Slider

Una Vero Volley sontuosa vede il quarto posto

festevv.jfif

VERO VOLLEY MONZA-TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 3-1
 
La Vero Volley Monza non finisce di stupire: vince la sfida tra le due squadre rivelazione della Superlega (7° successo nelle ultime 8 partite) e si porta a 4 punti dal 4° posto occupato proprio dalla Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia ma con 2 gare da recuperare rispetto ai giallorossi. Il posticipo andato in onda stasera in diretta tv su Rai Sport ha regalato molte emozioni agli spettatori da casa e ai pochi ammessi all’Arena di Monza. Gli ospiti sono infatti partiti alla grande e sembrava che potessero fare di capitan Beretta e compagni un sol boccone. Ma non avevano fatto i conti col gigante Lagumdzija, svegliatosi nel terzo set dopo essere rimasto in letargo nei primi due, o forse semplicemente era ancora con la testa alla sua Nazionale turca appena qualificatasi al Campionato europeo grazie anche ai suoi colpi devastanti. Alla Vero Volley è mancato per 3 match, sostituito da Davyskiba, schiacciatore bielorusso forte ma non fortissimo. Ora che l’opposto titolare è tornato i rossoblù possono sognare di arrivare là dove non sono mai arrivati: le semifinali scudetto (e anche di Coppa Italia). L’allenatore Massimo Eccheli ha oggi dovuto fare a meno, tra l’altro, del centrale Holt, tenuto a riposo per un risentimento all’adduttore, ma Beretta e soprattutto Galassi non l’hanno fatto rimpiangere, grazie anche alla varietà del gioco orchestrato dal palleggiatore Orduna. Da segnalare pure l’ottima prova alla banda di Lanza, che ha compensato la giornata opaca di Dzavoronok. Complessivamente i problemi derivati dall’epidemia di “coronavirus” nel gruppo squadra sembrano alle spalle: dopo il rientro in panchina odierno di Falgari si attende solo quello di Calligaro.
 
L’inizio del primo set è scoraggiante per la compagine monzese: una serie di schiacciate e muri (a fine parziale il computo sarà di 6-0) del team guidato da Valerio Baldovin fa malissimo al punto che Eccheli chiama subito time-out per cercare di scuotere i suoi. Sul 5-10 la preoccupante inerzia della partita viene interrotta bruscamente: gli attacchi di Beretta, Lanza e Lagumdzija e due errori avversari permettono ai brianzoli di pervenire al pareggio. Ma la Tonno Callipo Calabria prosegue a metter giù palloni in schiacciata e a muro, in particolare con Chinenyeze e Rossard. Gli ospiti tornano a +5 ed è Cester a firmare il 21-25.
 
Nella seconda frazione di gioco sale in cattedra Lanza con 6 punti (saranno 18 a fine match), ma gli tiene testa Rossard, che però cala vistosamente in ricezione assieme al resto della sua squadra. La Vero Volley ne approfitta e piazza i muri: al termine del set saranno 6-1 quelli vincenti. Il parziale è equilibrato fino al 13-13: poi Galassi fa 4 muri da urlo e si va sul 20-16. Il punto del 25-21 è un altro muro, ma di Beretta.
 
Il terzo set è all’insegna di Lagumdzija, che fa registrare 8 punti tra cui 1 ace (alla fine i punti saranno 26 e gli varranno il premio di Mvp). Anche stavolta la Vero Volley prende il volo sul 13-13: una schiacciata di Lagumdzija, un ace di Beretta e 2 muri di Galassi scavano il solco che poi il turco amplia firmando pure l’attacco del 25-18.
 
Nel quarto parziale l’opposto rossoblù, ormai con la mano calda, ne fa addirittura 9 di punti. I padroni di casa mettono la freccia sul 3-4 con Lanza e Orduna (in contrasto a rete) inframmezzati da due schiacciate dalla seconda linea di Lagumdzija. Sul 13-6 i calabresi dell’“ex” Rizzo tentano una rimonta, ma sul 23-21 arriva implacabile il solito turco a dire, con due martellate dalla seconda linea, che a mangiar la carne si picchia più forte che a mangiare il tonno...
 
Per la Vero Volley non c’è però tempo di festeggiare più di tanto. Dopodomani pomeriggio è attesa nelle Marche dalla Cucine Lube Civitanova per il recupero della quarta giornata di ritorno, mentre domenica sera sarà in Romagna a casa della Consar Ravenna per la nona di ritorno.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
Aggiungi commento