santalfredo
santalfredo

calcio

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-ASCOLI 2-0
 
Con un gol per tempo il Monza regola nel turno infrasettimanale la pratica Ascoli, ma non dissipa i molti dubbi sulle sue possibilità di arrivare ai vertici della classifica di Serie B. Contro la squadra penultima in classifica ha in pratica giocato alla pari e solo due giocate di qualità di Dany Mota e Carlos Augusto hanno permesso prima di sbloccare e poi di fissare il risultato che vale i 3 punti. La compagine biancorossa è stata lenta e macchinosa, ma fortunatamente gli avversari, da neanche un mese allenati da Delio Rossi, sono parsi poco combattivi, quasi rassegnati. Del resto per i marchigiani è stata la decima gara consecutiva senza vittoria, la diciottesima di fila in cui subisce gol. Il Monza, non solo ha mantenuto l’imbattibilità interna contro il “Picchio” in cadetteria (7 match), ma per la prima volta nella storia non ha subito gol in B dai bianconeri piceni (alla tredicesima sfida).
 
Rossi ha dovuto fare a meno dello squalificato Lico, degli infortunati Ninković, Kragl, Malle e Sini, e di Ghazoini, convocato dalla Nazionale Under 20 marocchina. Sul terreno dell’ex Stadio Brianteo, ora U-Power Stadium, si è rivisto Chiricò, mentre l’altro ex biancorosso Eramo è rimasto in panchina. Il tecnico del Monza, Cristian Brocchi, non ha avuto a disposizione lo squalificato Scaglia, sostituito dal titolare Bellusci, rientrato a sua volta da una squalifica, e gli infortunati Finotto e Paletta, quest’ultimo anche oggi rimpiazzato nell’“11” di partenza da Bettella. Rispetto alla partita persa tre giorni prima a Pescara l’allenatore dei brianzoli ha operato l’ennesima rivoluzione riproponendo Carlos Augusto, Fossati, Barillà, Gytkjaer e Mota al posto di Donati, Barberis, Colpani, Frattesi e Machin. Il tanto atteso Balotelli non è stato convocato neanche stavolta (è la quarta da quando è stato ingaggiato), ma stavolta si è presentato allo stadio, assistendo alla partita da uno dei due skybox in tribuna.
 
Il primo brivido sulla schiena lo prova Di Gregorio, quando al 5’ vede il “bomber” ascolano Bajic calciare in porta: il portiere di casa si fa però trovare pronto alla deviazione in corner. Dopo 10’ è il Monza a impegnare l’estremo difensore ospite Leali con un colpo di testa di Gytkjaer: sulla respinta arriva Mota che calcia sull’esterno della rete. Il Nazionale Under 21 portoghese ci prova anche al 29’ ma la sua flebile conclusione viene bloccata a terra da Leali. Passano altri 5’ e il Monza passa in vantaggio: Carlos Augusto riceve palla da Boateng in area e scarica il suo potente sinistro sotto la traversa. Al 37’ Barillà potrebbe raddoppiare ma a tu per tu con Leali calcia debolmente di piatto.
 
In avvio di ripresa Gytkjaer crossa dalla fascia destra per Mota che al volo spara alle stelle. Pirola rileva Bettella in mezzo alla difesa e ancora dalla fascia destra arriva un cross, stavolta da Mota, ma Barillà manda fuori d’un soffio. Frattesi e D’Errico sostituiscono rispettivamente Armellino e Boateng e la mossa dà buoni frutti. Il frizzante capitano conduce un contropiede tagliente e in area serve proprio il Nazionale Under 21, che però è impreciso nella conclusione in diagonale. Frattesi si rifà al 43’ quando infila in rete contro la sua ex formazione una deliziosa palla filtrante servitagli da uno scatenato Mota, che come una pila Duracell diventa imprendibile negli ultimi minuti di gara. Il lusitano è ormai un punto fermo della squadra: ha tecnica, velocità, resistenza. Il raddoppio arriva 3’ dopo l’ingresso in campo di Barberis e Maric rispettivamente per Fossati e il generoso Gytkjaer. Proprio il suo sostituto si mangia un gol al 47’, al termine di un contropiede “di massa”, facendosi respingere la conclusione facile da Leali.
 
In sala stampa Brocchi prima ha espresso la propria soddisfazione (“Siamo contenti perché la sconfitta di Pescara ci aveva fatto male. Ci siamo subito ripresi. Ora bisogna andare avanti con umiltà. La cattiveria agonistica c’è, il gruppo è coeso e dunque io sono molto felice”), poi si è tolto qualche sassolino dalle scarpe (“Abbiamo fatto qualcosa di grande in questo ultimo periodo. Prima di criticare le formazioni che schiero bisognerebbe conoscere le condizioni dei giocatori”) e infine ha risposto alle domande inviate via WhatsApp dai giornalisti (“L’utilizzo da 4 partite del sistema 4-3-3 al posto del 4-3-1-2? Per avere più equilibrio in campo. Ma non è definitivo. Balotelli? Sta migliorando la condizione e ciò gli fa venire ancora più voglia di giocare. La speranza è che settimana prossima possa essere convocato”).
 
Anche Frattesi ha commentato match e gol: “Andiamo bene come capacità di reazione però adesso dobbiamo trovare continuità. Il gol è stato importante, ma per quello che mi ha dato Ascoli Piceno non mi sentivo di esultare”.
 
Ora per il Monza è tempo di derby lombardo. Domenica prossima sarà in trasferta allo “Zini” per affrontare la Cremonese; calcio d’inizio alle ore 21.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Due magie contro l'Ascoli e il Monza si rilancia in classifica

Due magie contro l'Ascoli e il Monza si rilancia in classifica

MONZA-ASCOLI 2-0   Con un gol per tempo il Monza regola nel turno infrasettimanale la pratica Ascoli, ma non dissipa i molti dubbi sulle sue possibilità di arrivare ai vertici della classifica di Serie B. Contro la squadra penultima in classifica ha in pratica giocato alla pari e solo due giocate di qualità di Dany Mota e Carlos Augusto hanno permesso prima di sbloccare e poi di fissare il risultato che vale i 3 punti. La compagine

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-TORINO 1-2
 
Non inizia bene per il Monza la sua prima avventura nel campionato di Serie A. All’U-Power Stadium esce sconfitto per 2-1 contro un modesto Torino, peraltro alle prese con litigi dentro e fuori dallo spogliatoio. Già i biancorossi non avevano impressionato nelle amichevoli e in Coppa Italia, ma anche le strane decisioni di Giovanni Stroppa, l’allenatore della promozione, non hanno di certo aiutato a portare a casa un risultato positivo. Appare incomprensibile, su tutte, la decisione di far giocare subito dall’inizio Pablo Marì e Petagna, rispettivamente dopo due e un allenamento in gruppo, al posto rispettivamente di Andrea Ranocchia e Mota che, anche se acciaccato, conosce i compagni, sa dove andare in campo e non per caso ha pure segnato il primo gol della storia del Monza in Serie A. Senza contare che come centravanti c’era pure l’opzione Gytkjaer.
 
Per quanto riguarda il gioco espresso, la difesa ha traballato in troppe occasioni (male Marlon, molto male Pablo Marì), il centrocampo è stato di una mollezza assoluta (Filippo Ranocchia e D’Alessandro esclusi) e l’attacco è risultato evanescente fino all’ingresso degli artefici della promozione. Stroppa insiste a dire che “la Serie A è un altro sport”, ma ci si domanda se sia meglio una squadra con giocatori un po’ più forti ma che stanno assieme da pochi giorni o un gruppo rodato che ha comunque conquistato una storica promozione. Dopo la gara di oggi noi crediamo che i nuovi arrivati andrebbero inseriti gradatamente.
 
Con la vittoria di oggi il Torino ha portato a 6 la striscia di risultati positivi consecutivi in trasferta e a 3 i successi di fila in trasferta (non capitava da 7 anni e mezzo). Per quanto riguarda gli scontri diretti in partite ufficiali, il Monza ha battuto i granata solo 1 volta su 21 incontri.
 
Oggi Stroppa non ha avuto a disposizione gli squalificati Lamanna e Machìn, mentre il suo omologo Ivan Juric ha dovuto fare a meno dello squalificato Buongiorno e del capitano Lukic, che vuole a tutti i costi essere ceduto. Oltre al debutto di Pablo Marì e Petagna si sono registrate altre due novità in campo tra i biancorossi rispetto al match vittorioso di Coppa Italia contro il Frosinone: Di Gregorio è stato preferito a Cragno in porta e Filippo Ranocchia a Ciurria a centrocampo (in attesa che Pessina, convocato ma neanche portato in panchina, si ristabilisca completamente dall'infortunio).
 
Davanti ai 5764 abbonati, a 4975 paganti (tra cui circa 1500 di fede granata) e ai Vip come il “patron” biancorosso Silvio Berlusconi, l’arbitro Maurizio Mariani di Aprilia (lo stesso della finale di ritorno dei play-off di Serie B tra Pisa e Monza) ha dato inizio alla contesa.
 
Già al 3' Di Gregorio deve uscire a valanga per salvare su Sanabria. Al 13' Radonjic lancia Aina troppo in profondità sprecando una ghiotta occasione per i piemontesi. Il Monza subisce la pressione degli ospiti ma al 20' una botta da 25 metri di Filippo Ranocchia viene respinta a pugni chiusi da Milinkovic. Al 27’ lo scatenato Radonjic scarica un sinistro che Di Gregorio respinge prodigiosamente in tuffo. Al 35’ ancora Ranocchia prova dalla distanza e la palla va fuori di poco. Al 43’ il Torino passa in vantaggio: Miranchuk approfitta di un errore di Pablo Marì e infila Di Gregorio con un tocco morbido. 2’ dopo il biancorosso Caprari sbaglia la mira da buona posizione.
 
La ripresa vede un Monza meno sulla difensiva. All’8’ Ranocchia ci tenta ancora da fuori ma manda alto. 10’ dopo Carboni, Ciurria e Mota rilevano Carlos Augusto, Caprari e (inspiegabilmente) Filippo Ranocchia. Al 21’, però, il Torino raddoppia: Carboni svirgola una palla che Ricci conquista provando il pallonetto ma questo si trasforma in un assist per Sanabria che in acrobazia insacca. I granata falliscono il tris in contropiede con Radonjic 7’ più tardi e al 31’ Stroppa getta nella mischia Gytkjaer e Sensi per Valoti e Petagna. Subito parte un contropiede con Mota che fornisce un assist al bacio per Birindelli la cui conclusione viene deviata da Milinkovic sopra la traversa. Al 37’ è invece D’Alessandro a sprecare un’ottima opportunità per accorciare le distanze. Al 42’ si registra un altro errore madornale di Pablo Mari con Sanabria che si invola verso la porta, ma D’Alessandro con un recupero straordinario riesce a portare via la sfera in scivolata al centravanti granata al momento del tiro. Poco dopo Radonjic conclude di poco sopra la traversa. E al 45’ è invece Di Gregorio a salvare su Radonjic. Negli ultimi secondi di recupero Mota dà una piccola soddisfazione ai tifosi biancorossi trasformando in gol un cross dalla sinistra di D’Alessandro.
 
In sala stampa Stroppa è parso troppo ottimista: “Pensavo che avremmo sofferto di più, invece la squadra mi ha fatto un’ottima impressione. La partita è stata decisa da episodi causati in parte da questioni tecniche, a volte da questioni fisiche. Il Torino poi è molto più avanti di noi dal punto di vista dell’amalgama. Comunque abbiamo avuto qualche opportunità anche noi. Sappiamo che c’è tanto da lavorare e c’è anche da fare in fretta. Dobbiamo gestire meglio la palla, con più personalità e consapevolezza nel saper fare le cose. Dovete avere pazienza, perché mi sembra che la squadra sia perfetta a livello di mentalità e impegno”.
 
Juric ha fatto i complimenti ai suoi “ragazzi perché tutti hanno dato un contributo, anche quelli arrivati da poco tempo. Abbiamo meritato la vittoria”.
 
A fine partita ha parlato anche Berlusconi: “Ci metteremo un po’ di tempo ad abituarci ai livelli della Serie A. Abbiamo cercato di rinforzare la squadra e qualcosa di buono è venuto fuori. Speriamo di non sfigurare, di non retrocedere. Abbiamo fatto 13 acquisti, non si può più fare altro. Il ‘colpo’ del mercato? C’era ma è sparito… Il Monza deve migliorare molto rispetto al gioco di stasera. È stata una partita poco divertente. E anche la nostra curva si è zittita un po’ troppo”.
 
Il Monza è ora atteso da una trasferta quasi proibitiva: domenica prossima alle ore 18.30 giocherà allo stadio Maradona contro il Napoli.
*/ ?>

Sport

Esordio in Serie A amaro per il Monza contro il Torino

Esordio in Serie A amaro per il Monza contro il Torino

MONZA-TORINO 1-2   Non inizia bene per il Monza la sua prima avventura nel campionato di Serie A. All’U-Power Stadium esce sconfitto per 2-1 contro un modesto Torino, peraltro alle prese con litigi dentro e fuori dallo spogliatoio. Già i biancorossi non avevano impressionato nelle amichevoli e in Coppa Italia, ma anche le strane decisioni di Giovanni Stroppa, l’allenatore della promozione, non hanno di certo aiutato a portare a

Monza. "Tra un anno dovremo essere in Serie A”. È il mantra che Adriano Galliani, amministratore delegato del Monza, ha ripetuto più e più volte durante la conferenza stampa di presentazione delle maglie ufficiali della squadra neopromossa in Serie B per la stagione 2020/21 tenutasi all’autodromo. L'occasione è stata propizia anche per presentare l'ultimo acquisto, l'attaccante danese Christian Gytkjaer, “bomber” prelevato dai polacchi del Lech Poznan.

Galliani è stato, come al solito, il mattatore dell’evento. Quando c'è da parlare del suo grande amore, il Monza, non smetterebbe mai: “Siamo qui per la presentazione della maglia del ‘grande sogno’, creata dallo sponsor tecnico Lotto, lo stesso del Vicenza, anch'esso promosso in Serie B. Abbiamo 4 sponsor tra maglia e pantaloncini più 1 in attesa di autorizzazione dalla Lega Serie B perché sarebbe sulla manica. Significa che gli imprenditori credono nel nostro progetto, che è quello di portare per la prima volta questa città in Serie A. La squadra è già allestita: non posso dire i nomi dei nuovi acquisti perché molti stanno ancora giocando in Italia o in Europa (comunque sono già trapelati i nomi del portiere Michele Di Gregorio, dell’Inter ma attualmente in prestito al Pordenone, del difensore Giulio Donati del Lecce, del difensore Davide Bettella, dell’Atalanta ma attualmente in prestito al Pescara, del centrocampista Andrea Barberis del Crotone e dell’attaccante bosniaco Mirko Maric dell’Osijek, club croato, nuova patria del giocatore, ndr). Zlatan Ibrahimovic è nel mio cuore ma chiede un ingaggio troppo elevato. Mi ha detto che deciderà tra una settimana: al 99% non giocherà nel Monza. Ho detto ai giocatori di non far venire da me i procuratori per il rinnovo del contratto finché non saremo in Serie A. Sarà una squadra che farà sognare i nostri tifosi e dovrà togliermi dopo oltre 40 anni la delusione mai digerita per le quattro volte consecutive che il Monza ha sfiorato la Serie A senza mai andarci. Ma non c’è solo la squadra: a Monza c'è anche la struttura societaria. Il budget è importantissimo: solo ‘patron’ Silvio Berlusconi poteva far sognare questa città. Quando lo andiamo a trovare, io e i manager di Fininvest, parla solo del Monza e dà per scontato che tra un anno saremo in Serie A. Oggi ero a pranzo col presidente dell’Atalanta e gli ho detto che sono un modello di società; anche per lo stadio vogliamo fare come a Bergamo: per la Serie A vogliamo tenere del Brianteo solo la tribuna e ricostruire gli altri settori con la copertura.

Il sindaco Dario Allevi ha sottolineato la “voglia di tornare alla normalità. Prima dell’arrivo della pandemia c’era un entusiasmo attorno al Monza che non si vedeva dai tempi dello stadio Sada. Stiamo collaborando con la società per l’esecuzione di lavori dentro e fuori lo stadio necessari per affrontare la cavalcata nella cadetteria. A tutti i tifosi dico che dobbiamo continuare a sognare perché con la coppia Berlusconi-Galliani niente è impossibile”.

Pietro Benvenuti, direttore generale dell’Autodromo Nazionale di Monza, è alle prese col primo Gran Premio d’Italia di Formula 1 senza pubblico. Un problema di grave entità anche dal punto di vista finanziario, ma ciò nonostante guarda con ottimismo al futuro: “Siamo fieri di essere diventati un anno fa city partner del Monza, per i risultati eccellenti della squadra e per il grande entusiasmo che vediamo attorno al club, entusiasmo che ci ha fatto superare momenti difficili”.

Il presidente di Lotto Sport Italia, Andrea Tomat, ha introdotto così le nuove maglie: “Il nostro compito è trovare ogni anno qualcosa di nuovo, di particolare, per dare lustro alla società. Squadra che vince non si cambia e noi siamo qui per restare per lungo tempo”.

Finalmente sono state svelate le maglie: la prima, nel segno della tradizione, resterà rossa con la banda verticale bianca, la seconda sarà bianca con la banda rossa e la terza blu navy con banda biancorossa. Il nuovo main sponsor sarà WithU, brand commerciale di Europe Energy, azienda italiana operante nel mercato dell’energia elettrica e del gas. Tornerà la scritta Pontenossa, azienda della famiglia Colombo, ex proprietaria del Monza, come back sponsor, mentre sui pantaloncini rimarrà Dell’Orto come short sponsor. A proposito di marketing, il Monza è sbarcato su TikTok, canale social che si aggiunge a Facebook e Instagram. Riguardo al sito internet, che da pochi giorni è anche in lingua inglese, Galliani ha rivelato che “adesso 1 visitatore su 10 è straniero”.

La sorpresa finale è stata la presentazione di Gytkjaer: “Lo voleva mezza Europa” ha dichiarato Galliani. Il giocatore ha espresso, in inglese con l’aiuto di una interprete, le solite frasi di circostanza: “Non è un segreto che io abbia ricevuto diverse offerte perché arrivo da stagioni positive. Quella di venire a Monza è stata una decisione convinta perché credo che qui si possa fare molto in quanto c’è un grande progetto. Ho parlato con alcuni amici che giocano in Italia, come Simon Kjær, e mi hanno dato certezze, mi hanno detto di venire con sicurezza. Qui mi sono convinto di aver fatto la scelta giusta. Col Monza ero in contatto da diverso tempo ma il Covid-19 ha bloccato tutto. I tifosi sono entusiasti del mio arrivo? Sono contento. Speriamo ce l'abbiano per tutta la stagione. Anch’io sono molto entusiasta, di essere qui a Monza”.

La squadra, radunatasi l’1 luglio e al lavoro al centro sportivo Monzello dall’8 luglio, ha già disputato alcune partitelle in famiglia, ma a breve saranno annunciate le amichevoli che accompagneranno il gruppo fino all’inizio del campionato di Serie B, che probabilmente sarà il 19 settembre.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Sport

Galliani: "Ecco la maglia del Monza che andrà in Serie A"

Galliani: "Ecco la maglia del Monza che andrà in Serie A"

Monza. "Tra un anno dovremo essere in Serie A”. È il mantra che Adriano Galliani, amministratore delegato del Monza, ha ripetuto più e più volte durante la conferenza stampa di presentazione delle maglie ufficiali della squadra neopromossa in Serie B per la stagione 2020/21 tenutasi all’autodromo. L'occasione è stata propizia anche per presentare l'ultimo acquisto, l'attaccante danese Christian Gytkjaer, “b

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Il Monza ha proposto a tifosi e simpatizzanti di cambiare l'inno ufficiale tramite sondaggio. Il bellissimo (come inno di squadra di calcio) Monza Alè, composto nel 2006 dagli Amusia del frontman Michele Magrin, allora giocatore biancorosso, è una delle poche cose sopravvissute dall'arrivo di Fininvest come proprietà. Capiamo la volontà di dare una "rinfrescata" all'immagine della società, a maggior ragione che è stata portata per la prima volta in Serie A, ma le alternative non piacciono per nulla alla gran parte dei tifosi storici della squadra. Una, già molto indietro nel sondaggio, è quella di promuovere a inno Dai Monza Vola di Dario Baldan Bembo, brano scritto nel 2019, su richiesta di "patron" Silvio Berlusconi, in stile nazionalpopolare anni '70. L'altra è quella di far diventare inno ufficiale lo stupendo brano pop Destinazione Paradiso di Gianluca Grignani, pezzo di successo del 1995, che però non è stato certamente scritto per il Monza e non ha attinenze col calcio se non per quel titolo che richiama l'avvenuta promozione nella massima serie.
 
Ebbene, ormai tra tifosi storici del Monza ci si conosce un po' tutti e si nota, scorrendo i nomi di fianco agli emoticon, che la grande maggioranza di questi ha votato per la difesa di Monza Alè. Ne deduciamo che Destinazione Paradiso sia stato scelto perlopiù da simpatizzanti dell'ultima ora, probabilmente tifosi di Milan, Inter e Juventus, e giovanissimi alle prime esperienze con la passione per i colori biancorossi.
 
La cosa dà non poco fastidio, perché se si vuole a tutti i costi cambiare inno si dovrebbe a nostro parere dare l'incarico a qualcuno di comporre un bel brano dedicato al Monza e poi sottoporlo a sondaggio. Destinazione Paradiso? E perché allora non Grazie Roma cambiando Roma con Monza? Se dobbiamo attingere all'esterno anziché avere qualcosa di nostro, di unico, di non cedibile, come lo stemma con la Corona Ferrea e la spada di Estorre Visconti, allora tanto vale...
 
Pertanto invitiamo caldamente tutti ad andare sulla pagina Facebook e sulla pagina Instagram dell'AC Monza a votare il brano con l'emoticon dell'abbraccio.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Giù le mani dall'inno "Monza Alè"!

Giù le mani dall'inno "Monza Alè"!

Il Monza ha proposto a tifosi e simpatizzanti di cambiare l'inno ufficiale tramite sondaggio. Il bellissimo (come inno di squadra di calcio) Monza Alè, composto nel 2006 dagli Amusia del frontman Michele Magrin, allora giocatore biancorosso, è una delle poche cose sopravvissute dall'arrivo di Fininvest come proprietà. Capiamo la volontà di dare una "rinfrescata" all'immagine della società, a maggior ragione che è stata portata per la pr

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Alcuni recenti fatti di cronaca hanno lasciato il segno. Dal papà che minaccia con un bastone il mister che ha lasciato suo figlio in panchina a quello che aggredisce l'arbitro di pallavolo "reo" di non aver vistola palla fuori dal campo, gli episodi di inciviltà sportiva che sfociano in vera e propria delinquenza hanno (da troppo tempo) passato il segno. Bello, allora, leggere sulla pagina facebook del Gsd Concorezzese questo appello ai genitori: perché lo sport, prima di tutto, è educazione e crescita.

IL MESSAGGIO

"Segnaleremo a partire da oggi tutti gli episodi deplorevoli che si verificano sui campi di calcio dove giocano ragazzi come quelli della Concorezzese, ragazzini e bambini che si vogliono semplicemente divertire insieme ai loro coetanei, rincorrendo un pallone, giocando a volte bene e a volte male, compiendo gesti splendidi o errori incredibili... perché è così che si impara e si cresce!! E come sbagliano i bambini, possono sbagliare gli allenatori, gli arbitri e tutte le persone che dedicano molto del loro tempo, con grande passione e nessun beneficio economico, ai vostri figli. Per i genitori, invece, è molto facile non sbagliare mai: basta stare seduti in tribuna, applaudire e incitare il proprio figlio, rispettare gli altri atleti e godersi lo spettacolo. I giocatori giocano, l'arbitro arbitra, l'allenatore allena, il pubblico guarda e applaude.
I ragazzi devono crescere prima come persone e poi come calciatori, per un semplice motivo: su 40mila ragazzi, quanti diventano calciatori professionisti? UNO! E quanti invece diventano adulti? TUTTI!"

*/ ?>

Sport

Hai un figlio che fa sport? Leggi questo messaggio

Hai un figlio che fa sport? Leggi questo messaggio

Concorezzo. Alcuni recenti fatti di cronaca hanno lasciato il segno. Dal papà che minaccia con un bastone il mister che ha lasciato suo figlio in panchina a quello che aggredisce l'arbitro di pallavolo "reo" di non aver vistola palla fuori dal campo, gli episodi di inciviltà sportiva che sfociano in vera e propria delinquenza hanno (da troppo tempo) passato il segno. Bello, allora, leggere sulla pagina facebook del Gsd Concorezzese

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Un furto ignobile, da sciacalli. Giovedì notte un commando di ladri si è intrufolato all'interno del centro sportivo di via Pio X. Approfittando dell'oscurità i malviventi si sono messi a smontare pezzo per pezzo il pullmino utilizzato dal GSD Concorezzese per andare a prendere e riaccompagnare a casa i calciatori impossibilitati a raggiungere il centro sportivo con i propri mezzi.
I malviventi hanno letteralmente fatto razzia di quanto pensavano di poter rivendere sul mercato nero: pneumatici, lampadine, pezzi del motore, parti di carrozzeria.
Sconcerto nella società alla scoperta dell'accaduto. Per un sodalizio che vive di tanto volontariato e fa fatica come tutte le associazioni a far quadrare i conti, questo è stato un colpo durissimo. Ora le indagini sono affidate ai carabinieri. Nel frattempo c'è una certezza: la società, salvo l'intervento di qualche benefattore, non potrà permettersi di acquistare un nuovo mezzo, nemmeno usato. 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

 

 

*/ ?>

Cronaca

Ignobile furto in via Pio X, ora il Conco è senza pullmino

Ignobile furto in via Pio X, ora il Conco è senza pullmino

Concorezzo. Un furto ignobile, da sciacalli. Giovedì notte un commando di ladri si è intrufolato all'interno del centro sportivo di via Pio X. Approfittando dell'oscurità i malviventi si sono messi a smontare pezzo per pezzo il pullmino utilizzato dal GSD Concorezzese per andare a prendere e riaccompagnare a casa i calciatori impossibilitati a raggiungere il centro sportivo con i propri mezzi.I malviventi hanno letteralmente fatto razzia

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Buona la prima. Vittoria meritata e risultato stretto per il Conco. I biancorossi del calcio lasciano alle spalle la tragica esperienza in Coppa Lombardia e al comunale "Bonizzi e Soglio" si impongono sul Cob91 con due reti.

Alla mezzora della prima fase di gioco uno scatenato Meroni porta in vantaggio i padroni di casa; allo scoccare del novantesimo ci pensa Sangalli a spegnere le speranze degli agguerriti ospiti. Non mancano gli episodi da moviola. La Concorezzese rischia grosso in un paio di occasioni. La formazione di Cormano recriminerà un calcio di rigore. E intanto la dirigenza biancorossa rende noto che: dal 20 settembre le partite casalinghe il Conco le disputerà sul terreno in sintetico della vicina Agrate Brianza fino al termine dei lavori allo stadio di via Pio X.

La cronaca.Inizio aggressivo della compagine ospite dai colori biancoblu, ma la prima vera occasione da rete viene dai biancorossi con il duo Meroni-Fadini ma l'estremo difensore ospite in uscita gli rovina il piano. Dopo alcune incursioni in area dei milanesi, il Conco inizia a pungere in avanti.

Al 16' Fadini dopo aver conquistato e difeso il pallone vede Bercè sulla destra; il cross di quest'ultimo però è troppo debole per impensierire la retroguardia ospite. 

I due portieri per tutti i primi quarantacinque minuti di gioco non effettueranno grandi interventi. I padroni di casa saranno più incisivi degli avversari sbloccando il risultato intorno al 30': Zangari dalla sinistra trova in area la testa di Fadini che a sua volta la mette sui piedi di Meroni. Il pallone si insacca nell'angolo basso ( 1-0 ).Al 37' Troiano sventa un pericolo sulla linea di porta da un tiro insidioso dei biancoblu rifugiandosi in calcio d'angolo. All'azione successiva Riccardo Meronipotrebbe raddoppiare dopo essere stato servito in area da Poletto, ma non trova il tocco decisivo per superare il portiere. Stessa sorte per Ares Fadini al 39' quando in area si allunga troppo il pallone.

Alla ripresa sul terreno di gioco sale il nervosismo. I biancorossi si fanno vedere in avanti gia alla prima azione con Meroni che viene lanciato a rete ma fermato prontamente da due passi  della porta. Successivamente i biancoblu tenteranno di impensierire Lissoni in due occasioni ma l'estremo difensore avrà la meglio senza grossi problemi. Al 50' con un gran gioco di squadra gli uomini di mister Motta avanzano compatti ma a fermare la bella azione ci pensa la difesa ospite che duramente porteranno via il pallone tra i piedi di Meroni che cerca di vendicarsi quattro minuti più tardi sfiorando l'incrocio dei pali. Al 58' il bomber cormanese cerca il tiro dalla distanza; pallone sul fondo. Al 62' tocca a Fadini farsi pericoloso in fase offensiva quando con un lungo lancio di Bercè arriva minaccioso nell'area ospite; dopo essersi smarcato sulla linea di fondo palla al piede cercherà un assist al centro senza trovare però nessun compagno. Trascorsi solo tre minuti il Cob91 usufruisce di un calcio piazzato dal limite dell'area alla sinistra del campo; l'incornata del proprio numero nove esce di poco a lato. Al 72' i biancoblu invocano un calcio dal dischetto per un tocco giudicato involontario di Troiano all'interno dell'area  durante un contrasto. Le proteste arrivano anche dagli spalti. Al mezzora del secondo tempo con un calcio di punizione dalla trequarti, lo specialista Bercè, per poco non la mette sotto la traversa; il portiere avversario respinge con i pugni. Al 33' è la volta di Sangalli a mettere i brividi agli ospiti con una azione in contropiede dei padroni di casa; dopo aver ubriacato quel che rimane della difesa biancoblu offre  la sfera sulla sinistra a Meroni ma per il direttore di gara è offside. Ad un minuto dal triplice fischio un tirocross insidioso dalla destra mette in difficoltà la retroguardia della concorezzese; Lissoni fa sua la sfera. Goal mancato goal subito e al novantesimo Sangalli in area trafigge il portiere biancoblu chiudendo così definitivamente l'incontro ( 2-0 ).

La formazione: 

Lissoni, Poletto, Zangari, Brioschi ( dal 85' Parma ), Limonta, Troiano, Rossi, Bercè, Fadini ( dal 67' Sangalli ), Colombo, Meroni ( dal 87' Cambiaghi )

Gli altri risultati del girone D di Prima Categoria:

Bollatese -  Solese ( 1-1 ); Carugate - Paderno Dugnano ( 0-0 ); Cassina Nuova - Pro Novate ( 1-2 ); Cinisellese - Sovicese ( 0-0 ); La Dominante - Vedano ( 0-0 ); Oriens - Basiano Masate ( 1-1 ); Polisportiva Cgb - Polisportiva di Nova ( 0-2 )

La classifica alla prima di Campionato:

Polisportiva di Nova, CONCOREZZESE, Pro Novate 3; Sovicese, La Dominante, Carugate, Cinisellese, Vedano, Basiano Masate, Oriens, Solese, Bollatese, Paderno Dugnano 1; Cob91, Polisportiva Cgb, Cassina Nuova 0

Prossimo giornata, Domenica 13 settembre 2015, alle ore 15.30:

 

Basiano Masate - Cinisellese; Cob91 - Cassina Nuova; Paderno Dugnano - Oriens; Polisportiva di Nova - Carugate; Pro Novate - Bollatese; Solese - La Dominante; SOVICESE - CONCOREZZESE; Vedano - Polisportiva Cgb

*/ ?>

Sport

Il  Conco vince la prima e saluta il vecchio comunale

Il Conco vince la prima e saluta il vecchio comunale

Concorezzo. Buona la prima. Vittoria meritata e risultato stretto per il Conco. I biancorossi del calcio lasciano alle spalle la tragica esperienza in Coppa Lombardia e al comunale "Bonizzi e Soglio" si impongono sul Cob91 con due reti. Alla mezzora della prima fase di gioco uno scatenato Meroni porta in vantaggio i padroni di casa; allo scoccare del novantesimo ci pensa Sangalli a spegnere le speranze degli agguerriti ospiti. Non mancano g

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-CITTADELLA 1-0
 
Un bruttissimo Monza segna un gol che vale la vittoria a 3’ dal triplice fischio beffando all’U-Power Stadium un Cittadella che avrebbe meritato i 3 punti in palio. Si dice che il calcio è bello proprio per questo, perché non sempre vince il migliore. Oggi ha vinto la squadra più fortunata, quella biancorossa allenata da Giovanni Stroppa, che sta facendo peggio del predecessore Cristian Brocchi ma che almeno ha l’onestà e l’umiltà di ammettere errori e orrori del suo gruppo.
Siamo consapevoli che il tecnico di Mulazzano oggi doveva fare i conti con le assenze degli infortunati Lamanna, Barillà, Scozzarella, Mota e Favilli e dello squalificato Marrone, ma considerando la rosa che ha a disposizione (escludendo l’attacco) e il tempo trascorso da quando ha preso in mano la squadra, non possiamo non evidenziare che invece di migliorare si sta regredendo, con sempre più errori tecnico-tattici in tutte le zone del campo e un’assoluta inconsistenza nel reparto offensivo. Un reparto già privo di un “bomber” vero, con due presunti titolari in infermeria (Favilli e Mota) e uno che sta tradendo le aspettative (Ciurria). Considerando che Gytkjaer si è involuto rispetto alla scorsa stagione e in attesa che Finotto ritrovi la condizione dopo un anno di stop a seguito della rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro, invece di sperimentare improbabili soluzioni-tampone con Colpani a Parma e con Valoti oggi, sarebbe il caso di puntare maggiormente su D’Alessandro e Vignato, che sembrano essere le uniche punte in grado di saltare l’uomo con una certa continuità. Anche il centrocampo è troppo geometrico e compassato, povero di idee e grinta. A questo proposito il Machìn di quest’anno ha dimostrato di essere una valida carta da giocare per cercare di scardinare le difese avversarie.
 
Uno che sa come si fa è Matteo Pessina, il campione d’Europa con la Nazionale che veste la maglia dell’Atalanta ma che da monzese D.o.c. proprio nel Monza ha iniziato la carriera professionistica. Prima della partita di oggi è stato premiato sia dal club biancorosso tramite l’amministratore delegato Adriano Galliani, sia dal Comune di Monza per mano del sindaco Dario Allevi. A lui è stato dedicato anche uno striscione dalla Curva Davide Pieri che recitava: “Un bagai de Munscia sul tecc d’Europa, Matteo orgoglio nostro”.
 
Il Cittadella allenato da Edoardo Gorini non ha maramaldeggiato sulla compagine brianzola grazie agli ottimi interventi del portiere Di Gregorio, certamente il migliore in campo oggi, e grazie alla buona sorte, in particolare quando i legni della porta hanno respinto due conclusioni granata. La prima registrata all’8’ del primo tempo su calcio di punizione di Branca (e sulla ribattuta del palo Di Gregorio ha salvato in tuffo la botta a colpo sicuro di Antonucci), la seconda, finita sulla traversa, al 36’ del secondo tempo su colpo di testa di Beretta. Di Gregorio ha poi compiuto altri due miracoli all’11’ e al 28’ del primo tempo, rispettivamente su Antonucci e sull’ex biancorosso Vita. Sempre nella prima frazione di gioco, al 45’, Okwonko con un sinistro ha mandato la palla di poco fuori. Il Monza? Non pervenuto. Tra l’altro al 34’ Stroppa è stato costretto a inserire Caldirola per Pirola, uscito dal campo per un leggero trauma cranico causato da uno scontro aereo con Tounkara.
 
Al rientro in campo dopo l’intervallo musicale col rapper Vegas Jones la solfa non è cambiata di molto, anche se certamente la sostituzione di Ciurria con D’Alessandro ha cominciato a portare benefici in quanto a imprevedibilità al limite dell’area padovana. Si segnala al 3’ un colpo di testa di Caldirola a lato, al 19’ una conclusione in scivolata di Beretta finita alta, al 21’ un tiro del biancorosso Mazzitelli dalla distanza perso sul fondo e al 22’ un colpo di testa di Valoti semplice da bloccare per il portiere dei veneti Kastrati. Quando però sono entrati Machìn per Gytkjaer e poco dopo Vignato per Colpani si è avuta la sensazione che la beffa ai danni degli ospiti era possibile. Dopo la già citata traversa di Beretta c’è stata la risposta di Valoti con una rasoiata stampatasi sul palo al 41’. E al termine del primo dei 4’ di recupero ecco che il sogno si è avverato: sull’ennesimo corner battuto dal Cittadella (13 a 7 il computo finale per i granata) Machìn è uscito palla al piede dall’area e ha servito D’Alessandro che si è involato in contropiede folgorando Kastrati dai 10 metri.
 
Si è trattato di un successo che può essere considerato come una vendetta per l’eliminazione subita lo scorso agosto dalla Coppa Italia, ma non cancella l’amarezza per l’eliminazione patita lo scorso maggio nei play-off promozione ad opera sempre del Cittadella. Il Monza non ha mai perso coi granata padovani nella regular season di Serie B, ma in altre occasioni la sconfitta è stata piuttosto bruciante.
 
In sala stampa Gorini ha dichiarato quanto ci si aspettava: “La sconfitta di oggi è come un cazzotto in faccia. Abbiamo costruito almeno 5 o 6 palle-gol, ma siamo stati poco incisivi e abbiamo avuto un pizzico di sfortuna. Fa parte del calcio perdere una partita che si meritava di vincere. Sul gol siamo stati ingenui: eravamo in 3 contro 1 e si poteva fare fallo”.
 
Stroppa ha onestamente stroncato la prestazione della squadra relativamente a due terzi di gara: “Chi è subentrato ha fatto quello che gli altri non erano riusciti a fare. Per un’ora non siamo stati in campo. Nel primo tempo abbiamo faticato su tutti i fronti. Abbiamo giocato malissimo. Nel secondo tempo è andata un po’ meglio: con i cambi si è smosso qualcosa. Oggi abbiamo preso 6 punti perché 3 punti contro il Cittadella che è una squadra difficile valgono doppio. Questa vittoria deve darci la consapevolezza che anche noi siamo una squadra forte e lo dobbiamo mostrare dalla prossima partita”.
 
D’Alessandro ha raccontato il gol: “Sono partito veloce palla al piede e ho visto che dall’altra parte c’era Vignato, ma anche tanto campo davanti a me. Sono andato dritto verso la porta e ho segnato. Dobbiamo ringraziare Di Gregorio che ci ha permesso di rimanere in gara”.
 
Mercoledì prossimo alle ore 20.30 il Monza scenderà in campo al “Romeo Menti” di Vicenza per il turno infrasettimanale. Poi lunedì 1 novembre alle 15 ospiterà l’Alessandria.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Il Cittadella gioca, il Monza vince

Il Cittadella gioca, il Monza vince

MONZA-CITTADELLA 1-0   Un bruttissimo Monza segna un gol che vale la vittoria a 3’ dal triplice fischio beffando all’U-Power Stadium un Cittadella che avrebbe meritato i 3 punti in palio. Si dice che il calcio è bello proprio per questo, perché non sempre vince il migliore. Oggi ha vinto la squadra più fortunata, quella biancorossa allenata da Giovanni Stroppa, che sta facendo peggio del predecessore Cristian Brocchi ma che al

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo.Dopo aver realizzato il nuovo palazzetto di via La Pira per le società di pallavolo e basket, dopo aver messo mano all'annosa questione della piscina (ad agosto il bando di gara), il Comune si prepara ora a dare una risposta ai quasi quattrocento bambini, giovani e ragazzi che militano sotto le varie maglie biancorosse del GSD Concorezzese. La Giunta guidata dal sindaco Riccardo Borgonovoha dato inizio all'iter di riqualificazione dello stadio comunale di via Pio X, seguendo l'innovativa procedura delleasing costruendo, che eviterà anche l'accensione di mutui. Un percorso che comprta un investimento di circaun milione di euro, con un'uscita di denaro di circa 100mila euro per i prossimi dieci anni.

"Questo intervento - spiega il sindaco - fa parte di un'operazione complessiva che sta decisamente innalzando il livello di qualità delle nostre strutture, evitando che i ragazzi di Concorezzo vadano a cercare alternative fuori paese. E' un progetto intelligente, ponderato e che offre al Comune una serie di garanzie sul fronte economico e assicurativo. Mettiamo finalmente mano a un problema noto, che tocca quasi 400 calciatori. L'ultimo passo di questo percorso sarà la pista di pattinaggio, a cui è destinata in parte l'area da 62.000 metri quadrati già destinata a impianti sportivi sempre vicino a via Pio X".

L'intervento allo stadio prevede il rifacimento del campo centrale e di un campo di allenamento in erba sintetica, il rifacimento dell'impianto di illuminazione e della recinzione e la messa a norma della tribuna.

 

Prime polemiche dall'opposizione di Vivi Concorezzo. " Pur ritenendo che ai nostri ragazzi debbano essere offerte strutture sportive adeguate - scrivono - Vivi Concorezzo ritiene chela città abbia ben altre priorità, e che un intervento di sistemazione dei campi di calcio si possa fare a costi ben più contenuti. A questo fine ci siamo già attivati per chiedere formalmente all’amministrazione una revisione e ridiscussione del progetto".

*/ ?>

Cronaca

Il Comune mette mano allo Stadio comunale, palestra di sport per 400 ragazzi

Il Comune mette mano allo Stadio comunale, palestra di sport per 400 ragazzi

Concorezzo.Dopo aver realizzato il nuovo palazzetto di via La Pira per le società di pallavolo e basket, dopo aver messo mano all'annosa questione della piscina (ad agosto il bando di gara), il Comune si prepara ora a dare una risposta ai quasi quattrocento bambini, giovani e ragazzi che militano sotto le varie maglie biancorosse del GSD Concorezzese. La Giunta guidata dal sindaco Riccardo Borgonovoha dato inizio all'iter di riqualificazione de

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Concorezzo. Il Conco ridotto in nove ferma la capolista Speranza di Agrate. I biancorossi del calcio riescono nell'impresa contro la compagine arancioverde; vanno sotto di una rete poco prima del riposo, "bomber" Matteo Mazzeo pareggia i conti al novantesimo in un "Bonizzi & Soglio" gremito. Incontro combattuto su tutti i fronti, molteplici le occasioni da gol in area mancate. Al termine dell'incontro un punticino meritato a ciascuno. Duro lavoro per il direttore di gara.
 
Guarda il video-sintesi del match: http://www.wematch.net/categoria.html
 
 
Gli altri risultati del girone M di Prima Categoria:
 
Cinisellese - Crespi Morbio ( 4 - 5 ); Muggiò - Città di Segrate ( 1 - 0 ); Paderno Dugnano - S.G. Crisostomo ( 1 - 1 ); Polisportiva CGB - Real Cinisello ( 1 - 1 ); Polisportiva di Nova - Centro Schuster ( 0 - 1 ); S.Albino S.Damiano - Carugate ( 2 - 1 ); Villa - Cob91 ( 1 - 2 )
 
La classifica:
 
Speranza Agrate 25; Muggiò 23; Cinisellese 20; Paderno Dugnano 17; Cob91 16; Villa 15; Concorezzese, Carugate, Centro Schuster 12; S.Albino S.Damiano 9; Polisportiva di Nova 7; S.G.Crisostomo, Polisportiva CGB 6; Crespi Morbio 5; Real Cinisello 4.
 
Decima giornata di Campionato, domenica 9 novembre 2014 ore 14.30:
 
Cob91 -  Paderno Dugnano; Carugate - Villa; Centro Schuster - Concorezzese; Città di Segrate - S.Albino S.Damiano; Crespi Morbio - Muggiò; Real Cinisello - Polisportiva di Nova; S.G. Crisostomo - Polisportiva CGB; Speranza Agrate - Cinisellese.
*/ ?>

Sport

Il Conco di Mazzeo (in 9!) stoppa la capolista Agrate

Il Conco di Mazzeo (in 9!) stoppa la capolista Agrate

Concorezzo. Il Conco ridotto in nove ferma la capolista Speranza di Agrate. I biancorossi del calcio riescono nell'impresa contro la compagine arancioverde; vanno sotto di una rete poco prima del riposo, "bomber" Matteo Mazzeo pareggia i conti al novantesimo in un "Bonizzi & Soglio" gremito. Incontro combattuto su tutti i fronti, molteplici le occasioni da gol in area mancate. Al termine dell'incont

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREAgrate BrianzaIl Conco affonda la Sovicese e va in seminario dai grandi del calcio. Poker di reti in campo, e poker di lezioni per migliorare la formazione dei propri dirigenti e preparatori. I biancorossi del calcio dopo un'inizio match affannoso spadroneggiano sul campo del 'Missaglia'. Simone Cambiaghi porta in vantaggio la Concorezzese realizzando un calcio di rigore alla prima mezzora di gioco; Riccardo Meroni raddoppia dopo soli otto minuti con una potente diagonale; ad inizio ripresa gli uomini di Alberto Motta troveranno la terza rete con uno scatenato Cambiaghi e il poker dal dischetto all'ottantanovesimo con Nicolas Colombo rientrato in rosa dopo l'infortunio alla caviglia. Risultato finale: 4-0. E intanto fanno sapere dalla sede di via Manzoni che nelle prossime settimane, allenatori, tecnici e dirigenti di Serie A e B presenteranno allo staff tecnico della GSD Concorezzese la loro esperienza con i ragazzi dei settori giovanili. I seminari saranno ospitati nell’Aula Magna dell’Oratorio San Luigi di Concorezzo. 


La cronaca. 
5' I primi minuti di gioco gli ospiti infastidiscono con un paio di occasioni in fase offensiva i padroni di casa. Sarà arancioverde il primo calcio dalla bandierina; la conclusione sovicese da fuori area però non troverà la porta, il pallone si inpenna oltre la traversa.

12' Il Conco ( in tenuta gialloblu ) incomincia ad avanzare. Bercè dagli estremi di un calcio piazzato al limite dell'area si vede respingere due volte la sua conclusione dalla barriera poi la palla, dopo alcuni rimpalli in area, Meroni la metterà nel sacco ma per Suardi è offside.

17' Dalla destra Poletto si precipità con prepotenza in area avversaria ma l'estremo difensore ospite ha la meglio; la palla sarà spazzata via dalla difesa.

19' La Sovicese cerca di reagire guadagnando un calcio d'angolo ma la retroguardia casalinga chiude ogni varco. La compagine arancioverde ci riproverà un minuto più tardi tramite un calcio di punizione battuto dalla trequarti; Lissoni in uscita aerea però farà sua la sfera. Occasione sfumata.

22' Bercè riceve il pallone all'interno dell'area; fa tutto bene ma la conclusione sarà da dimenticare, pallone alto sopra la porta. Stessa sorte successivamente per il colpo di testa di Parma su un tiro dalla bandierina di Sangalli, pallone sul fondo.

30' Zangari viene fermato brutalmente in area ospite. Suardi indica il dischetto. Cambiaghi dagli undici metri non sbaglia; portiere spiazzato ( 1-0 )

32' Occasione da gol per Zangari nel cuore dell'area arancioverde ma il terzino gialloblu sbuccia malamente il pallone. Trascorsi tre minuti e toccherà a Sangalli direttamente da un calcio di punizione a spedire il pallone fuori dallo specchio della porta. 

37' Troiano di testa allontana la sfera dalla propria area da un tiro proveniente dalla bandierina calciato dagli ospiti facendo ripartire il Conco in contropiede. Meroni si invola sulla destra del campo verso l'area arancioverde trafiggendo di potenza il portiere ( 2-0 )

42' Gli ospiti prima del riposo vogliono a tutti costi accorciare le distanze con un calcio di punizione; la retroguardia dei padroni di casa però non riuscirà ad essere invalicata. Un minuto più tardi e Meroni si presenta a tu per tu con il portiere sovicese ma a fermare il centroavanti concorezzese ci pensa Suardi

La prima azione del secondo tempo passerà tra i piedi della formazione arancioverde costringendo Troiano a rifugiarsi in corner.

49' Cambiaghi fulmina in contropiede la retroguardia ospite sulla fascia sinistra; l'estremo difensore arancioverde tenterà inutilmente in uscita di difendere il proprio fortino dal bomber gialloblu, il pallone si insaccherà sul secondo palo ( 3-0 )

La formazione di Sovico non mollerà fino al triplice fischio ma sul rettangolo verde di via Archimede ad essere più incisivi saranno i padroni di casa. L'occasione più ghiotta per gli arancioverdi sarà intorno al 62' quando con il proprio numero sette arriveranno in area dinanzi a Lissoni che però avrà la meglio.
Il direttore di gara interromperà una manciata di incursioni di Meroni per posizione irregolare. 
Cambiaghi  verrà marcato stretto dalla difesa ospite. 
Un tiro da fuori di Bercè che rimbalzerà sulla schiena di un avversario facendo cambiare traiettoria al pallone. 
All'89', Nicolas Colombo realizzerà dal dischetto il 4-0 chiudendo definitivamente l'incontro.


La formazione: 
Lissoni, Poletto, Viganò ( dal 81' Perego ), Parma,Troiano, Brioschi, Zangari, Bercè, Cambiaghi ( dal 78' Colombo ), Sangalli ( dal 73' Fadini ), Meroni. 
Voto di squadra: 7

Direttore di gara: sig. Riccardo Suardi di Sesto san Giovanni
 
Risultati negli altri campi del girone D di Prima Categoria:
 
Bollatese - Pro Novate ( 5-1 ); Carugate - Polisportiva di Nova ( 1-0 ); Cassina Nuova - Cob91 ( 0-2 ); Ciniselese - Sporting BM ( 1-0 ); La Dominante - Solese ( 1-0 ); Oriens - Paderno Dugnano ( 2-0 ); Polisportiva Cgb - Vedano ( 1-2 )
 
La classifica alla diciasettesima giornata di campionato:
 
Carugate 37; Cinisellese 36; Sporting BM 35; Cob91 34; CONCOREZZESE 33; Bollatese 29; Polisportiva di Nova, Cassina Nuova 22; Paderno Dugnano 21; Vedano 20; Oriens, Sovicese 18; Solese 16; Pro Novate 12; Polisportiva Cgb 11; La Dominante 10.
 
Prossimo turno, domenica 31 gennaio 2016:
 
SPORTING BM - CONCOREZZESE; Cob91 - Bollatese; Cinisellese - Oriens; Paderno Dugnano - Polisportiva di Nova; Pro Novate - La Dominante; Solese - Polisportiva Cgb; Sovicese - Cassina Nuova; Vedano - Carugate.
 
I SEMINARI TECNICI


Si parte venerdì 29 gennaio con Mario Beretta, ex-allenatore di Monza, Como, Chievo, Parma, Siena, Torino, oggi responsabile del settore giovanile Cagliari. Beretta, che vanta nel suo lungo curriculum anche una panchina all’estero, aprirà il programma di seminari tecnici organizzato da GSD Concorezzese per i propri allenatori e dirigenti. 


“I seminari sono rivolti a tutto lo staff tecnico, con lo scopo di conoscere l’esperienza di professionisti con molti anni di carriera nei settori giovanili delle principali società calcistiche italiane -  
spiega il Direttore Sportivo, Luigi Paleari - Con questa iniziativa, GSD Concorezzese intende offrire al proprio staff tecnico una grande opportunità di approfondimento e aggiornamento professionale, per fornire un servizio sempre più qualificato ai ragazzi delle nostre squadre e alle loro famiglie.” 



I seminari affronteranno diverse tematiche legate al rapporto fra i giovani e il mondo del calcio. Oltre a Mario Beretta, interverranno Fulvio Fiorin (vice di Filippo Inzaghi al Milan), Mino Favini (lo storico “talent scout” che ha fatto grande il settore giovanile dell’Atalanta) e Alfredo Magni (con oltre 20 anni di panchine in Serie A e B). 



Ecco il programma dettagliato delle serate. 



Venerdì 29 gennaio, ore 21 - MARIO BERETTA 

Responsabile Settore Giovanile Cagliari ed ex-allenatore di Monza, Como, Chievo, Parma, Siena, Torino 

La gestione dei rapporti fra giocatori e allenatori/dirigenti/famiglie 



Venerdì 5 febbraio, ore 21 - FULVIO FIORIN 

Allenatore settore giovanile e coordinatore tecnico AC Milan, vice di Filippo Inzaghi in prima squadra 

La preparazione atletica e psicologica dei ragazzi 



Mercoledì 10 febbraio, ore 21 - MINO FAVINI 

Direttore del settore giovanile e storico “talent scout” dell’Atalanta 

Rapporti umani fra la famiglia e la società calcistica 



Venerdì 19 febbraio, ore 21 - ALFREDO MAGNI 

Ex-calciatore del Como e 22 anni di carriera come allenatore di serie A e B con Bologna, Vicenza, Brescia, Monza 

La preparazione tecnico-tattica e i fondamentali 

*/ ?>

Sport

Il Conco sale in cattedra: poker alla Sovicese e quattro lezioni doc

Il Conco sale in cattedra: poker alla Sovicese e quattro lezioni doc

Agrate Brianza. Il Conco affonda la Sovicese e va in seminario dai grandi del calcio. Poker di reti in campo, e poker di lezioni per migliorare la formazione dei propri dirigenti e preparatori. I biancorossi del calcio dopo un'inizio match affannoso spadroneggiano sul campo del 'Missaglia'. Simone Cambiaghi porta in vantaggio la Concorezzese realizzando un calcio di rigore alla prima mezzora di gioco; Riccardo Mero

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREAgrate BrianzaAres Fadini infiamma il 'Missaglia'. Il Paderno si spegne all'ottantesimo. Dopo una poco brillante prestazione i biancorossi del calcio rimangono stabili nei piani alti della classifica a soli cinque punti dalla capolista Cinisellese. Ospiti più aggressivi in fase offensiva anche se di importanti occasioni da rete se ne contano sulle dita di una mano. Decide la rete di Ares Fadini imbeccato da un assist di Golemme ad un quarto d'ora dal termine. Conco in dieci uomini dal settantesimo minuto per l'espulsione di Troiano dopo un duro contrasto al centro del campo costatagli il secondo cartellino giallo. Risultato finale: 1-0. Il Conco, al momento, è terzo in classifica.

La cronaca: 
 
Inizio sotto tono per i biancorossi, I milanesi alle prime battute di gioco cercheranno gia di impensierire Lissoni  un paio di incursioni in area. Il portiere concorezzese ha la meglio facendo suo il pallone.
8' Simone Cambiaghi sfortunato. La sua conclusione in area ospite viene fermata dai due pali senza varcare la soglia della porta.
11' Parma in fuga verso la porta avversaria viene steso a circa trenta metri dalla meta. Dal calcio di punizione calciato da Sangalli, l'ultimo tocco di Troiano si impenna sopra i legni.
14' Capitan Rossi sulla linea di porta respinge con i piedi una diagonale ravvicinata del numero nove padernese.
16' Il primo calcio d'angolo del match è per i grigiocelesti. L'incornata al centro dell'area biancorossa esce sul fondo.
18' Il tiro dalla distanza sulla destra del rettangolo verde "a palombella" del terzino ospite non va a buon fine. Pallone tra le braccia del raccattapalle di turno a bordo campo.
20' Cambiaghi guadagna un calcio di punizione sulla fascia sinistra. Il tiro di Sangalli si spegne direttamente sul fondo senza trovare alcun tocco all'interno dell'area grigioceleste.
Trascorsi i primi venti minuti. Gli ospiti comprimono i padroni di casa nella propria metacampo. Il Conco cercherà di ripartire tramite lanci in profondità indirizzati verso le due punte senza riuscire nell'intento.
32' Il calcio piazzato battuto da Sangalli nella trequarti avversaria viene ribattuta dalla retroguardia ospite.
36' Riccardo Meroni s'invola verso la porta del Paderno sulla parte sinistra del campo ma a fermare l'azione ci pensa Cremonesi per una posizione irregolare. 
L'attaccante biancorosso ritenterà poco più tardi guadagnando un calcio di punizione da oltre trenta metri: Sangalli la metterà sulla testa diParma senza trovare l'incornata decisiva; Viganò raccoglie e rimettendo il pallone all'interno dell'area grigioceleste poi, l'intervento del direttore di gara farà svanire la ghiotta occasione dopo aver visto oltre la linea difensiva avversaria Meroni.
39' Il numero sette ospite, Cirone, ha tra i piedi due occasioni per impensierire Lissoni tra i pali ma l'assetto difensivo biancorosso gli chiude lo specchio della porta. Dal corner la testa di Bercè sulla linea di porta allontana la sfera dalla propria area.
41' Sangalli lancia Cambiaghi all'assalto del fortino ospite ma al momento della battuta a rete viene fermato da un difensore avversario. 
42' Il  tiro di Sangalli da un calcio di punizione nella trequarti del Paderno viene intercettato dalla barriera. 
 
La prima mezzora della ripresa non sarà entusiasmante. Le due compagini combattono duramente al centro del campo. Gli ospiti avranno si faranno vedere pericolosi in fase offensiva con il suo numero quattro: prima, sfruttando una indecisione della retroguardia biancorossa trova il tiro da fuori area poi, dopo alcuni rimpalli all'interno dell'area casalinga, mandando il pallone oltre la traversa. 
 
82' Golemme serve Fadini in area ospite. Con destrezza fredda l'estremo difensore grigioceleste ( 1-0 )
84' Reagiscono subito quelli del Paderno con un tiro poco pulito. Palla sopra la porta.
86' Il tiro dalla bandierina di Bercè indirizzato al centro dell'area ospite viene intercettato dalla testa di un difensore padernese. Pallone prontamente allontanato.
88' Nervi tesi fuori e dentro il terreno di gioco. Cirone viene mandato in anticipo sotto la doccia da Cremonesi. Ristabilita la parità numerica in campo.
91' Limonta trova rifugio in corner, bloccando appena in tempo la conclusione in area del numero cinque avversario. Dal calcio d'angolo gli ospiti mancano il tocco decisivo sulla linea di porta concorezzese.
 
La formazione:
 
Lissoni, Poletto, Viganò, Silipini ( dal 68' Golemme ), Troiano, Rossi, Parma, Bercè, Cambiaghi ( dal 65' Fadini ), Sangalli ( dal 71' Limonta ), Meroni.
 
Direttore di gara: Sig. Flavio Cremonesi ella sezione di Lodi
 
Gli altri risultati del Girone D di Prima Categoria:
 
Bollatese .- Oriens ( 1-1 ); Carugate - Cob91 ( 0-1 ); Cassina nuova - Cinisellese ( 0-1 ); La Dominante - Sporting BM ( 3-2 ); Polisportiva Cgb - Sovicese ( 1-1 ); Polisportiva di Nova - Pro Novate ( 1-1 ); Vedano - Solese ( 0-0 ).
 
La classifica alla quindicesima giornata di campionato:
 
Cinisellese 45; Carugate 43; Cob91, CONCOREZZESE 40; Sporting Basiano Masate 39; Bollatese 30; Polisportiva di Nova 27; Cassina Nuova 26; Paderno Dugnano 25; Oriens 23; La Dominante 22; Vedano 21; Sovicese 19; Solese 18; Polisportiva Cgb 16; Pro Novate 13.
 
Prossimo turno, domenica 28 febbraio 2016:
 
Sporting BM - Polisportiva Cgb; Cob91 - Polisportiva di Nova; Cinisellese - Bollatese; CONCOREZZESE - CASSINA NUOVA; Oriens - La Dominante; Paderno Dugnano - Solese; Pro Novate - Vedano; Sovicese - Carugate.
*/ ?>

Sport

Il Conco torna a volare alto, battuto il Paderno

Il Conco torna a volare alto, battuto il Paderno

Agrate Brianza. Ares Fadini infiamma il 'Missaglia'. Il Paderno si spegne all'ottantesimo. Dopo una poco brillante prestazione i biancorossi del calcio rimangono stabili nei piani alti della classifica a soli cinque punti dalla capolista Cinisellese. Ospiti più aggressivi in fase offensiva anche se di importanti occasioni da rete se ne contano sulle dita di una mano. Decide la rete di Ares Fadini imbeccato da un as

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREAgrate Brianza. Il Conco affonda l'Oriens di Brembate al 'Missaglia' e vola al terzo posto in classifica. Dopo una prima frazione di gioco combattuta per la maggior parte del tempo al centro del campo i biancorossi del calcio sbloccano il risultato ad inizio ripresa con la testa di Troiano dagli estremi di un calcio d'angolo. Trascorsi solo tre minuti e Osio pareggerà i conti direttamente da un calcio piazzato da oltre trenta metri. Il gran tiro da fuori di Bercè e il tocco in mischia all'interno dell'area piccola di Poletto chiuderanno definitivamente l'incontro. Nervi tesi sul finale. Neroverdi decimati dal direttore di gara nei minuti di recupero ( 3-1 )

La cronaca: 5' Il tiro da fuori area di Otelli si spegne oltre la traversa.
8' I padroni di casa si fanno vedere in avanti con un corner. Il gioco verrà interrotto da Ferrigno per un intervento scorretto dei biancorossi.
10' Viganò sulla fascia sinistra serve in avanti Sangalli sulla linea di fondo. Meroni da due passi non troverà l'incornata vincente.
12' Lancio lungo da centrocampo di Sangalli per i piedi di ViganòForlani gli intercetterà il cross diretto verso il cuore dell'area.
13' Calcio d'angolo per l'Oriens. Magni di testa non centra il bersaglio, pallone sopra la porta.
14' Poletto viene fermato in corner mentre si incunea in area avversaria dalla destra. L'azione sfumerà con il tiro da terra di Citterico giudicato falloso da Ferrigno. Comunque il pallone uscirà sul fondo senza creare grosse preoccupazioni a Forlani.
17' Meroni in fuga sulla parte destra del rettangolo verde viene sgambettato da Vierchowod. Il tiro di Sangalli dal calcio di punizione impegnerà con i pugni in uscita aerea Forlani.
21' Gli ospiti faticano ad invalicare il reparto difensivo dei padroni di casa. Sangalli lanciato verso la porta con Forlani fuori dai pali viene fermato in estremis da Rubbi.
23' Con un calcio da fermo dalla distanza, Osio impensierisce Lissoni. Pallone fuori di un soffio.
28' Meroni lanciato in avanti da Sangalli viene anticipato da Forlani in uscita aerea.
29' Dalla destra del campo su un calcio di punizione, Osio, cercherà il tocco in mezzo all'area concorezzese di qualche suo compagno di squadra ma la sfera uscirà sul fondo. I neroverdi ritenteranno dieci minuti più tardi dalla sinistra ma Cittericoallontanerà prontamente la palla dall'area casalinga.
41' Dagli estremi di un calcio piazzato appena fuori dall'area, dalla destra, battuto da Sangalli, il Conco si farà pericoloso sotto porta la bergamasca ma la testa di Troiano verrà anticipata dalle mani di Forlani.
43' I biancorossi all'interno dell'area neroverde chiedono un intervento arbitrale per un ipotetico comportamento scorretto con un braccio ma Ferrigno lascia proseguire il gioco.
I primi quarantacinque minuti termineranno a reti inviolate.
La ripresa vedrà subito pericolosi i padroni di casa: prima con Sangalli lanciato in offensiva da Meroni, stoppato in fallo laterale daMagni. Poi, la testa di Troiano in area che non troverà lo specchio della porta da un'azione partita dai piedi di Sangalli su un calcio di punizione da circa trenta metri. La cavalcata sulla destra di Poletto terminata a bordo campo e un corner dalla sinistra non andato a buon fine.
54' Sangalli dalla bandierina mette sulla testa di Troiano, all'interno dell'area piccola, un pallone d'oro. Questa volta il difensore biancorosso centra l'obbiettivo. Pallone nel sacco alla destra dell'inerme Forlani ( 1-0 )
57' La gioia concorezzesese durerà poco. Osio con un calcio da fermo da oltre trenta metri trafigge nell'angolo più lontano Lissoni ( 1-1 )
60' Intervento scorretto di Osio. Il calcio di punizione di Sangalli impegnerà Forlani in tuffo nell'angolo sinistro della porta bergamasca. Trascorsi solo due minuti e il centroavanti biancorosso ritenterà ma Magni al centro dell'area salterà più in alto di tutti. Pallone allontanato in corner.
64' Presa elastica di Lissoni su un tiro neroverde partito da un calcio di punizione. 
68' Il tiro debole di Rubbi da fuori area esce sul fondo ad un metro dalla porta difesa da Lissoni. Sull'altro fronte ci penserà successivamente Sangalli a non aggangiare il pallone da due passi.
74' Gambirasio riceve palla da Scotti in area biancorossa dalla destra ma la sua conclusione uscirà sul fondo. Poco più tardi e il numero undici neroverde impegnerà seriamente Lissoni tra i pali.
75' Meroni si fa atterrare appena fuori dall'area. Il precisissimo tiro di Bercè fa volare Forlani all'incrocio dei pali. Pallone in corner.
78' Bercè, dopo alcuni rimpalli in area avversaria, con un siluro dalla distanza fredda Forlani ( 2-1 )
80' Punizione dal limite destro dell'area per l'Oriens. Prima Lissoni si supera con una prodezza tra i pali poi la retroguardia biancorossa spazzerà via il pallone facendo ripartire in contropiede la concorezzese. Meroni marcato stretto in area bergamasca servirà successivamente indietro per Sangalli ma il suo tiro andrà alle stelle.
83' Nervi tesi in campo. Lissoni in uscita aerea fa sua la palla proveniente da un calcio di punizione neroverde dal centro del campo. Zangari, alla ripartenza del Conco, scalda i guanti a Forlani dalla sinistra.
85' Mischia all'interno dell'area piccola ospite. Poletto ci metterà lo zampino decisivo ( 3-1 )
88' Il tiro potente su calcio di punizione di Osio da circa venti metri si infrange sulla barriera locale.
Alle ultime battute dell'incontro i bergamaschi saranno più aggressivi nella metà campo brianzola. Ferrigno manderà Scotti in anticipo sotto la doccia.
E mentre si attendono i risultati degli incontri di questa diciannovesima giornata rinviati per maltempo il Conco si gode il terzo gradino del podio assieme alla Cob91 sconfitta dalla monzese La Dominante
Le formazioni:
 
Concorezzese: Lissoni, Poletto, Viganò ( dal 71' Colombo ), Rossi, Troiano, Limonta, Zangari, Bercè, Meroni ( dal 87' Golemme ), Sangalli ( dal 84' Fadini ), Citterico.
 
Oriens: Forlani, Manzini, Vierchovod ( dal 67' Agostinelli ), Osio, Magni, Mazzoleni, Rubbi, Previtali, Bortoliero ( dal 69' Scotti ), Otelli, Gambirasio. A disposizione di Mister Rota; Colle Fontana, Orlandini, Giassi, Bertola, D'Elia.
 
Direttore di gara: sig. Gabriele Ferrigno di Legnano
 
Risultati negli altri campi del Girone D di Prima Categoria:
 
Bollatese - Sovicese ( rinviata ); Carugate - Solese ( rinviata ); Cassina Nuova - Sporting BM ( rinviata ); Cinisellese - Paderno Dugnano ( 2-0 ); La Dominante - Cob91 ( 2-0 ); Polisportiva Cgb - Pro Novate ( rinviata ); Polisportiva di Nova - Vedano ( rinviata ).
 
La classifica:
 
Carugate 40 *; Cinisellese 39; CONCOREZZESE, Cob91 37; Sporting BM* 36; Bollatese* 29; Cassina Nuova* 25; Polisportiva di Nova* 23; Paderno Dugnano 22; Oriens 21; Vedano* 20; Sovicese* 18; Solese* 17; La Dominante 16; Pro Novate*,Polisportiva Cgb* 12.
 
Prossimo turno, domenica 14 febbraio 2016:
 
Sporting BM - Bollatese; Cob91 - Polisportiva Cgb; CINISELLESE - CONCOREZZESE; Oriens - Cassina Nuova; Paderno Dugnano - Vedano; Pro Novate - Carugate; Solese - Polisportiva di Nova; Sovicese - La Dominante.
*/ ?>

Sport

Il Conco vince ed è terzo

Il Conco vince ed è terzo

Agrate Brianza. Il Conco affonda l'Oriens di Brembate al 'Missaglia' e vola al terzo posto in classifica. Dopo una prima frazione di gioco combattuta per la maggior parte del tempo al centro del campo i biancorossi del calcio sbloccano il risultato ad inizio ripresa con la testa di Troiano dagli estremi di un calcio d'angolo. Trascorsi solo tre minuti e Osio pareggerà i conti direttamente da un calcio piazzato

  Monza 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-GOZZANO 1-0


Con l’ennesima vittoria di oggi (la nona in 11 gare) il Monza guadagna ben 2 punti sul più immediato inseguitore in classifica, il Renate, ora distanziato di 7 lunghezze e agganciato dal Pontedera. Proprio il prossimo match, in programma sabato alle ore 20.45, dunque solo 3 giorni dopo il turno infrasettimanale, sarà con l’altra squadra professionistica della provincia, battuta ed eliminata in Coppa Italia Serie C con un pesante 4-1 allo stadio Brianteo lo scorso 9 ottobre.
Il calendario fitto di incontri ha fatto sì che l’allenatore dei biancorossi Cristian Brocchi optasse per un continuo turnover e così stasera si sono visti in campo, rispetto al match pareggiato domenica a Grosseto con la Pianese, i difensori Marconi e Sampirisi, i centrocampisti Palazzi e D’Errico, il trequartista Mosti e gli attaccanti Finotto e Marchi. Per le scelte da effettuare il tecnico milanese non ha potuto prendere in considerazione Franco, Rigoni e Gliozzi perché infortunati.
Il Gozzano, guidato da David Sassarini, era anch’esso incompleto, ma forte degli “ex” Uggè e Tomaselli, quest’ultimo ancora di proprietà del club di “patron” Silvio Berlusconi, oggi per la prima volta assente a un match casalingo del campionato in corso. Non ha potuto dunque assistere, come invece hanno fatto i circa 3mila presenti, all’esordio del nuovo impianto di illuminazione, che sabato sarà ufficialmente inaugurato con dei giochi di luci un quarto d’ora prima del fischio d’inizio.
Anche contro i rossoblù cusiani il Monza è partito molto forte: Marchi, D’Errico, ancora Marchi e Palazzi sono andati vicini alla marcatura nei primi 12’ di gioco. Passata la sfuriata, il Gozzano ha cominciato a organizzarsi meglio e Tomaselli e Fedato hanno fatto venire i brividi alla tifoseria brianzola con due incursioni in area avversaria. La reazione dei locali c’è stata con D’Errico e Mosti ma entrambi hanno strozzato in gola l’urlo del gol.
Nella ripresa le occasioni clamorose sono state di meno ma tutte di marca monzese: un palo di Lepore e un destro a lato di poco di un D’Errico strepitoso (gli è mancato solo il gol) hanno fatto da apripista alla rete della liberazione del neoentrato Armellino, bravo ad allungare la gamba su un cross dalla sinistra di Anastasio.
In sala stampa Brocchi si è lamentato per la poca concretezza della sua squadra: “Dobbiamo trasformare più palle-gol in gol. Nel primo tempo abbiamo creato tantissime occasioni da rete eppure è finito 0-0. Oggi dobbiamo fare il ‘mea culpa’ su questa cosa. Marconi? Bisogna fargli i complimenti per come ha giocato la sua prima partita da titolare della stagione. D’Errico? È tornato quello della passata stagione. Spero di poterlo rivedere come oggi e anche meglio. Sabato per il derby col Renate speriamo che ci sia entusiasmo, che la gente tifi Monza per 90’. Non recupererò Franco ma Gliozzi sì e penso anche Rigoni”.
Il match-winner Marco Armellino si è mostrato contento per il suo gol ma ha ammonito i compagni: “Abbiamo avuto 3 o 4 occasioni limpide per fare gol e non l’abbiamo fatto. Contro squadre chiuse in difesa è difficile costruirne di più, perciò bisogna sfruttarle meglio”.
Sassarini è abbastanza soddisfatto della prestazione del suo Gozzano: “A tratti abbiamo giocato bene, ma alla fine è venuta fuori la differenza di qualità tra le due ‘rose’, soprattutto nei cambi. Comunque abbiamo avuto tre occasioni grosse che non sono state sfruttate. Anche con Tomaselli, che è stato sostituito presto, così come Spina, perché ha sempre giocato 90’ e quindi dovevo preservarlo per la partita di domenica prossima".

*/ ?>

Sport

Il Monza batte il Gozzano in attesa del derby di vertice

Il Monza batte il Gozzano in attesa del derby di vertice

  Monza  MONZA-GOZZANO 1-0 Con l’ennesima vittoria di oggi (la nona in 11 gare) il Monza guadagna ben 2 punti sul più immediato inseguitore in classifica, il Renate, ora distanziato di 7 lunghezze e agganciato dal Pontedera. Proprio il prossimo match, in programma sabato alle ore 20.45, dunque solo 3 giorni dopo il turno infrasettimanale, sarà con l’altra squadra professionistica della provincia,

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-LECCE 1-0
 
Il Monza inanella il terzo successo consecutivo ma la Salernitana gli rovina la festa andando a vincere a Lignano Sabbiadoro contro il Pordenone grazie a un rigore al 96’. E dunque i biancorossi risalgono solo fino al terzo posto che, salvo miracoli, sarà la miglior posizione che riusciranno a ottenere al termine della regular season, dato che nelle ultime 2 giornate la squadra campana, davanti al Monza di 2 lunghezze, dovrà affrontare un già promosso Empoli (proprio oggi) e un quasi retrocesso Pescara mentre la compagine guidata da Cristian Brocchi avrà due sfide difficili contro Cosenza e Brescia, una in lotta per la salvezza e l’altra per un posto nei play-off promozione. Play-off che consentiranno a una terza formazione, appunto, di salire nella massima serie e che vedranno al via 6 team. È in questa post-season che presumibilmente il Monza giocherà le sue ultime carte per far felici i propri tifosi che mai hanno visto una Serie A.
 
Oggi all’U-Power Stadium la squadra che aveva subito meno gol in campionato ha ospitato quella che ne aveva segnati di più e che aveva conquistato più punti in trasferta. Brocchi ha confermato il sistema 3-5-2 che aveva esordito col botto sabato scorso a Salerno, inserendo, rispetto a 3 giorni prima, 2 degli 8 “castigati” per l’espatrio in Svizzera a scopo ludico (giocare a carte al Casinò di Lugano): Bellusci e Boateng hanno infatti rilevato rispettivamente Scaglia e Diaw; inoltre il tecnico milanese ha preferito Barberis a Scozzarella. In tribuna, assieme agli infortunati Lamanna e Maric, sono andati Anastasio e Donati.
Eugenio Corini, allenatore del Lecce, non ha avuto a disposizione lo squalificato Majer e gli infortunati Adjapong, Calderoni e Pettinari.
 
Il pallino del gioco lo prende il Monza ma la difesa ospite si fa valere e non si registrano particolari occasioni da gol nei primi minuti di contesa. Sono i pugliesi ad accendere le polveri all’8’ con un esterno destro di Henderson che Di Gregorio blocca agevolmente. Il Monza si fa vivo dalle parti di Gabriel solo al 20’: sul cross dalla destra dell’ottimo Frattesi arriva Colpani, che però, sbilanciato, colpisce in qualche modo la sfera. 1’ dopo è invece Mota a calciare male il pallone. Al 22’ si annota un improvviso destro di Coda in area brianzola che Di Gregorio respinge. Al 25’ una bella azione manovrata del Monza si conclude con un tiro strozzatissimo di Frattesi. Il colpo del k.o. biancorosso arriva al 41’: lo specialista dei calci di punizione Barberis pennella nel “sette” alla sinistra di Gabriel. Al 46’ Bellusci respinge di schiena una botta di Coda, poi la palla finisce sui piedi di Dermaku che spara fuori.
 
Al 7’ del secondo tempo il Monza poteva smettere di soffrire se Boateng avesse messo in rete il delizioso pallone messogli sul destro da Barberis: il “germano-ghanese” riesce invece a calciare fuori il rigore in movimento. 1’ dopo un diagonale di Carlos Augusto passa a lato d’un soffio. Il Monza cala vistosamente dal punto di vista fisico e il Lecce prende possesso di palla e campo. Al 16’ un colpo di testa in torsione di Stepinski non centra il bersaglio. Al 18’ un batti e ribatti in area monzese non sortisce effetti. Al 20’ Stepinski difende la sfera in area avversaria e tocca all’indietro per Mancosu che incredibilmente tira addosso a Di Gregorio in disperata uscita. Brocchi finalmente tira fuori Boateng e Colpani e inserisce Balotelli e Armellino. Al 32’ il Lecce va vicinissimo al gol del pareggio con Hjulmand che di testa manda la sfera a cozzare sull’esterno del palo. Nel Monza entrano Scozzarella e Diaw per Barberis e Mota e nel finale D’Alessandro per l’infortunato Sampirisi. L’assedio dei salentini continua, ma oggi la difesa biancorossa è superlativa e dopo 5’ di recupero si esulta per l’importantissimo aggancio in classifica. Peccato che dopo pochi secondi arriva notizia da Lignano Sabbiadoro che la Salernitana ha trasformato un rigore al 6’ di recupero…
 
Brocchi si è mostrato molto sereno e soddisfatto in sala stampa: “Sarebbe stata una giornata perfetta senza il gol della vittoria della Salernitana al 96’. La squadra ha interpretato la gara molto bene e a tratti abbiamo comandato il gioco. Abbiamo sofferto nell’ultimo quarto d’ora, ma ci sta. Anche oggi c’erano in campo tanti ragazzi giovani, dunque posso contare su un gruppo affidabile. Ricordo che il Lecce arrivava da 5 vittorie in trasferta consecutive. C’è amaro in bocca per il successo della Salernitana, ma noi dobbiamo pensare a vincere le ultime 2 partite e poi faremo i conti. Purtroppo per vincere i campionati ci vuole continuità e noi a un certo punto l’abbiamo persa. Perché Paletta è diventato capitano? Bellusci ha rinunciato alla fascia dopo quanto successo la settimana scorsa”. Finché non l’abbiamo vista al braccio di Paletta credevamo si fosse giocato anche quella sul tavolo verde...
 
Di tutt’altro umore è Corini: “C’è grande rammarico. La prestazione c’è stata da parte della squadra. Il primo tempo è stato equilibrato ed è stato rotto dal gol su calcio di punizione. Nel secondo tempo, a parte i primi 10’ equilibrati, abbiamo spinto noi. Se fossimo riusciti a pareggiarla credo che l’avremmo anche potuta vincere perché avevamo più energia, pur se il Monza è una squadra forte”.
 
Cosenza-Monza si giocherà venerdì prossimo alle ore 14, Monza-Brescia lunedì alla stessa ora. Restano pochi giorni per scoprire chi accompagnerà subito l’Empoli in A e chi si dovrà affidare alla “roulette russa” dei play-off.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Il Monza batte il Lecce ma la Salernitana rovina la festa

Il Monza batte il Lecce ma la Salernitana rovina la festa

MONZA-LECCE 1-0   Il Monza inanella il terzo successo consecutivo ma la Salernitana gli rovina la festa andando a vincere a Lignano Sabbiadoro contro il Pordenone grazie a un rigore al 96’. E dunque i biancorossi risalgono solo fino al terzo posto che, salvo miracoli, sarà la miglior posizione che riusciranno a ottenere al termine della regular season, dato che nelle ultime 2 giornate la squadra campana, davanti al Monza di 2 lung

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-PORDENONE 2-0
 
Si è dovuto aspettare il mese di marzo per assistere alla prima vittoria casalinga del Monza nel 2021, che è coincisa con la terza sconfitta esterna di fila del Pordenone, evento mai capitato da quando i friulani sono in Serie B. C’erano 8 posizioni in classifica e 11 punti di differenza tra le due squadre, ma il divario non si è visto: anche oggi, come successo altre volte, la differenza l’hanno fatta i colpi dei campioni e alcune discutibili decisioni arbitrali. Il Monza ha giocato con un ritmo troppo compassato, facendo di conseguenza fatica a trovare spiragli nella retroguardia ospite, sempre ben organizzata. Mai, però, come quella del Monza, che ha trovato in Pirola un degno erede di Paletta, alle prese con infortuni che ne hanno condizionato il rendimento nelle ultime partite.
 
L’allenatore biancorosso Cristian Brocchi ha dovuto fare a meno per infortunio di Barberis e per squalifica di Diaw, ex della contesa assieme a Di Gregorio, Bindi (in panchina) e Finotto (anch’egli infortunato). Pirola, Boateng, Mota e Balotelli sono tornati dai rispettivi infortuni, ma “SuperMario” è andato in panchina con la conseguente conferma di Gytkjaer come centravanti. Le novità rispetto al match infrasettimanale di Frosinone sono state Sampirisi in difesa al posto di Carlos Augusto e Frattesi a centrocampo al posto di Barillà. Dall’altra parte il tecnico Attilio Tesser lamentava così tante assenze da non poter neppure riempire la panchina.
 
L’avvio di partita è di marca neroverde: al 3’ la palla carambola su Ciurria ben appostato in area però la punta non riesce ad addomesticare la sfera. Al 10’ Zammarini prova la conclusione da fuori ma il pallone passa alto. Il Monza risponde 2’ dopo con un rasoterra debole di Frattesi che Perisan blocca. Il match diventa piuttosto noioso finché a svegliare tutti dal torpore ci pensa Frattesi, che al 26’, su corner battuto da Scozzarella, indirizza splendidamente di testa la sfera dove Perisan non può arrivare. Al 35’ il gioiellino della Nazionale Under 21 in prestito dal Sassuolo serve un assist per Armellino che calcia a fil di palo.
 
L’incontro si rianima all’11’ della ripresa, quando Bellusci ripara a un suo errore deviando in corner un destro del naoniano Morra da buona posizione. 3’ dopo il Pordenone reclama un rigore per un fallo di mano dello stesso Bellusci, ma l’arbitro lascia proseguire e in contropiede Armellino serve Mota che calcia fuori. Al 16’ è invece il Monza a reclamare il penalty, e a ottenerlo, per un atterramento in area di Vogliacco ai danni di Sampirisi; dopo 1’ di proteste ospiti è Gytkjaer a trasformarlo in gol. La reazione dei friulani arriva al 19’ con una botta di sinistro da lontano di Rossetti che passa a lato di poco. Brocchi sostituisce Donati, Mota e Gytkjaer con Carlos Augusto, D’Alessandro e Balotelli e proprio “SuperMario” si fa notare al 23’ con un destro dalla distanza che Perisan è costretto a deviare in corner. Al 27’ Frattesi calcia alle stelle da ottima posizione e viene sostituito da Barillà. Al 31’ Carlos Augusto viene espulso per un’entrata su un piede di Magnino che avrebbe meritato solo l’ammonizione. Brocchi corre ai ripari inserendo Paletta per Boateng e spostando Pirola sulla fascia sinistra. Al 41’ Armellino impegna Perisan con un colpo di testa e sul prosieguo dell’azione D’Alessandro spara fuori malamente un “bijoux” servitogli da Balotelli. Il Pordenone non approfitta della superiorità numerica e impensierisce Di Gregorio solo con una conclusione da lontano di Rossetti che passa alta di poco al 43’. Allo U-Power Stadium finisce 2-0 e il Monza risale dal terzo al secondo posto in classifica.
 
In sala stampa Brocchi ha esagerato nel valutare la prestazione della sua squadra: “Sono molto contento perché quando non vinci un po’ di partite in casa di fila ti senti un peso addosso. Abbiamo messo in campo tanta concentrazione, abbiamo tenuto in mano il pallino del gioco contro un Pordenone pronto a conquistare palla e a ripartire con attaccanti veloci. Insomma, abbiamo disputato una buonissima partita. Mi sembra che spesso si sminuiscano i nostri valori: siamo la prima squadra nel possesso palla, nei passaggi riusciti e siamo la miglior difesa e altro ancora. Dobbiamo ancora lottare con altre 5 o 6 squadre. Gli errori arbitrali? A fine campionato si compensano. Il Pordenone non deve lamentarsi perché comunque il Monza ha meritato la vittoria. Scozzarella? Ha disputato una partita grandiosa, ma encomiabile è stata anche quella di Pirola. Vedo musi lunghi nello spogliatoio: chi non gioca ha qualche merito in meno e deve lavorare di più per farmi cambiare idea”.
 
Il Monza tornerà in campo sabato prossimo alle ore 14 all’“Oreste Granillo” per affrontare la Reggina allenata dall’ex calciatore biancorosso Marco Baroni, colui che in Monza-Lazio 2-0 del 1983 annullò l’allora “bomber” biancoceleste Bruno Giordano. Nella rosa amaranto sono presenti altri due ex: Enrico Guarna e Nicolò Bianchi.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Il Monza batte il Pordenone e torna in seconda posizione

Il Monza batte il Pordenone e torna in seconda posizione

MONZA-PORDENONE 2-0   Si è dovuto aspettare il mese di marzo per assistere alla prima vittoria casalinga del Monza nel 2021, che è coincisa con la terza sconfitta esterna di fila del Pordenone, evento mai capitato da quando i friulani sono in Serie B. C’erano 8 posizioni in classifica e 11 punti di differenza tra le due squadre, ma il divario non si è visto: anche oggi, come successo altre volte, la differenza l’hanno fatta i

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-CREMONESE 1-0
 
L’esordio casalingo del Monza nel campionato di Serie B 2021/22, disputato davanti a 2501 spettatori, porta 3 punti ma non un buon gioco. Contro la Cremonese, reduce da un roboante 3-0 al Lecce, la formazione allenata da Giovanni Stroppa si è mostrata fragile, imprecisa e con poche idee. La difesa ha ballato come nemmeno Roberto Bolle nelle serate di “Danza con me”, il centrocampo è stato pasticcione e senza inventiva e l’attacco non si è visto fino all’ingresso di Gytkjaer, che con l’inizio del campionato è stato incomprensibilmente messo in panchina. Dopo un primo tempo in cui la Cremonese avrebbe strameritato il gol, i biancorossi, grazie alle opportune autocorrezioni di Stroppa, hanno mostrato ben altra personalità nella ripresa, andando in vantaggio e difendendolo senza arroccarsi ma nemmeno senza rischiare più di tanto. Bisogna dunque ripartire dalla prova del secondo tempo e, per quanto riguarda la dirigenza, rinforzare l’organico con un centravanti da almeno 20 gol a stagione. Restano 2 giorni per permettere al tecnico di Mulazzano di lavorare con una rosa competitiva: la sosta del campionato di domenica prossima potrebbe aiutarlo nell’amalgamare gli ultimi arrivati con coloro che 3 mesi e mezzo fa hanno sfiorato la promozione.
 
Va comunque ricordato che per il derby lombardo odierno Stroppa non ha avuto a disposizione Lamanna, Mazzitelli, Valoti e Finotto (infortunati), Barberis (malato), Sampirisi (squalificato) e Bellusci, Negro, Anastasio, Fossati e Palazzi (messi fuori rosa). Rispetto al match pareggiato 0-0 a Reggio Calabria una settimana prima non hanno giocato dall’inizio Sampirisi, appunto, sostituito da Donati, e Ciurria, al quale è stato preferito il 17enne Vignato. Dall’altra parte Fabio Pecchia ha dovuto fare a meno di Alfonso, Bianchetti, Ceravolo, Fornasier, Frey, Peschieri, Vido e Okoli.
 
La Cremonese parte a razzo e dopo 30” Baez tenta di beffare Di Gregorio con un pallonetto, ma la sfera esce di poco a lato. Gli ospiti fanno e disfano e al 7’ vanno in gol con Ciofani su assist di Baez, però il VAR annulla per fuorigioco di Zanimacchia che ostacolava la visuale a Di Gregorio al momento della conclusione a rete. A tenere il pallino del gioco è quasi sempre la compagine grigiorossa, ma il Monza riesce almeno a rendersi pericoloso un paio di volte, al 23’ quando Paletta manda fuori di testa su corner di Colpani e al 35’ quando lo stesso Colpani viene anticipato d’un soffio da Carnesecchi sul filtrante di Mota.
 
La ripresa si apre con Machìn e Gytkjaer in campo rispettivamente per Colpani e Vignato. Al 13’ Baez giunge con un attimo di ritardo sull’assist di Bonaiuto dalla sinistra. Pecchia cambia tre pedine ma è il Monza a passare in vantaggio al 20’ grazie a un bel cross dalla destra di Pedro Pereira finalizzato di testa da Gytkjaer, prossimo a diventare marito e padre. Entrano Barillà per Scozzarella e successivamente D’Alessandro per Mota, forze fresche per contrastare la reazione della Cremonese, veemente ma poco concreta. Solo al 44’ Valzania da lontano fa correre un brivido sulla schiena dei tifosi biancorossi spedendo la sfera fuori di poco.
 
In sala stampa Stroppa era sorridente, ma a differenza del suo predecessore ha ammesso tutti i problemi della sua squadra: “C’era una bella atmosfera grazie al pubblico che è potuto tornare numeroso sugli spalti ed è stato così bellissimo aver portato a casa 3 punti importantissimi. I ragazzi hanno disputato una partita di sacrificio, andando molto in difficoltà nel primo tempo, mentre nel secondo c’è stato più equilibrio. È mancata la qualità del gioco, ma di fronte avevano una squadra in palla. Comunque entrambe le compagini non hanno quasi mai tirato in porta…”.
 
Dopo la settimana di sosta per gli impegni delle Nazionali, il Monza sarà di scena sabato 11 settembre alle ore 14 al “Mazza” di Ferrara contro la S.P.A.L., mentre la settimana successiva ospiterà la Ternana all’U-Power Stadium.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Il Monza batte la Cremonese ma c'è da lavorare...

Il Monza batte la Cremonese ma c'è da lavorare...

MONZA-CREMONESE 1-0   L’esordio casalingo del Monza nel campionato di Serie B 2021/22, disputato davanti a 2501 spettatori, porta 3 punti ma non un buon gioco. Contro la Cremonese, reduce da un roboante 3-0 al Lecce, la formazione allenata da Giovanni Stroppa si è mostrata fragile, imprecisa e con poche idee. La difesa ha ballato come nemmeno Roberto Bolle nelle serate di “Danza con me”, il centrocampo è stato pasticcione e s

MONZA-JUVENTUS 1-0

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Davide contro Golia 2022 nel calcio: il Monza ha battuto la Juventus in una partita di campionato. Chi l’avrebbe mai pensato fino a qualche mese fa? Chi ci avrebbe scommesso nelle scorse settimane? Nessuno. Nemmeno il sempre ottimista “patron” Silvio Berlusconi, che oggi non era presente all’U-Power Stadium probabilmente deluso per il misero punto conquistato dalla sua compagine nelle prime 6 giornate e probabilmente convinto che i biancorossi del neoallenatore Raffaele Palladino, subentrato in settimana a Giovanni Stroppa, avrebbero perso contro la squadra più titolata d’Italia. Invece il pronostico è stato ribaltato, innanzitutto per demerito della Vecchia Signora, che oggi è stata decrepita. I bianconeri allenati da Massimiliano Allegri (ma in panchina c’era il vice Marco Landucci per squalifica) hanno mostrato grossi limiti tecnici, tattici e caratteriali. A loro scusante le tante assenze in organico per infortuni e squalifiche… e per “turnover”, come quella di Bonucci, tenuto a riposo a favore di Gatti ritenendo la formazione brianzola abbastanza debole per fare a meno di lui. Il Monza ha però vinto grazie anche al lavoro di Palladino perché forse mai si era vista così la mano di un tecnico già alla prima partita: l’ex tecnico della Primavera ha cambiato sistema di gioco (dal 3-5-2 al 3-4-2-1), ha preferito Ciurria a Birindelli sulla fascia destra, ma soprattutto ha fatto giocare la squadra con un ritmo più sostenuto e con maggiori verticalizzazioni alla ricerca di spazi che il “tiki-taka” a 2 all’ora di Stroppa mai sarebbe riuscito a procurarsi.
 
Davanti a 13mila spettatori, di cui a occhio e croce quasi la metà di fede bianconera, è andato in scena uno spettacolo che ha emozionato i tifosi biancorossi e molto deluso quelli ospiti, che alla fine hanno contestato la squadra. In Curva Davide Pieri è stato invece esposto uno striscione di ringraziamento verso Stroppa e sprone verso i giocatori: “29 maggio per sempre… Grazie Giovanni… E adesso vediamo chi è da Serie A”.
 
La prima occasione è del Monza: al 3’ Rovella ci prova da fuori e la palla esce di un metro. La Juventus si fa viva al 14’ con Vlahovic che spara alto da posizione defilata. Al 18’ Ciurria calcia al volo su cross dal fondo di Mota e manda di poco fuori. Anche al 31’ Ciurria prova il sinistro però manda alto. L’equilibrio nel gioco prosegue fino al 40’ quando Di Maria viene espulso dall’arbitro Maresca per un fallo di reazione su Izzo commesso a centrocampo.
 
La superiorità numerica fa aumentare le occasioni da parte biancorossa. La ripresa si apre con un destro esplosivo di Caprari che passa altissimo. 2’ dopo Ciurria crossa dalla destra ma Mota sul primo palo non riesce a coordinarsi bene e sbuccia il pallone. Al 9’ Palladino effettua un triplo cambio: escono Marlon, Sensi e Mota ed entrano Caldirola (che in difesa si posiziona a sinistra spostando a destra Izzo), Barberis e Gytkjaer. Il “vichingo” dopo 3’ già “sente” il pallone di testa mandando a lato. Al 19’ e al 21’ Perin deve bloccare rispettivamente un destro dal limite di Carlos Augusto e un rasoterra di Gytkjaer. Al 23’ è il Monza a rischiare grosso: Pablo Mari chiude però in scivolata un contropiede “3 contro 2” juventino. Colpani rileva un deludente Caprari e poco dopo Rovella dal limite spedisce fuori di poco. Al 27’ Paredes batte un calcio di punizione per Danilo che di schiena manda alto di poco. Al 29’ la seconda svolta della gara: Ciurria crossa dalla destra per Gytkjaer che allunga la zampa e insacca. Il mezzo U-Power Stadium biancorosso esplode per il gol del “vichingo” che nelle ultime settimane avrebbe forse meritato più spazio. La reazione della Juventus è più nervosa che concreta: solo al 37’ c’è un cross dal fondo di Mc Kennie che Kean di testa manda tra le braccia d Di Gregorio fermo sulla linea di porta. Palladino sostituisce Carlos Augusto con Birindelli e dopo 7’ e mezzo di recupero il mezzo stadio biancorosso può esplodere di gioia di nuovo. Il sogno è diventato realtà: il piccolo Monza ha battuto la grande Juventus.
 
In sala stampa Palladino è stato accolto dagli applausi: “Scusate se non ho voce ma l’ho persa in campo. È una giornata incredibile, pazzesca, è un sogno che si realizza. Non mi aspettavo la vittoria, ma mi aspettavo che i ragazzi mettessero in campo il cuore e l’hanno fatto. L’avevo percepito in settimana dalle loro facce. Io non ho fatto nulla perché in 5 giorni si fa poco. È tutto merito dei ragazzi. Il Monza ha vinto la partita in settimana. Aldilà dei discorsi dei moduli, ho cercato solo di trovare la chiave giusta per dare un po’ di entusiasmo. Ho fatto capire ai ragazzi che erano forti e che dovevano giocare con più coraggio e cuore. Chiunque oggi avessi messo in campo avrebbe dato l’anima. Sono ‘superfelice’ per loro e per Berlusconi e l’amministratore delegato Adriano Galliani. Prima della partita ho riunito tutti negli spogliatoi, anche i dirigenti. Ho detto ai ragazzi che se vincevano avrebbero avuto un giorno libero in più e avrei pagato la cena a tutta la squadra. Oggi me la sono goduta… Izzo? Lo conosco bene perché ha giocato assieme a me a Genova. Ha fatto una grande partita come tutti. Ciurria? Sapevo che ha gamba ed è intelligente. Ma fino all’ultimo ero indeciso se far giocare lui o Birindelli o Molina a dimostrazione di come mi stiano mettendo in difficoltà nelle scelte. I centrali di centrocampo? Lì c’era bisogno di dinamismo e oggi sono stati esemplari. Gytkjaer? Anche in questo caso ero in dubbio se far iniziare lui o Mota: entrambi hanno fatto una grande partita. Caprari? È uscito perché stanco: gli manca un po’ il ritmo gara. La Juventus? Abbiamo cercato di pressarla alta per non farla arrivare al tiro. Oggi era una squadra molto rimaneggiata e psicologicamente non è in un ottimo momento. La sosta del campionato? È molto vantaggiosa perché oggi c’è stato un notevole dispendio energetico e mentale. E ci dà tempo per lavorare. Perché adesso non dobbiamo peccare di presunzione. Ci vuole equilibrio. Bisogna lavorare”.
 
Landucci è stato di poche parole: “Non c’è da parlare, c’è da fare. Se non si vincono le partite bisogna stare zitti. Oggi potevamo fare meglio: siamo giustamente criticati. Ora dobbiamo unirci ancor di più e ripartire tutti assieme. Non ci arrediamo. L’espulsione di Di Maria? Izzo sulle provocazioni è un fuoriclasse. Ha sempre fatto cosi”.
 
 
 
*/ ?>

Sport

Il Monza batte la Juventus con un gol del "vichingo"

Il Monza batte la Juventus con un gol del "vichingo"

MONZA-JUVENTUS 1-0 Davide contro Golia 2022 nel calcio: il Monza ha battuto la Juventus in una partita di campionato. Chi l’avrebbe mai pensato fino a qualche mese fa? Chi ci avrebbe scommesso nelle scorse settimane? Nessuno. Nemmeno il sempre ottimista “patron” Silvio Berlusconi, che oggi non era presente all’U-Power Stadium probabilmente deluso per il misero punto conquistato dalla sua compagine nelle prime 6 gior

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-BRESCIA 1-1
 
Tra i due litiganti nel derby lombardo gode il terzo, la Cremonese, che riscavalca il Monza, balzando in testa alla classifica, e allunga sul Brescia. I biancorossi non sono riusciti a superare le “rondinelle” in casa per la sesta volta di fila in Serie B e il suo allenatore Giovanni Stroppa non è riuscito nemmeno al quarto tentativo a battere una squadra guidata da Eugenio Corini. I biancazzurri hanno invece inanellato il settimo risultato utile consecutivo.
 
Il risultato di parità è giusto, perché il Brescia ha giocato leggermente meglio del Monza nel primo tempo mentre i brianzoli sono stati lievemente superiori nella ripresa. Certo è che è dispiaciuto veder sfumare negli ultimi minuti 2 punti che potrebbero risultare decisivi a fine campionato per le sorti della compagine biancorossa. Il 4-3-1-2 messo in campo da Corini è stato efficace a centrocampo, recuperando palloni che le punte raramente sono state capaci di trasformare in occasioni da gol. Il 3-5-2 di Stroppa ha mostrato una difesa solida, anche se con qualche sbavatura, e un centrocampo lento e pasticcione in alcuni suoi elementi.
Oggi Stroppa non ha potuto disporre dello squalificato Sampirisi e degli infortunati Mazzitelli, Paletta, Ramirez, Siatounis e Pirola. Rispetto all’ultima partita vinta a Cosenza hanno giocato Donati, D’Alessandro e Colpani per Sampirisi, Pedro Pereira e Mota. A Corini mancavano invece Palacio, Spalek e Bianchi.
 
Davanti ai 7504 spettatori dell’U-Power Stadium (record dell’era Fininvest), che potevano essere i 9999 del tutto esaurito se la Questura di Monza non avesse vietato assurdamente la vendita dei biglietti ai residenti in provincia di Brescia relativamente ai settori diversi da quello riservato agli ospiti (che quindi hanno potuto disporre di soli 677 tagliandi), le due squadre si sono date subito battaglia imitandosi nel pressare altissimo gli avversari. Colpani è timido nel calciare verso la porta bresciana al 2’, all’11’ e al 14’. Al 20’, invece, serve in profondità Ciurria che a sua volta conclude debolmente per una facile parata di Joronen. Il Brescia si fa vedere al 30’ con un tiro dalla distanza di Tramoni che finisce a lato. 3’ più tardi il portiere dei brianzoli Di Gregorio compie un primo miracolo respingendo lo scavetto di Ayè e dopo altri 2’ blocca una conclusione di Proia. Al 41’ Stroppa è costretto a sostituire Valoti, dolorante a un ginocchio, con Machìn. Al 43’ il subentrato Nazionale equatoguineano esegue un lancio straordinario per Colpani che litiga col pallone e alla fine lo perde. Il primo tempo finisce con una ammonizione per parte (il diffidato Carlos Augusto salterà il prossimo match), ma l’arbitraggio “all’inglese” non è piaciuto per niente: sono volati troppi colpi proibiti senza che il direttore di gara intervenisse.
 
Il secondo tempo inizia con Marrone al posto di Caldirola, rimasto negli spogliatoi per un fastidio a una coscia. Al 4’ Machìn riceve palla, si smarca e dal limite lascia partire un destro che si insacca nel “sette” alla sinistra di Joronen. L’U-Power Stadium esplode di gioia per la rete del “castigatore” dei derby (aveva segnato anche nella gara di andata e in casa contro il Como) e si sogna la terza vittoria consecutiva che avrebbe significato la conquista del primo posto in classifica. Al 12’ uno stanco Colpani lascia il posto di interno a Ciurria che arretra per l’ingresso in attacco di Mota. Al 16’ Tramoni si fa anticipare da Donati al momento della conclusione da ottima posizione. Il Monza controlla le giocate offensive del Brescia, ma al 32’ succede l’inaspettato: Stroppa inserisce Pedro Pereira per D’Alessandro (con Molina che si sposta a sinistra) e Mancuso per Barberis passando a uno spregiudicato 3-4-3. La mossa è sbagliata e difatti 4’ dopo su un cross dalla linea di fondo di Tramoni si fa trovare pronto Bisoli che con un rasoterra fulmina Di Gregorio. Nel recupero prima è il Monza ad andare vicino al 2-1 con un colpo di testa di Molina che esce fuori di poco e dopo è Bajic a far venire i brividi ai tifosi di casa con un sinistro che Di Gregorio devia in corner con la punta delle dita.
 
In sala stampa Stroppa è parso sereno e fiducioso nonostante la frenata: “Portiamo a casa un punto e mi dispiace considerando le occasioni avute che potevamo sfruttare meglio. Mi spiace per il gol subito: siamo stati puniti per qualche secondo di assestamento del nuovo sistema di cui abbisognavamo ancora. Ero ormai convinto di avere in mano la partita anche perché non c’erano più state occasioni di sofferenza. Anzi, speravo con le ripartenze di chiuderla. Il Brescia è comunque una squadra molto forte e noi siamo stati molto bravi. Le sostituzioni? Diversi giocatori hanno accusato problemi fisici: se avessi avuto ancora un cambio avrei dovuto sostituire pure Donati per crampi... Machin? Deve trovare continuità perché ha colpi che nessun altro in squadra ha. L’arbitraggio? All’inglese… La promozione diretta? Continuiamo a lottare per centrarla: vogliamo vincere le ultime tre partite”.
 
Per Corini “il Brescia ha giocato con grande personalità e grande coraggio, cercando di fare la partita. Nonostante la grande giocata di Machìn abbiamo continuato a fare il nostro gioco, abbiamo segnato un gol molto bello e all’ultimo minuto siamo andati vicini alla vittoria. Negli spogliatoi c’era delusione: la classifica non ci sorride ma dobbiamo crederci. Il Monza? Ha disputato una bella partita”.
 
I biancorossi torneranno in campo lunedì 25 aprile alle ore 15 a Frosinone per un’altra sfida tra aspiranti alla promozione.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Il Monza bloccato nel derby col Brescia

Il Monza bloccato nel derby col Brescia

MONZA-BRESCIA 1-1   Tra i due litiganti nel derby lombardo gode il terzo, la Cremonese, che riscavalca il Monza, balzando in testa alla classifica, e allunga sul Brescia. I biancorossi non sono riusciti a superare le “rondinelle” in casa per la sesta volta di fila in Serie B e il suo allenatore Giovanni Stroppa non è riuscito nemmeno al quarto tentativo a battere una squadra guidata da Eugenio Corini. I biancazzurri ha

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-TRIESTINA 3-0
 
Archiviata la pratica Triestina: con 3 gol rifilati alla compagine alabardata di Serie C il Monza si è qualificato al terzo turno preliminare di Coppa Italia. Il match, anticipato di un giorno per permetterne la trasmissione in diretta tv su Rai Sport, ha sicuramente fatto felice il “patron” biancorosso Silvio Berlusconi nel giorno del suo compleanno e del primo tampone negativo dopo l’accertamento della sua positività al “coronavirus”. Per rivederlo in tribuna all’ex Stadio Brianteo, ora U-Power Stadium, ci vorranno però ancora un po’ di giorni. Chi invece non si rivedrà più è Mario Crippa, storico collaboratore della società, che ha lasciato per sempre i propri cari e gli amici all’età di 80 anni: peccato che per lui non ci sia stato come per altri sodali di vita biancorossa un minuto di raccoglimento prima del fischio d’inizio.
 
Oggi Cristian Brocchi, criticato allenatore della compagine brianzola, l’ha azzeccata. Pur avendo fatto giocare solo un titolare, Bellusci, è riuscito a portare a casa vittoria e prestazione. È vero che le seconde linee valgono quasi quanto le prime, ma proprio per questo non è semplice scegliere di volta in volta la miglior pedina da schierare in un determinato ruolo. È pure palese che l’avversario non era irresistibile, però questa sera si è vista in campo una filosofia di gioco, anche se a chi scrive piace poco. Il “tiki taka” esasperato, anche quando l’avversario è scoordinato e lascia praterie agli esterni è a volte davvero insopportabile. Ogni tanto un bel lancio, e di piedi buoni non si può dire quest’anno che non ci siano, entusiasmerebbe di più la platea, oggi ridotta a 439 spettatori.
 
Tra campo e panchina gli assenti erano 5: Armellino e Scaglia per squalifica, Lamanna e Paletta per riposo precauzionale e Boateng perché tesserato solo da un giorno. Dunque, in difesa davanti a Di Gregorio, neopapà da 4 giorni, hanno giocato Lepore, Bettella, lo “stakanovista” Bellusci e Carlos Augusto; a centrocampo sono stati schierati Frattesi, Fossati e D'Errico con Barillà dietro le punte Finotto e Mota.
 
Il pallino del gioco passa subito tra i piedi dei padroni di casa, che chiudono i giuliani nella loro metà campo nel primo quarto d'ora, sprecando due occasioni con Mota e Finotto. Dopo un colpo di testa debole di Gomez bloccato senza problemi da Di Gregorio il Monza passa in vantaggio con un bolide terra-aria di Barillà dai 20 metri. Pochi minuti dopo il tecnico dei brianzoli deve registrare il forfeit di Bettella, colpito duro nella propria area da Granoche, che per questo è stato ammonito. In mezzo alla difesa viene dunque schierato Sampirisi, che solitamente gioca a sinistra. Il tentativo di reazione degli ospiti permette agli uomini di Brocchi di agire in contropiede. Mota, Barillà e Sampirisi cercano la rete ma non la trovano.
 
Nel secondo tempo riprende il monologo dei biancorossi di casa e in particolare sale in cattedra il giovane Frattesi, sia con verticalizzazioni interessanti che con conclusioni verso la porta, ben tre in pochi minuti. Brocchi toglie Carlos Augusto e D'Errico rispettivamente per Anastasio e Machìn e poco dopo Offredi salva su Finotto e per l'arbitro anche sulla ribattuta di Barillà, ma la palla aveva invece chiaramente superato la linea di porta. Poco male per il Monza perché di lì a breve Barillà scodella un invitante pallone per Mota che al volo scarica una bordata che abbatte Offredi per il 2-0. Escono anche Fossati e Mota per Barberis e Machìn. Subito dopo un rasoterra di Anastasio da lontano sfiora il palo. Al 90' l'arbitro Serra vede un fallo di mano di Rapisarda che Machìn trasforma in gol. C'è ancora il tempo nel recupero di vedere Maric sprecare un'ottima occasione.
 
In sala stampa Brocchi ha parlato della vittoria come di un “regalo bello per Berlusconi anche perché so che il 3-0 è un risultato che gli piace. I ragazzi hanno giocato un’ottima gara: hanno mantenuto lucidità fino alla fine, hanno mosso bene la palla, hanno occupato bene le zone del campo, hanno dialogato tra di loro. La condizione però non è ancora ottimale. Il gol non visto dalla terna arbitrale? Sì, la palla era abbastanza dentro…”.
 
Nel terzo turno preliminare, in calendario il 28 ottobre, il Monza affronterà in gara secca la vincente tra Pordenone e Casarano, in trasferta se passano i “ramarri”, in casa se i “serpenti” compiono il miracolo di eliminare chi gioca due categorie sopra di loro.
 
Ora l’attenzione è concentrata sulla sfida di campionato di sabato, quando alle 16.15 i biancorossi scenderanno in campo a Empoli contro una delle capolista provvisorie. Dopo lo 0-0 casalingo con la SPAL i tifosi hanno voglia di cominciare a sognare...
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Il Monza cala il tris alla Triestina e passa il turno in Coppa Italia

Il Monza cala il tris alla Triestina e passa il turno in Coppa Italia

MONZA-TRIESTINA 3-0   Archiviata la pratica Triestina: con 3 gol rifilati alla compagine alabardata di Serie C il Monza si è qualificato al terzo turno preliminare di Coppa Italia. Il match, anticipato di un giorno per permetterne la trasmissione in diretta tv su Rai Sport, ha sicuramente fatto felice il “patron” biancorosso Silvio Berlusconi nel giorno del suo compleanno e del primo tampone negativo dopo l’accertamento della