santalfredo
santalfredo

monza

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREPer un attimo lasciamo da parte le gioie del calcio italiano e l’inizio dellastagione 2021/22 del Calcio Monza per dedicarci a tutt’altri sport.  E che sport! Il prossimo 23 luglio fino all’8 agosto, avranno luogo le Olimpiadi 2020 di Tokyo. Forse si dovrebbe dire le Olimpiadi 2021, visto che causa pandemia globale sono state rimandate di un anno esatto. E se il luogo e i loghi non sono cambiati, è proprio di questi giorni la notizia ufficiale, che tutte le gare non avranno persone sugli spalti. Si era aperto in un primo momento al pubblico locale, ma dati i recenti sviluppi del COVID-19 e la proroga delle restrizioni da parte del governo giapponese, ora saranno solo atleti e staff ad entrare nei palazzetti e negli stadi.

Saremo pronti comunque a fare il tifo da casa per tutta la spedizione italiana, che comprende ben 384 atleti che competeranno in 30 discipline diverse. E in mezzo a questo grande numero c’è anche un po’ di Monza e Brianza. Due, principalmente, sono gli sport in cui troveremo volti e nomi a noi noti.

Il primo è forse l’attività più antica e più caratteristica delle Olimpiadi: l’atletica leggera. In questa categoria sono 76 i nostri atleti in gara, suddivisi in 41 uomini e 35 donne. Tra questi ce ne sono 3 legati al nostro territorio: Linda Olivieri, Filippo Tortu e Vladimir Aceti. Tutti e 3 i giovani sono alla loro prima Olimpiade in carriera.

Per Filippo Tortu, Tokyo dovrà essere una conferma delle sue qualità e una ripresa dopo un anno non positivo. Originario di Costa Lambro, si è formato proprio sulle piste di Giussano e Besana Brianza. Il 23enne velocista che nel 2018 aveva registrato il record italiano nei 100 m con un tempo di 9.99 (poi battuto da Marcell Jacobs che ha tagliato il traguardo in 9.95), quest’anno nelle varie gare non è andato oltre i 10.18. Questa sua avventura nel Sol Levante sarà l’opportunità di comprovare le sue abilità.

Sempre a Giussano vive e si allena Vladimir Aceti. Di origine russa ma italianissimo di nascita, stessa età di Tortu, gareggerà per la staffetta 4x400 mista e 4x400. Tesserato con le Fiamme Gialle e 2 ori vinti agli Europei di Grosseto nel 2017, darà sicuramente il suo contributo al team per raggiungere le finali.

Grandi speranze anche per Linda Olivieri, nata in Piemonte ma tesserata con l’Atletica Monza. Correrà nei 400 a ostacoli e data la sua ultima gara ai Campionati italiani di Rovereto, siamo sicuri che questa giovane atleta, si toglierà nuove soddisfazioni.

Non solo atletica ma anche volley. Alessia Orro e Anna Danesi, della Vero Volley Monza femminile sono tra le giocatrici che scenderanno in campo con la Nazionale italiana di Pallavolo. Per entrambe si tratta della seconda Olimpiade (la prima Rio 2016) e arrivano da una stagione di successo, visto che con il Vero Volley hanno conquistato la CEV Cup 2021 e sono state nominate la prima la miglior giocatrice della finale di CEV e la Danesi il miglior muro di Serie A1 femminile. Ma non è tutto, perché ad essere chiamato per questa Olimpiade c’è anche Gianluca Galassi, centrale del Vero Volley Monza maschile. Per l’atleta, classe ’97 è invece la prima esperienza ai giochi a cinque cerchi.

Da non dimenticare anche Arianna Errigo che vive a Muggiò, e che parteciperà probabilmente alla sua ultima Olimpiade. La schermitrice ai giochi olimpici si è già tolta qualche soddisfazione con un argento individuale e un oro a squadre entrambi vinti a Londra 2012. In piscina invece troveremo Federica Sala, la 28enne di Vimercate, fa parte del team del nuoto sincronizzato, disciplina in cui contiamo di portare a casa una medaglia.

Per vedere tutti questi atleti, si può contare sull’offerta proposta da Discovery che farà oltre 3000 ore di diretta nei giorni delle competizioni. Non è un caso che il vasto programma sia proposto da una delle piattaforme di tv digitali. In questo anno di pandemia, è proprio chi ha avuto una proposta on demand che ha fatto il boom. Pensiamo a Netflix, Disney Plus e anche Prime Video. E non solo, perché anche le mere forme di intrattenimento si sono spostate su siti di casinò online che conofferte di bonus, promo e la possibilità di giocare in versione demo, hanno raggiunto un grande numero di utenti. Utenti che possono giocare in tutta sicurezza grazie alle licenze ADM, e che proprio attraverso le varie offerte possono arricchire il proprio montepremi.

Non ci resta che aspettare ancora una settimana e poi iniziare a tifare per i nostri atleti, soprattutto per quelli targati MB.

*/ ?>

Dalla Brianza

C’è anche una parte di Brianza alle Olimpiadi 2020, ecco chi sono i nostri atleti

C’è anche una parte di Brianza alle Olimpiadi 2020, ecco chi sono i nostri atleti

Per un attimo lasciamo da parte le gioie del calcio italiano e l’inizio della stagione 2021/22 del Calcio Monza per dedicarci a tutt’altri sport.  E che sport! Il prossimo 23 luglio fino all’8 agosto, avranno luogo le Olimpiadi 2020 di Tokyo. Forse si dovrebbe dire le Olimpiadi 2021, visto che causa pandemia globale sono state rimandate di un anno esatto. E se il luogo e i loghi non sono cambiati, è proprio di questi giorni la notizia

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Nonostante il primo punto conquistato in Serie A, alla sesta giornata, il Monza ha esonerato l’allenatore Giovanni Stroppa sostituendolo col tecnico della formazione biancorossa partecipante al campionato Primavera 2, Raffaele Palladino, oggi presentato alla stampa dall’amministratore delegato Adriano Galliani nella sala conferenze dell’U-Power Stadium.
 
Il senatore (ancora per pochi giorni dato che non ha voluto essere ricandidato) ha così spiegato l’avvicendamento sulla panchina della compagine brianzola: “Innanzitutto mando un affettuoso saluto e un affettuoso ringraziamento a Giovanni Stroppa che solo pochi mesi fa ci ha portato in Serie A. È un risultato che ci ha resi orgogliosi e felici. Grazie a questo risultato tra 4 giorni a Monza giocherà la Juventus per il campionato ed è qualcosa di strepitoso. Ieri Stroppa mi ha chiesto perché è stato esonerato: quando non arrivano i risultati e non si è soddisfatti del gioco il calcio prevede che si possa cambiare l'allenatore. Il Monza è ultimo in classifica dalla seconda giornata eppure è la seconda società di Serie A che lo fa. Abbiamo deciso di promuovere Palladino che non è un traghettatore, ma l'allenatore del futuro. Ha solo 38 anni: nel 2019 ho sperato che ci desse una mano come calciatore per salire dalla Serie C alla B ma si è infortunato. Dopodiché si è ritirato e noi allora gli abbiamo affidato prima l’Under 15 e poi la Primavera 2, che l’anno scorso ha fatto giocare bene portandola alle semifinali dei play-off promozione. Ha pure iniziato bene il campionato di quest'anno. Bisogna fare anche qualche scelta coraggiosa. La decisione è stata condivisa col presidente Silvio Berlusconi. Benvenuto Raffaele, forza e avanti tutta!”.
 
Avevate contattato altri allenatori? “Avevamo pensato anche ad altri allenatori, ma poi abbiamo scelto per tante motivazioni Palladino. Lunedì sera l’ho portato a cena ad Arcore da Berlusconi. Gli ho chiesto se preferiva iniziare ad allenare la squadra prima o dopo la partita con la Juventus e lui non si è tirato indietro accettando subito la sfida. Siamo convinti che abbia dentro di sé le stimmate del grande allenatore. Ho tappezzato tutto il centro sportivo Monzello con cartelli recanti la scritta ‘Abbiamo impiegato 110 anni per andare in Serie A; non possiamo impiegare 12 mesi per tornare in Serie B’. Crediamo che Palladino centrerà l'obiettivo della salvezza. Al suo fianco come nuovo preparatore dei portieri avrà Alfredo Magni, che ha svolto lo stesso ruolo per 5 anni al Milan”.
 
È la scelta più coraggiosa che ha fatto nella carriera da dirigente calcistico? “Una delle due più coraggiose: anche quella di ingaggiare Arrigo Sacchi come allenatore del Milan dato che non era stato un grande giocatore e proveniva dalla Serie B. Lui è diventato quello che è diventato...”.
 
Cosa vi aspettate per le prossime partite? “Siamo convinti di avere un organico di prim'ordine, quindi vogliamo vedere in campo una squadra che faccia meglio di quanto fatto finora. Già con l'Atalanta abbiamo disputato una buonissima prima mezz'ora, ma io e Berlusconi abbiamo notato un forte calo di rendimento tra il primo e il secondo tempo. Poi abbiamo cambiato l’allenatore quando è stato conquistato il primo punto, ma lo abbiamo fatto perché non è piaciuto il gioco: a Lecce non abbiamo fatto un tiro in porta a parte il gol su calcio di punizione. La nostra filosofia è di accettare la sconfitta ma col bel gioco. Preferiamo perdere giocando bene che pareggiare facendo un tiro in porta”.
 
Non avete cambiato troppi giocatori nel mercato estivo? “Tutte le neopromosse hanno cambiato tanti giocatori: quando una squadra arriva dalla Serie B è ovvio che deve entrare in maniera pesante sul mercato. Da noi sono arrivati 16 giocatori nuovi. Ora dobbiamo innanzitutto pensare a salvarci”.
 
Avete timore che essendo a Lecce stati aiutati dal Var e, al contrario, la Juventus danneggiata dal Var contro la Salernitana, l’arbitraggio di domenica prossima possa essere condizionato? “Il Var ha ridotto di tantissimo gli errori ma certamente va ancora migliorato. Credo che Monza-Juventus non risentirà minimamente di quanto successo domenica scorsa. Affronteremo la squadra allenata dall’amico Massimiliano Allegri, che ha ottenuto grandi risultati sia al Milan che alla Juventus”.
 
È poi stata la volta di Palladino a presentarsi: “Innanzitutto ringrazio la società, Berlusconi e Galliani, che mi hanno dato questa possibilità. Io sono strafelice. Ho una grande voglia di fare bene. Sono innamorato di questo lavoro: ho iniziato a studiare gli allenatori quando ancora giocavo. Sono orgoglioso di questo incarico, sono pronto”.
 
Come sta Cragno, portiere della Nazionale che a Monza finora è stato in panchina? “Cragno sta bene, si allena, sto valutando tutto. Tutti i giocatori si sono messi a disposizione. C’è grande entusiasmo. Ringrazio Stroppa che ha fatto un ottimo lavoro, che ha idee di gioco. Mi ha telefonato per dirmi ‘in bocca al lupo’”.
 
Che sistema di gioco adotterà? “Inizierò con la difesa a tre, ma non è detto che non si possa cambiare. Forse il centrocampo sarà a quattro con tre punte o due punte e un trequartista”.
 
Ci sarà da lavorare più sull’aspetto emotivo o sull’aspetto tattico? “In una squadra non possono mancare entrambi. Stiamo cercando di trovare le soluzioni migliori, stiamo cercando di inculcare ai ragazzi la mia idea di calcio. Ma non può mancare l’entusiasmo, il cuore grande, l’anima, oltre all’aspetto tattico”.
 
Dato che già lavorava al Monza, che rapporto ha coi giocatori? “Sono ragazzi che conosco bene, anche perché con qualcuno ho giocato assieme. Questo è un vantaggio. Con Pessina ho anche condiviso la camera da calciatore, ma adesso viene prima il bene della squadra alle amicizie più strette”.
 
Che obiettivi le ha posto la società? “Mi ha semplicemente chiesto di fare del mio meglio”.
 
Che cosa le ha detto Berlusconi ad Arcore? “È stata una bellissima serata, piacevole, mi sono sentito a casa. Ma a Monza ci si sente in una grande famiglia”.
 
È Gian Piero Gasperini il suo maestro? “È stato mio maestro nella Primavera della Juventus e poi al Genoa. Grazie a lui sono arrivato a giocare in Nazionale. Ho anche avuto Ranieri, Lippi, Donadoni, Deschamps: maestri molto bravi. Un mio modello è pure Juric”.
 
Domenica alle ore 15 sarà emozionato nell’affrontare la sua ex squadra? “Affrontare la Juventus farà piacere ma non sarà emozionante perché ormai fa parte del mio passato. In questo momento sto pensando solo al Monza. Vorrei vedere lo stadio pieno di tifosi del Monza perché sono attaccati alla squadra e in questo momento ha bisogno di una mano anche da loro”.
 
Riguardo allo staff tecnico, detto del preparatore dei portieri, resta ancora da annunciare il nuovo allenatore in seconda. Il collaboratore tecnico sarà Stefano Citterio, mentre il preparatore atletico Fabio Corabi. Ai cinque fisioterapisti già presenti si aggiunge Simone Borgonovo.
*/ ?>

Sport

Calcio Monza, Galliani presenta il neo-allenatore Palladino

Calcio Monza, Galliani presenta il neo-allenatore Palladino

Nonostante il primo punto conquistato in Serie A, alla sesta giornata, il Monza ha esonerato l’allenatore Giovanni Stroppa sostituendolo col tecnico della formazione biancorossa partecipante al campionato Primavera 2, Raffaele Palladino, oggi presentato alla stampa dall’amministratore delegato Adriano Galliani nella sala conferenze dell’U-Power Stadium.   Il senatore (ancora per pochi giorni dato che non ha voluto essere ricand

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Con la presentazione del nuovo allenatore Giovanni Stroppa e il raduno della squadra è iniziata ufficialmente oggi la stagione 2021/22 del Monza. Nella nuova sala stampa dello U-Power Stadium, pronta per una eventuale Serie A, l’amministratore delegato della società brianzola Adriano Galliani e il direttore sportivo Filippo Antonelli Agomeri hanno dato il benvenuto a Stroppa, 53 anni, già biancorosso come giocatore dal 1987 al 1989, quando contribuì alla promozione in Serie B e alla conquista della Coppa Italia Serie C nel 1988. Col Milan vinse poi 1 Coppa dei Campioni, 2 Coppe Europeo-Sudamericane, 3 Supercoppe Europee e 1 Supercoppa Italiana. Ai tempi da “fantasista” nel Foggia di Zdenek Zeman indossò per 4 volte la maglia della Nazionale. Pure da allenatore i successi non sono mancati: con la Primavera del Milan ha messo in bacheca 1 Coppa Italia (l’aveva vinta anche da giocatore a 17 anni), col Foggia la Supercoppa di Serie C seguita alla promozione in Serie B e col Crotone il trofeo della promozione in Serie A nel 2019.
 
“Arrivò a Monza in prestito dal Milan – ha raccontato Galliani – e giocò quasi sempre. In rossonero ha poi vinto tanto segnando pure il secondo dei tre gol della vittoria della Coppa Europeo-Sudamericana del 1990. Da allenatore ha continuato a vincere. E come vuole ‘patron’ Silvio Berlusconi coniuga i risultati col bel gioco. L’abbiamo acchiappato al volo perché stava andando a sedersi su una panchina di Serie A”.
 
“Ringrazio innanzitutto Berlusconi, Galliani e Antonelli Agomeri – sono state le prime parole in biancorosso di Stroppa – Sono stato scelto per quel che ho dimostrato in questi ultimi anni. Provo una sensazione strana a essere qui perché nell’ultimo lustro ho allenato lontano da casa. Sono tornato in un posto a me caro. Il mio primo pensiero ‘monzese’ è andato al vecchio stadio Sada, all’ex presidente Valentino Giambelli, alla sensazione di essere tornato in famiglia. Cercherò attraverso il lavoro di portare a Monza oltre al bel gioco i risultati sperati. Ci sono tutte le componenti per poter fare bene. Sembrerà una contraddizione, ma proprio per questo ritengo che il mio compito sarà più difficile”.
 
Sulla stagione trascorsa Galliani ha ricordato che si è trattato del “miglior risultato nella storia della società, perché è stata la prima volta che il Monza è arrivato terzo da solo in Serie B. Però ora esistono i play-off. E nella gara di andata delle semifinali a Cittadella sono stati commessi troppi errori di squadra e individuali. Comunque abbiamo fatto esperienza, è stata una stagione molto positiva. Davanti a noi in regular season sono arrivati l’Empoli e la Salernitana: con i toscani abbiamo fatto 2 punti e coi campani 6. Purtroppo ci sono mancati i punti con le squadre di bassa classifica. Nelle 6 partite che sono stato assente perché malato di ‘coronavirus’ abbiamo raggranellato solo 5 punti: è una cosa che non me la levo dalla testa... Se non siamo andati in Serie A è per impercettibili colpe sia della società, che dell’allenatore che dei giocatori. A proposito di Salernitana, anche se l’iscrizione della società granata è a rischio, non abbiamo presentato domanda di ripescaggio. È vero che io mi sono agitato, ma il nostro legale Leandro Cantamessa mi ha stoppato: leggendo le Norme Organizzative Interne della Federcalcio non ci sono dubbi: se salta la Salernitana, la Serie A tocca al Benevento”.
 
Sulla struttura societaria l’a.d. ha sottolineato che “Fininvest ha riportato il Monza in Serie B dopo 19 anni e ha rifatto lo stadio. Tutti gli sponsor hanno confermato il rapporto col club. La U-Power ha addirittura firmato un contratto di sponsorizzazione dello stadio per 10 anni. A proposito di stadio, è un peccato la mancanza di pubblico: crediamo che per i tifosi in possesso della Certificazione verde Covid-19 si possano riempire gli impianti fino al 50% di capienza”.
 
Sul mercato Galliani ha spiegato che la situazione è piuttosto ferma proprio a causa del “coronavirus”, che ha messo in difficoltà l’economia, anche quella che ruota attorno al pallone: “La squadra verrà in gran parte riconfermata, sia perché comunque è arrivata terza in regular season, sia perché facciamo fatica a cedere i giocatori di nostra proprietà per ingaggiarne altri. In seguito ai rientri per fine prestiti, oggi si radunano 34 giocatori più 2 aggregati dalla Primavera: è evidente che prima dobbiamo sfoltire la rosa, anche perché per regolamento possiamo far giocare al massimo 18 giocatori nati prima del 1998 e attualmente ne abbiamo ben 24. Abbiamo proposto alla Lega Serie B di abolire questa regola ma la maggioranza delle società si è opposta. Così come si è opposta la Federcalcio alla nostra richiesta di poter tesserare 1 giocatore extracomunitario per club. Attualmente, dunque, i nostri unici movimenti sul mercato sono stati l’ingaggio di Brescianini, in prestito dal Milan ma proveniente dall’Entella, e la conferma del prestito dall’Inter di Di Gregorio, mentre per l’altro interista in prestito, Pirola, la conferma è quasi fatta. A proposito di prestiti, non siamo riusciti a trattenere Frattesi, rientrato al Sassuolo per sua volontà. Stiamo invece resistendo alle ‘lusinghe’ per il nostro Mota, richiesto da diverse società. Rimanendo in tema di ‘top player’, non abbiamo rinnovato il contratto a Boateng e Balotelli: il primo è tornato dove aveva cominciato, nell’Hertha Berlino, mentre il secondo probabilmente si trasferirà in Turchia. Il ‘Boa’ ci aveva prospettato la possibilità di ingaggiare il suo amico Ribery, svincolatosi dalla Fiorentina, ma abbiamo deciso di battere altre strade per quel ruolo. Oltre che rinforzare l’attacco ci sarà sicuramente bisogno di ingaggiare una mezzala importante per rimpiazzare Frattesi”.
 
Antonelli Agomeri ha aggiunto: “Stiamo dando precedenza nelle trattative di cessione a chi ha il contratto in scadenza nel 2022”.
 
Anche per Stroppa “è prematuro parlare di mercato. In questo momento i giocatori in rosa sono tanti e quindi è più giusto cedere che prendere. La squadra è comunque già competitiva perché è arrivata terza in regular season. Non si vince solo con giocatori bravi, ma con giocatori con la ‘testa’ e la volontà di arrivare in alto. L’obiettivo è la Serie A. Non potremo far altro che inseguire questo obiettivo, ma non sarà semplice. Però abbiamo esperienza e capacità per raggiungere il traguardo che tutti a Monza sognano da tempo. Di sistema di gioco non parlo: avendo due mezzali potrei giocare con tre trequartisti. Mota? È un giocatore di assoluto livello che mi auguro di avere a disposizione”.
 
Galliani ha chiuso la conferenza stampa con la notizia di un’amichevole di lusso: “Siamo in avanzatissima trattativa per ospitare la Juventus sabato 31 luglio”.
La squadra sosterrà test fisici e visite mediche di rito fino a domani, dopodichè si allenerà al centro sportivo Monzello. Sabato prossimo partirà per il ritiro di Ronzone, in Trentino, dove resterà fino al 24 luglio.
 
Ecco l’elenco dei calciatori convocati per il raduno: Anastasio, Armellino, Barberis, Barillà, Bellusci, Bettella (di proprietà dell’Atalanta), Brescianini (proveniente dall’Entella ma di proprietà del Milan), Colpani (di proprietà dell’Atalanta), D’Alessandro, D’Errico, Di Gregorio (di proprietà dell’Inter), Di Munno (proveniente dalla Pro Sesto), Diaw, Donati, Finotto (proveniente dal Pordenone), Fossati (proveniente dall’Hajduk Spalato), Gliozzi (proveniente dal Cosenza), Gytkjaer, Lamanna, Lombardi (proveniente dal Teramo), Machin (proveniente dal Pescara), Maric, Morosini (proveniente dalla Feralpisalò), Mosti (proveniente dall’Ascoli), Mota Carvalho, Negro (proveniente dal Perugia), Palazzi (proveniente dal Palermo), Paletta, Rigoni (proveniente dal Pescara), Rubbi (aggregato dalla Primavera), Sampirisi, Scaglia, Scozzarella, Siatounis (proveniente dalla Primavera della Sampdoria e aggregato dalla Primavera), Sommariva, Carlos Augusto.
A questa lista si dovrebbe appunto aggiungere a breve Pirola, di proprietà dell’Inter, mentre Ricci è tornato per fine prestito al Sassuolo come Frattesi.
Per quanto riguarda lo staff tecnico, Stroppa si è portato dietro quasi tutti i suoi uomini dell'esperienza a Crotone: Andrea Guerra (tra l'altro anch'egli ex giocatore del Monza) come viceallenatore, Giuseppe Brescia come collaboratore tecnico e Fabio Allevi e Andrea Primitivi come preparatori atletici, mentre come preparatore dei portieri è arrivato quello che aveva a Foggia, Nicola Dibitonto, e come addetto al recupero degli infortunati è stato chiamato Simon Barjie, già responsabile dell'area Performance del settore giovanile.
 
FOTO BUZZI

 

*/ ?>

Sport

Calcio Monza, iniziata la stagione 2021/22

Calcio Monza, iniziata la stagione 2021/22

Con la presentazione del nuovo allenatore Giovanni Stroppa e il raduno della squadra è iniziata ufficialmente oggi la stagione 2021/22 del Monza. Nella nuova sala stampa dello U-Power Stadium, pronta per una eventuale Serie A, l’amministratore delegato della società brianzola Adriano Galliani e il direttore sportivo Filippo Antonelli Agomeri hanno dato il benvenuto a Stroppa, 53 anni, già biancorosso come giocatore dal 1987 al 1989, qu

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

MONZA-COMO 3-2
 
Il Monza fa suo il sentitissimo derby col Como con uno strepitoso gol di “Pepìn” Machìn giunto in “zona Cesarini”. Ora la classifica torna a sorridere perché con questa vittoria i biancorossi rientrano in zona play-off. L’operazione di “controsorpasso” ai danni dei lariani parla però più portoghese che spagnolo perché prima del Nazionale equatoguineiano era andato a segno il lusitano Dany Mota con una splendida doppietta.
 
Col successo nel derby, che in Serie B non si disputava da 31 anni e mezzo, il Monza ha inanellato il sesto risultato utile consecutivo e tra l’altro è tornato a infilare 4 vittorie in successione in casa in cadetteria dopo 37 anni e mezzo. Gli avversari, invece, hanno interrotto la serie di 7 risultati utili consecutivi e quella di 3 vittorie di fila.
 
Il match è stato bifacciale: nel primo tempo ha dominato il Monza, nel secondo il Como. Finché i biancorossi hanno retto fisicamente, pressando i lariani in ogni zona del campo, è stato dimostrato che il gruppo allenato da Giovanni Stroppa potrebbe ambire alla promozione diretta. Quando ha mollato ha dato ragione a chi ritiene troppo fragile la fase difensiva, non all’altezza di affrontare le altre candidate al salto di categoria. E quando si parla di fase difensiva si intende la capacità di tutti i reparti di far fronte alle sfuriate avversarie. Purtroppo in attacco il Monza ha elementi fisicamente non importanti e in questo periodo molti di loro non sono in condizione. Considerando che anche questa settimana la lista degli infortunati si è allungata (a Lamanna, Favilli, Barillà e Scozzarella si sono aggiunti Pirola, Sampirisi e Carlos Augusto) resta forte il sospetto che sia stata sbagliata la preparazione fisica di questa stagione.
 
Contro il Como guidato da Giacomo Gattuso, senza gli infortunati Varnier e Gatto, ma con gli “ex” Scaglia e Gliozzi vogliosi di dimostrare che meritavano più considerazione, Stroppa ha schierato, rispetto all’ultimo incontro di Crotone, Caldirola in difesa e Vignato e Mota in attacco con Valoti e D’Alessandro che sono tornati a giocare sulla linea mediana.
 
All’U-Power Stadium si comincia tra cori e coreografie da big-match messi in scena dai 5625 spettatori che hanno deciso di sfidare il freddo e l’umidità. Il Monza parte forte e al 3’ un’iniziativa personale di Colpani porta a un tiro che Gori è costretto a deviare in corner. Al 6’ un calcio di punizione di Barberis passa alto. 4’ dopo un rasoterra diagonale di Colpani cozza contro il palo. Il gol è nell’aria e arriva al 16’ quando Vignato serve un filtrante per Mota che fulmina Gori. Al 25’ su una conclusione di Pedro Pereira imprecisa Valoti non arriva d’un soffio alla correzione di testa. Dopo altri 4 giri d’orologio giunge comunque il raddoppio: D’Alessandro serve in area Mota che con un sinistro violento gonfia la rete. Al 32’ un colpo di testa di Valoti vola sopra la traversa. Il Como, a parte qualche protesta per presunti rigori non visti né dall’arbitro né dal VAR, si rende davvero pericoloso al 38’ con un tiro-cross di Vignali che taglia l’area piccola senza che nessun compagno intervenga. Al 44’ sul cross di Vignato dalla linea di fondo Valoti ci riprova di testa ma manda la sfera sul palo. Al 48’ il Como sostituisce il portiere infortunato Gori con Facchin.
 
Nella ripresa il Monza cammina fin da subito mentre il Como ha ben altro piglio. Al 7’ un rasoterra di Chajia dal limite è bloccato a terra da Di Gregorio. Al 14’ Stroppa sostituisce Vignato con Antov spostando Donati a centrocampo e a catena D’Alessandro in attacco. Il neoentrato bulgaro però ne combina una delle sue: dopo 2 gol causati nelle precedenti 2 apparizioni, stavolta alla prima giocata sbaglia completamente l’apertura per il cambio di fronte consegnando palla agli avversari, che ringraziano con Bellemo. I biancorossi sono in balìa dei lariani e infatti 5’ dopo subiscono il pareggio firmato da Vignali su assist di un ottimo Parigini. I ragazzi di Stroppa faticano a tenere palla e dunque a superare la metà campo. Le cose migliorano quando al 26’ Machìn e Ciurria rilevano Valoti e D’Alessandro. Al 31’, però, Cerri con un destro dal limite manda alto facendo tremare la Curva Davide Pieri. Il match sembra avviarsi verso il definitivo 2-2, anche perché il Monza fa girare la palla senza mai provare l’affondo, quando al 43’ Machìn inventa un tiro diabolico dai 25 metri che si insacca nel “sette” alla destra di Facchin: lo stadio esplode come da molto tempo non accadeva e i tifosi ospiti ripiegano le bandiere. C’è tempo per gli ingressi di Mazzitelli e Gytkjaer al posto di Colpani e Mota e, al triplice fischio, per l’espulsione di Cerri per proteste.
 
In sala stampa Stroppa è stato stavolta un po’ troppo baldanzoso: “Spero che questa vittoria porti qualcosa alla squadra a livello di consapevolezza della nostra forza e di autostima. Dall’inizio del campionato non abbiamo mai vinto 2 partite consecutive. Oggi abbiamo concesso al Como, la squadra più in forma del momento, solo un quarto d’ora, dove abbiamo subito per errori banali. È stata una piccola macchia dentro una partita interpretata benissimo, sotto l’aspetto del gioco, delle individualità, del dominio territoriale. Portare a casa la partita dopo questo quarto d’ora significa qualcosa d’importante. L’abbraccio dopo il gol del 3-2 la dice tutta su questo gruppo. Machìn e stato beccato dal pubblico però ha mostrato le ‘palle’ prendendosi il rischio di scagliare quel tiro. A inizio stagione era poco considerato ma ha lavorato bene e si merita tutto questo. Mota? Aldilà dei 2 gol spettacolari è un giocatore di raccordo, di corsa, che dà verticalità”.
 
Gattuso è stato più equilibrato: “Abbiamo giocato un secondo tempo straordinario per carattere, gioco, intensità, aggressività, e contro il Monza che è una squadra fortissima. Nel primo tempo invece potevamo fare meglio. Nel primo tempo è stato nettamente meglio il Monza, nel secondo nettamente meglio noi. Infatti a un certo punto speravo di vincere. Certamente meritavamo il pareggio. Tra l’altro dalla panchina ho visto un rigore nettissimo per noi nel primo tempo. Non capisco come mai l’arbitro non sia andato a rivedere l’azione al VAR”.
 
Riuscirà finalmente il Monza a vincere 2 partite consecutive? Lo sapremo sabato prossimo dopo che i biancorossi avranno affrontato l’Ascoli, appaiato coi brianzoli al 7° posto, allo stadio “Del Duca” (calcio d’inizio alle ore 14).
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Calcio, il derby della Brianza è ancora del Monza

Calcio, il derby della Brianza è ancora del Monza

MONZA-COMO 3-2   Il Monza fa suo il sentitissimo derby col Como con uno strepitoso gol di “Pepìn” Machìn giunto in “zona Cesarini”. Ora la classifica torna a sorridere perché con questa vittoria i biancorossi rientrano in zona play-off. L’operazione di “controsorpasso” ai danni dei lariani parla però più portoghese che spagnolo perché prima del Nazionale equatoguineiano era andato a segno il lusitano Dany Mota con

Il Monza di Cristian Brocchi avrebbe potuto eguagliare il record di quello di Alfredo Magni, poi imitato da quello di Marco Zaffaroni in Serie D: vincere 6 partite consecutive. Ma a rovinare i piani del tecnico milanese si è messo Alessandro Dal Canto e la sua Robur Siena “formato esportazione”, in quanto capace di perdere 3 gare in casa ma di aggiudicarsene altrettante in trasferta. Ai toscani sono bastati due tiri, uno per tempo, per portarsi a casa 3 punti lasciando nella costernazione l’“armata” biancorossa che in tutti i modi aveva tentato per 90’ più 5’ di recupero di scardinare la retroguardia ospite. Per dare un’idea dell’andamento della partita si può citare il conto dei corner: 16-1 per la formazione brianzola… Però nel calcio vince chi butta la palla oltre la linea di porta e il Monza questo obiettivo non è riuscito a centrarlo, ma al massimo ha colpito la traversa. È stata una giornata particolarmente storta per il reparto offensivo, incapace di sganciarsi dalle marcature asfissianti dell’“undici” bianconero. “Patron” Silvio Berlusconi, anche oggi presente allo stadio, ha permesso la costruzione di una compagine forte, che però manca di un fuoriclasse in attacco, del classico “bomber” d’area piccola, del Pippo Inzaghi degli anni “d’oro” del Milan, per restare in tema di fasti berlusconiani.

A suscitare qualche perplessità tra gli addetti ai lavori è stato anche il corposo “turnover” operato da Brocchi. L’allenatore ha recuperato dal leggero infortunio Armellino, che si è ripreso il posto lasciato a Palazzi per la trasferta di Lecco, ha nuovamente rimpiazzato l’infortunato Rigoni con Fossati e ha preferito Lepore a Sampirisi, Franco ad Anastasio, D’Errico a Iocolano, Chiricò a Mosti, Gliozzi a Marchi e Finotto a Brighenti. Una “rivoluzione” che non ha certo aiutato a trovare le intese negli scambi stretti. Dall’altra parte Dal Canto ha piazzato non uno ma due pullman davanti alla porta difesa da Confente, utilizzando anche l’ex biancorosso D’Ambrosio e, a gara in corso, l’altro “ex” Guidone.

I 3580 spettatori accorsi al Brianteo per il turno infrasettimanale sono rimasti gelati a metà primo tempo, quando una conclusione di Oukhadda è stata deviata da due giocatori del Monza nella propria porta. Solo nel finale di tempo si è assistito a una veemente reazione dei padroni di casa, andati vicini al pareggio con Bellusci, Gliozzi e Chiricò.

Nella ripresa la girandola di cambi non ha prodotto risultati apprezzabili e nel finale un contropiede senese si è concluso con Migliorelli il quale entrato in area ha scagliato un rasoterra che Lamanna ha respinto sui piedi di Cesarini, freddo a stoppare e a insaccare il gol del 2-0. Poco dopo Guidone ha pure sprecato la palla del 3-0, mentre Mosti quella del 2-1. Quindi Armellino ha fatto tremare la traversa con un colpo di testa e nel recupero nessun biancorosso è stato capace di buttare in rete una palla vagante sulla linea di porta.

Brocchi ha analizzato correttamente la gara: “Loro sono stati bravi a fare una partita difensiva. E il Siena è una squadra con ottime individualità, la migliore incontrata sotto quel punto di vista. Abbiamo perso la partita con due tiri due in porta. Però è vero che siamo stati poco incisivi in fase realizzativa. È mancato qualcosa sul piano dell’‘elettricità’ rispetto alle ultime partite. Berlusconi è venuto comunque a fine partita nello spogliatoio a dirci che la squadra gli è piaciuta perché ha cercato di giocare, ma la palla non ne voleva sapere di entrare. Il cambio di Fossati? Obbligato perché si è rotto il naso. La prossima gara? Lunedì (alle ore 20.45) affronteremo ad Alessandria la Juventus Under 23, una squadra che ha giocatori di qualità: sarà una sfida avvincente”.

Il senese Fabio Gerli ha raccontato che la sua squadra “era venuta a Monza sapendo che non aveva nulla da perdere. Ha disputato un’ottima partita, preparata molto bene, contro una squadra forte. La differenza l'abbiamo fatta stando attenti su tutti i palloni”.

Dal Canto ha dichiarato: “Sapevamo che per far punti qua serviva una patita ai limiti della perfezione. Il Monza è una squadra forte, organizzata, che ha giocatori di grande livello. Quello di oggi è un risultato eclatante, ma dev'essere la molla per cambiare registro perché non va bene perdere 3 partite di fila in casa. È vero che non si pensava di vincere il campionato, ma di stare nelle posizioni di vertice sì. Per il primo posto il Monza è una squadra fuori portata per tutte. Se vinceva oggi, il campionato era già virtualmente finito non solo per i pronostici”.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Sport

Calcio, il Monza perde il palio di Siena

Calcio, il Monza perde il palio di Siena

Il Monza di Cristian Brocchi avrebbe potuto eguagliare il record di quello di Alfredo Magni, poi imitato da quello di Marco Zaffaroni in Serie D: vincere 6 partite consecutive. Ma a rovinare i piani del tecnico milanese si è messo Alessandro Dal Canto e la sua Robur Siena “formato esportazione”, in quanto capace di perdere 3 gare in casa ma di aggiudicarsene altrettante in trasferta. Ai toscani sono bastati due

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. Cinque persone detenute in carcere, 10 ai domiciliari e due sottoposte all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria: sono i provvedimenti emessi dal gip distrettuale di Catanzaro su richiesta della Dda che aveva chiesto il rinnovo delle misure cautelare nei confronti di 31 persone, alcune delle quali già sottoposte a fermo il 19 maggio scorso. 

*/ ?>

Dalla Brianza

Calcioscommesse e Monza: ecco cosa ha deciso il gip

Calcioscommesse e Monza: ecco cosa ha deciso il gip

Monza. Cinque persone detenute in carcere, 10 ai domiciliari e due sottoposte all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria: sono i provvedimenti emessi dal gip distrettuale di Catanzaro su richiesta della Dda che aveva chiesto il rinnovo delle misure cautelare nei confronti di 31 persone, alcune delle quali già sottoposte a fermo il 19 maggio scorso. 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREQuesto pomeriggio la Giunta della Camera di commercio metropolitana di Milano, Monza Brianza e Lodi ha eletto all’unanimità come Vice Presidente Carlo Edoardo Valli, già Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza, ora unita alla Camera di commercio metropolitana insieme anche a Lodi. Noto imprenditore della Brianza nel settore arredo e design, per la Camera di commercio è Presidente dell’azienda speciale Promos per l’internazionalizzazione.

"L’importanza della nuova Camera di commercio metropolitana - ha commentato Carlo Edoardo Valli, Vice Presidente della Camera di commercio–  non sta solo nei numeri ma anche negli obiettivi ambiziosi che riusciremo a darci e conseguire. Oggi più di prima occorre lavorare insieme in ambito pubblico e privato. La sinergia tra istituzioni, mondo delle associazioni e delle imprese, sono convinto rappresenti un fattore decisivo. La fiducia che mi è stata accordata è segno dell’attenzione a un territorio centrale come Monza e la Brianza per l’operatività delle imprese e la propensione internazionale”

I membri di Giunta della Camera di commercio. Oltre a Carlo Sangalli, Presidente della Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, nella nuova Giunta ci sono: Marco Accornero, segretario generale dell’Unione Artigiani della Provincia di Milano; Guido Bardelli, Presidente Cdo Milano; Giovanni Benedetti, direttore Coldiretti Lombardia, Alvise Biffi Vice Presidente Piccola Industria Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza; Alberto Cazzulani, Presidente Confcooperative Milano, Lodi, Monza e Brianza, Marco Dettori, Presidente di Assimpredil-Ance Milano, Lodi, Monza e Brianza;  Valeria Gerli, Presidente Associazione GITEC Guide italiane Turismo e Cultura aderente a Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, Vincenzo Mamoli segretario regionale di Confartigianato Lombardia, Gabriele Rocchi, segretario organizzativo Camera del Lavoro metropolitana di Milano, Carlo Edoardo Valli, Presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio per i rapporti internazionali e già Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza.

Il Consiglio della Camera di commercio dal 18 settembre, oltre al Presidente Carlo Sangalli: Marco Accornero segretario generale dell’Unione Artigiani della Provincia di Milano; Alessandro Barbone, Presidente dell’associazione territoriale di Vimercate - Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, Guido Bardelli Presidente Cdo Milano; Giovanni Benedetti, direttore Coldiretti Lombardia; Luca Bertoni, Presidente dell’ordine degli ingegneri della provincia di Lodi; Alvise Biffi Vice Presidente Piccola Industria Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza; Giulia Biscossi, componente del Consiglio generale di Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza; Diana Bracco già Presidente di Assolombarda e di Expo 2015; Gianluigi Bricchi, Presidente dell’Associazione territoriale del Basso Lodigiano Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza; Alberto Cazzulani, Presidente Confcooperative Milano, Lodi, Monza e Brianza; Franco Ceruti già Presidente della commissione regionale ABI della Lombardia; Iacopo Chelazzi, componente del consiglio direttivo Cdo Milano; Massimo Dal Checco, membro del Consiglio Generale e Presidente Gruppo ICT e Servizi alle Imprese Assolombarda; Francesca De Lucchi, consigliere EPAM; Marco Dettori, Presidente di Assimpredil-Ance Milano, Lodi, Monza e Brianza; Ermanno Luigi Gatti, membro del comitato esecutivo di FIDICOMET Srl; Paola Generali, Vice Presidente di Assintel – Confcommercio;  Valeria Gerli, Presidente Associazione GITEC Guide italiane Turismo e Cultura aderente a Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza; Armando Gollinucci, responsabile comitato regionale lombardo Unione Nazionale Consumatori;  Annarita Granata, Presidente Unione del Commercio, del Turismo e dei Servizi della provincia di Lodi aderente a Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza; Vincenzo Mamoli segretario regionale di Confartigianato Lombardia; Fabio Massimo, Presidente regionale CNA Comunicazione e terziario avanzato, Gianpietro Meroni, Vice Presidente vicario Confcommercio Monza aderente a Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza; Fulvio Pandini, Vice Presidente associazione industriali di Lodi; Carlo Alberto Panigo membro di Giunta di Confcommercio Milano e Presidente associazione territoriale Confcommercio a Rho; Edoardo Pozzi, Vice Presidente ALSEA Associazione lombarda spedizionieri e autotrasportatori; Ambra Redaelli, Vice Presidente Piccola Industria di Assolombarda; Gabriele Rocchi, segretario organizzativo Camera del Lavoro metropolitana di Milano; Alessandro Spada Vice Presidente vicario di Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza; Carlo Edoardo Valli, Presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio per i rapporti internazionali e già Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza; Pier Paolo Vecchi, membro del Consiglio Generale e Vice Presidente Gruppo ICT e Servizi alle Imprese Assolombarda Confindustria Milano, Monza e Brianza; Beatrice Zanolini segretario generale FIMAA Milano, Lodi, Monza e Brianza – Confcommercio.

Alcuni numeri della nuova Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi.

Camera di Commercio di Milano, Monza-Brianza e Lodi, prima in Italia con quasi mezzo milione di imprese registrate, 2 milioni e 200 mila addetti, 500 miliardi di fatturato. È prima nel Paese in termini di imprese: secondo i dati relativi al 2016, conterebbe 466 mila registrate (di cui circa 400 mila attive). Parliamo di un bacino di 250 comuni e circa 4 milioni e 300mila abitanti, con una densità produttiva pari a 136 imprese e 803 addetti per km2. Significativo il peso anche in termini occupazionali, con oltre 2 milioni e 200mila addetti, pari circa al 59% del totale regionale e al 13% del nazionale. Prevalgono i servizi e il commercio, seguiti dalle costruzioni, dalla manifattura e infine dall’agricoltura. Dunque, rispetto alla sola Milano c’è più agricoltura da Lodi e più manifattura da Monza. A partire dall’industria brianzola del legno e del mobile, che conta 2.103 imprese attive (contro le 1.682 di Milano), vale a dire il 23% del manifatturiero locale (contro il 5,7% di Milano): con i due territori insieme il peso di questo settore arriva al 9,8%. Rispetto alla sola Milano cresce l’incidenza del settore della produzione di metalli, grazie dell’apporto di Monza e Lodi, che – come la stessa Milano – vantano una discreta specializzazione.

Ente pubblico delle imprese. La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico. Svolge funzioni di interesse generale per il sistema produttivo promuovendo la crescita delle imprese e del territorio.

Aziende speciali. La Camera di commercio si avvale del contributo di aziende speciali: Camera Arbitrale, per la risoluzione delle controversie e la diffusione della cultura della giustizia alternativa, dell’Arbitrato e della Conciliazione, Formaper, per la formazione e i servizi all’imprenditorialità, Innovhub e Stazioni Sperimentali per l’industria, per la ricerca e l’innovazione e Promos, per l’internazionalizzazione delle imprese.

*/ ?>

Dalla Brianza

Camera di Commercio metropolitana, Valli è vice presidente

Camera di Commercio metropolitana, Valli è vice presidente

Questo pomeriggio la Giunta della Camera di commercio metropolitana di Milano, Monza Brianza e Lodi ha eletto all’unanimità come Vice Presidente Carlo Edoardo Valli, già Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza, ora unita alla Camera di commercio metropolitana insieme anche a Lodi. Noto imprenditore della Brianza nel settore arredo e design, per la Camera di commercio è Presidente dell

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. Roulette russa sulla Provinciale Sp60: la Provincia di Monza se ne lava le mani. Nonostante il nome stesso della strada indichi chiaramente di chi sia la competenza, è sorprendente il contenuto della risposta sull'interrogazione relativa all'infinito e assurdo cantiere nei pressi della nuova Esselunga di viale Libertà. A quasi un anno dal taglio del nastro del nuovo supermercato, il cantiere lungo la provinciale che porta in direzione di Vimercate, Arcore, Villasanta e Concorezzo è ancora pericolosamente presente, occupando una corsia della carreggiata di immissione e parte dello svincolo per Concorezzo. Dopo le numerose proteste dei cittadini, era arrivata sui tavoli della Provincia l'interrogazione del consigliere leghista Andrea Montinel tentativo di capire perché quel tratto di strada non venisse messo in sicurezza (i lavori non possono proseguire a causa di un ricorso per il taglio non concordato di alcune piante, ma nell'attesa di potrebbe tranquillamente liberare la carreggiata). Il Presidente democratico Gigi Ponti ha,ora, risposto, di fatto scaricando la responsabilità sul Comune di Monza. Ponti ha citato il protocollo d'intesa che prevede, in questa fase, la gestione delle controstrade di collegamento a carico del capoluogo brianzolo. Non solo. Il presidente precisa che il completamento della Sp60 è fermo in attesa dello sblocco della Dia (dichiarazione di inizio attività) da parte dei Comuni di Villasanta e Concorezzo che, per non incorrere in omissione di atti d'ufficio, s'erano visti costretti al braccio di ferro contro la società incaricata dei lavori dopo che un cittadino aveva denunciato il taglio "abusivo" di alcuni alberi in un boschetto vicino allo svincolo (mai aperto) di uscita dal supermercato. Un rimpallo di responsabilità che rende ancor più surreale la situazione: ogni giorno migliaia di automobilisti e motociclisti sono costretti a pericolose acrobazie per immettersi sulla Sp60 ostruita dal cantiere, fermo da un anno. Ma nessuno vuol prendersi la briga di liberare provvisoriamente la Provinciale nell'attesa di capire se sia stato compiuto un illecito nel tagliare qualche pianta nel cosidetto bosco che non c'è.

Qui sotto la risposta del presidente Ponti al consigliere Monti

Per i dettagli della vicenda leggi:

L'uscita dell'Esselunga bloccata dal bosco che non c'è

Roulette alla rotonda, il caso finisce in Provincia

Per liberare la strada aspettiamo il primo morto?

 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

 

*/ ?>

Cronaca

Cantiere-roulette, la Provincia scarica su Monza, Concorezzo e Villasanta

Cantiere-roulette, la Provincia scarica su Monza, Concorezzo e Villasanta

Monza. Roulette russa sulla Provinciale Sp60: la Provincia di Monza se ne lava le mani. Nonostante il nome stesso della strada indichi chiaramente di chi sia la competenza, è sorprendente il contenuto della risposta sull'interrogazione relativa all'infinito e assurdo cantiere nei pressi della nuova Esselunga di viale Libertà. A quasi un anno dal taglio del nastro del nuovo supermercato, il cantiere lungo la provinciale che porta in

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORESe tutti sanno dei dormitori cinesi, allora anche i proprietari degli immobili e gli uffici comunali potranno essere chiamati a rispondere penalmente per eventuali tragedie. E’ questa la clamorosa ipotesi emersa in occasione del processo per la morte di sette operai cinesi a Prato nel 2013.

E in Brianza, chi controlla i mega capannoni presenti? Se lo chiede polemicamente l’imprenditore e volto noto della Camera di Commercio brianzola, Gian Luca Brambilla, tornato di recente a svolgere il ruolo di opinionista a Piazza Pulita su La7.

 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Commentando le notizie di cronaca che arrivano dalle aule di giustizia toscane, il manager concorezzesesi domanda: “Cosa crediamo, che il capannone a fianco di quello incendiato (a Prato, ndr), non sia ancora un dormitorio? Come lo sono tanti capannoni anche a Monza e Brianza (Agrate/Concorezzo/Brugherio) che è diventata la nuova "Prato" d'Italia! Qui la specializzazione è commerciale. Qui (ad Agrate, ndr) stanno costruendo il primo centro commerciale all'ingrosso cinese. Certo, gli "imprenditori" italiani coinvolti nella tragedia (gli immobiliaristi) hanno delle responsabilità. Ma mi permetta di dire che è di gran lunga superiore la responsabilità delle Autorità Comunali e quelle preposte alla Vigilanza. Infine un dato antropologico, legato alla Globalizzazione. Lin Youlan (responsabile della dita dove morirono sette persone, ndr) si frega le mani, per due ragioni. La prima, in Italia non rischia nulla rispetto a quanto rischierebbe penalmente in Cina”.E dopo un pesante attacco all’avvocato che si è fatto carico di difendere l’imprenditrice cinese, Brambilla conclude al veleno: “Al prossimo rogo”.

immagine di repertorio riferita a un rogo sviluppatosi nella zona industriale del paese  ma non assolutamente legata ai temi trattati in questo articolo

LEGGI ANCHE

2. Made in China e contraffazioni: in Brianza sequestrati 26 milioni di articoli(Dalla Brianza)...  di Monza e Brianza, il 90% dei titolari delle imprese accertate è di nazionalità cinese. Sono alcuni dei dati emersi in occasione dell’incontro “Camera di commercio e Guardia di Finanz ...Creato il 16 Maggio 2014

3.Insegne non autorizzate e decoro urbano, multa da 400 euro(Cronaca)Concorezzo. Ancora problemi con le regole amministrative per il parrucchiere a gestione cinese di via Libertà. A giugno l'attività era stata chiusa perché mancavano importanti autorizzazioni. Poi l'attivi ...Creato il 13 Marzo 20144. 

8 milioni di prodotti made in China sequestrati in paese(Cronaca)Concorezzo. La Guardia di Finanza del Comando provinciale di Milano ha sequestrato quasi 8 milioni di articoli, per un valore di alcune centinaia di migliaia di euro, in un emporio cinese ...Creato il 28 Febbraio 2014

5. Sequestrati 6,5 milioni di prodotti cinesi potenzialmente pericolosi(Dalla Brianza)... . Si tratta di prodotti non conformi alla disciplina del codice del consumo e, quindi, non sicuri. Le indagini si sono concentrate su un'azienda amministrata da soggetti di nazionalità cinese, aperta da f ...Creato il 06 Novembre 2013

6. Parrucchiere cinese, da oggi è scattata la chiusura(Cronaca)A seguito di accurate verifiche da parte del Comune, la nuova attività di acconciature di via Libertà 51 è sottoposta a chiusura per gravi irregolarità nella documentazione, il Comune procederà anche con ...Creato il 12 Giugno 2013

7. Comune chiude parrucchiere cinese: documenti irregolari(Cronaca)Concorezzo. L'avventura del primo parrucchiere cinese è durata poco più di una settimana. Oggi il Comune ha notificato l'ordine di chiusura per gravi irregolarità nella documentazione presentata dai titola ...Creato il 11 Giugno 2013

9. "Made in China" brianzolo, sequestro da tre milioni(Cronaca)... aziende riconducibili a cittadini di origine cinese. Uno dei magazzini era privo di insegne ed è risultato non dichiarato alle autorità. I responsabili delle aziende colpite dai sequestri adesso, oltre ...Creato il 23 Maggio 2013

11. Centro commerciale cinese, la Provincia ricorre al Tar(Cronaca)  Agrate. La Provincia ha presentato ricorso al Tar contro la decisione del Comune di Agrate di autorizzare sull'area ex Uquifa la costruzione del più grande centro commerciale cinese d'Europa. 2 ...Creato il 28 Marzo 2013

13. Centro commerciale cinese, domani Agrate darà il via liberà(Cronaca)C'è grande attesa (e qualche principio di protesta) per l'approvazione da parte del Comune di Agrate del piano che darà il via alla costruzione del centro commerciale cinese più grande d'Europa. Che sia cen ...Creato il 16 Gennaio 2013

14. Ecco il centro commerciale cinese più grande d'Europa(Cronaca)...  e a pochi chilometri da Concorezzo è comparso un eloquente cartellone: si parla di centro di commercio all'ingrosso, di Cina mercato (alla faccia chi parlava di italo-cinese) e soprattutto compare quel super ...Creato il 06 Gennaio 2013

15. Commercio cinese, multa da 22mila euro per attività illecita(Cronaca)Dopo i preoccupanti fatti registrati a Concorezzo e Monza, l'attenzione di Asl e carabinieri nei confronti delle attività a gestionecinese si sono intensificati. Venerdì mattina a Brugherio è scattat ...Creato il 24 Novembre 2012

16. (3) Rogo cinese, Brambilla (Cdc): "Sulla mozione pasticcio evitabile"(Cronaca)...  discutibile della lista civica cdc che pretendeva di scaricare la colpa  delle anomalie introdotte dal modello economico cinese sui cittadini e  sulle imprese di Concorezzo. Nello specifico chiedevan ...Creato il 26 Ottobre 2012

17. Incendio di via Brodolini, piromani in maschera?(Cronaca)Concorezzo. Avrebbero agito mascherati i presunti piromani che avrebbero dato fuoco all'ingrosso italo-cinese Abm di via Brodolini. Un filmato del circuito interno di videosorveglianza confermerebbe quind ...Creato il 23 Ottobre 2012

18. Incendio di via Brodolini, attesa per i rilievi Arpa. Civica attacca(Cronaca)... o l'ingrosso italo-cinese di via Brodolini. Da allora gli attesi aggiornamenti provenienti da stazione posizionata nei pressi della chiesa di Sant'Eugenio non sono ancora arrivati, e sono in molti a chied ...Creato il 21 Ottobre 2012

19. AB.M Idea: "Forse diamo fastidio". Ecco i dati sull'inquinamento(Cronaca)... so dà fastidio a qualcuno". Diecimila metri quadrati di superficie, 30 dipendenti di cui 12 italiani, l'ingrosso cinese di via Brodolini 11 è stato completamente divorato dalle fiamme sprigionatesi ieri  ...Creato il 16 Ottobre 2012

20. Incendio, la pioggia ferma le scorie. Chiuso il cimitero(Cronaca)... ità per l'ingrosso gestito da commercianti di origine cinese. "La situazione è sotto controllo - spiega a concorezzo.org il sindaco Borgonovo - Abbiamo allestito un presidio fisso nei pressi della Sch ...Creato il 15 Ottobre 2012

*/ ?>

Cronaca

Capannoni-lager per cinesi: responsabili anche proprietari e Comuni?

Capannoni-lager per cinesi: responsabili anche proprietari e Comuni?

Se tutti sanno dei dormitori cinesi, allora anche i proprietari degli immobili e gli uffici comunali potranno essere chiamati a rispondere penalmente per eventuali tragedie. E’ questa la clamorosa ipotesi emersa in occasione del processo per la morte di sette operai cinesi a Prato nel 2013. E in Brianza, chi controlla i mega capannoni presenti? Se lo chiede polemicamente l’imprenditore e volto noto della Camera di Commercio brianzola, Gian L

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. Il professor Alessio Varisco, tra i massimi esperti italiani di cavalieri templari e principale studioso del beato Rainaldo da Concorezzo (vescovo di Ravenna ai tempi di Dante e per questo, suppongo alcuni, citato nella Divina Commedia), è stato insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica. E' stato il Capo di Stato Sergio Mattarella a conferire la distinzione onorifica di “Cavaliere della Repubblica” a Varisco, direttore di Antropologia Arte Sacra ed autore di decine di volumi sulla storia dell’arte sacra e degli Ordini Cavallereschi. Il titolo gli è stato conferito su proposta del Consiglio dei Ministri, con Decreto del Presidente della Repubblica del 10 ottobre 2016; tale prestigiosissima onorificenza è destinata a "ricompensare coloro che abbiano speciali benemerenze verso la Nazione, in riconoscimento dello spirito di sacrificio e della dedizione prestata al servizio dello Stato". Il Professore è docente e presta la sua attività presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca da oltre tre lustri, è già Ufficiale dell’Ordine Cavalleresco pro Merito Melitensi, Cavaliere di Merito del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio oltre a "Pontificia Crux Aurea Signum Sacri Itineris Hierosolymitani” per le pubblicazioni sulla “translatio Hierosolymae” realizzate sotto l’alto patrocinio della Custodia Terrae Sanctae.

Approfondimenti

San Rainaldo, il concorezzese che salvò i templari

Templari, San Rainaldo sul palco mondiale di Expo

 

*/ ?>

Dalla Brianza

Cavaliere della Repubblica grazie agli studi sui templari

Cavaliere della Repubblica grazie agli studi sui templari

Monza. Il professor Alessio Varisco, tra i massimi esperti italiani di cavalieri templari e principale studioso del beato Rainaldo da Concorezzo (vescovo di Ravenna ai tempi di Dante e per questo, suppongo alcuni, citato nella Divina Commedia), è stato insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica. E' stato il Capo di Stato Sergio Mattarella a conferire la distinzione onorifica di “Cavaliere della Repubblica” a Varisc

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREOsteria La Lira insieme a Baci Milano ricreano il formato di “Cena sotto le stelle” in una location insolita: lo show-room di ultra design di Home Interni a Concorezzo Tre isole “del gusto” disseminate all’interno dello show-room vi serviranno gourmet tapas per poi farvi accomodare alla consueta cena placée dal menù più snello. E il dopo cena? Dj set e cocktail bar in una location davvero inaspettata. Sabato 8 ottobre a partire dalle 20:00 fino alla 1:00 di notte i 100 posti a tavola di “Cena sotto le stelle” si trasferiscono “sotto coperta”.Osteria La Lira e Baci Milano verranno eccezionalmente ospitati dallo show room Home Interni (ex Fillegno) che verrà animato in occasione dell'evento con un'aperitivo seguito da un light dinner e per gli irriducibili dopo le 22:00 dj set e cocktail bar per continuare l’esperienza gourmande. Durante la serata oltre che poter girovagare in tutta libertà per lo spazio allestito da arredi contemporanei, potrete inizialmente sorseggiare un aperitivo degustando le tapas gourmet del nostro chef Mattia Stanchieri per poi essere serviti con il nostro consueto format ad una tavolata di 100 persone allestita con gli charmant complementi di Baci Milano. Il costo del biglietto è di €35,00 ed è comprensivo di aperitivo e tapas, cena placée (risotto alla Milanese, millefoglie alla crema, caffè e piccola pasticceria curata dallo chef). Bevande incluse a tavola 1 bottiglia per ogni 4 persone. Drink € 4,00 DJSET Giampo Location: Home InterniVia Monte Rosa n°34, 20863 Concorezzo Per informazioni e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Cell. +0039 334 3816011 Osteria La Lira Via C.Amati 32 - Monza MB +0039 039 2026548 - www.osterialalira.it

Leggi anche

Bellusco, Bmw accartocciata contro un camion

Terribile incidente a Monza, grave 17enne di Concorezzo

I segreti dei più grandi alberghi svelati dai loro portieri

English Break, lesson 7: Cambridge Young Learners English Test

Oltre 50 anni di fede biancorossa, il Monza gli regala la maglia "81"

L'urlo del Liga nel cielo di Monza

*/ ?>

Dalla Brianza

Cena e design, raffinata proposta sotto le stelle

Cena e design, raffinata proposta sotto le stelle

Osteria La Lira insieme a Baci Milano ricreano il formato di “Cena sotto le stelle” in una location insolita: lo show-room di ultra design di Home Interni a Concorezzo Tre isole “del gusto” disseminate all’interno dello show-room vi serviranno gourmet tapas per poi farvi accomodare alla consueta cena placée dal menù più snello. E il dopo cena? Dj set e cocktail bar in una location davvero inaspet

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREBreganze (VI). Che serata storta per il Centemero Monza… Dal PalaFerrarin di Breganze, nel Vicentino, esce battuto per 8-0 (prima sconfitta in campionato) dopo aver disputato una partita decisamente sottotono contro una squadra che al contrario ha mostrato di avere tutte le carte in regole per puntare allo scudetto. Era la gara dei cinque “ex” in pista più uno in tribuna: Juan Oviedo, Michele Panizza, Andrea Camporese, Nicola Retis e Francesco Compagno hanno infatti militato nel Breganze, così come negli anni ’70 il vicepresidente Franco Girardelli. Il clima da “rimpatriata” ha però fatto male al Centemero Monza, al quale è mancata la voglia di far vedere di non essere la vittima predestinata. Fin dall’inizio i ragazzi biancorossoazzurri hanno sofferto la velocità e l’ottima intesa dei loro avversari, schieratisi in pista con Gnata, Mattia Cocco, De Oro, Teixido e Gimenez. “Mister” Tommaso Colamaria ha risposto con Oviedo, Panizza, Martinez, Camporese e Roca. I primi minuti si giocano come al solito con molto tatticismo. Il Faizanè Lanaro, allenato da Mirco De Gerone, tiene palla alla ricerca del momento giusto per colpire e il Centemero si affida alle ripartenze. I brianzoli faticano sul parquet di Breganze a contenere i rossoneri e costruiscono poche occasioni da rete. All’8′ Colamaria prova la carta di Francesco Compagno, il sedicenne gioiellino di Breganze in prestito mirato a Monza, che dunque la pista la conosce bene. “Checco” vivacizza il gioco, ma i biancorossoazzurri si scoprono un po’ di più e proprio su un tiro di Teixido capitolano. La squadra va in difficoltà nel tentativo di recuperare il risultato e nel giro di 8′ subisce altre tre gol: prima è Mattia Cocco a battere Oviedo con una staffilata dal cerchio di centropista, poi è Giulio Cocco a gonfiare la rete con un tiro non irresistibile e infine lo stesso giocatore serve sottoporta una pallina perfetta per De Oro. Il pericolo maggiore creato dal Centemero si registra sul 2-0, quando Martinez va via da solo in contropiede ma si fa respingere la conclusione dal bravissimo Gnata, che del resto è portiere della Nazionale. Purtroppo la débâcle della squadra di Colamaria prosegue nella ripresa, nonostante l’avvio sembri promettere qualcosa di meglio. I monzesi ottengono un tiro diretto per un fallaccio di Gimenez su Compagno, ma viene fallito. Successivamente non solo non sfruttano il power play per l’espulsione temporanea dello spagnolo, ma a sua volta “Checco” si fa buttare fuori dall’arbitro per un fallo su Mattia Cocco, il cui tiro diretto viene pure trasformato da Teixido. Palla al centro e Retis commette fallo in area su Dal Santo, che realizza il tiro dal dischetto. All’11′, poco dopo essere entrato in Pagina 2 di 3 pista, va in gol anche Filippo Compagno, il fratello maggiore di Francesco, deviando un assist di Teixido, Al 16′ Martinez fallisce il tiro diretto concesso per il decimo fallo commesso dai padroni di casa. L’8-0 arriva a 4′ dalla fine, quando Giulio Cocco finalizza un’azione di contropiede ottimamente orchestrata dai leoni rossoneri. Il Centemero Monza deve ora riflettere sugli errori commessi, soprattutto di approccio alla partita, e ripartire con umiltà per raggiungere al più presto l’obiettivo della salvezza, come dichiarato a fine match da Colamaria: “Torniamo coi piedi per terra. Oggi è andato tutto storto. C’erano chiari segnali, dopo il primo gol subito, che non era serata. Qualche occasione l’abbiamo anche avuta, ma non le abbiamo sfruttate. Per il nostro campionato i punti importanti da prendere saranno comunque quelli in palio da sabato prossimo, in casa dell’Admiral Valdagno. In settimana dovreno digerire questa partita, che ha annientato la nostra autostima. Abbiamo raccolto 4 punti in 3 incontri che però, purtroppo, non sono stati ottenuti con dirette concorrenti”. Dopo la trasferta a Valdagno il Centemero Monza tornerà al PalaRovagnati di Biassono sabato 31 ottobre per ospitare l’Indeco Giovinazzo. FAIZANÈ LANARO BREGANZE-CENTEMERO MONZA 8-0 (4-0) FAIZANÈ LANARO BREGANZE: Gnata, Compagno Fi., De Oro, Teixido, Cocco G., Cocco M., Gimenez, Dal Santo, Zanazzo, Zanin. All.: De Gerone. CENTEMERO MONZA: Oviedo, Brusa, Camporese, Mariani, Retis, Martinez, Panizza, Roca, Compagno Fr., Piscitelli. All.: Colamaria. ARBITRI: Filippo Fronte di Novara e Cristiano Parolin di Vicenza. MARCATORI: p.t. 9’17″ Teixido, 12’27″ Cocco M., 15’37″ Cocco G., 17’43″ De Oro; s.t. 5’29″ Teixido, 5’44″ Dal Santo, 10’54″ Compagno Fi., 21’14″ Cocco G.. NOTE: falli di squadra Faizanè Lanaro Breganze 12, Centemero Monza 6; espulsi per 2′ Gimenez, Compagno Fr. e Roca; spettatori circa 700.

RISULTATI DELLA 3ª GIORNATA CGC Viareggio – Indeco Giovinazzo 6-3 Banca Cras Follonica – Admiral Valdagno 4-4 Faizanè Lanaro Breganze – Centemero Monza 8-0 Sinus Matera – Amatori Wasken Lodi 4-2 Carispezia Sarzana – Sind Bassano 2-10 Safond Martini Thiene – Alimac Forte dei Marmi 4-6 Trissino – Pieve010 3-1

CLASSIFICA DOPO LA 3ª GIORNATA Faizanè Lanaro Breganze, Alimac Forte dei Marmi, Sinus Matera e Banca Cras Follonica punti 7; CGC Viareggio e Trissino p. 5; Admiral Valdagno e Centemero Monza p. 4; Sind Bassano, Amatori Wasken Lodi e Pieve010 3; Indeco Giovinazzo e Carispezia Sarzana p. 1; Safond Martini Thiene p. 0. IL

PROGRAMMA DELLA 4ª GIORNATA 20 ottobre 2015 20:45 Follonica Banca Cras Follonica – Safond Martini Thiene 24 ottobre 2015 20:45 Valdagno Admiral Valdagno – Centemero Monza 27 ottobre 2015 20:45 Bassano del Grappa Sind Bassano – Alimac Forte dei Marmi Pagina 3 di 3 27 ottobre 2015 20:45 Lodi Amatori Wasken Lodi – Trissino 27 ottobre 2015 20:45 Giovinazzo Indeco Giovinazzo – Faizanè Lanaro Breganze 27 ottobre 2015 20:45 San Daniele Po Pieve010 – CGC Viareggio 27 ottobre 2015 20:45 San Daniele Po Carispezia Sarzana – Sinus Matera

LEGGI ANCHE

In A1 con l'Hockey Roller Monza anche un po' di Concorezzo

Hockey, esordio da brividi in A1: è pari col Viareggio

Hockey, epico esordio casalingo in A1 per il Monza: da 0-2 a 3-2!

Concorezzo piange Paolo Garlati, porto l'hockey club in paese

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

 

 

*/ ?>

Dalla Brianza

Centemero Monza strapazzato a Breganze

Centemero Monza strapazzato a Breganze

Breganze (VI). Che serata storta per il Centemero Monza… Dal PalaFerrarin di Breganze, nel Vicentino, esce battuto per 8-0 (prima sconfitta in campionato) dopo aver disputato una partita decisamente sottotono contro una squadra che al contrario ha mostrato di avere tutte le carte in regole per puntare allo scudetto. Era la gara dei cinque “ex” in pista più uno in tribuna: Juan Oviedo, Michele Panizza, Andrea Camporese, Nicola Retis e Fran

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Cavenago. Purtroppo non è sopravvissuto. Ha fatto il giro della Lombardia l'intervento di salvataggio di un cervo all'interno di un parco pubblico a Cavenago Brianza, avvenuto sabato. Sul posto la Polizia provinciale e il corpo della protezione civile Brianza est sabato mattina 30 marzo per recuperare un cervo di oltre 200 chili che nel suo peregrinare era finito in un parco pubblico a Cavenago Brianza. "Il cervo è arrivato In Brianza - spiegano dalla polizia provinciale - probabilmente dalle montagne della bergamasca". Il Presidente della Provincia di Monza e Brianza Roberto Invernizzi ha commentato: "Non si tratta del primo episodio ma i nostri uomini sono preparati a far si che questi particolari incontri si risolvano senza incidenti per l’animale e per la cittadinanza". La vicenda che pareva a lieto fine, ha avuto però un triste epilogo. L'Enpa di Monza ha fatto sapere in queste ore che purtroppo l'animale è deceduto durante il trasporto. Il gruppo di protezione degli animali ha postato poche semplici parole sul proprio sito "Siamo mortificati per l’accaduto". Dopo le tante peripezie, l'animale sarebbe morto di crepacuore... 

*/ ?>

Dalla Brianza

Cervo salvato nel parco, muore durante il trasporto

Cervo salvato nel parco, muore durante il trasporto

Cavenago. Purtroppo non è sopravvissuto. Ha fatto il giro della Lombardia l'intervento di salvataggio di un cervo all'interno di un parco pubblico a Cavenago Brianza, avvenuto sabato. Sul posto la Polizia provinciale e il corpo della protezione civile Brianza est sabato mattina 30 marzo per recuperare un cervo di oltre 200 chili che nel suo peregrinare era finito in un parco pubblico a Cavenago Brianza. "Il cervo è arrivato In Brianza - spie

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

SAUGELLA MONZA-SWIETELSKY BÉKÉSCSABA 3-0
 
Tredicesima vittoria consecutiva per la Saugella Monza, ma stavolta non è di campionato italiano di Serie A1, ma di CEV Cup, la seconda coppa europea per importanza. Il successo nell’ottavo di finale, giocato in gara unica all’Arena a causa della pandemia di “coronavirus”, che induce le federazioni sportive a ridurre al minimo le trasferte, è giunto ai danni della Swietelsky Békéscsaba, compagine capolista del campionato ungherese con 1 punto di vantaggio sulla Fatum Nyíregyháza, che però ha 1 gara da recuperare. Il match è stato tutt’altro che agevole: le magiare hanno sfiorato la conquista del secondo set e hanno dato filo da torcere nel terzo, dimostrandosi valide avversarie delle brianzole. Le ragazze allenate da Marco Gaspari non hanno potuto contare anche oggi, come nell’ultima partita di campionato, sull’apporto della palleggiatrice titolare Orro (in panchina per onor di firma), ma Carraro ha ben figurato, togliendosi pure lo sfizio di firmare 3 punti.
 
In un’Arena deserta le padrone di casa partono forte, portandosi sul 7-2 e poi sul 13-8 grazie in particolare ai colpi di Orthmann, autrice di 7 punti. Non sono serviti gli 8 punti della scatenata statunitense Vander Weide, una schiacciatrice che in Italia verrebbe facilmente ribattezzata Wonder Woman per l’efficacia in attacco e a muro, a frenare l’operazione demolitrice delle rosablù. Van Hecke scalda infatti la mano e il parziale diventa 17-9. Nel finale Danesi piazza 2 muri e Van Heche chiude sul 25-16.
 
Il secondo set vede ancora protagoniste Vander Weide da una parte e Van Hecke dall’altra, rispettivamente autrici di 7 e 8 punti. Ma soprattutto è protagonista l’equilibrio. Sul 2-2 la Saugella prova la fuga con 2 punti di Danesi e 1 a testa di Van Hecke e Orthmann. La terribile Vander Weide ne fa 3 quasi di fila e, complice una schiacciata sbagliata dalla seconda linea di Van Hecke, si torna in parità (11-11). Si prosegue testa a testa con Gaspari che prova qualche cambio soprattutto in battuta per scrollarsi di dosso le ungheresi. Niente da fare. Dopo 3 set-ball non sfruttati dalle locali e 1 dalle ospiti è un muro di Heyrman a far gioire le ragazze di casa per il 29-27.
 
Il 2-0 placa Vander Weide (fa solo 2 punti e chiude a 17 punti), ma non le magiare, che partono a razzo portandosi sull’1-4. A trascinare le compagne all’8-8 è Meijners, più positiva del solito. Le ospiti riallungano (11-14) e la Saugella ci mette di più a riagguantarle di nuovo (20-20). Sul 23-22 sono ancora Orthmann e Van Hecke (rispettivamente 17 e 19 punti complessivi) a chiudere con forza frazione e partita (25-22).
 
Per la Saugella non c’è tempo per riposarsi perché il quarto di finale in gara unica è in programma già domani, alle ore 18 (in diretta sul canale youtube del Consorzio Vero Volley), sempre all’Arena, contro l'Ub, capolista del campionato serbo, che nell'ottavo disputato anch'esso a Monza ha battuto per 3-2 la Šelmy Brno, quarta nel campionato ceco.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

CEV Cup femminile, la Saugella si qualifica per i quarti di finale

CEV Cup femminile, la Saugella si qualifica per i quarti di finale

SAUGELLA MONZA-SWIETELSKY BÉKÉSCSABA 3-0   Tredicesima vittoria consecutiva per la Saugella Monza, ma stavolta non è di campionato italiano di Serie A1, ma di CEV Cup, la seconda coppa europea per importanza. Il successo nell’ottavo di finale, giocato in gara unica all’Arena a causa della pandemia di “coronavirus”, che induce le federazioni sportive a ridurre al minimo le trasferte, è giunto ai danni della Swietelsky Bék

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

SAUGELLA MONZA-TENT OBRENOVAC 3-0
 
Tutto troppo facile per la Saugella Monza nella gara (a porte chiuse) di andata delle semifinali di CEV Cup: le serbe della Tent Obrenovac, seconde in classifica nel proprio campionato, sono state travolte dalla forza e dalla determinazione delle ragazze rosablù, brave a chiudere la contesa in solo 1 ora e 7’. Oggi ci si aspettava una vittoria dato che nel quarto di finale in gara secca disputato all’Arena le monzesi avevano eliminato dalla competizione proprio la capolista del campionato serbo, l’Ub, con un meritato 3-1, ma non ci si aspettava un’avversaria così arrendevole, capace di impensierire la formazione allenata da Marco Gaspari solo nel secondo set. La grande differenza di valori si è evidenziata in attacco, con un 51% a 26% finale che spiega il 3-0 “lampo” maturato in poco più di un'ora.
 
In avvio di primo set Mitrovic tiene a galla la compagine guidata da Milan Grsic, ma sul 9-10 le padrone di casa mettono la freccia e con una scatenata Heyrman (12 punti alla fine di cui 5 a muro) allungano fino a chiudere sul 25-15.
 
Il secondo parziale è invece sotto il segno di Orthmann, che firma ben 9 punti dei 15 personali del match. L'andamento è più equilibrato anche per via delle numerose battute sbagliate dalle locali. Il sorpasso stavolta avviene sull’11-12, ma le serbe restano a breve distanza, seppur la schiacciatrice tedesca con due attacchi porti il punteggio sul 20-15. Mijatovic, con una schiacciata e un muro, e un’infrazione dalla seconda linea di Van Hecke fanno sperare le slave (23-21), che però capitolano 25-22.
 
Il terzo set inizia con in campo Squarcini al posto di Danesi. La nuova centrale si fa subito notare con un ace e chiuderà con 5 punti. Sul 4-3 la Saugella prende il largo grazie al tracollo in attacco e a muro della Tent. Visto l'andamento inesorabile del parziale Gaspari fa via via entrare tutta la panchina, fatta eccezione per Begic, ed è proprio Squarcini e ancora con un ace a chiuderlo sul 25-12.
 
La gara di ritorno in Serbia si disputerà martedì prossimo alle ore 18.30. Prima, però, ossia sabato alle 17, la Saugella scenderà nuovamente sul taraflex dell’Arena per l’ultima giornata della regular season di Serie A1 (ma ci sarà da giocare ancora un recupero), ormai conclusa matematicamente al terzo posto, record assoluto nella storia della Pro Victoria Pallavolo.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

CEV Cup, la Saugella ipoteca la finale

CEV Cup, la Saugella ipoteca la finale

SAUGELLA MONZA-TENT OBRENOVAC 3-0   Tutto troppo facile per la Saugella Monza nella gara (a porte chiuse) di andata delle semifinali di CEV Cup: le serbe della Tent Obrenovac, seconde in classifica nel proprio campionato, sono state travolte dalla forza e dalla determinazione delle ragazze rosablù, brave a chiudere la contesa in solo 1 ora e 7’. Oggi ci si aspettava una vittoria dato che nel quarto di finale in gara secca disputat

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-ZENIT KAZAN 1-3
 
Prima sconfitta in CEV Cup per la Vero Volley Monza, che nella gara di andata delle semifinali soccombe all’Arena di fronte alla capolista del campionato russo, lo Zenit Kazan, arrivato a inanellare 26 vittorie consecutive tra Superliga e coppa europea. Mentre tutto il mondo trattiene il fiato per il rischio di Terza Guerra Mondiale, provocato dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia (che già nel 2014 aveva occupato e annesso la penisola della Crimea), al palasport di Monza va in scena un teatrino agghiacciante, con musica a palla, cartoni da issare per festeggiare i punti e uno speaker che evidentemente si è isolato dal mondo da qualche giorno a questa parte data la sua gioia incontenibile a ogni punto della squadra di casa. Un’atmosfera di festa stridente con la tragedia che si sta verificando in Ucraina proprio a causa dei governanti russi votati anche dai giocatori dello Zenit, in considerazione del fatto che nella grande nazione eurasiatica pare che due terzi della popolazione siano favorevoli all’aggressione nei confronti dei confinanti “cosacchi”. Non ci aspettavamo il ritiro della squadra italiana, seppur richiesta da alcuni tifosi sui social media, ma almeno un minimo di rispetto della situazione internazionale: personalmente sono dell’idea che lo sport non debba essere fermato perché portatore di grandi valori di fratellanza, ma non si può far finta di niente e non prendere posizione di fronte a quanto sta accadendo. Soprattutto dal pubblico (oggi c'erano circa 600 spettatori) ci si aspetterebbe una grande manifestazione di solidarietà nei confronti dei connazionali di 236mila abitanti del nostro Paese, tra cui decine di migliaia di badanti. Ma forse troppa gente spera che la Russia schiacci in fretta la resistenza ucraina nella speranza che col termine della guerra le bollette dell’energia si abbassino di conseguenza… Purtroppo abbiamo già visto a quali tragedie dell’umanità ha portato l'indifferenza nel secolo scorso. Dunque nella “enclave marziana” dell’Arena di Monza si è giocato come se nulla fosse: insomma, il classico “the show must go on” senza neanche una parvenza di disagio nell’ospitare una squadra sponsorizzata dall’azienda semistatale russa Gazprom, la stessa scritta che oggi è stata tolta dalle maglie dei calciatori dello Schalke 04, club della massima serie tedesca, mica ucraina…
 
Il match è stato vinto dai russi, come da pronostico. La squadra di Massimo Eccheli ha perso malamente il primo set, ha combattuto nel secondo e quarto ed è anche riuscita a spuntarla nel terzo. Ma gli avversari di oggi erano davvero tosti ed era difficile fare di più. In particolare lo stizzoso Dmitrii Volkov, alla fine premiato come MVP, ha disputato una partita superlativa firmando 19 punti, tra cui 2 ace e 2 muri, e facendo registrare il 55% di positività in ricezione e il 58% di efficacia in attacco.
 
Il primo set è stato dunque dominato dagli atleti allenati da Aleksej Verbov. I padroni di casa sono andati male in tutti i fondamentali e il bielorusso Davyskiba ha disputato una gara disastrosa, venendo sostituito già alla fine del parziale. Gli ospiti hanno preso subito il largo e hanno chiuso sul 14-25.
 
Con Katic in campo le cose sono andate meglio e Grozer (18 punti complessivi) ha cominciato a scaldare la mano, facendo registrare un 80% in attacco, seguito da Dzavoronok col 67%. Anche nel secondo set la Vero Volley è stata sempre in svantaggio, ma dal 6-10 in poi si è tenuta a poca distanza dagli avversari fino al 20-25 finale.
 
Nel terzo parziale Dmitrii Volkov si è preso una pausa (solo l’11% in attacco) e la Vero Volley ne ha approfittato, continuando a colpire soprattutto con Grozer, ma trovando anche le risposte che cercava a muro. Sull’8-8 Dzavoronok, e proprio il bulgaro naturalizzato tedesco con un paio di schiacciate, hanno cominciato a scavare il solco, che poi si è ampliato fino al 25-19 finale di Galassi.
 
Nel quarto set i monzesi hanno retto fino al 12-13, ma una battuta sbagliata di Dzavoronok, un errore in attacco di Grozer dalla seconda linea , un muro di Volvich e una disattenzione di squadra in difesa hanno portato l’esito del match su una china discendente a favore dello Zenit Kazan. I 5 punti di vantaggio sono quindi stati mantenuti e ampliati alla fine da un altro errore in attacco dalla seconda linea dell’ormai spossato Grozer (19-25). A questo punto la gara di ritorno a Kazan (sempre se mercoledì prossimo si giocherà in considerazione della guerra scatenata in Europa dalla Russia) è diventata un Everest da scalare per i rossoblù.
Ah, dimenticavo… nonostante la tradizionale richiesta dei fotografi, i giocatori russi si sono rifiutati di posare in gruppo a fine partita. Da molti anni seguo la pallavolo a Monza, ma mai ero uscito dall’Arena con un senso di nausea e la voglia di vomitare...
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

CEV Cup, la Vero Volley a un passo dall'eliminazione

CEV Cup, la Vero Volley a un passo dall'eliminazione

VERO VOLLEY MONZA-ZENIT KAZAN 1-3   Prima sconfitta in CEV Cup per la Vero Volley Monza, che nella gara di andata delle semifinali soccombe all’Arena di fronte alla capolista del campionato russo, lo Zenit Kazan, arrivato a inanellare 26 vittorie consecutive tra Superliga e coppa europea. Mentre tutto il mondo trattiene il fiato per il rischio di Terza Guerra Mondiale, provocato dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-GUAGUAS LAS PALMAS 3-1
 
Sbarazzandosi dei campioni di Spagna in carica, anche quest’anno in lotta per il titolo nazionale, del Guaguas Las Palmas la Vero Volley Monza si è qualificata per le semifinali della CEV Cup e ora attende di conoscere quale vincente nel derby russo tra la Zenit Kazan e la Kuzbass Kemerovo dovrà affrontare. Nella gara di ritorno dei quarti di finale disputata oggi all’Arena di Monza i titolari allenati da Massimo Eccheli, forti dello 0-3 conquistato alle Canarie, hanno archiviato in fretta la pratica dominando i primi 2 set per poi lasciare spazio alle seconde linee.
 
Davanti ai soliti pochi spettatori non c’è voluto molto a Orduna e compagni per prendere le misure agli avversari guidati in panchina da Sergio Miguel Camarero. Il palleggiatore rossoblù ha smistato palloni un po’ a tutti che a turno hanno picchiato con forza e precisione.
 
Nel primo set si sono messi in evidenza in attacco e a muro Dzavoronok, Beretta e il ritrovato, in coppa, Grozer, in forma crescente rispetto al rientro di domenica scorsa in campionato. Sul 6-6 i padroni di casa hanno preso 3 lunghezze di vantaggio che poi, sul 10-8, si sono trasformati in una voragine. Una serie di 8 punti, inframmezzati da una battuta sbagliata di Grozer, hanno permesso di ipotecare il primo parziale, chiusosi 25-17 con un errore al servizio di Yadrian Escobar, comunque risultato a fine match il migliore dei suoi con 19 punti totali.
 
Nel secondo set sono venuti fuori bene anche Galassi e Davyskiba, alla fine premiato come MVP grazie ai 13 punti messi a terra. La differenza di valori tra le due squadre è stata resa evidente dai numeri: 73% contro 33% di positività in ricezione, 52% contro 30% in attacco e 5-0 nei muri-punto. È stata dunque perfetta la correlazione muro-difesa della Vero Volley, che ha maramaldeggiato sulla compagine iberica, incapace di tirarsi fuori dai guai e apparsa a un certo punto rassegnata. Sul 3-2 si è arrivati in un amen sul 14-2 grazie soprattutto a 3 attacchi di Grozer e a 2 punti di Davyskiba. A quel punto è bastato amministrare il vantaggio per condurre in porto senza patemi il set (25-12) e staccare il biglietto per le semifinali.
 
Conquistata la qualificazione Eccheli ha schierato in campo solo 2 titolari: Beretta e Davyskiba. Quest’ultimo ha battagliato con Yadrian Escobar, che ha avuto la meglio sul piano personale (7-6) e su quello di squadra, dato che gli spagnoli si sono aggiudicati il parziale per 26-24. Purtroppo è andato ancora male Karyagin, che ha chiuso la frazione di gioco con un insufficiente 22% in attacco.
 
Le riserve della Vero Volley si sono rifatte nel quarto set, che ha visto in campo tra gli ospiti Almansa al posto di Yosvany Hernandez. Karyagin e Beretta (il centrale ha chiuso il match con 14 punti complessivi) hanno trascinato la squadra fino all’11-4, creando un solco non più coperto dai gialloblù (25-19).
 
Le semifinali di CEV Cup dovrebbero disputarsi il 24 febbraio e il 2 marzo. Intanto si va avanti in campionato, dove la Vero Volley Monza affronterà in trasferta la Kioene Padova sabato prossimo, con inizio match, che sarà trasmesso in diretta tv su Rai Sport, alle ore 18.30.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

CEV Cup, la Vero Volley approda alle semifinali

CEV Cup, la Vero Volley approda alle semifinali

VERO VOLLEY MONZA-GUAGUAS LAS PALMAS 3-1   Sbarazzandosi dei campioni di Spagna in carica, anche quest’anno in lotta per il titolo nazionale, del Guaguas Las Palmas la Vero Volley Monza si è qualificata per le semifinali della CEV Cup e ora attende di conoscere quale vincente nel derby russo tra la Zenit Kazan e la Kuzbass Kemerovo dovrà affrontare. Nella gara di ritorno dei quarti di finale disputata oggi all’Arena di Monza i

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-TOURS 3-0
 
Grazie a un servizio e a un muro devastanti la Vero Volley Monza mette una grossa ipoteca sulla conquista del primo trofeo della sua storia, la CEV Cup, la seconda competizione europea in ordine di importanza. Il 3-0 con cui si è sbarazzata all’Arena del Tours, capolista del campionato francese, denota inoltre un’ottima condizione di forma per affrontare l’ultima partita di regular season del campionato (domenica alle ore 18 in casa del Verona Volley) e quindi i quarti di finale dei play-off scudetto.
 
Dopo aver superato il turno in virtù della vittoria a tavolino per 3-0 nella gara di ritorno che si doveva giocare a domicilio dello Zenit Kazan, estromesso dalla competizione in seguito all’aggressione militare della Russia ai danni dell’Ucraina, la compagine rossoblù allenata da Massimo Eccheli era chiamata a una prova maiuscola per far dimenticare la sconfitta casalinga per 3-1 nella gara di andata dei quarti di finale. Questa prova c’è stata ed è stata corale: attenzione in difesa, precisione in ricezione e in attacco, ma, come anticipato, i brianzoli hanno costruito il loro successo sulle battute e sui muri. I servizi devastanti, in particolare di Dzavoronok, Davyskiba e Grozer, e i muri mostruosi, in particolare di Beretta, Grozer e Dzavoronok, hanno entusiasmato i 1200 spettatori presenti all’Arena, comprendenti una rappresentanza di una ventina di tifosi transalpini speranzosi che la loro squadra si aggiudichi il terzo trofeo continentale dopo la Champions League 2005 e la stessa CEV Cup 2017. Se negli ace il tabellino dice un “normale” 4-1 per la Vero Volley , il computo dei muri-punto non è da finale di una coppa europea: 13-1 per la formazione monzese. A essere onesti il Tours ha deluso le aspettative, dato che tra le sue “vittime” figura la Perkinelmer Leo Shoes Modena (quarta forza della Superlega, mentre i rossoblù sono settimi), che è stata eliminata agli ottavi di finale.
 
Tra l’altro Eccheli ha dovuto fare a meno oggi del libero titolare Federici, tenuto a riposo precauzionale per un fastidio alla schiena, che comunque è stato ottimamente sostituito da Gaggini.
 
Il primo set rimane in equilibrio fino al 16-16, poi il bielorusso Davyskiba, peraltro pessimo in ricezione (14%), smonta la squadra guidata dal brasiliano Marcelo Fronckowiak con una serie di attacchi e di battute terrificanti. Fino a quel momento era stato perlopiù Dzavoronok a ribattere ai colpi francesi, in particolare di Derouillon. Sono ben 7 quindi i punti inanellati dalla Vero Volley, quasi tutti firmati da Davyskiba e Grozer. Per il Tours è un tracollo improvviso, con artefice in negativo Tillie. Il punto del 25-19 lo realizza Davyskiba con una schiacciata.
 
Nel secondo set l’equilibrio dura fino al 13-13, poi Davyskiba e Grozer (con 1 attacco e 1 muro) allungano a +3. Sul 19-16 un battuta sbagliata dell’ucraino Teryomenko e una schiacciata di Grozer dalla seconda linea chiudono di fatto la frazione di gioco. Lo stesso bulgaro naturalizzato tedesco fissa il parziale sul 25-19.
 
Il terzo set vede in campo tra i francesi Graciano al posto di Derouillon. L’avvio degli ospiti è positivo, con Tillie (2 attacchi e 1 muro) e Teryomenko che portano il Tours sull’1-4 e successivamente una schiacciata fuori misura di Dzavoronok manda i monzesi a -4 (9-13). Ma proprio il Nazionale ceco, senza ombra di dubbio il miglior giocatore della serata (18 punti di cui 2 ace e 2 muri, 35% in ricezione, 61% in attacco), firma un attacco vincente e un ace che suonano la riscossa rossoblù. L’aggancio arriva infatti sul 15-15 grazie a un muro di Beretta. Si procede spalla a spalla fino al 20-20, poi c’è il “break” decisivo in seguito a una battuta sbagliata di Coric e a un attacco di Davyskiba. Il set (e la partita) si chiude sul 25-22 con una schiacciata fuori di Graciano.
 
La gara di ritorno si giocherà mercoledì prossimo alle 20. Il Volley Milano (assurdo che questa sia la società capofila del settore maschile del consorzio) targato Vero Volley Monza si prepara ad alzare una coppa: che sia quella giusta...
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
 
 
  
*/ ?>

Sport

CEV Cup, la Vero Volley domina la finale di andata

CEV Cup, la Vero Volley domina la finale di andata

VERO VOLLEY MONZA-TOURS 3-0   Grazie a un servizio e a un muro devastanti la Vero Volley Monza mette una grossa ipoteca sulla conquista del primo trofeo della sua storia, la CEV Cup, la seconda competizione europea in ordine di importanza. Il 3-0 con cui si è sbarazzata all’Arena del Tours, capolista del campionato francese, denota inoltre un’ottima condizione di forma per affrontare l’ultima partita di regular season

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-MLADOST ZAGABRIA 3-1
 
Obiettivo centrato: la Vero Volley Monza, al debutto casalingo storico in CEV Cup, ha ottenuto la qualificazione agli ottavi di finale superando per 3-1 i campioni di Croazia, e leader anche nell’attuale Superliga, della Mladost Zagabria, formazione che infatti aveva iniziato la stagione in Champions League ma era stata eliminata nei preliminari. Per i rossoblù la strada si era fatta in discesa dopo la gara di andata vinta con lo stesso punteggio. Difatti il tecnico Massimo Eccheli per la gara odierna ha rischiato un pochino schierando lo schiacciatore Karyagin per lasciare a riposo Davyskiba. E così il primo set è stato perso 25-23.
 
Certo è che lo si sarebbe potuto vincere comunque se Grozer non fosse partito col freno a mano tirato, totalizzando un inconsueto per lui 33% in attacco. Va inoltre dato merito agli avversari allenati dallo sloveno Radovan Gacic, che nella prima frazione hanno giocato davvero bene, mostrandosi in particolare “aspiratutto” in difesa. Davanti ai pochi intimi presenti all’Arena di Monza si è andati avanti a braccetto fino al 19-20: poi un attacco di Nikacevic e un muro del brasiliano França hanno significato il “break” decisivo. Il punto del 23-25 porta la firma del serbo Busa.
 
Ricevuto lo “sberlone” Eccheli non ha cambiato nulla ma deve aver ben strigliato i suoi, che hanno cominciato a giocare con la determinazione da partita ufficiale e non da amichevole. Grozer ha iniziato a picchiare come sa, Dzavoronok è salito in cattedra con 7 punti dei 15 complessivi e i centrali Galassi e Beretta hanno furoreggiato in attacco e a muro. Dall’altra parte della rete c’è stato un tracollo in ricezione e di conseguenza anche in attacco, soprattutto da parte di Busa. In un attimo si è passati da 1-1 a 6-1, poi da 11-7 a 14-7 e quindi da 21-13 a 24-13 (con 3 punti di Dzavoronok di cui 2 in battuta). Il 25-14 finale è conquistato grazie a un servizio errato del subentrato temporaneamente Jakovac.
 
Per il terzo set tra i croati è stato schierato Bakonji al posto di Visic, ma il risultato non è cambiato perché quando da una parte si arriva in attacco al 67% e dall’altra al 32% è difficile che ci possa essere storia. A differenza del parziale precedente, però, gli ospiti hanno retto fino al 14-12, poi un doppio attacco di Dzavoronok ha aperto la strada alla conquista della qualificazione. Nella seconda parte si è scatenato Galassi, autore di 7 punti dei 13 complessivi. Il sigillo sul 25-15 l’ha apposto Karyagin, MVP del match grazie ai 13 punti messi a terra (65% in attacco) e al 61% in ricezione.
 
Acquisita la qualificazione Eccheli ha sostituito Dzavoronok, Orduna, Federici, Galassi e Grozer rispettivamente con Davyskiba, Calligaro, Gaggini, Grozdanov e l’ex della Mladost Mitrasinovic. Anche Gacic ha tolto França e Smiljanic concedendo spazio rispettivamente a Jakovac e Repek. Sul 5-5 i brianzoli hanno messo la freccia e sono andati a chiudere il set 25-20 con un muro di Grozdanov.
 
Negli ottavi di finale, in programma a metà gennaio, la Vero Volley affronterà l’Ankara con gara di andata nella capitale turca. Domenica prossima, invece, tornerà a lottare in campionato: alle ore 18 (con diretta tv su Rai Sport) sarà ospite della Sir Safety Conad Perugia.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

CEV Cup, la Vero Volley si qualifica agli ottavi di finale

CEV Cup, la Vero Volley si qualifica agli ottavi di finale

VERO VOLLEY MONZA-MLADOST ZAGABRIA 3-1   Obiettivo centrato: la Vero Volley Monza, al debutto casalingo storico in CEV Cup, ha ottenuto la qualificazione agli ottavi di finale superando per 3-1 i campioni di Croazia, e leader anche nell’attuale Superliga, della Mladost Zagabria, formazione che infatti aveva iniziato la stagione in Champions League ma era stata eliminata nei preliminari. Per i rossoblù la strada si era fatta in dis

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-SPOR TOTO ANKARA 3-0
 
Gli ottavi di finale sono stati ancora più semplici dei sedicesimi per la Vero Volley Monza, che si è sbarazzata con un doppio 3-0 dei turchi dello Spor Toto Ankara e che ora attende di conoscere chi tra i belgi dell’Haasrode Lovanio e gli spagnoli del Guaguas Las Palmas li affronterà nei quarti. Nella gara di ritorno disputata oggi all’Arena di Monza i ragazzi allenati da Massimo Eccheli non hanno sofferto le indisponibilità di Grozer, Grozdanov, Calligaro e Galliani (i primi due erano in panchina ma per onor di firma). Anche tra gli ospiti guidati da Serdar Uslu si è registrata l’assenza importante di Sharifi.
 
Davanti ai soliti pochi intimi presenti all’Arena in occasione delle partite di coppa non c’è voluto molto a Orduna e compagni per prendere le misure agli avversari, dove spiccavano le presenze di ben due ex rossoblù, Shoji e Buchegger.
 
Nel primo set sul 7-7 Karyagin e Beretta, alla fine premiato come MVP, mettono a segno 2 muri-punto che preludono alla fuga. Proprio la differenza a muro risulta un fattore determinante per le sorti del parziale, segnato dalle schiacciate di Dzavoronok da una parte e Güngör dall’altra. L’ennesimo muro di Beretta porta i locali sul 22-13. Un errore in attacco di Dzavoronok e 2 punti di Güngör ridanno fiato ai turchi, che però capitolano in seguito a una battuta errata di Shoji.
 
Il secondo set parte già molto male per gli ospiti, sotto per 5-0. A dare coraggio ai suoi compagni è Karacoç, un classe 2005 di talento e personalità, subentrato a Buchegger, che solo in questo parziale firma 6 punti (saranno 11 alla fine). Sull’8-3 però si scatena Davyskiba (anche per lui 6 punti nel parziale e 11 in totale) e i monzesi volano sul 14-3. Sul 19-10 fa il suo esordio un classe 2005 della Vero Volley, lo schiacciatore della Nazionale Under 18 Magliano, che poi nel terzo set firmerà 2 punti tra l’entusiasmo dei suoi compagni di squadra. Il finale di set è pieno di errori in battuta e anche il punto del 25-18 è un errore al servizio di Güngör.
 
Conquistata la qualificazione Eccheli mette a riposo Dzavoronok e schiera Katic mentre Uslu sostituisce Bidak e Doğruluk rispettivamente con Durmaz e Yilmaz. Quest’ultimo e Güngör fanno crollare la ricezione turca (79% a 38% per la Vero Volley nella terza frazione di gioco), ma ciò avviene perlopiù nella seconda parte del set. La prima parte risulta equilibrata, con Karyagin che si mette in evidenza (6 punti nel parziale). Sul 12-12 gli ospiti cedono e per la Vero Volley si aprono le autostrade: persino il palleggiatore Orduna mette a segno 1 punto in schiacciata prendendo la rincorsa. Rientra Magliano (per Davyskiba) e successivamente esordiscono pure Rossi (al posto di Beretta) e Gianotti (al posto di Orduna). Il 25-20 finale lo firma Galassi.
 
Il prossimo appuntamento col campo della formazione monzese è previsto per domenica prossima, quando alle ore 18 anticiperà l’undicesima giornata di ritorno di Superlega in programma il 6 marzo: davanti alle telecamere di Rai Sport sfiderà in trasferta la Cucine Lube Civitanova.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

CEV Cup, la Vero Volley si qualifica ai quarti di finale

CEV Cup, la Vero Volley si qualifica ai quarti di finale

VERO VOLLEY MONZA-SPOR TOTO ANKARA 3-0   Gli ottavi di finale sono stati ancora più semplici dei sedicesimi per la Vero Volley Monza, che si è sbarazzata con un doppio 3-0 dei turchi dello Spor Toto Ankara e che ora attende di conoscere chi tra i belgi dell’Haasrode Lovanio e gli spagnoli del Guaguas Las Palmas li affronterà nei quarti. Nella gara di ritorno disputata oggi all’Arena di Monza i ragazzi allenati da Massimo Ecche