco”. Questo aspetto ha giovato allo spettacolo al contrario di quanto si vede quando in campo ci sono le campionesse d’Italia e d’Europa di Conegliano, dove però a schiacciare è quasi sempre il fenomeno Egonu. A Novara c’è Karakurt che è certamente una dei migliori opposti del mondo, ma non era in una delle sue migliori serate, anche se nel primo set si è distinta mettendo a referto 9 punti. Primo set che ha visto la Vero Volley volare sul 7-3 e poi subire la reazione dello piemontesi, trascinate da Karakurt, che si sono portate avanti 9-10. Si è quindi proseguito testa a testa anche dopo il cambio di un’opaca Van Hecke con Stysiak. Dopo 4 set-ball sprecati dall’Igor Novara, è stata la compagine monzese a chiudere a proprio favore il parziale 29-27 con 2 punti dell’ottima Danesi (schiacciata e muro) e un attacco di Stysiak.
 
Il secondo set si è aperto con la conferma di Stysiak e con la Vero Volley che ha preso subito il largo (6-2). Il margine tra le due squadre si è poi allargato vistosamente (13-6, 20-10) grazie anche a delle difese superlative di Parrocchiale, ma con l’ingresso di Herbots per Daalderop le azzurre hanno ripreso coraggio, limitando i danni. Il punto del 25-17 porta ancora la firma di Stysiak.
 
Per il terzo set Herbots è stata confermata in campo da Lavarini e inizialmente la scelta viene premiata (0-4, 2-6). Poi Stysiak e Rettke (80% in attacco nel parziale) hanno trascinato le rosablù all’aggancio (8-8) e Larson al temporaneo 15-12. Le novaresi non hanno però mollato la presa e hanno riagguantato Orro e compagne sul 20-20. Sul 24-24 a decidere set e match sono una battuta lunga di Karakurt e una schiacciata di Gennari.
 
Mercoledì sera sarà un’altra storia ma con una Vero Volley Monza così le finali scudetto non sono un sogno ma un’ipotesi concreta.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI