santalfredo
santalfredo

animali

 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Brianza. Sono stati davvero due giorni di fuoco per ENPA quelli di fine giugno per quanto riguarda il ritrovamento e recupero di animali selvatici: giovedì COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE28 sono stati portati presso la nostra struttura due gheppi, rinvenuti da privati, il primo, ancora giovane, a Vimercate (MB), il secondo, già adulto, a Lissone (MB). Oltre ai due rapaci sono arrivati anche due rondoni nidiacei, una cincia nidiacea, un merlotto, quattro ricci cuccioli, un colombaccio nidiaceo. Gli animali sono stati portati presso il CRAS (Centro Recupero Animali Selvatici) di Vanzago (MI), gestito dal WWF. Il colombaccio è deceduto poco dopo il ritiro. L’emergenza selvatici è continuata il giorno successivo: venerdì 29 giugno sono stati recuperati un gheppio(immagine in alto) e uno sparviero COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE(sotto a destra), trovato nel parco di Monza pieno di larve di mosca. Entrambi dopo un primo soccorso sono stati trasferiti a Vanzago. Il gheppio più giovane è ospitato in un box per dargli modo di crescere, gli altri due gheppi e lo sparviero sono stati messi in voliera insieme ad altri esemplari adulti, mentre la cincia, arrivata in pessime condizioni, purtroppo non ce l’ha fatta.

STRUTTURE AL COLLASSO

Il numero di selvatici recuperati in appena due giorni è impressionante ma è solo un esempio di quanto succede in questo periodo, perché nella struttura gestita da ENPA in via San Damiano 21 quotidianamente continuano ad arrivare piccoli di germani orfani della loro mamma, merli, ricci e piccioni di tutte le età. L’ultimo ingresso, l’11 luglio, è di un nidiaceo di civetta trovato da un privato cittadino a Bernareggio (MB) mentre stava falciando l’erba del giardino e chCOM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREe purtroppo è morto poco dopo il suo arrivo. Che vengano recuperati spossati dal caldo o per altri motivi non ha importanza, la cosa grave è che mai come in questo periodo la associazioni animaliste, come l’ENPA di Monza e Brianza, non possono far fronte da sole all’emergenza mentre istituzioni e forze dell’ordine latitano. D’altro canto il CRAS di Vanzago, unico centro autorizzato ad accogliere gli animali selvatici, è ormai al collasso. In una regione ricca come la Lombardia, in una provincia altrettanto ricca come quella di Monza e Brianza, è inconcepibile che la vita di tanti animali così preziosi per la biodiversità debba contare solo sulla buona volontà delle Onlus e dei volontari che ne fanno parte.


Ricordiamo alcune indicazioni fondamenti da seguire se si trova un selvatico a terra: leggi qui

Per informazioni o per collaborare con i volontari del settore selvatici, potete scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

*/ ?>

Cronaca

Allarme Enpa: gli animali muoiono di sete

Allarme Enpa: gli animali muoiono di sete

  Brianza. Sono stati davvero due giorni di fuoco per ENPA quelli di fine giugno per quanto riguarda il ritrovamento e recupero di animali selvatici: giovedì 28 sono stati portati presso la nostra struttura due gheppi, rinvenuti da privati, il primo, ancora giovane, a Vimercate (MB), il secondo, già adulto, a Lissone (MB). Oltre ai due rapaci sono arrivati anche due rondoni nidiacei, una cincia ni

I cani e i gatti sono da secoli considerati animali domestici in quasi tutto il mondo. Sono parte integrante della famiglia, poiché in grado di intraprendere un rapporto di fiducia nei confronti degli umani. Si conta infatti che solo in Italia ci siano circa 60 milioni di pet nelle nostre case, molti dei quali vengono adottati attraverso i canili o i rifugi, dando la possibilità a ognuno di questi animali di vivere una vita migliore al di fuori dei box.

Avere un cane comporta sacrifici, soprattutto a livello economico: il cibo, gli accessori giusti, le visite veterinarie di routine o d’urgenza, sono tutte spese che è necessario mettere in conto prima di prenderne uno. Inoltre, anche la pulizia è molto importante, sia dell’animale, sia della casa visto che perdono pelo e talvolta possono urinare, vomitare o defecare in giro, soprattutto da cuccioli o quando stanno male.

Si tratta di eventi che potrebbero accadere, dunque è bene tenersi preparati per evitare di dover buttare il divano, tappeto o di pensare di riportare indietro il povero Fido che non ha di certo agito per farvi un dispetto.

Tappeti

In realtà sarebbe preferibile toglierli almeno fino a quando i cuccioli non diventeranno adulti, visto che nei primi mesi di vita non controllano ancora bene gli sfinteri, quindi potrebbero considerare quel bel tappeto pagato mezzo stipendio un morbido prato su cui fare pipì.

Meglio attendere che compiano l’anno d’età prima di addobbare di nuovo l’appartamento, ricordando inoltre che un cane necessita di uscire di casa almeno tre volte al giorno per poter espellere i propri bisogni e che l’utilizzo della traversina non farà altro che insegnare al piccolo che è lecito farla in casa.

I gatti invece amano farsi le unghie sui tappeti tirandone i fili, soprattutto quando non hanno un tiragraffi come alternativa. In commercio è possibile reperire numerosi modelli: a forma di castelli, alberi, fatti su misura o addirittura da fissare al muro. Tuttavia, se il tessuto dovesse macchiarsi accidentalmente provate a pulirlo utilizzando un detergente specifico agli enzimi, che eliminerà sia il cattivo odore, sia l’alone, disintegrando la struttura chimica dell’urina.

Divano

Meglio proteggerlo, ma è bene anche insegnare al cane a non salirci posizionando una cuccia o un comodo cuscino ai piedi del divano, in modo tale che non si senta isolato quando siamo seduti a guardare un programma in televisione o durante la lettura di un libro.

Alcuni proprietari utilizzano dei teli in plastica trasparente, ma su alcuni siti è possibile acquistare dei tessuti a metraggio in simil pelle, resistenti ai graffi, a prova di macchia e facili da pulire.

Pavimento

Rimuovere i peli degli animali è fondamentale per tenere la casa sempre pulita, per questo motivo vi consigliamo di munirvi di un buon aspirapolvere che possa raccogliere anche le particelle di polvere più sottili.

Quello proposto da Dyson è uno di questi: si tratta di un apparecchio ciclonico molto potente, in grado di rimuovere anche gli acari e gli allergeni mantenendo gli ambienti più puliti e sani. Questa scopa elettrica senza fili è tra le più apprezzate al mondo proprio grazie alle sue alte prestazioni: vi consigliamo quindi di leggere qui, per avere maggiori informazioni sulle caratteristiche e i prezzi.

Per quanto riguarda il lavaggio meglio utilizzare un dispositivo a vapore piuttosto che il classico mocio con il detersivo, che necessita di un risciacquo molto approfondito per evitare che i nostri amici a quattro zampe possano leccarne i residui.

Gli accessori

Le ciotole, la cuccia, il guinzaglio e i cappottini si devono lavare spesso per evitare che i batteri possano proliferare ed emanare cattivo odore, dunque meglio avere dei ricambi a disposizione. Se non volete utilizzare i vostri elettrodomestici, in alcuni negozi di animali delle grandi città sono presenti delle lavatrici e delle asciugatrici dedicati esclusivamente agli accessori dei nostri amici a quattro zampe. Le scodelle vanno sciacquate sempre, anche quella dell’acqua, che a causa del calcare potrebbe corrodersi e rilasciare particelle di ferro.

Gli animali sul letto: sì o no?

La scelta è solo vostra: far salire gli animali sul letto o sul divano non modifica la gerarchia in casa come si potrebbe pensare, poiché non ci sono reali studi riguardo tali comportamenti. In realtà i cani sono animali sociali, vivono in gruppo e soffrono molto la solitudine sviluppando di conseguenza un carattere diffidente e guardingo anche nei confronti dei componenti della stessa famiglia. Sembra invece che dormirci insieme non solo li faccia sentire parte di un branco, ma può migliorare la qualità del sonno.

Non si può dire lo stesso per le persone allergiche, che potrebbero avere problemi a causa dei peli e degli allergeni. L’ideale dunque sarebbe tenere una cuccia o una brandina ai piedi del letto, oppure acquistare un battimaterasso elettrico in grado di rimuovere anche le particelle di sporco più piccole da coperte, lenzuola, cuscini e persino dal divano.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Dalla Brianza

Animali in casa e pulizia

Animali in casa e pulizia

I cani e i gatti sono da secoli considerati animali domestici in quasi tutto il mondo. Sono parte integrante della famiglia, poiché in grado di intraprendere un rapporto di fiducia nei confronti degli umani. Si conta infatti che solo in Italia ci siano circa 60 milioni di pet nelle nostre case, molti dei quali vengono adottati attraverso i canili o i rifugi, dando la possibilità a ognuno di questi animali di vivere una vita migliore al di fuori

Concorezzo. A un anno e mezzo dall’avvio della convenzione tra il Comune di Concorezzo e l’ENPA, sono a disposizione i primi dati riassuntivi delle attività svolte in città nell'ambito del recupero e gestione degli animali. I numeri parlano di un servizio strutturato che in città è riuscito a garantire la gestione di circa un centinaio di animali a partire da gennaio 2021.

 “Siamo certamente soddisfatti delle attività avvenute nel nostro territorio grazie alla convenzione con l’ENPA- ha sottolineato l’assessore all’Ambiente Silvia Pilati-. Dati alla mano, vediamo una gestione consolidata e strutturata delle azioni mirate al recupero e cura degli animali. A queste attività di pronto intervento, si sono affiancate quelle di gestione delle colonie feline, grazie anche all’aiuto di alcuni volontari concorezzesi. In questo ambito voglio sottolineare il numero importante di sterilizzazioni dei gatti. Da gennaio 2021 a oggi sono stati sterilizzati un totale di 53 gatti. Un’attività, questa fondamentale per una regolamentazione delle nascite nelle colonie felineche, ricordiamo, sono ufficialmente riconosciute e tutelate dalla Legge n. 281 del 14/8/91 che detta le norme contro abbandono e maltrattamento degli animali da affezione. Anche a Concorezzo ci sono circa una decina colonie feline, regolarmente censite e registrate in Comune. Queste colonie hanno un referente, che ne gestisce il mantenimento nel rispetto delle regole di igiene e convivenza con il territorio.

Il report delle attività svolte in questo primo anno e mezzo- ha concluso l'assessore Pilati-, ci conferma quindi la bontà della scelta di attivare la convenzione con l’ENPA. Una convenzione che garantisce al nostro territorio una gestione corretta, seria e integrata di tutte le problematiche e le questioni relative agli animali. Un grazie infine ai volontari sia dell’ENPA sia di Concorezzo, che forniscono un aiuto prezioso ai professionisti dell’Ente di protezione animali nel lavoro quotidiano nella nostra città”.

 

I dati:

anno 2021

cani 9

gatti 41 di cui 34 sterilizzati e rimessi nelle rispettive colonie di appartenenza

altri animali 19 (2 capre, 3 colombacci, 1 cinciallegra, 1 picchio, 4 piccioni, 2 tortore, 1 riccio, 1 capinera, 1 civetta, 1 cornacchia, 1 rondone, 1 colomba)

 

anno 2022 (1 gennaio – 13 luglio)

cani 1

gatti 22

altri animali 5 (2 ricci, 1 colombaccio, 1 piccione, 1 coniglio)

ENPA ha inoltre distribuito oltre 1 quintale di cibo destinati ai tutori delle colonie feline

 

Numero cani e gatti a Concorezzo

Numero di cani e di gatti dotati di microchip regolarmente iscritti all’anagrafe canina/felina regionale per il comune di Concorezzo aggiornato a metà luglio 2022:

cani 2162,

gatti 444.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Cronaca

Convenzione Comune - ENPA: gestiti un centinaio di animali da inizio 2021

Convenzione Comune - ENPA: gestiti un centinaio di animali da inizio 2021

Concorezzo. A un anno e mezzo dall’avvio della convenzione tra il Comune di Concorezzo e l’ENPA, sono a disposizione i primi dati riassuntivi delle attività svolte in città nell'ambito del recupero e gestione degli animali. I numeri parlano di un servizio strutturato che in città è riuscito a garantire la gestione di circa un centinaio di animali a partire da gennaio 2021.  “Siamo certamente soddisfatti delle attività avvenute