milano

fiorenzo_palme.jpg

Cornate. Esisteun altro tipo di legame tra l’Africa, le palme e Milano. Si tratta di una storia molto più importante, interessante ed avvincente. “La misura dell’amore è amare senza misura”, una delle più celebri citazioni del “dottore della Grazia”, ovvero Sant’Agostino d’Ippona, Padre, dottore e Santo della Chiesa Cattolica. Filosofo e vescovo, Sant’Agostino è un teologo berbero con cittadinanza romana: africano quindi (come le palme), perché nato a Tagaste in Numidia, l’attuale Souk Ahras in Algeria. All’età di trentatré anni, dopo una vita dissoluta, si converte al Cristianesimo, viene battezzato dall’allora vescovo di Milano Sant’Ambrogio e si stabilisce a Cassago (MB). Qui lo celebra un percorso d’ispirazione mariana, “Il Cammino di Sant’Agostino” appunto, che si snoda per 352,4 Km nel territorio della Brianza, toccando ben 28 santuari dedicati a Nostra Signora. Uno di questi, fra i più belli e suggestivi, è quello nel tratto Leonardesco lungo il fiume Adda della Madonna della Rocchetta, nel comune di Paderno d’Adda, ma appartiene alla Parrocchia di Porto d'Adda, voluto e donato nel 1389 dal medico milanese Bertrando da Cornate ai frati eremiti agostiniani del convento di San Marco a Milano. La scalinata per raggiungere l’incantevole chiesetta del santuario, sito a 266 m di altezza, è costeggiata da strani alberi esotici: le palme. Ecco allora, concludendo, che le palme sono a pieno titolo le protagoniste assolute di questa piccola storia, che lega un Santo africano, un santuario mariano e la città di Milano con il suo vescovo più celebre. Siano quindi benvenute le palme! E per dirla con Sant’Agostino: “La speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno ed il coraggio. Lo sdegno per la realtà delle cose (il vandalismo come risposta al cambiamento): il coraggio per cambiarle (l’accettazione del nuovo).

Fiorenzo Mandelli, responsabile/curatore del Santuario di S.Maria della Rocchetta.

La Madonna della Rocchetta. La chiesetta ed i locali sottostanti, una volta dimora dei frati che vi abitavano, si possono visitare su richiesta. Non sempre, Fiorenzo Mandelli, è presente sul luogo, quindi, se si desidera visitare l’interno della chiesa e avere ulteriori ed approfondite informazioni storiche sul Santuario, contattare tramite mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  o cell.338-2800822- il santuario si trova a 50 metri dal punto ristoro Stallazzo cell.392-8454459 nel Parco Adda Nord. Info dettagliate

Leggi anche

3500 morti sulle strade in un anno: il Comune fa prevenzione

K-Flex, Salvini giovedì incontra i lavoratori

Foxie, la birra è donna

Rubava nelle scuole di Monza: eccolo!

*/ ?>

Cultura

fiorenzo_palme.jpg

Da Sant'Agostino a Leonardo: le palme della Rocchetta

Cornate. Esisteun altro tipo di legame tra l’Africa, le palme e Milano. Si tratta di una storia molto più importante, interessante ed avvincente. “La misura dell’amore è amare senza misura”, una delle più celebri citazioni del “dottore della Grazia”, ovvero Sant’Agostino d’Ippona, Padre, dottore e Santo della Chiesa Cattolica. Filosofo e vescovo, Sant’Agostino è u

dvds_andrea_ostoni.jpgMilano. "San Siro" chiama, l'Open Air Theatre di Experience Milano (il parco nato nell'ex area Expo) risponde. Dopo il concertone di Milano dello scorso 9 giugno (20 mila spettatori tutti in uno stesso posto, tutti in una stessa sera), Davide Van De Sfroostorna sul palco per un nuovo imperdibile evento live. L'occasione? Il concerto che il cantautore cresciuto sul lago di Como terrà sabato 23 settembre - alle 21 - in una location d'eccezione, dal richiamo internazionale: l'Open Air Theatre di Experience Milano, all'interno dell'area che ha ospitato Expo 2015. Un evento unico. Dopo aver curato la direzione artistica dell'Expo Tour - un viaggio itinerante nelle piazze di Lombardia in vista dell'esposizione universale - Davide Van De Sfroos - il 15 ottobre 2015 - ha tenuto, nell'Auditorium di Expo, un concerto con i musicisti incontrati durante il viaggio come ambasciatore di Regione Lombardia per la cultura e i territori. Sabato 23 settembre - sull'onda emotiva del maxi concerto di "San Siro" - dunque un nuovo appuntamento live. Prevendite su www.vivaticket.i

INCORONATO A SAN SIRO. Lo scorso 9 giugno allo stadio "San Siro" di Milano De Sfroos si è esibito davanti a 20 mila spettatori. Tre ore in cui il cantautore cresciuto a Mezzegra, sulle rive del lago di Como, ha ripercorso tutta la sua storia musicale. In quindici anni di carriera musicale solista ha pubblicato sei album di inediti, ha ricevuto il Premio Maria Carta e ha vinto due volte il Premio Tenco. Si è classificato quarto alla 61ª edizione del Festival di Sanremo con “Yanez”, il cui successo ha fatto registrare il secondo sold out al Mediolanum Forum di Assago. Nel 2014 è uscito l’album in studio “Goga e Magoga”, che è arrivato al secondo posto della classifica FIMI/GfK dei dischi più venduti in Italia. La raccolta “Best of 1999-2011” è stata certificata disco d’oro. E' del 2015 l'album "Synfuniia", 14 brani riarrangiati in chiave sinfonica dal maestro Vito Lo Re. Quasi tutte le sue canzoni e i suoi libri fanno capo al Lario e al suo spirito profondo e la maggior parte dei testi è pensata, scritta e cantata in dialetto tremezzino (o laghée): una lingua più che un vernacolo, resa ancora più realistica da storie e personaggi assolutamente poetici. Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   www.davidevandesfroos.com   www.experiencemilano.it 

Foto Andrea Ostoni

*/ ?>

Eventi

dvds_andrea_ostoni.jpg

De Sfroos fa rivivere il teatro dell'Expo

Milano. "San Siro" chiama, l'Open Air Theatre di Experience Milano (il parco nato nell'ex area Expo) risponde. Dopo il concertone di Milano dello scorso 9 giugno (20 mila spettatori tutti in uno stesso posto, tutti in una stessa sera), Davide Van De Sfroostorna sul palco per un nuovo imperdibile evento live. L'occasione? Il concerto che il cantautore cresciuto sul lago di Como terrà sabato 23 settembre - alle 21 - in un

centromassaggi.jpgMilano. "Nuova ragazza carina appena arrivata". Un annuncio squallido, mercificatorio, da scaffale del supermercato. Eppure è così che oggi si vendono le ragazze, dietro la semplice copertura di "centri massaggi". Quello ritratto nella foto, che ha acquistato lo spazio su un noto quotidiano provinciale lombardo senza troppi problemi, precisa anche che i massaggi sono a quattro mani su tutto il corpo. Come finisca poi il massaggio è facilmente ipotizzabile: basta leggere le cronache di tutti i giorni dove proliferano le notizie di chiusure dei centri e di denunce per sfruttamento della prostituzione.

Ben venga, allora, la stretta voluta da Regione Lombardia che, nella legge di Semplificazione (che sarà votata martedì prossimo), ha inserito norme severe per l'apertura di centri massaggi. Il progetto di legge, in assenza di una normativa nazionale, si è posto l’obiettivo di garantire la presenza di personale qualificato (direttore tecnico e attestati riconosciuti dalla Regione)  e il rispetto delle norme igienico-sanitarie e di sicurezza sul lavoro. L’emendamento a firma dell’assessore all’Economia, Massimo Garavaglia, impone per i cittadini non europei e dell’Unione europea, un certificato di conoscenza della lingua italiana (Celi) da allegare alla Scia o, in alternativa, un titolo di studio conseguito presso una scuola italiana legalmente riconosciuta.

Il capogruppo della Lega nord, Massimiliano Romeo, ha espresso soddisfazione per l'approvazione "di un emendamento che rappresenta una vera e propria stretta sui centri massaggi orientali, che stanno proliferando ovunque e dietro cui si nascondono spesso fenomeni legati allo sfruttamento della prostituzione. L'emendamento prevede, per i cittadini non europei, la conoscenza della lingua italiana e un attestato di studio rilasciato dalle scuole del nostro Paese. Inoltre la Giunta dovrà approvare uno specifico regolamento per l'igiene e la sicurezza, grazie al quale i Comuni potranno intervenire ed effettuare i relativi controlli. In caso di inadempienza scatteranno pesanti multe, varianti da 5000 a 15000 euro, per i gestori di questi centri benessere."

Questa la recensione postata da un lettore di un forum in relazione alla sua visita a un centro massaggi di Monza in via Cimabue. "Centro difficile da trovare. Fino all'anno scorso era gestito da una signora adesso cambio gestione e 3 nuove operatrici. Mi accoglie Marisa, la capa che propone le lavoranti, non giovanissime ma carine, snelle, non adatte al csc ma socievoli. Comincio con 1 ora a 40, il massaggio non pare male, si impegna e attendo 15 min prima di passare a qualche carezza sulle gambette lisce e ben tornite. La ragazza lasci fare e dopo pochi minuti propone subito upgrade, breve contrattazione per csc e coro finale che portano il totale ad 80. Ottima partecipazione e gentilezza, ovviamente il massaggio va in secondo piano; alla garanzia della vostra salute ci pensa lei e tutto fila liscio. Rimane ancora un pò di tempo che la ragazza impiega in un buon massaggio alle gambe (allora qualcosa ha studiato !) e alla mia pulizia. Bacetto e caramella. Il cambio gestione ha dato i suoi frutti. Saluti Corrado".

Serve aggiungere altro?

*/ ?>

Dalla Brianza

centromassaggi.jpg

Donne in vendita nei centri massaggi: giusta la stretta della Regione

Milano. "Nuova ragazza carina appena arrivata". Un annuncio squallido, mercificatorio, da scaffale del supermercato. Eppure è così che oggi si vendono le ragazze, dietro la semplice copertura di "centri massaggi". Quello ritratto nella foto, che ha acquistato lo spazio su un noto quotidiano provinciale lombardo senza troppi problemi, precisa anche che i massaggi sono a quattro mani su tutto il corpo. Come finisca poi il massaggio &e

ebola.jpgVimercate. Dal Pronto soccorso di Vimercate all'ospedale Sacco di Milano per verificare un sospetto contagio da ebola. E' l'odissea, per fortuna a lieto fine, di una volontaria di Emergency. Il caso è stato anche sollevato dalla consigliera regionale del gruppo Fuxia People, Maria Teresa Baldini.  I test sulla donna rientrata dalla Sierra Leone hanno dato fortunatamente esito negativo - racconta la consigliera - La donna, volontaria di Emergency aveva raggiunto il pronto soccorso di Vimercate con i propri mezzi. Quindi il trasferimento d'urgenza al Sacco di Milano dove l'equipe specializzata, dopo aver attuato il protocollo d'emergenza, ha escluso il contagio.

*/ ?>

Dalla Brianza

ebola.jpg

Ebola, caso sospetto a Vimercate: poi l'allarme rientra

Vimercate. Dal Pronto soccorso di Vimercate all'ospedale Sacco di Milano per verificare un sospetto contagio da ebola. E' l'odissea, per fortuna a lieto fine, di una volontaria di Emergency. Il caso è stato anche sollevato dalla consigliera regionale del gruppo Fuxia People, Maria Teresa Baldini.  I test sulla donna rientrata dalla Sierra Leone hanno dato fortunatamente esito negativo - racconta la consigliera - La donna, volontaria di Emergen

smart1.jpg

Milano. Agiscono di notte, nel silenzio più totale, con una precisione far invidia ai meccanici di Formula Uno. Sono i nuovi cannibali delle auto, ladri professionisti che smontano pezzi di auto tecnologiche o di lusso per poi rivedenderli sul mercato nero, di persona o su appositi siti on-line. Ecco le incredibili immagini di quanto accaduto alla Smart di un cittadino nella notte tra lunedì e martedì a Milano, nei pressi del frequentatissimo Arco della Pace. I malviventi, senza forzare le portiere e quindi presumibilmente con un telecomando clonato, hanno aperto del portiere della Smart e hanno smontato apparato stereo, navigatore e persino il volante della vettura. Uno shock per il proprietario che non ha potuto nemmeno portare la vettura dal meccanico: per la riparazione è stato necessario l'intervento di un carroattrezzi.

Un tempo i cannibali delle auto erano i folcloristici protagonisti della canzone popolare milanese. Altri tempi. A leggere i testi di certe canzoni viene decisamente nostalgia. Altri tempi, altri protagonisti. Consoliamoci con questo ricordo

smart2.jpg

La Balilla

Vorí savè el mestèe che foo mí

 

cominci ai des or finissi a mezzdì

giri la Baia col motofurgon

vendi lisciva soda e savon

 

Mí voo in gir de chí e de là

mí voo in gir a lavorà

hoo faa ona pigna de cart de milla

se m'è vegnuu in ment de compraa ona balilla

 

L'è stada la rabbia di mè fradej

che hann cominciaa a sgagnamm i budej

la mia cusina che sta in via Larga

la m'ha mangiaa anca la targa

 

La mia zia de Gorgonzoeula

cont i gòmm l'ha faa la cazzoeula

el mè nònno ch'el gh'ha l'angina

l'ha cíappàa la ciòcca con la benzina

 

El Carletto stupidòtt

el s'è faa on vestii cont la capòtt

i mè nevod pussee piscinitt

salta in vettura a mangiamm anca i vit

 

La Maria che sta in la mia pòrta

la m'ha mangiaa la roeuda de scòrta

el todesch dislifen e slofen

el m'ha mangiaa in d'on boccon tutt el cofen

 

El maresciall di carabinier

cont in bocca i quatter porter

i e sgagnava senza rispett

insemma ai porter l'ha mangiaa anca i manett

 

A gh'è vun che vegn de Bagg

el ciappa i roeud e’l me mangia i ragg

in d'on canton gh'è’l Salvador

cont in bocca el radiator

 

Passa on fioeu senza dentin

el me disvida i lampadin

el mè fradell quel malaa de diabete

el fa finta de nient el me mangia el magnete

 

El mè portinar ch'el porta i occiaj

salta su a mangiamm i fanaj

voo in questura a denuncià i dagn

quand torni indree gh'è pù nanca i pedagn

 

A voo per caso a trovà mia sorella

ghe troeuvi in cà on piston e 'na biella

quand torni indree gh'è restaa solament

 

el fumm del tubo de scappament.

smart3.jpg

 

*/ ?>

Dalla Brianza

smart1.jpg

Ecco i cannibali delle auto: così di notte ci divorano le auto

Milano. Agiscono di notte, nel silenzio più totale, con una precisione far invidia ai meccanici di Formula Uno. Sono i nuovi cannibali delle auto, ladri professionisti che smontano pezzi di auto tecnologiche o di lusso per poi rivedenderli sul mercato nero, di persona o su appositi siti on-line. Ecco le incredibili immagini di quanto accaduto alla Smart di un cittadino nella notte tra lunedì e martedì a Milano, nei pressi del frequentatissim

smart1.jpg

Concorezzo. Fotografo e artista a tutto campo, il concorezzese Giulio Crosara torna a interessare e stupire Milano con una installazione decisamente originale. La sua Smart Locution (vernissage martedì 25 agosto alle 18 in via Savona 99 a Milano - apertura 9,30-18 tutti i giorni) è una installazione vivente, dove fotografia e scultura dialogano in compagnia di 2000 grilli. Ovviamente vivi e vegeti. Con Expo a pieno regime, l'opera d'arte di Crosara è una riflessione non senza provocazioni sul tema della nutrizione.

L'installazione, composta da una struttura in plexiglass trasparente, fotografie e insetti (duemila grilli vivi), darà allo spettatore la sensazione di una figura umana mangiata dai grilli. Si tocca, senza dubbio, la possibilità degli insetti come alimentazione del futuro, ma principalmente l’opera vuole indagare sul meccanismo di coesione alla base della dinamica imitativa tra esseri viventi.

Le fotografie, parte integrante della scultura, sono opere originate da una visione individuale: entrano ed escono dalla struttura senza apparenti vincoli di spazio o cornice. Fotografia, scultura e grilli trovano una relazione unitaria e prendono senso in una nuova forma autonoma.

Il pensiero individuale è rielaborato per la prima volta da una coscienza comune, come in questo caso quella dei grilli che forano le fotografie nel loro istinto di crearsi tane o passaggi all'interno della scultura.

In questo contesto i grilli, oltre a essere l'alternativa alimentare del futuro, rappresentano un modello di organizzazione collettiva. Il filosofo Feuerbach asseriva: ”Noi siamo quello che mangiamo”. Tramite un gesto propiziatorio come in un rituale di eredità verso l'acquisizione di un valore che si vuole trasmettere, con Smart Locution il futuro si nutrirà di arte.

smart2.jpg

smart3.jpg

*/ ?>

Cultura

smart1.jpg

Expo, l'opera d'arte con 2000 grilli per riflettere sull'alimentazione

Concorezzo. Fotografo e artista a tutto campo, il concorezzese Giulio Crosara torna a interessare e stupire Milano con una installazione decisamente originale. La sua Smart Locution (vernissage martedì 25 agosto alle 18 in via Savona 99 a Milano - apertura 9,30-18 tutti i giorni) è una installazione vivente, dove fotografia e scultura dialogano in compagnia di 2000 grilli. Ovviamente vivi e vegeti. Con Expo a pieno regime, l'opera d'arte di C

brambilla_archiviazione.jpgConcorezzo. "Finalmente questo non sarà il mio terzo Natale da indagato". Gian Luca Brambilla, imprenditore concorezzese e titolare della e-Agisco di Vimercate, è uscito a testa alta e assolutamente immacolato dalla clamorosa vicenda che, divenuta pubblica a settembre del 2013, lo portò tra l'altro alle dimissioni dal ruolo di vice Presidente Vicario di Confcommercio MB e soprattutto Presidente dell’Osservatorio Fiscale della Camera di Commercio di Monza e Brianza.Brambilla era accusato di false fatturazioni per oltre mezzo milione di euro.Il Giudice per le Indagini preliminari presso il Tribunale di Monza, Patrizia Gallucci, ha infatti depositato l’ordinanza di archiviazione ritenendo la richiesta del Pubblico Ministero meritevole di accoglimento in quanto ”le ampie ed esaustive argomentazioni svolte dal Pubblico Ministero appaiono conformi alle risultanze degli atti”, e quindi non risulta “nè utile nè produttiva qualunque altra affermazione sui fatti”.

Brambilla, 51 anni, volto noto anche in tv per le sue "ospitate" su Rai Tre e La 7, era finito al centro di una complicata vicenda fiscale. Incaricato dalla Autotrasporti Perotti di Concorezzo, con sede in via Aldo Moro 1, di rimettere in ordine i conti societari, Brambilla aveva scoperto un consistente credito vantato dalla azienda nei confronti del Tribunale di Milano, per conto del quale la Perotti svolgeva un servizio di custodia giudiziaria, una sorta di magazzino di beni posti sotto sequestro (la società aveva collaborato per circa 30.000 procedimenti). Conti alla mano, la Perotti doveva ancora incassare dal Tribunale 10,6 milioni di euro. Brambilla lavorò tre anni in azienda e in Tribunale, esaminando bolle e fatture e riuscendo a recuperare oltre 6 milioni di euro. Al momento di incassare la percentuale pattuita per il lavoro svolto, scoppiò il caso.

LEGGI QUI I DETTAGLI

brambilla_archiviazione2.jpgHo sempre sostenuto con fatti e documenti di aver lavorato in modo corretto e trasparente – spiega Brambilla a concorezzo.org, dopo che ieri mattina ha tenuto una conferenza stampa a Monza nella sede di Confcommercio – La Perotti ha cercato di portarmi in Tribunale per non pagarmi quanto dovuto, forse perché non si aspettavano che sarei riuscito a recuperare una cifra così alta. E’ stata una sofferenza per me e per la mia famiglia, un danno alla mia immagine e a quella della mia azienda: ora ci rifaremo in sede civile, poi valuteremo altre conseguenze penali per chi ci ha trascinato in questa vicenda. Quanto accaduto è incredibile– conclude Brambilla – Quando racconto che ho fatto recuperare ad una azienda oltre 6 milioni di euro e questi, per ricompensa, mi hanno denunciato per cose inesistenti la gente stenta a credermi. Anche l’Ordine dei commercialisti, ora, dovrà intervenire sui professionisti che hanno affiancato la Perotti nel montare il castello di accuse”.

Uscito a testa alta dal Tribunale, ora Brambilla guarda avanti: primo passo tornare alla presidenza dell’Osservatorio fiscale della Camera di Commercio.

FOTO ANGELO BUSCAINI

brambilla_archiviazione3.jpg

LEGGI ANCHE

Brambilla: "Ecco le carte che dimostrano la falsità delle mie accuse"

False fatture, ci scrive Gian Luca Brambilla: "Non vedo l'ora del processo"

*/ ?>

Cronaca

brambilla_archiviazione.jpg

False fatturazioni, crolla il castello delle accuse: Brambilla a testa alta

Concorezzo. "Finalmente questo non sarà il mio terzo Natale da indagato". Gian Luca Brambilla, imprenditore concorezzese e titolare della e-Agisco di Vimercate, è uscito a testa alta e assolutamente immacolato dalla clamorosa vicenda che, divenuta pubblica a settembre del 2013, lo portò tra l'altro alle dimissioni dal ruolo di vice Presidente Vicario di Confcommercio MB e soprattutto Presidente dell’Osservatorio Fiscale della

festalombardia4.jpgMilano.Oggi, 29 maggio, la Lombardia celebra la sua festa. Con qualche libro di storia che dimentica, la Regione ha istituito un anno fa le celebrazioni per una data storica fondamentale per il Paese e per l'Europa intera: era il29 maggio 1176quando i Comuni della allora grande Lombardia, uniti in Lega, sconfissero il Barbarossa e le sue truppe imperiali. Una battaglia fondamentale per fermare i piani del Sacro Romano Impero Germanico e sancire identità e autonomia dei Comuni settentrionali. (la prima foto è di Daniela Maggi)

Fitto il programma dei festeggiamenti, aperti simbolicamente alle 12 in piazza Duca D'Aosta, sotto il Pirellone e davanti alla stazione Centrale, con un breve discorso del governatore Roberto Maroni. Il Movimento giovani padani della Lombardia ha brindato simbolicamente con birra e salame, tutti rigorosamente brianzoli(salame contandino e birra artigianale BrianzaBeer di Triuggio), grazie al coordinamento del besaneseAlessandro Corbetta.

Siparietto tra il presidente del gruppo della Lega Nord,Massimiliano Romeo, di Monza, e il governatore Maroni che si sono sfidati sotto le bandiere che si contendono l'ufficialità del vessillo lombardo: la Rosa camuna e la Croce di San Giorgio.

Per il Consiglio era presente il Vice Presidente,Fabrizio Cecchetti.

Tra i brianzoli presenti anche il Commissario della Lega Lombarda,Paolo Grimoldi, il consigliere provinciale di Desio, Andrea Villa e il presidente del Gruppo Maroni,Stefano Bruno Galli.

IL PROGRAMMA

Fino a sera i festeggiamenti vedranno coinvolte più sedi: piazza Città di Lombardia e Palazzo Lombardia, dove la Regione ha sede, il Teatro Dal Verme a Milano e Pianeta Lombardia, il padiglione di Regione Lombardia a Expo.

Di seguito il programma.

PIAZZA CITTÀ DI LOMBARDIA- La piazza è allestita con striscioni e totem relativi alla Festa e saranno distribuiti gadget durante l'intera giornata.

 Inoltre:

- dalle ore 9 saranno presenti i mercatini di Coldiretti e, davanti all'ingresso N3, ci sarà l'installazione Videowall, con filmati sulle eccellenze lombarde e trailer siti Unesco.

 - dalle ore 16 alle 23 ci sarà l'apertura straordinaria del Belvedere, al 39° piano di Palazzo Lombardia; saranno inoltre a disposizione del pubblico due 'Oculus', all'ingresso NP per una visita virtuale dei siti Unesco lombardi.

 - dalle ore 17 è previsto il collegamento streaming con il Teatro dal Verme di Milano, dove avranno luogo la cerimonia di consegna del 'Premio Rosa Camuna' e il concerto della FuturOrchestra diretta dal Maestro Cadario, con la partecipazione straordinaria di Mario Lavezzi e Mogol.

PIANETA LOMBARDIA- Ricco anche il programma di eventi a Pianeta Lombardia:

- dalle ore 10 sarà possibile assistere alla proiezione di filmati all'interno dello spazio aperto al pubblico e sui ledwall all'esterno;

- dalle ore 11, all'esterno dello spazio di Pianeta Lombardia, ci saranno 7 figuranti della Città di Monza;

 - alle ore 13, in diretta dalla piazzetta di Pianeta Lombardia, la puntata della trasmissione televisiva 'Orario continuato', dell'emittente TeleLombardia, con il presidente Roberto Maroni, l'assessore regionale Fabrizio Sala (Casa, Housing sociale, Expo 2015 e Internazionalizzazione delle imprese) e il regista Maurizio Nichetti. Durante la puntata verrà presentato il video trailer dei siti Unesco;

- a seguire, brindisi inaugurale del restyling di Pianeta tramite il Consorzio Virgilio di Mantova, che, in occasione della festa del latte, offrirà, all'interno dello spazio, una degustazione di Grana Padano, da abbinare alla degustazione di vini a cura di Ascovilo;

- alle ore 14 ci sarà la sfilata delle 5 reggenze per le 8 contrade del Palio di Legnano, un corteo composto da 52 persone in costume, introdotto da un rappresentante del Palio;

- alle ore 15 l'esibizione del 'Quartetto inverso' dell'Orchestra Verdi, con il seguente programma: 'Bohemian rhapsody', Queen; 'Toxic', B. Spears; 'Innuendo', Queen; 'Il grande medley', Merlini; 'Medley Rock '70'; 'Reverse box rock'; 'Born to run', B.Springsteen; 'Innuendo', Queen; 'Abba's medley'; 'M.Jackson's medley';

- alle ore 17 ci sarà la diretta streaming dal Teatro Dal Verme. Durante l'intera giornata a Pianeta Lombardia verranno distribuiti gadget.

TEATRO DAL VERME- Al Teatro Dal Verme è in programma, dalle 17 alle 19, un evento aperto al pubblico, fino a esaurimento posti, che comprende uno spettacolo musicale, la proiezione dei video realizzati sui Siti lombardi Patrimonio dell'Unesco e la cerimonia di consegna dei premi 'Rosa Camuna' e 'Menzioni speciali'.

Presentano Ringo e Giorgia Colombo.

Presente il regista Maurizio Nichetti, lo spettacolo prevede le esibizioni di Gioni Barbera, pianista proveniente dal Cet, che eseguirà al pianoforte due canzoni di Battisti/Mogol, e di Mario Lavezzi, accompagnato da una band di 5 elementi e una corista.

Nel corso dell'evento sarà eseguito l'inno regionale 'Lombardia Lombardia', di Mogol/Lavezzi, a cura del coro e di Mario Lavezzi.

Seguirà la performance del vivaio musicale FuturOrchestra e del Coro da Camera Hebel (direttore Alessandro Cadario), secondo il seguente programma:

G. Verdi, 'Ouverture' da 'Nabucco'

G. Verdi, 'Preludio' da 'La Traviata'

G. Verdi, 'Coro delle Zingarelle' da 'La Traviata'

G. Donizetti, 'Ouverture' da 'L'elisir d'amore'

P. Mascagni, 'Intermezzo' da 'Cavalleria Rusticana'

G. Puccini, 'Coro a bocca chiusa' da 'Madama Butterfly'

A. Ponchielli, 'La danza delle ore' da 'La gioconda'.festalombardia1.jpg

festalombardia2.jpg

festalombardia3.jpg

 

*/ ?>

Dalla Brianza

festalombardia4.jpg

Festa della Lombardia, c'è anche tanta Brianza

Milano.Oggi, 29 maggio, la Lombardia celebra la sua festa. Con qualche libro di storia che dimentica, la Regione ha istituito un anno fa le celebrazioni per una data storica fondamentale per il Paese e per l'Europa intera: era il29 maggio 1176quando i Comuni della allora grande Lombardia, uniti in Lega, sconfissero il Barbarossa e le sue truppe imperiali. Una battaglia fondamentale per fermare i piani del Sacro Romano Impero Germanico e sancire i

premiorte2014.JPGConcorezzo. Poter ammirare una propria opera alla Permanente di Milano, una delle pietre miliari della cultura lombarda e internazionale, dev'essere un'emozione impagabile. Lui, Samir Khadem, 34 anni, residente in paese, ce l'ha fatta. Una sua fotografia (che riproduciamo qui sopra) ha infatti ricevuto la prestigiosa Targa d'oro in occasione della ventitreesima edizione del Premio Arte. Alla manifestazione era anche collegata la la quindicesima edizione del Premio Cairo con la realizzazione di opere inedite: qui la giuria ha selezionato l’artista Fabio Viale con la scultura La suprema , due cassette in marmo colorato sovrapposte e ingigantite, che creano nello spettatore un inganno percettivo per l’accuratezza esecutiva con la quale l’artista replica il materiale ligneo originale (vedi le opere).

La giuria del PREMIO ARTE ha proclamato invece i vincitori delle quattro Targhe d’oro e dei quattro Premi Accademia per le sezioni di pittura, scultura, fotografia e grafica.

Ecco i vincitori della 23esima edizione: Simone Prudente, Targa d’oro -Pittura e Premio Arte Biffi, Fosca Boggi, Targa d’oro – Scultura, Samir Khadem, Targa d’oro – Fotografia, Eracle Dartizio, Targa d’oro – Grafica, Francesco Snote, Premio Accademia – Pittura, Franco Fissore, Premio Accademia – Scultura, Chiara Passalacqua, Premio Accademia – Fotografia, Enrico Pierotti, Premio Accademia – Grafica, A Simone Prudente va anche il Premio Arte Biffi, assegnato questa mattina dal Direttore artistico della Galleria Arte Biffi.

samir_khadem.jpg

"Da 10 anni lavoro come designer in una nota casa editrice e ho una sfrenata passione per la fotografia - racconta Samir a concorezzo.org -  Ho iniziato recentemente a partecipare per concorsi fotografici\artistici a livello nazionale, e grazie anche al mio background lavorativo sulla lavorazione prestampa, ho avuto un ottimo e inaspettato riscontro sui miei lavori. Prossimamente parteciperò all'esposizione finalista presso Assab One di Milano dal 15 al 23 Novembre. In previsione ci sarà anche il premio internazionale Arte Laguna di Venezia. Incrociamo le dita!".

Per conoscere meglio Samir e le sue opere:

Sito ufficiale e breve biografia: www.samirkhadem.com
Pagina Facebook: www.facebook.com/samirkhademphotodesign
Pagina 500px: https://500px.com/samirkhadem 
Linkedin: www.linkedin.com/pub/samir-khadem/30/8/13 

L’esposizione delle opere dei finalisti è aperta al pubblico presso gli spazi della Permanente di Milano dal 23 al 26 ottobre 2014, dalle 10 alle 20. INGRESSO LIBERO.

Info: http://www.lapermanente.it 

*/ ?>

Cultura

premiorte2014.JPG

Fotografia e arte: la Permanente di Milano premia l'opera di Samir Khadem

Concorezzo. Poter ammirare una propria opera alla Permanente di Milano, una delle pietre miliari della cultura lombarda e internazionale, dev'essere un'emozione impagabile. Lui, Samir Khadem, 34 anni, residente in paese, ce l'ha fatta. Una sua fotografia (che riproduciamo qui sopra) ha infatti ricevuto la prestigiosa Targa d'oro in occasione della ventitreesima edizione del Premio Arte. Alla manifestazione era anche collegata la la quindicesima e

Al via il 22 e 23 novembre l’evento dedicato a WordPress

Milano si sta preparando ad ospitare una nuova tappa del WordCamp, il tour di eventi mondiale dedicato a WordPress, il CMS più utilizzato al mondo. GoDaddy sarà uno dei Gold Sponsor dell’evento che si terrà il 22 novembre presso il Talent Garden Milano – Merano e il 23 novembre all’interno dell’Università degli Studi Milano-Bicocca.

Questo evento sarà interamente dedicato alla piattaforma open source e ai suoi utilizzatori (sviluppatori, blogger, designer o semplicemente curiosi e appassionati di tecnologia) che vogliono condividere le proprie esperienze e contribuire alla crescita di WordPress.

Per l’occasione GoDaddy ha preparato un divertente contest dedicato a tutti i partecipanti della giornata di sabato 23: una caccia al tesoro con indovinelli e indizi con in palio una fantastica Nintendo Mini SNES.

Il WordCamp di Milano si svolgerà in due giornate. Quella di venerdì 22 novembre sarà dedicata al Contributor Day e si terrà presso il Talent Garden Milano - Merano dalle ore 8.30 alle 17.30. Verranno organizzati dei gruppi di lavoro aperti per condividere esperienze e contribuire all’aggiornamento e al miglioramento di WordPress.

Sabato 23 novembre l’evento si sposterà presso l’Università degli Studi Milano-Bicocca, edificio 6, in Piazza dell’Ateneo Nuovo 1, dove si potrà assistere ad una serie di talk e interventi che inizieranno dalle ore 9.30 e si concluderanno alle 18.15. Verranno trattati tanti temi diversi, tutti inerenti al mondo digitale, così da restare aggiornati e acquisire nuove conoscenze ad esempio sul mondo degli e-commerce, dell’UX design e dell’accessibilità.

WordPress è una piattaforma altamente flessibile e personalizzabile, perfetta per chi vuole realizzare un progetto sul web. Oggi inoltre GoDaddy ha realizzato un nuovo sistema super semplificato per installare WordPress in pochi click, riducendo gli step necessari del 70% rispetto ai concorrenti e facilitando l’accesso ad oltre 10.000 temi e 50.000 plugin. Al contempo è stata semplificata anche l’integrazione con WooCommerce, uno dei motori e-commerce più utilizzati disponibile per WordPress: con il pacchetto Hosting WordPress Ecommerce di GoDaddy si può completare il setup di un e-store con un solo rapido passaggio, accedendo gratuitamente alle migliori estensioni Premium di WooCommerce.

La prima versione di WordPress è stata pubblicata il 27 maggio 2003 dai fondatori Matt Mullenweg e Mike Little e da quel giorno sono seguiti tanti aggiornamenti che hanno migliorato costantemente il CMS. Una curiosità è proprio il nome delle varie versioni, tutte dedicate a musicisti jazz, dalla 1.0 dedicata a Miles Davis, all’attuale 5.2 intitolata al bassista Jaco Pastorius, passando per altri nomi noti come John Coltrane o Ella Fitzgerald.

Per scoprire tutti i dettagli su questo evento e seguire tutti gli aggiornamenti della giornata è possibile consultare il blog di GoDaddy https://it.godaddy.com/blog/wordcamp-milano-2019-godaddy/.

wordcamp-milano-2019-godaddy.jpg

*/ ?>

Cultura

wordcamp-milano-2019-godaddy.jpg

GoDaddy Gold Sponsor di WordCamp Milano 2019

Al via il 22 e 23 novembre l’evento dedicato a WordPress Milano si sta preparando ad ospitare una nuova tappa del WordCamp, il tour di eventi mondiale dedicato a WordPress, il CMS più utilizzato al mondo. GoDaddy sarà uno dei Gold Sponsor dell’evento che si terrà il 22 novembre presso il Talent Garden Milano – Merano e il 23 novembre all’interno dell’Università degli Studi Milano-Bicocca. Questo evento sarà interamente dedicato a

ConcorezzoAcquaworld, l’unico parco acquatico al coperto d’Italia, si trasformerà per Halloween con suggestive scenografie: fantasmi, mostri, scheletri, vampiri e zombie infesteranno il parco per la prima volta con un grande Show unico nel suo genere.

 

 

Il 31 Ottobre dalle 10.00 alle 23.00 la compagnia Mantica, specializzata in arti circensi, si esibirà in due paurosi spettacoli, uno dedicato ai più piccoli (nel pomeriggio) e uno decisamente più spaventoso per gli adulti (la sera).

 

“Mortica”, o spettacolo della paura, andrà in scena sorprendendo il pubblico con sensazionali numeri acrobatici, giocoleria, equilibrismo e danza aerea in un'atmosfera coinvolgente e spaventosa.

 

Ad Acquaworld nulla è lasciato al caso nella notte più tenebrosa che mai! Tra le onde e gli scivoli, sarà possibile sorseggiare cocktail stregati e gustare dolci caramelle dalle forme più mostruose!

 

Pronti a un divertimento … da brivido?

 

Utile da sapere:

 

·       Come Raggiungere Acquaworld

 

§ In auto:

 

da Milano: prendere la tangenziale est in direzione Lecco, uscita Dogana di Concorezzo 

 

da Bergamo: prendere autostrada A4, direzione Milano, uscita Agrate

 

§ Con i mezzi pubblici:

 

dalla fermata metro Cologno Nord (M2 Verde), prendere l’autobus Z 323 per Vimercate e scendere a Concorezzo fermata Malcantone

 

dalla stazione di Monza, prendere l’autobus Z 321 per Trezzo e scendere a Concorezzo fermata Malcantone

 

·       Come acquistare i biglietti: è possibile acquistare biglietti e abbonamenti sul sito di Acquaworld.

 

A proposito di Acquaworld

 

Aperto nel 2011, Acquaworld, è un parco acquatico e benessere unico in Italiacon i suoi 20.000 metri quadrati di superficie,tra aree coperte e scoperte,nove scivoli acquatici super divertenti, piscine e vasche idromassaggio con acqua sempre calda e, in estate, un grande giardino con sdraio, lettini e ombrelloni. Il Parco è diviso in diverse aree: Benessere, Fun, Scivoli, Miniworlded è costruito in modo tale da poter accogliere tutti gli ospiti con disabilità che potranno spostarsi autonomamente grazie all’uso di ascensori, rampe e montascale; sono inoltre a disposizione spogliatoi dedicati.Dall’agosto 2020 è proprietà Pillarstone Italy, la piattaforma fondata nel 2015 da KKR per supportare le banche italiane nella gestione delle proprie esposizioni verso asset non core e underperforming attraverso il miglioramento della performance e del valore dei business sottostanti. In tale strategia si colloca il piano di sostegno del fondo, con l’obiettivo di rilanciare il Parco sviluppandone le elevate potenzialità, offrendo ai clienti una esperienza di qualità anche attraverso l’introduzione di nuove attrazioni.

 

 

Sito web:https://acquaworld.it/it

 

Facebook:https://www.facebook.com/acquaworld/

Instagram:https://www.instagram.com/acquaworld_ufficiale/

acquaworld_halloween_.jpg

*/ ?>

redazionali

acquaworld_halloween_.jpg

Halloween? Ad Acquaworld!

Concorezzo. Acquaworld, l’unico parco acquatico al coperto d’Italia, si trasformerà per Halloween con suggestive scenografie: fantasmi, mostri, scheletri, vampiri e zombie infesteranno il parco per la prima volta con un grande Show unico nel suo genere.     Il 31 Ottobre dalle 10.00 alle 23.00 la compagnia Mantica, specializzata in arti circensi, si esibirà in due paurosi spettacoli, uno dedicato ai più piccoli (nel pomer

tibevo1.jpgMilano. Millesimati di nebbiolo, torte di cioccolato pluripremiate, formaggi di capra confezionati da chi ha lasciato la Madonnina per le colline piemontesi, prosciutto di maiale nero di Parma che si scioglie in bocca. Ma anche birra. E così anche il birrificio conco-bernareggese Hibu si è ritagliato uno spazioa Milano in occasione della prima edizione di "De-Gustando, l'Italia a tavola e nel bicchiere". Nel vivace quartiere dell'Isola, all'interno dello spazio ZonaK di via Spalato, 22 aziende di vino, birra e gastronomia hanno deliziato appassionati, curiosi e viaggiatori Expo.

L'iniziativa nasce all'interno del progetto Tibevo.it (www.tibevo.it) ideato da Matteo Galliano che ha presentato il suo portale in occasione dei Tavoli tematici di Expo. 

Hibu, fondato nel 2007 da Raimondo Cetani, ha il proprio stabilimento a Bernareggio, una birreria a Concorezzo e oggi propone le 12 etichette anche a Milano con Impronta Birraia. A Milano abbiamo de-gustato la Tony Solo: basta dire che è una saison cresciuta per 9 mesi in botti di Amarone per raccontare l'idea ma anche la piacevole follia che animano questa birra dal colore incantevole. Dietro al bancone, a spillare passione e cortesia, Maurizio Carelli.

Da provare appena possibile anche il prosciutto di maiale nero della Azienda agricola San Paolo di San Martino in Medesano (Parma) o anche i ivini della denominazione Colline Novaresi di Enrico Crola, da Oleggio (Novara).

tibevo2.jpg

tibevo3.jpg

*/ ?>

Dalla Brianza

tibevo1.jpg

Hibu protagonista a Milano con De-Gustando

Milano. Millesimati di nebbiolo, torte di cioccolato pluripremiate, formaggi di capra confezionati da chi ha lasciato la Madonnina per le colline piemontesi, prosciutto di maiale nero di Parma che si scioglie in bocca. Ma anche birra. E così anche il birrificio conco-bernareggese Hibu si è ritagliato uno spazioa Milano in occasione della prima edizione di "De-Gustando, l'Italia a tavola e nel bicchiere". Nel vivace quartiere dell'Isola, all'int

giardiello.JPGConcorezzo. Era diretto a Carvico, in provincia di Bergamo, dove aveva probabilmente intenzione di fare la sua quarta vittima. Claudio Giardiello, imprenditore beneventano di 57 anni, che questa mattina ha ucciso tre persone nel Palazzo di Giustizia di Milano, è stato arrestato anche grazie al fondamentale contributo dei carabinieri di via Ozanam. Sono stati i militari della caserma cittadina, infatti, a intercettare lo scooter Suzuki Burgman di colore grigio con cui il killer si era dato alla fuga dopo la strage. Di lui si sapeva tutto: generalità, volto e targa della moto. Intorno alle 12,40 Giardiello è passato da Concorezzo, percorrendo la Provinciale 2, Monza-Trezzo. All'altezza di via Dante i carabinieri di Concorezzo, impegnati come tantissimi altri militari alla ricerca del pluriomicida, lo hanno finalmente trovato e hanno subito diramato le ricerche via radio. Intorno al fuggitivo si è stretta la morsa dell'Arma: il killer ha proseguito verso Vimercate, per dirigersi poi verso la autostrada A4. Braccato dai carabinieri ha cercato di fuggire nel quartiere Torri Bianche, ma lì è stato arrestato dai carabinieri di Vimercate.

La cronaca della tragedia

*/ ?>

Cronaca

giardiello.JPG

Il killer del Tribunale sorpreso a Concorezzo e fermato a Vimercate

Concorezzo. Era diretto a Carvico, in provincia di Bergamo, dove aveva probabilmente intenzione di fare la sua quarta vittima. Claudio Giardiello, imprenditore beneventano di 57 anni, che questa mattina ha ucciso tre persone nel Palazzo di Giustizia di Milano, è stato arrestato anche grazie al fondamentale contributo dei carabinieri di via Ozanam. Sono stati i militari della caserma cittadina, infatti, a intercettare lo scooter Suzuki Burgman di

AW_vista interna.jpegConcorezzoAcquaworld, l’unico Parco acquatico al coperto e all’aperto d’Italia, ti aspetta per festeggiare il ponte del 2 giugno con una straordinaria animazione: uno staff di professionisti saprà coinvolgere grandi e piccini con giochi, balli di gruppo e quiz in acqua, dentro e fuori dalla grande piscina a onde. Il divertimento sarà il protagonista indiscusso.

Ad Acquaworld che splenda il sole o che piova a dirotto poco importa! Con i suoi 20.000 metri quadrati, 9 scivoli acquatici super divertenti e adrenalinici, una grande vasca a onde, piscine e vasche idromassaggio con acqua sempre riscaldata a 31° e una grande area esterna con sdraio, lettini e ombrelloni, il divertimento è assicurato, anche quando il tempo è ballerino!

E mentre i più piccoli si divertono tra onde e scivoli, i grandi potranno godersi momenti di assoluto relax all’interno dell’area Benessere, tra sauna, bagno turco, stanza del sale, cerimonie di benessere, frigidarium e grotta del temporale che, con gli scrosci d'acqua di un caldo temporale estivo, sarà capace di condurre la mente in luoghi lontani e paradisiaci. 

Orari di apertura: dalle 10.00 alle 20.00

Prevendita: https://acquaworld.it/it/ilparco/acquistabiglietti

AW_scivolo 1.jpg

 

*/ ?>

redazionali

AW_vista interna.jpeg

Il ponte del 2 giugno? Al parco acquatico

Concorezzo. Acquaworld, l’unico Parco acquatico al coperto e all’aperto d’Italia, ti aspetta per festeggiare il ponte del 2 giugno con una straordinaria animazione: uno staff di professionisti saprà coinvolgere grandi e piccini con giochi, balli di gruppo e quiz in acqua, dentro e fuori dalla grande piscina a onde. Il divertimento sarà il protagonista indiscusso. Ad Acquaworld che splenda il sole o che piova a dirotto poco importa!

pugilatoletterario.jpgConcorezzo. Un po' cabaret, un po' letteratura, un po' una scanzonata iniezione di cultura assolutamente non industriale o globalizzata. Il pugilato letterario è - come da presentazione ufficiale  - una curiosa creatura che abita uno spazio indefinito tra il gioco, lo sport e il dibattito culturale. "Avete mai litigato con un amico perché aveva un’opinione diversa dalla vostra su un libro, su un film (“Come sarebbe a dire che non ti è piaciuto?”), o su un argomento di attualità? Ecco, trasportate quelle discussioni su un ring, aggiungete un arbitro, un severo regolamento scandito in sei round, il pubblico che decreta il vincitore per alzata di cartoncino rosso o blu, e avete il pugilato letterario!", così ce lo presentano gli ideatori. Il padre di questo intrigante e divertente format è il concorezzese Luca Lissoni, un lavoro da comunicatore in Brianza e una casa a Milano.  Il creativo concorezzese, classe 1974, ha aggiunto in questi giorni un'altra prestigiosa stellina nella bacheca dei riconoscimenti attribuiti alla sua creatura. Il 13 novembre, alle 21, infatti il pugilato letterario esordirà niente meno che sul celeberrimo palcoscenico dello Zelig di viale Monza a Milano, tappa obbligata e trampolino di lancio di quanti hanno poi fatto carriera in teatro e in tv. A dodici anni dalle prime sperimentazioni di Lissoni, sempre accompagnato dall'istrionico Eugenio "Baci" Canton nelle vesti di arbitro, il format debutterà a Milano con uno scontro sul tema dei Promessi sposi, con protagonisti Marco Rossari e Marco Ardemagni. Biglietti da 12 e 10 euro. Per informazioni e prenotazioni www.areazelig.it Foto tratte da: http://www.pugilatoletterario.it/index.php

pugilato_lissoni.jpg

 

 

*/ ?>

Cronaca

pugilatoletterario.jpg

Il pugilato letterario conquista il palco di Zelig

Concorezzo. Un po' cabaret, un po' letteratura, un po' una scanzonata iniezione di cultura assolutamente non industriale o globalizzata. Il pugilato letterario è - come da presentazione ufficiale  - una curiosa creatura che abita uno spazio indefinito tra il gioco, lo sport e il dibattito culturale. "Avete mai litigato con un amico perché aveva un’opinione diversa dalla vostra su un libro, su un film (“Come sarebbe

Foto: ASIA CULTURECENTER / pixabayMentre prosegue l'animata discussione sulno Green Pass per viaggi e alberghi fino a settembre, sta per tornare in grande spolvero ilSalone del Mobile edizione 2021totalmente rivisitato per sorprendere i tanti amanti e operatori del design e dell'architettura di tutto il mondo.

 

Infatti, il format elaborato e diretto dall'architettoStefano Boeriquest'anno darà al Salone del Mobile una connotazione totalmente nuova, con un'introduzione di una piattaforma dedicata per viverel'esperienza via Web tutto l'anno. Il concept ibrido più volte menzionato dagli organizzatori come"supersalone", al quale si è giunti a seguito di un'accelerazione dei piani di digitalizzazione previsti in parte già prima della pandemia, per la prima volta consentirà anche diacquistare on-line i prodotti esibiti negli standtramite la semplice scansione dei QR code.

Un'autorevole iniziativa per il sostegno ed ilrilancio del comparto, con cuiConcorezzo ha un forte legame. Luisa Brambilla,designer di interni che scrive per Utileincasa, afferma: "Il territorio di Monza - Brianza, insieme a quello di Pordenone e di Treviso sono i maggiori produttori di arredamento in legno d'Italia, con decine di imprese nel comprensorio di Concorezzo che si occupano della manifattura e del retail. Già dal secondo semestre 2020 hanno ricominciato a crescere, soprattutto spinti dall'export di mobili e accessori per la casa di design italiano tanto amati da Germania, Stati Uniti e Cina".

E a riprova dell’apertura e della voglia di innovazione, i concetti trainanti della kermesse di Rho sarannodesign, condivisione e sostenibilità: tre grandi temi di interesse globale,  motore di ispirazione e diffusione dell’italianità attraverso più di 400 brand e 50 designer indipendenti, 170 progetti provenienti da 48 scuole internazionali di design, 20 tra le personalità più influenti del panorama creativo odierno, 110 sedute premiate dal Compasso d’Oro. 6 grandi chef, 5 opere cinematografiche scelte dal Milano Design Film Festival in una struttura espositiva arricchita dai 200 alberi diForestami

La piattaforma digitale del Salone del Mobile permetterà di seguire gli eventi su un doppio binario,fisico e virtuale. Infatti,dal 5 al 10 settembre visitatori e addetti ai lavori potranno visitare come di consueto i padiglioni di Fiera Milano Rho, previo acquisto del biglietto d’ingresso e prenotazione nel sito Web dedicato, seguendo rigidi protocolli per evitare la diffusione del contagio.

 

Ulteriore novità di quest’anno sarà ilMaker Show, che prevede la partecipazione al “supersalone” di artigiani, auto-produttori e designer indipendenti che desiderino mostrare al grande pubblico le proprie opere realizzate sfruttando i più moderni materiali e le più avanzate tecniche di stampa tridimensionale. Si tratta di un’esposizione fluida trasversale, suddivisa all’interno dei quattro padiglioni per la divulgazione dei valori positivi dello sviluppo dell’arte creativa.

*/ ?>

Dalla Brianza

Foto: ASIA CULTURECENTER / pixabay

Il Salone del Mobile diventa virtuale e spinge gli acquisti

Mentre prosegue l'animata discussione sul no Green Pass per viaggi e alberghi fino a settembre, sta per tornare in grande spolvero il Salone del Mobile edizione 2021 totalmente rivisitato per sorprendere i tanti amanti e operatori del design e dell'architettura di tutto il mondo.   Infatti, il format elaborato e diretto dall'architetto Stefano Boeri quest'anno darà al Salone del Mobile una connotazione totalmente nuova, con un'introduzion

20170609_225644.jpgMilano. Ci sono i bambini che corrono avanti e indietro per il prato (coperto) di San Siro come fossero al Luna Park. Ci sono ballerine che interpretano le canzoni come fossero alla Scala. Ci sono coppie che ballano. Ci sono vortici dove si "poga". E ancora le maschere del carnevale di Schignano, l'armonica del puma di Lambrate, Fabio Treves, lo sciamano, gli Schiver Folk da Briosco, i Luf dalla Vallecamonica,la Gnola Blues Band. Il 9 giugno doveva essere la data simbolo della carriera di Davide Va De Sfroos, è invece è stata qualcosa di più. Il cantautore monzese, cresciuto a Mezzegra sul lago di Como, è arrivato là, a San Siro, il tempio della musica che è abituato a confrontarsi con gente come Bruce Springsteen. Davanti a più di 20mila persone, il cantautore laghée si è tolto lo sfizio di rimanere se stesso, di parlare ai propri fan come se li conoscesse ad uno a uno (e ci sono le dediche a chi non è potuto esserci per assistere il padre malato o anche per Matteo e Fulvio che, in quel momento, chiederanno rispettivamente la mano di Lina e Daniela), di masticare folk, blues e rock senza piegarsi a smanie di grandezza. Non è stato un evento da strapaese esportato in un teatro internazionale. E' stato semmai il contrario: è stato premiato il coraggio di uscire dai canoni con un concerto vero, riempito da artisti della musica, salutato con entusiasmo e divertimento dal pubblico. Un pubblico caleidoscopico e intergenerazionale, la miglior risposta alla paura terrorismo che, anche venerdì sera, ha imposto misure di sicurezza mai viste. In poco meno di tre ore, De Sfroos ha emozionato con pezzi come Ventanas e 40 pass, ha scatenato il "pogo" con Cyberfolk, Cauboi e Grand Hotel, ha fatto cantare con La ballata del Genesio, Pulenta e Galena Fregia, La balera, ha sorpreso iniziando il concerto con Lo sciamano. Missione compiuta. Quando le luci si stanno per riaccendere per rispettare il tassativo orario delle 23,30,c'è tempo per canticchiare abbracciato alla sua band La Curiera. Per lui, che non giocava a calcio nemmeno in oratorio, era come sbarcare sulla luna. Ci è arrivato. E si è portato dietro migliaia di persone entusiaste.

LA SCALETTA

Lo sciamano

La balada del Genesio

Televisiun

Nona Lucia

Il costruttore di motoscafi

Grand hotel

Ventanas

40 pass

La figlia del Tenente

De sfroos

El diavul

La ballata del Cimino

Il duello

E semm partii

El mustru

Il figlio di Guglielmo Tell

El carnevaal de Schignan

La machina del ziu Toni

Cauboi

Il paradiso dello scorpione

Yanez

Akuaduulza

Hoka hey

Pulenta e galena fregia

Cyberfolk

La Balera

La Curiera

20170609_214725.jpg

*/ ?>

Cultura

20170609_225644.jpg

Il sognatore di Mezzegra ha incantato San Siro (rimanendo se stesso)

Milano. Ci sono i bambini che corrono avanti e indietro per il prato (coperto) di San Siro come fossero al Luna Park. Ci sono ballerine che interpretano le canzoni come fossero alla Scala. Ci sono coppie che ballano. Ci sono vortici dove si "poga". E ancora le maschere del carnevale di Schignano, l'armonica del puma di Lambrate, Fabio Treves, lo sciamano, gli Schiver Folk da Briosco, i Luf dalla Vallecamonica,la Gnola Blues Band. Il 9 giugno dove

schindler.jpgConcorezzoDall’iconica ‘Torre PwC’ a CityLife dell’archistar Daniel Libeskind al ‘Corporate Center’ di Accenture in via Bonnet, entrambe a Milano, alle grandi opere pubbliche come la metropolitana di Roma, che sposta ogni giorno migliaia di passeggeri. E che sono ora dotati di ascensori all’avanguardia ed energeticamente efficienti.

Le soluzioni ad alta innovazione tecnologica, come riferisce anche Ansa, sono state progettate da Schindler, il gruppo multinazionale tra i leader del settore a livello mondiale con sede a Concorezzo. “Siamo coscienti della responsabilità sociale che abbiamo nel muovere ogni giorno oltre 1,5 miliardi di persone in tutto il mondo - sono le parole del direttore generale di Schindler Italia Danilo Calabrò - permettendo a tutti, indipendentemente dall’età e dalle condizioni fisiche, di superare distanze e dislivelli in modo rapido, sicuro ed efficiente”. In particolare, la tecnologia ‘Port’, sfruttando avanzati algoritmi di AI e Machine Learning, migliora drasticamente la gestione dei flussi di passeggeri durante le fasi di picco nell’utilizzo degli ascensori con un risparmio di tempo fino al 40% e contribuendo anche ad un risparmio energetico complessivo. Proprio l’innovazione tecnologica, unita alle competenze tecniche e gestionali del suo personale, permettono a Schindler di occuparsi di progetti infrastrutturali complessi e di importanti appalti pubblici.

“Presso il cantiere della nuova linea metropolitana M4 di Milano stiamo installando attualmente 152 tra scale e tappeti mobili” spiega Calabrò. Non ci sono però solo le nuove realizzazioni. Il ciclo di vita medio di un ascensore o scala mobile è di circa 30 anni, se viene effettuata una manutenzione corretta. Successivamente gli impianti vanno sostituiti, per essere adeguati ai nuovi standard di sicurezza, tecnologici e normativi. “Abbiamo curato per un anno, fino al giugno 2020, il servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria dei 733 impianti – ascensori e scale mobili – dell’intera rete metropolitana di Roma – prendendo in carico una situazione molto deteriorata a livello tecnico –, riconsegnandoli a fine incarico, dopo un’intensa attività di revisione e riparazione, tutti funzionanti in piena efficienza e sicurezza al nuovo gestore a noi subentrato”.

Oltre a questo Schindler è attualmente impegnata nella sostituzione di 22 scale mobili, 22 ascensori e 4 tappeti mobili in dieci stazioni della Linea B . “Si tratta di un’opera mastodontica e articolata: si lavora in luoghi angusti, a decine di metri sotto la superficie, con scadenze stringenti e per diverse ore al giorno, ma sempre con i più elevati livelli di qualità e sicurezza”, conclude Calabrò.

*/ ?>

Cronaca

schindler.jpg

Il successo di Schindler tra archistar e metropolitane

Concorezzo. Dall’iconica ‘Torre PwC’ a CityLife dell’archistar Daniel Libeskind al ‘Corporate Center’ di Accenture in via Bonnet, entrambe a Milano, alle grandi opere pubbliche come la metropolitana di Roma, che sposta ogni giorno migliaia di passeggeri. E che sono ora dotati di ascensori all’avanguardia ed energeticamente efficienti. Le soluzioni ad alta innovazione tecnologica, come riferisce anche Ansa, sono state progettat

CorradoRivaCorrezzana. Dalla sua fornace, l'ultima del suo paese, nascono due delle maestose sculture che saranno inaugurate a Milano, al parco Citylife. Qui, nel cuore della grande Milano domenica verrà tagliato il nastro del parco nel quale 16 scultori di tutto il mondo sono stati invitati a realizzare delle installazioni. Tra loro anche un'artista tedesca, Judith Hopf che ha scelto la fornace di Corrado Riva, 48 anni, originario di Correzzana, che col padre possiede l'ultima fabbrica artigiana a Fornaci di Briosco in alta Brianza. Grazie alla maestria brianzola sono stati realizzati una mano e un piede giganti che fanno parte dell’opera di per ArtLine Milano, dal titolo Hand and Foot for Milan (scopri di più sul progetto)

"Un tempo qui avevamo circa cinque o sei fornaci, poi nel tempo hanno chiuso tutte - ha spiegato Riva nel cuore della sua bottega - La Hopf ci scrisse un anno e mezzo fa parlandoci del suo progetto: "Hand and foot for Milan". Ci chiese se eravamo in grado di farlo e io risposi... vediamo". Il piede e la mano (3 metri e 60 centimetri di altezza, ndr) sono stati realizzati da Riva con una serie di mattoni sagomati a mano nella sua fornace e poi assemblati. Insieme rappresentano "Un ironico dialogo a distanza tra forme umane e contesto architettonico", spiega l'artista in alcune interviste, dichiarando anche di aver voluto fortemente un materiale dalla forte tradizione che è esattamente l'argilla lavorata da Riva. "Ci è voluto più di un anno per trovare il modo di realizzarla - ha spiegato Riva mostrando il modello in legno - Inizialmente eravamo partiti col polistirolo per lo stampo, ma non era adatto. Quindi abbiamo riprodotto la "manona" in legno, divisa in parti tutte segnate con un codice. Quindi un pezzettino dopo l'altro abbiamo realizzato le parti che sono state inserite e sagomate". Lunedì una degazione del FAI di Monza è stata da Riva per scoprire questa meraviglia.  Corrado Riva e Cinzia Cataldi di Museo in Tasca  hanno raccontato come è nato questo luogo, ricco di fascino e storia all'interno di Fornaci, "il villaggio nato sui mattoni". Il prossimo appuntamento è per domenica 15 aprile, alle ore 12, quando sarà inaugurato il parco delle sculture. Al parco di via Eginardo, saranno presenti gli artisti, Filippo Del Corno, assessore alla Cultura, Roberto Russo curatore di Citylife e naturalmente coloro che hanno collaborato, tra cui Riva.

Piedone

LA STORIA DELLA FORNACE

E' una di quelle storie che staresti ore ad ascoltare, quella di Fornaci, dove tra l'Ottocento e il Novecento c'erano cinque fornaci che davano da lavorare a centinaia di persone. Ora è rimasta solo quella di Riva, in questa piccola frazione di Briosco, in Brianza. C'era chi faceva la terra, chi il mattone, chi cuoceva opera. "Siamo rimasti solo noi perché la nostra è una fornace artistica - ha spiegato Riva, terzogenito di una famiglia di artigiani - E' nata tra il 1920 e il 1925, non c'è una data precisa, per opera del professor Persico che insegnava all'Umanistico a Milano e di un suo allievo che si chiamava Rebattini. Lui era antifascista e in quegli anni sarebbe stato costretto a iscriversi al Fascio per fare il professore. Ma lui non voleva iscriversi e allora è venuto qua con un gruppo di artisti e ha fondato questa fornace". Il nonno e anche il bisnonno di Corrado lavoravano già in quell'ambito. Rebattini vendette la fornace al nonno di Corrado, Ambrogio Riva, negli anni Sessanta. Con lui lavoravano il figlio (padre di Corrado), Emilio e lo zio Angelo. "Producevano di tutto, soprattutto vasi all'epoca - ha proseguito l'artigiano - Oggi ci siamo solo io e mio padre che pur essendo in pensione mi aiuta. Per questa grande scultura hanno comunque collaborato tanti amici. Più in generale proseguiamo la tradizione del cotto lombardo e collaboriamo con vari artisti. Qualche volta mi diletto anche io, ma non mi definisco un artista". L'orgoglio per l'opera realizzata è comunque tangibile. Riva ci ha poi mostrato la fornace vera e propria: una stanza in muratura che viene accesa dopo che Riva ha inserito manualmente uno alla volta i pezzi. Una volta spenta, la "camera" viene sempre murata e priva2.jpgoi riaperta letteralmente a martellata di volta in volta. Un procedimento che richiede una maestria insospettabile e soprattutto una immensa passione, quella che si può vedere negli occhi di Riva mentre si muove tra i tanti calchi delle centinaia di commissioni realizzate nei decenni in via XI Febbraio nella piccola Fornaci di Briosco. 

Scopria la fornace: clicca qui

corrado.JPG

*/ ?>

Cultura

CorradoRiva

L'antica fornace brianzola di Corrado conquista Milano

Correzzana. Dalla sua fornace, l'ultima del suo paese, nascono due delle maestose sculture che saranno inaugurate a Milano, al parco Citylife. Qui, nel cuore della grande Milano domenica verrà tagliato il nastro del parco nel quale 16 scultori di tutto il mondo sono stati invitati a realizzare delle installazioni. Tra loro anche un'artista tedesca, Judith Hopf che ha scelto la fornace di Corrado Riva, 48 anni, originario di Correzzana, che

leo1.JPGConcorezzo. L’Assessorato alla Cultura del Comune di Concorezzo organizza permercoledì 29 aprilealle ore 21 presso l’auditorium di Villa Zoja una conferenza con la dottoressaElisabetta Parentededicata alla mostra su Leonardo da Vinci allestita a Palazzo Reale a Milano in occasione di EXPO 2015.L'esposizione, la più grande e la più importante mai organizzata in Italia, ricostruisce la vita e la personalità poliedrica, geniale e originalissima di Leonardo, che sapeva spaziare dall'arte all'ingegneria, dalla scenografia alla scienza, offrendo un'emozione continua di ingegno e creatività. L’incontro sarà rivolto all’analisi dei disegni, delle ricerche scientifiche e delle sperimentazioni pittoriche di questo artista la cui genialità ha saputo proiettarsi oltre i confini temporali della sua epoca.

leo2.JPG

 

*/ ?>

Eventi

leo1.JPG

L'infinito e misterioso fascino di Leonardo da Vinci

Concorezzo. L’Assessorato alla Cultura del Comune di Concorezzo organizza permercoledì 29 aprilealle ore 21 presso l’auditorium di Villa Zoja una conferenza con la dottoressaElisabetta Parentededicata alla mostra su Leonardo da Vinci allestita a Palazzo Reale a Milano in occasione di EXPO 2015.L'esposizione, la più grande e la più importante mai organizzata in Italia, ricostruisce la vita e la personalità poliedrica, geniale e originalis