santalfredo-1.png
santalfredo-2.png

Marco Mariani

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Come sempre, in tribuna a godersi il Monza e il sogno della serie A c'era anche Marco Mariani, concorezzese doc, titolare della ditta di pavimentazioni Il Metroquadro. Lui i campi di calcio li ha calcati davvero, e tra i suoi ricordi c'è anche quella partita contro la blasonata Juventus in seire A, quando Mariani, cresciuto nella concorezzese, venne acquistato dal Como. Poi la carriera si è svolta a livello calcistico con Pignataro, Mathi nel Canavese, Vimercatese, Mariano comense e a livello lavorativo in città con la sua attività.

Con i lettori di Concorezzo.org Mariani ha voluto condividere questo testo, per ricordare ai tanti ragazzi di oggi il senso del gioco del "pallone", che forse in passato portava con sè emozioni più vere

Nella foto una storica formazione del Monza con Maurizio Ronco, grande amico e compagno di stadio di Mariani

IL MIO CARO PALLONE (di Marco Mariani)

Noi ragazzini  undicenni in quegli indimenticabili e nostalgici anni 60 avevamo pochi giochi con cui divertirsi , tra questi però c’era il gioco più economico e democratico di tutti .

Era una magica sfera di cuoio , in cui tutti noi ragazzini undicenni o giù di lì , come maghi  indovini , ci specchiavamo e per magia ed incanto  vedevamo materializzarsi i nostri sogni, un magnetismo umano che ci attraeva e ci procurava fantastiche visioni di gioco  .

ERA ED E ‘ TUTTORA IL PALLONE 

Portavamo i pantaloncini corti e  con questi andavamo a scuola , li indossavamo sempre anche in inverno fatto eccezione il giorno della Comunione e Cresima, li erano lunghi e da cerimonia  .

Il pomeriggio di tutti i giorni si giocava al pallone  (il termine calcio arrivo’ più tardi ) in calzoncini corti , con l’attenzione di non strapparli, c’era un paio di fratelli i Longoni , Vittorio e Giancarlo  dai genitori severissimi specialmente il padre che si mettevano in mutande per non rovinarli.

Le scarpe ,quelle erano il vero problema , se le rompevi eri condannato a prendere oltre ai giusti rimproveri anche qualche mano-rovescia , la più dolorosa di tutte le  sberle , quindi per evitarle ,il più delle volte si giocava a piedi scalzi che provocavano le inevitabili vesciche .

I luoghi dove praticarlo  erano i più disparati , i campi d’erba che ancora c’erano prima di essere ricoperti di cemento come cantava Adriano Celentano nei Ragazzi della via Gluck , oppure il catrame delle strade meno battute , dove quando   arrivavano le poche auto in circolazione si gridava “macchinaaaa“ per poi riprendere a giocare, a volte ci davano  fastidio pure quelle macchine , i guidatori rallentavano avvertendoci con suoni di clacson  coscienti che tra di loro ci potesse essere anche il loro  figlio, a volte qualcuno scendeva dalla macchina e tirava pure lui qualche calcio con noi facendoci vedere virtuosismi da grande .

Le porte erano i sassi più grossi che raccoglievano nei boschi limitrofi  , i pali dove  stavano  quelli piu scarsi

 a volte anche alternandoci in interminabili minuti erano fatti  dalle  cartelle dei libri del doposcuola ,si giocava finché il buio spegneva la luce del giorno .

Il pallone era di cuoio  quando doveva rotolare sull’erba , aveva la valvola dove si introduceva la siringa  della pompa che serviva per gonfiare la bicicletta, successivamente  la si andava a riempire d’aria con l’attenzione di non farlo scoppiare , una volta successe  e fu sgomento  incredulità e tristezza pura.

Era rilegato dove stava la valvola con una stringa che quando ti capitava di colpirlo di testa , ti  procurava dolore lasciandoti  il segno per qualche minuto.

Era invece  di gomma quando si giocava sulla terra battuta o sul catrame , chi lo possedeva lo portava al campo sottobraccio , a volte ne arrivavano anche due col pallone , per noi era il pallone di scorta , scegliere quello con cui giocare  era un rito , lo si passava di mano in mano infine si sceglieva quello più gonfio  che sarebbe rimbalzato meglio.

Noi ansiosi come lo vedavamo arrivare gli gridavamo “tiraaaa” lui un po’ geloso ma allo stesso tempo era contento di darci felicità , con un calcio la lanciava in alto il più possibile era il  simbolo oltre che del fischio iniziale , della  “manna caduta dal cielo “, appena toccava terra era adrenalina pura il corrergli dietro era contentezza ,era tutto per noi.

Dicevo era il gioco più democratico , perché a volte si faceva la colletta per comperarlo quando sempre giocando con quello di gomma veniva trafitto dalle punte della cancellata di ferro che era  la porta  , si bucava , non ci si poteva fermare , si raccoglievano gli spiccioli e una volta raggiunto la cifra necessaria  ,uno si prendeva l’incarico di andare nella cartoleria più vicina , “ LA LAURA “ ad acquistarlo.

Quell’attesa  era come l’intervallo tra i due tempi , si andava a bere alla fontanella , si rifaceva il nodo alla stringa della scarpa  e poi via di nuovo a riprendere il gioco appena arrivava quel pallone a scacchi  in bianco e nero rinchiuso in una reticella di plastica .

Giocando  all’Oratorio per noi che arrivavamo dalla periferia  del Malcantone fu   un salto di qualità perché si facevano i tornei negli oratori-estivi dei mesi di luglio e Agosto , un Prete il don Sandro e poi il don Cesare ci sapevano fare per intrattenerci ,  si erano inventato questi campionati andata e ritorno  bellissimi,  alle formazioni veniva  dato un nome di squadre  mai sentite , quelli che mi colpirono  di più erano  il  Real Madrid , ll Botafogo , il Liverpool , il Manchester United ed il Santos , erano gli anni di Pelé ed il Brasile per noi rappresentava il mito del calcio , ne sentivamo parlare da quelli più grandi  , che il Brasile  aveva vinto il campionato del mondo , che Pelé era un grande campione ,  per noi era tutto , lui era il mito da emulare.

Le figurine Panini vennero più tardi , li c’è ne sarebbe da raccontare , gli album erano difficili da completare , ve ne erano alcune di queste figurine ,introvabili  come il portiere dell’Atalanta  “Pizzaballa “ lui  era un fantasma  , pensavamo che non fosse neppure stampato .

Invece esisteva e chi lo aveva trovato  non te lo faceva neanche vedere per la paura di danneggiare la figurina , andavi a casa sua a vederlo  se te lo permetteva,  così tu testimoniavi agli altri del suo possesso e lui diventava “ quello che lo aveva “ , tra gli amici diventava oltre che il più fortunato anche il più rispettato.

Per completarlo quell’album che si gonfiava ad ogni incollatura si scambiavano le figurine doppie , una volta terminato era il triplo di volume di quando avevamo iniziato la raccolta .

Il calcio d’angolo era il “Corner” il fallo di mano era “Ens” termini inglesi mai sentiti prima d’ora che ne testimoniavano la provenienza anglo-sassone , anche se pare questo gioco debba l’origine ad un gioco molto simile all’attuale calcio, del rinascimento fiorentino.

Quando finiva la partita ci guardavamo le ferite che ci eravamo procurato, il più delle volte erano semplici  abrasioni da asfalto , l’infermeria dell’ oratorio aveva un reparto medicinali con acqua ossigenata ,alcool  e cerotti a volontà , prima di rincasare ci medicava il prete stesso se la gravità era maggiore.

Quei pochi che non giocavano erano considerati traditori o paurosi disertori di pallonate guerre.

Chi tirava di  punta era segnato come “broccò”.

Chi era bravo a pallone era il più rispettato del gruppo , se poi erano due quelli più bravi ,diventavano i capitani che facevano le formazioni , scegliendo per ruolo ed immaginando di costruire la squadra più forte  per vincere.

Poi la sera nel mio letto mi portavo il pallone come compagnia , me lo coricavo sotto le coperte a dormire con me come le femmine facevano con le bambole .

Era l’innocente e stravagante e inconsapevole omaggio di un allora giovane ed in erba giocatore di calcio che ero io , l’omaggio più bello che potevo ricevere, la  testimonianza ludica del gioco più bello del mondo , il gioco del Pallone.

*/ ?>

Sport

Sognando il Monza in A, i ricordi di Marco Mariani

Sognando il Monza in A, i ricordi di Marco Mariani

Concorezzo. Come sempre, in tribuna a godersi il Monza e il sogno della serie A c'era anche Marco Mariani, concorezzese doc, titolare della ditta di pavimentazioni Il Metroquadro. Lui i campi di calcio li ha calcati davvero, e tra i suoi ricordi c'è anche quella partita contro la blasonata Juventus in seire A, quando Mariani, cresciuto nella concorezzese, venne acquistato dal Como. Poi la carriera si è svolta a livello calcistico con