santalfredo
santalfredo

Autodromo

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza“C’è dunque un giudice a Berlino”, commenta così il vicecapogruppo della Lega al Pirellone, Andrea Monti, la conferma dell’avvenuto dissequestro della “fan zone” che si sta allestendo nell’area del Roccolo, nel parco di Monza.

“Una buona notizia – prosegue Monti – anche se probabilmente troppo tardiva. L’auspicio è che si riesca a realizzare una buona parte di quanto programmato inizialmente, anche se in 72 ore sarà praticamente impossibile, pur con tutta la buona volontà. La certezza però è che il danno, economico e d’’immagine, rimane e non può essere cancellato”. 

“Quanto è accaduto sottolinea ancora una volta la necessità di un maggior collegamento e presenza del territorio nella gestione dell’Autodromo brianzolo”.

“Una classica vicenda all’italiana, tra inamovibili burocrazie e rimpalli di responsabilità, che ha messo a rischio il futuro dell’autodromo e del Gran Premio di F1 a Monza. Eh già, perché la presenza della fan-zone non è un inutile orpello dell’evento principale, ma una precisa clausola da rispettare nel contratto con Liberty Media, pena l’immediata rescissione”.

“Appare più che mai indispensabile – continua il consigliere brianzolo del Carroccio – un ruolo significativo di Regione Lombardia nell’amministrazione del circuito monzese, anche a fronte degli importanti investimenti pubblici. Sarà fondamentale, inoltre, un intervento di tipo legislativo in senso anti-burocratico per poter realizzare le opere previste per l’ammodernamento e per il rilancio dell’autodromo”.

“E adesso chi paga? – domanda, infine, Andrea Monti – “Chi sbaglia paga, ancora una volta, nella giustizia italiana non vale”.

*/ ?>

Dalla Brianza

Autodromo, sequestro farsa: chi paga?

Autodromo, sequestro farsa: chi paga?

Monza. “C’è dunque un giudice a Berlino”, commenta così il vicecapogruppo della Lega al Pirellone, Andrea Monti, la conferma dell’avvenuto dissequestro della “fan zone” che si sta allestendo nell’area del Roccolo, nel parco di Monza. “Una buona notizia – prosegue Monti – anche se probabilmente troppo tardiva. L’auspicio è che si riesca a realizzare una buona parte di quanto programmato inizialmente, anche se in 72 o

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. Presentata oggi in Consiglio Regionale dal gruppo della Lega Nord una mozione urgente per esortare  il Governo e il Parlamento a concedere finalmente la defiscalizzazione dell’ingresso di Regione Lombardia nella proprietà dell’autodromo di Monza. In merito è intervenuto il primo firmatario della mozione e capogruppo del Carroccio, Massimiliano Romeo. “La novità – spiega Romeo – è rappresentata dalla possibilità di emendare il Decreto legge in materia di enti territoriali (n.78/2015) e dare così il via libera ad un’operazione che porterebbe risorse importanti al circuito. Il tempo stringe e il PD non ha davvero più scuse, poiché questo decreto legge è senza dubbio idoneo ad accogliere un emendamento in tal senso.”  “La defiscalizzazione è un passaggio obbligatorio, altrimenti  - prosegue Romeo – il contributo regionale verrebbe notevolmente ridotto dal carico fiscale dello Stato. I 20 milioni di euro che Regione Lombardia si è resa disponibile ad investire nel circuito monzese aiuteranno a garantire il mantenimento della Formula 1 a Monza. La permanenza della F1 è fondamentale per il futuro e per un programma di rilancio del nostro autodromo.”

La mozione “invita il Presidente di Regione Lombardia e la Giunta Regionale a mettere in atto immediatamente ogni azione politica utile a sollecitare il Governo e il Parlamento italiano al fine di raggiungere l’obiettivo della defiscalizzazione dell’ingresso di Regione Lombardia nella proprietà dell’autodromo, apportando eventualmente le opportune modifiche al Decreto-Legge n.78 del 19 giugno 2015 (Disposizioni Urgenti in materia di enti territoriali).”    

*/ ?>

Dalla Brianza

Defiscalizzare e salvare il Gran Premio di Monza: si può

Defiscalizzare e salvare il Gran Premio di Monza: si può

Monza. Presentata oggi in Consiglio Regionale dal gruppo della Lega Nord una mozione urgente per esortare  il Governo e il Parlamento a concedere finalmente la defiscalizzazione dell’ingresso di Regione Lombardia nella proprietà dell’autodromo di Monza. In merito è intervenuto il primo firmatario della mozione e capogruppo del Carroccio, Massimiliano Romeo. “La novità – spiega Romeo – è rappresentata dalla possibilità di emendar

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Monza. Superata quota 2500: 2.550, per l'esattezza, sono le firme raccolte, a ieri sera, a Pianeta Lombardia, padiglione di Regione al sito Expo, per mantenere il Gran Premio di Formula 1 a Monza e impedire che venga trasferito a Imola. Sono in aumento le risposte all'appello lanciato sabato, proprio a Pianeta Lombardia, dal presidente della Regione Roberto Maroni, che, con il vice presidente Mario Mantovani e l'assessore Fabrizio Sala, ha dato il via alla campagna 'Scendi in pista con la Lombardia - Firma anche tu per il GP d'Italia all'Autodromo nazionale di Monza'. La raccolta firme prosegue per oggi fino alle 21 in Expo e continuera' nei prossimi giorni. Monzesi e Lombardi, come del resto tutti i visitatori di Pianeta Lombardia che volessero dare il loro contributo a questa battaglia, hanno ancora tempo per sottoscrivere la petizione, in difesa di quello che viene ritenuto un patrimonio regionale anche storico e culturale.

*/ ?>

Dalla Brianza

Expo per il GP di Monza: in una sera 2500 firme per salvarlo

Expo per il GP di Monza: in una sera 2500 firme per salvarlo

Monza. Superata quota 2500: 2.550, per l'esattezza, sono le firme raccolte, a ieri sera, a Pianeta Lombardia, padiglione di Regione al sito Expo, per mantenere il Gran Premio di Formula 1 a Monza e impedire che venga trasferito a Imola. Sono in aumento le risposte all'appello lanciato sabato, proprio a Pianeta Lombardia, dal presidente della Regione Roberto Maroni, che, con il vice presidente Mario Mantovani e l'assessore Fabrizio Sala,

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. In occasione dell’evento musicale “I-days festival 2016”, tenutosi presso l’Autodromo nazionale di Monza, nel week-end del 8-9-10 luglio, i militari della Guardia di Finanza di Monza hanno eseguito una serie di servizi tesi, in particolare, al contrasto dell’abusivismo commerciale e della contraffazione.

 

Replicando un analogo dispositivo operativo messo in campo per altri recenti eventi musicali svoltisi a Monza, le Fiamme gialle – mediante pattuglie sia uniforme che in borghese – sono intervenute per scoraggiare i numerosi bagarini intenti allo smercio di biglietti destinati agli avventori dell’ultim’ora e i venditori abusivi di merchandising, cui sono stati sequestrati circa 300 capi d’abbigliamento riportanti i loghi contraffatti degli artisti esibitisi durante la manifestazione.

Le operazioni di servizio si sono concluse con la denuncia, a vario titolo, alla locale Procura della Repubblica due italiani e tre extracomunitari.

Leggi anche

I richiedenti asilo buttano il riso, la Lega lo cucina per i residenti

Violenze sulla madre, in carcere insospettabile 48enne

Barbecue da campioni? Ecco i futuri maestri

*/ ?>

Dalla Brianza

I-Days, la Finanza smaschera i venditori di tarocchi

I-Days, la Finanza smaschera i venditori di tarocchi

Monza. In occasione dell’evento musicale “I-days festival 2016”, tenutosi presso l’Autodromo nazionale di Monza, nel week-end del 8-9-10 luglio, i militari della Guardia di Finanza di Monza hanno eseguito una serie di servizi tesi, in particolare, al contrasto dell’abusivismo commerciale e della contraffazione.   Replicando un analogo dispositivo operativo messo in campo per altri recenti eventi musicali svolt

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMilano. La cultura di un festival musicale (che darà luce anche alle arti creative e alla scrittura) contro la moda dei talent-show, "tomba della creatività". Per lanciare a livello nazionale la quinta edizione del Brianza Rock Festival non poteva esserci scelta più azzeccata che affidare la direzione artistica a Morgan, il monzese Marco Castoldi. Martedì, a Palazzo Pirelli, la presentazione ufficiale dell'evento è stata a suo modo uno show con l'ex giudice di X-Factor che ha sparato a zero contro la trasmissione e, più in generale, con la filosofia mercenaristica della tv, a cui promette di non volersi più regalare. Dalle battute con Vittorio Sgarbi (toccata-e-fuga prima della conferenza stampa) agli abbracci con Eugenio Finardi (con cui, novità in tempo reale, duetteranno i Bluvertigo) fino alla promozione esasperata dell'amico e cantautore Bugo, la presentazione in chiave Expo dell'evento ospitato in Autodromo non ha certo lesinato sorprese e divertimento, come ha rimarcato sorridendo l'assessore regionale all'Expo, il brianzolo Fabrizio Sala.

"Chiunque ha talento non faccia un talent show- ha ribadito a più riprese Morgan - E' uno stratagemma per far firmare un contratto discografico a tutti quelli che si iscrivono. Sappiate ragazzi che quando vi iscrivete anche solo per la prima audizione voi avete già firmato un contratto discografico, voi siete legati mani e piedi per sempre a una casa discografica che non vi farà avere successo. I talent sono la tomba della creatività".

E se la tv è solo massificazione, business e a-socialità, ecco che il rimedio sono i festival, dove la musica si intreccia con l'arte e la scrittura. Come avverrà nell'Autodromo di Monza (rappresentato in conferenza da Francesco Ferri) il 12,13 e 14 giugno.

Tutti i dettagli: http://we.tl/nvWmoDqIlJ

Foto di Davide Digiorgio

L'EVENTO

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Brianza Rock Festival diventa grande e per festeggiare la sua quinta edizione apre a un cast composto dalle band più rappresentative del panorama musicale italiano. Bluvertigo, Subsonica e Afterhours sono gli strepitosi tre nomi attesi il 12, 13 e 14 giugno all’Autodromo Nazionale Monza, ospitati dal Festival organizzato dall’Associazione Monzabrianzaeventi, nato per valorizzare il movimento musicale e culturale del territorio e sostenere le Associazioni al servizio del cittadino. 
 
Saranno i “residenti” Bluvertigo di Morgan – quest’anno anche consulente artistico del BRF - ad aprire le danze venerdì 12 giugno, un ritorno alle origini (il loro ultimo concerto a Monza risale all’estate del 1996) con una performance nella città dove tutto è cominciato e dove dai sintetizzatori nascevano suoni che avrebbero rivoluzionato il palcoscenico musicale italiano. La serata targata Bluvertigo avrà come special guest Eugenio Finardie i Santa Margaret.
 
L’Autodromo ospiterà poi sabato 13 giugno il ritorno live dei Subsonica, dopo il grandissimo successo invernale del “In Una Foresta Tour”. Ogni loro concerto è un trionfo di musica e tecnologia, grazie alla cura maniacale che da sempre la band dedica al suono e alle immagini. In apertura i set diBugo e Jack Jaselli.
 
Gli Afterhours di Manuel Agnelli, l’alternative rock band italiana per eccellenza, chiuderanno questa sensazionale tre giorni domenica 14 giugno. Opening act: Io?Drama e gli Aim.  

BAND EMERGENTI
  
Sul palco del Brianza Rock Festival anche i vincitori di ROCKIN’ THE SCHOOL – Studenti&Giovani in concerto, il contest di band emergenti fortemente voluto anche quest’anno dall’Associazione MonzaBrianzaEventi. Concluso il 30 aprile, il concorso ha visto per quattro settimane le 12 band emergenti (selezionate da una giuria tecnica tra le centinaia di band che si sono proposte in questi mesi) esibirsi sul palco del Rock’n Roll di Rho e conquistarsi la possibilità di aprire una delle tre serate del Brianza Rock Festival edizione 2015. 
Mataleòn e Sandflower sono le band vincitrici del concorso, a loro si aggiungono i Mr. Kite, trionfatori della scorsa edizione. Nell’area concerti dell’Autodromo Monza i tre gruppi calcheranno lo stesso palco di Bluvertigo (Mataleòn), Subsonica (Mr. Kite) e Afterhours (Sandflower).

LA LOCATION

La nuova area di tutti i concerti è il fronte Paddock dell’Autodromo Nazionale Monza, una location suggestiva che potrà accogliere oltre 20mila persone. Un palco nuovo, un’area ospitalità, un ristorante, le birrerie e diverse zone d’intrattenimento a disposizione del pubblico. 
L’area concerti allestita diventerà uno spazio vivibile nell’arco di tutta la giornata, il Brianza Rock Festival si svolgerà in collaborazione con la 40ma edizione del Festival dello Sport che fino all’inizio dei live organizzerà una serie di appuntamenti sportivi.

ARTE A 360°

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Il BRF va oltre la musica: è un evento che sposa anche arte e cultura, grazie all’organizzazione parallela del Rock’n Art, Mostra Collettiva D'Arte Contemporanea con Concorso a Premi dedicata ai giovani artisti del territorio, quest’anno ospitata alla Villa Reale di Monza,  che verrà inaugurata il 4 giugno, con ingresso gratuito fino al 21 giugno.
Il primo intento della mostra è quello di promuovere l’arte tra i giovani, offrendo ai partecipanti un modo per confrontarsi con spirito criticoe il secondo è la ricerca di scambi artistico culturali mirati a un rapporto di simbiosi tra il mondo scolastico e quello artistico-professionale. Durante l’esposizione della Mostra Collettiva di arte contemporanea anche gli scrittori e i poeti del territorio saranno protagonisti di alcuni momenti di creatività dal vivo: il 9 giugno, dalle 19 alle 23, il tema delle letture è il legal thriller, e il 16, negli stessi orari, gli incontri di lettura sono dedicati alla poesia e al romanzo.

Radio 105 è radio ufficiale di Brianza Rock Festival; sulle sue frequenze verranno messi in palio i biglietti per assistere ai concerti. Radio Lombardia è media partner del festival.

SOLIDARIETA'

Come per le precedenti edizioni il BRF sosterrà l’Associazione SLAncio a cui si aggiunge per quest’edizione il supporto al Comitato Maria Letizia Verga Onlus e a Cancro Primo Aiuto.

*/ ?>

Eventi

Morgan lancia il Brianza Rock Festival e mette la croce su X-Factor

Morgan lancia il Brianza Rock Festival e mette la croce su X-Factor

Milano. La cultura di un festival musicale (che darà luce anche alle arti creative e alla scrittura) contro la moda dei talent-show, "tomba della creatività". Per lanciare a livello nazionale la quinta edizione del Brianza Rock Festival non poteva esserci scelta più azzeccata che affidare la direzione artistica a Morgan, il monzese Marco Castoldi. Martedì, a Palazzo Pirelli, la presentazione ufficiale dell'evento è stata a suo modo uno show

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. Il tempio della velocità compie 100 anni. Correva il 1922 quando l'Automobile Club di Milano decise di costruire l'autodromo per commemorare il venticinquesimo anniversario dalla fondazione. La società allora proprietaria del parco, l'Opera Nazionale Combattenti, fu subito d'accordo dal momento che la nascita delle corse automobilistiche avrebbe portato una notevole pubblicità alle case costruttrici. Fu costituita la società SIAS (Società incremento automobilismo e sport) a capitale privato e presieduta dal senatore Silvio Crespi. I lavori iniziarono il 15 maggio e in soli 110 giorni fu completata l'opera. Il primo giro completo di pista fu percorso il 28 luglio da Pietro Bordino e Felice Nazzaro su una Fiat 570. Si trattava del terzo circuito permanente realizzato al mondo, preceduto solo dalla pista statunitense di Indianapolis (1909) e da quella inglese di Brooklands (1907), oggi non più esistente essendo caduta in disuso nel 1939 alla vigilia del secondo conflitto mondiale e definitivamente chiusa nel 1945. Il progetto preliminare prevedeva un tracciato a forma di "otto" della lunghezza di 14 km ma, a causa dell'impatto sul Parco Reale, si decise invece di approvare un progetto che utilizzasse in gran parte le preesistenti strade del parco e limitasse l'abbattimento degli alberi.

Venerdì 9 settembre, alle 21.20, su RaiDue, andrà in onda un inedito e nuovissimo documentario dedicato all'Autodromo nazionale con le testimonianze di piloti, manager e storici e tantissimi filmati da brivido.

GUARDA IL VIDEO

 

*/ ?>

Sport

Sorpresa Rai per i 100 anni dell'Autodromo di Monza

Sorpresa Rai per i 100 anni dell'Autodromo di Monza

Monza. Il tempio della velocità compie 100 anni. Correva il 1922 quando l'Automobile Club di Milano decise di costruire l'autodromo per commemorare il venticinquesimo anniversario dalla fondazione. La società allora proprietaria del parco, l'Opera Nazionale Combattenti, fu subito d'accordo dal momento che la nascita delle corse automobilistiche avrebbe portato una notevole pubblicità alle case costruttrici. Fu costituita la società SIAS