santalfredo
santalfredo

Vero Volley inscatolata dalla Callipo Calabria

grozer.jpg

VERO VOLLEY MONZA-TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 0-3
 
Imprevista battuta d’arresto per la Vero Volley Monza che cede per 3-0 all’Arena di fronte a una Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia determinatissima a conquistare la salvezza in queste ultime giornate di regular season. E i numeri per farlo ora ce li ha tutti grazie a uno dei rinforzi invernali, il tedesco Fromm, ex della formazione rossoblù (un altro “ex” è il libero Rizzo). Gli ospiti allenati da Valerio Baldovin hanno interrotto la serie di 5 vittorie consecutive tra campionato e CEV Cup dei brianzoli grazie a un gioco aggressivo ben diretto dal 35enne Saitta e a un muro efficace (12-5 il parziale dei punti relativo a questo fondamentale).
 
Per Massimo Eccheli, coach dei monzesi, le difficoltà sono emerse subito, anche per la scarsa vena in attacco di alcuni dei suoi frombolieri. Nel primo set c’è infatti solo Grozer a controbattere alle schiacciate di Nishida e Flavio, quest’ultimo alla fine votato MVP del match in virtù dei 17 punti messi a referto, di cui 5 muri, e al mostruoso 80% di efficacia in attacco. Dzavoronok è stato discontinuo e Davyskiba non pervenuto se non nel terzo set più per le battute che per le schiacciate.
 
Nel primo set il regista dei calabresi Saitta ha avuto gioco facile nello smistare i palloni grazie all’ottimo 70% in ricezione dei suoi compagni di squadra. Il testa a testa tra le due squadre si è interrotto sul 23-23 quando un errore in attacco di Davyskiba e un muro di Candellaro hanno consegnato il parziale agli ospiti.
 
Nel secondo set la ricezione vibonese è crollata al 28% e nell’attacco di casa sono cresciuti Dzavoronok e Galassi, ma il muro ha continuato a essere un fattore molto importante a favore dei giallorossi, come quando sul 9-7 due “block” di Flavio hanno riportato il punteggio in parità. E sul 23-23 sono stati decisivi Fromm in attacco e proprio un muro di Candellaro.
 
Nel terzo parziale si è appunto visto Davyskiba ma è sparito Grozer, troppo sollecitato da Orduna nei primi due. Il “break” stavolta è arrivato sul 21-21: un attacco dell’ottimo Nishida, un muro dell’ottimo Saitta e un attacco e un muro dell’eccezionale Flavio hanno chiuso la contesa. Visti oggi sembra impossibile ipotizzare la retrocessione dei vibonesi.
 
Ora la Vero Volley si ritufferà nell’atmosfera europea: giovedì prossimo alle ore 19 l’Arena di Monza ospiterà la gara di andata delle semifinali di CEV Cup contro lo Zenit Kazan, capolista del campionato russo: un impegno da affrontare con ben altro spirito rispetto a oggi.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI