santalfredo
santalfredo

monza

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREBiassono. Domenica 4 ottobre l’Hockey Roller Club Monza sponsorizzato Centemero esordirà nel campionato di Serie A1 a soli due anni dalla sua fondazione. Sarà una giornata segnata col circoletto rosso per gli appassionati storici dell’hockey su pista in città, che da 19 anni non vedono una squadra locale disputare il massimo torneo nazionale. L’attesa è stata lunga e durerà un giorno in più del previsto perché l’Ufficio Campionati Senior del Settore Tecnico Hockey Pista della FIHP ha disposto che la gara CGC Viareggio-Centemero Monza di sabato 3 ottobre si disputi sul campo neutro del PalaArmeni di Follonica il giorno successivo, appunto, alle ore 18. Due i motivi della decisione: il cambio di sede è dovuto alla giornata di squalifica della pista che il CGC Viareggio deve ancora scontare delle due irrogate alla società toscana vicecampione d’Italia verso la fine della scorsa stagione; il cambio di data e orario è invece dovuto alla concomitanza con l’incontro tra il Follonica 1952 e l’Amatori Wasken Lodi.

Per il “battesimo” casalingo bisognerà invece aspettare sabato 10 ottobre, quando il PalaRovagnati di Biassono ospiterà il Bassano. Seguiranno due trasferte molto impegnative a Breganze e a Valdagno. Il derby a Lodi è in programma il 21 novembre, mentre la gara di ritorno il 5 marzo. I campioni d’Italia del Forte dei Marmi li si potrà ammirare il 2 aprile. La settimana dopo sarà la volta dell’altro derby regionale casalingo con la Pieve010. Si chiuderà il 16 aprile a Follonica, dunque da dove si sarà iniziato anche se con un altro avversario.

La prima squadra biancorossoazzurra è stata presentata sabato scorso proprio nel riqualificato impianto comunale di Biassono facente parte del Centro sportivo Parco. L’illuminazione è adesso da Serie A e rende ancora più accogliente la struttura che ospita quasi integralmente l’attività della società hockeystica del capoluogo provinciale. Il settore giovanile ha a disposizione qualche ora anche a Monza, nella vetusta palestra Ardigò.

La partita amichevole disputata dopo la presentazione (vinta di larga misura contro una compagine che gareggerà anche in Coppa CERS) ha mostrato che il Centemero Monza se la potrà giocare alla pari con le altre formazioni di Serie A1. Sarà una corsa a perdifiato lunga almeno 26 giornate che la società si augura sia sostenuta da un pubblico caloroso e accompagnata dalla voglia dei piccoli hockeysti di diventare come uno dei grandi giocatori monzesi del passato, che hanno dato lustro alla disciplina a livello nazionale e internazionale.

Andrea Brambilla è il presidente, ma è anche il responsabile del settore giovanile e dunque ha una visione ampia della situazione dell’hockey monzese: “C'è fiducia nel movimento locale e non solo perché dopo 19 anni è stata ritrovata la Serie A1. Crediamo, nonostante tutte le difficoltà incontrate, di essere competitivi e speriamo di portare a termine il massimo campionato il più vicino possibile alla metà classifica. Ci aspettiamo dunque un buon afflusso di pubblico sin dalle prime partite perché la Serie A1 è difficile e i tifosi possono essere quelli che ci danno una marcia in più. Dietro la prima squadra, poi, lavorano per crescere la formazione di Serie B, che ha una forte impronta giovanile, l’Under 20 e l’Under 17. Iscriveremo inoltre al campionato un’altra Under, mentre il buon numero di ragazzi frequentanti l'Avviamento ci fa ben sperare per i prossimi anni”.

Il vicepresidente Franco Girardelli, da ex campione del mondo con la Nazionale e plurititolato centro del Roller Monza, si coccola la creatura che cresce: “Abbiamo assemblato una prima squadra che sarà per molti una sorpresa perché tanti giocatori sono poco conosciuti. Noi però siamo certi che diranno la loro nel campionato che sta per iniziare. Rispetto a un anno fa abbiamo scelto elementi più giovani e motivati a venire a Monza. Sono convinto che qui in Brianza possono farsi notare più che altrove. E come gli anni scorsi abbiamo scelto bravi ragazzi, perché è importante che i giocatori prima di tutto siano uomini. Sono orgoglioso di quello che sto facendo per l’hockey e per Monza, anche se non è la mia città. Per questo non capisco la freddezza di certe sue componenti. Mi auguro davvero che la città risponda come si deve a questi nostri sforzi: in fin dei conti l’hockey su pista è lo sport che ha portato più titoli a Monza”.

Tommaso Colamaria è l’allenatore che sta plasmando molto velocemente l’eterogeneo gruppo messogli a disposizione: “Ho voluto giocatori motivati e con determinate caratteristiche. Siamo andati a prendere Francisco Roca in Francia e Lucas Martinez in Argentina. Il primo è poco appariscente, ma è di gran quantità ed è tatticamente intelligente; il secondo una volta che si sarà ambientato ci garantirà una buona dose di realizzazioni e di incisività in attacco. Matteo Brusa e Nicola Retis, provenienti rispettivamente da Lodi e Montecchio Precalcino, hanno qualità tecniche indiscutibili e forti motivazioni. Francesco Compagno, in prestito dal Breganze, è il giovane di cui si parla di più in Italia in questo momento: è stato il capocannoniere del Campionato Europeo Under 17 e in questi giorni si sta facendo valere nel Campionato Mondiale Under 20. Il nostro obiettivo è una salvezza tranquilla, cioè anticipata, in modo da poter puntare nelle ultime giornate alla qualificazione ai play-off scudetto, che significa qualificazione alle coppe europee. Speriamo che il territorio ci segua: l’hockey giocato a questi livelli dovrebbe indurre la gente a venire al PalaRovagnati se non altro per curiosità. Sono convinto che molti si appassionerebbero perché la nostra è una disciplina piacevole ed entusiasmante da vedere, anche per chi non conosce le regole”.

*/ ?>

Sport

Finalmente la serie A: Hockey Monza pronto all'esordio

Finalmente la serie A: Hockey Monza pronto all'esordio

Biassono. Domenica 4 ottobre l’Hockey Roller Club Monza sponsorizzato Centemero esordirà nel campionato di Serie A1 a soli due anni dalla sua fondazione. Sarà una giornata segnata col circoletto rosso per gli appassionati storici dell’hockey su pista in città, che da 19 anni non vedono una squadra locale disputare il massimo torneo nazionale. L’attesa è stata lunga e durerà un giorno in più del previsto perché l’Ufficio Campionati

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza.Elio Bonavita aveva 14 anni. Questa mattina intorno alle 9,30, stava come sempre raggiungendo dalla sua abitazione di Villasanta il campo della Dominante, per la sfida domenicale di calcio contro la rappresentativa Allievi della Leonardo Manara. Era in auto, con la mamma, in viale Brianza a Monza, a pochi passi dalla Villa Reale. Lì l'orologio della vettura e della sua vita si è fermato per sempre: un automobilista alla guida di un Suv non avrebbe dato la precedenza immettendosi da via Ramazzotti, avrebbe costretto un'altra vettura a invadere la corsia di marcia opposta, causando una carambola che ha coinvolto altre quattro auto e poi si è dato alla fuga. Ad avere la peggio sono stati il giovane Elio, studente al Mosè Bianchi di Monza, morto poco dopo l'arrivo al San Gerardo di Monza e la madre, 40 anni, in coma all'ospedale Niguarda di Milano. Sul posto, più tardi, sotto shock per la disperazione, è arrivato anche il padre, che aveva accompagnato su un altro campo di calcio l'altro figlio, 11 anni, che milita in una giovanile dell'Inter. 

Ora è caccia al pirata, o meglio al conducente della vettura che avrebbe causato la devastante carambola di auto per una mancata precedenza, senza poi fermarsi (difficile pensare che non si sia accorto di nulla). Monza e la Brianza sono passate al setaccio, ma più di tutto si spera nelle immagini dei circuiti di videosorveglianza della zona.

Sulla pagina facebook di Elio centinaia di messaggi di affetto e cordoglio, momenti di vita a scuola, sui campi da calcio, in compagnia con gli amici. Un angelo con la faccia pulita che doveva fuggire in cielo così. E nemmeno la pena più esemplare a chi ha causato l'incidente scappando potrà mai riparare alle dimensioni di questa tragedia.

 

*/ ?>

Cronaca

Fuga dopo lo schianto, muore 14enne: tragedia davanti alla Villa Reale di Monza

Fuga dopo lo schianto, muore 14enne: tragedia davanti alla Villa Reale di Monza

Monza. Elio Bonavita aveva 14 anni. Questa mattina intorno alle 9,30, stava come sempre raggiungendo dalla sua abitazione di Villasanta il campo della Dominante, per la sfida domenicale di calcio contro la rappresentativa Allievi della Leonardo Manara. Era in auto, con la mamma, in viale Brianza a Monza, a pochi passi dalla Villa Reale. Lì l'orologio della vettura e della sua vita si è fermato per sempre: un automobilista alla guida di un Suv n

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Concorezzo. Anche oggi, venerdì, i disagi si sono fatti sentire. "Anche oggi -ci scrive Emanuela - dobbiamo subire odore acre, bruciore agli occhi e senso di soffocamento! Sono costretta a tenere chiusi in casa i bambini e a dover stendere i panni nel sottoscala! Sperando che la situazione non degeneri, chiedo un decisivo intervento da parte delle autorità. Inoltre prego chiunque sia nella mia stessa situazione di inviare commenti". Stiamo parlando di una situazione che perdura da anni in zona Malcantone a Concorezzo e nei quartieri Libertà e Brianteo a Monza. Periodicamente (in passato 2-3volte all'anno) capitava di respirare aria pesante, probabilmente a causa delle lavorazioni della Aslfati Brianza. Questi disagi negli ultimi mesi si sarebbero acuiti, tanto da scatenare raccolte firme, segnalazioni ai Comuni di Concorezzo e Villasanta, esposti ai carabinieri. L'azienda si è già detta disponibile a collaborare (leggi), dando anche rassicurazioni sulla non nocività delle esalazioni.

In Comune si è già tenuta una prima riunione alla presenza del sindaco, Riccardo Borgonovo, degli uffici Tecnico ed Ambiente, dei rappresentanti dei carabinieri. In passato erano state imposte delle misure di mitigazione. I sopralluoghi delle prossime ore dovranno verificarne l'efficacia e stabilirne, eventualmente, ulteriori.

Nella foto l'area dell'impianto ripresa da Google.

 

*/ ?>

Cronaca

Fumi al Malcantone, i cittadini chiedono interventi urgenti

Fumi al Malcantone, i cittadini chiedono interventi urgenti

Concorezzo. Anche oggi, venerdì, i disagi si sono fatti sentire. "Anche oggi - ci scrive Emanuela - dobbiamo subire odore acre, bruciore agli occhi e senso di soffocamento! Sono costretta a tenere chiusi in casa i bambini e a dover stendere i panni nel sottoscala! Sperando che la situazione non degeneri, chiedo un decisivo intervento da parte delle autorità. Inoltre prego chiunque sia nella mia stessa situazione di invia

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Da Concorezzo e Monza è un infinito susseguirsi di segnalazioni, mail e sfoghi sui social network. Qualunque sia la natura e l'origine degli odori che stanno infastidendo centinaia di persone, i cittadini chiedono risposte precise e soprattutto interventi risolutori. In tanti individuano nell'azienda "Asfalti Brianza" del Malcantone, al confine con Monza e Brugherio, l'origine del problema (alcuni residenti della zona parlano anche di bruciori agli occhi in alcune ore della sera), e così lunedì scorso il sindaco Riccardo Borgonovo, alla presenza dei responsabili dell'ufficio tecnico ed ecologia, ha convocato in municipio i titolari della ditta. "Il Comune era già intervenuto tempo fa e chiesto e ottenuto interventi al camino e ai sistemi di filtraggi, interventi che sono stati fatti e controllati da Arpa e Provincia- assicura il primo cittadino - Ora i titolari sono disponibili a un ulteriore intervento, realizzando un doppio bruciatore che non era nelle prescrizioni obbligatore. Il Comune ha poi sollecitato Arpa per nuovi monitoraggi". Rimane il fatto che ai cittadini le rassicurazioni verbali, a fronte di disagi che ormai sono quasi quotidiani, non bastano più. "Innanzitutto bisogna accertare se non ci siano altre aziende a contribuire a queste condizioni di disagio  - spiega il sindaco - perché alcune segnalazioni arrivano da persone che abitano a 3 chilometri di distanza e mi sembra difficile che l'origine sia la stessa. Comunque ad Asfalti Brianza abbiamo chiesto di mettere per iscritto la tipologia di intervento che intende mette in opera per limitare i disagi".

Leggi anche

Notte bianca in biblioteca: tanti motivi per non andare a letto

Maratona fotografica, aperte le iscrizioni

Bimba di 4 anni ferita da un lupo cecoslovacco

Barista travolta in via Dante: il 118 invia l'elisoccorso

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Cronaca

Fumi e puzze al Malcantone, si attende un impegno scritto

Fumi e puzze al Malcantone, si attende un impegno scritto

Concorezzo. Da Concorezzo e Monza è un infinito susseguirsi di segnalazioni, mail e sfoghi sui social network. Qualunque sia la natura e l'origine degli odori che stanno infastidendo centinaia di persone, i cittadini chiedono risposte precise e soprattutto interventi risolutori. In tanti individuano nell'azienda "Asfalti Brianza" del Malcantone, al confine con Monza e Brugherio, l'origine del problema (alcuni residenti della zona parlano a

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. I Carabinieri della Compagnia Roma Centro, in collaborazione con i colleghi di Monza e Desio, nell'ambito dell'operazione "Open Door", hanno sgominato una banda di rom dediti ai furti in abitazione. Due di questi criminali erano nascosti in Brianza. L'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Roma - avviata nel mese di Luglio 2020, ha portato ad un'ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal GIP del Tribunale di Roma, nei confronti di 4 persone (due uomini e due donne) di nazionalità serba (etnia rom), per i reati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti in abitazione e ricettazione.

LE INDAGINI

L'attività investigativa, condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro, sono scaturite dall'analisi dei numerosi furti in abitazione commessi nel centro storico della Capitale, messi a segno, come emerso dai filmati di video sorveglianza, da donne di etnia rom mediante l'uso di arnesi da scasso e la copertura degli uomini appartenenti alle famiglie, che le coordinavano ed incoraggiavano da casa, pronti ad intervenire in caso di necessità. Nel corso delle indagini sono stati individuati i ruoli svolti dai singoli e diversi indagati all'interno dell'associazione criminale, quasi a gestione familiare, e si sono compresi i meccanismi e le singole fasi delle azioni delittuose: dai meticolosi sopralluoghi, finalizzati alla comprensione delle abitudini degli ignari proprietari di casa, alla ricerca di itinerari sicuri per sfuggire ad eventuali telecamere di video sorveglianza, sino alla fase esecutiva vera e propria, con le donne del gruppo protagoniste assolute della scena.

I FURTI AFFIDATI ALLE DONNE

Erano infatti le donne, di giovane età e ben vestite, ad introdursi all'interno delle abitazioni prese di mira, depredandole di ogni sorta di monili o preziosi, ma anche di borse griffate e altri generi di valore. Talvolta, scovata la cassaforte all'interno dell'abitazione, non esitavano a contattare gli uomini del gruppo, che intervenivano in supporto per cercare di smurarle. La merce, soprattutto per quanto riguarda orologi e monili, venivano poi rivenduti mediante i canali di ricettazione interni al gruppo stesso, ed in particolare mediante un uomo - pregiudicato - di etnia rom, ma di nazionalità macedone, con base logistica nel quartiere di Centocelle. L'attività di indagine ha consentito di attribuire al sodalizio la responsabilità di più furti in abitazione consumati e di uno tentato, perpetrati tra giugno e settembre 2020, arrestare 2 persone in flagranza di reato e deferirne 15 in stato di libertà per tentato furto, possesso di arnesi atti allo scasso, ricettazione e riciclaggio; trarre in arresto altre 5 persone, che frequentavano a vario titolo gli indagati, in esecuzione di provvedimenti pendenti dell'A.G. e recuperare beni (monili ed orologi) del valore complessivo di circa 25.000 euro.

DUE ARRESTI ANCHE IN BRIANZA

È stata fatta luce su un vero e proprio gruppo criminale, composto da famiglie di etnia rom, tutte legate da vincoli di parentela, stanziali nel territorio sud est della Capitale, da dove, ogni mattina, partivano le "batterie" dei cosiddetti "appartamentari" diretti nel centro capitolino. Una volta perpetrati i furti ad opera delle donne del gruppo, erano gli uomini a recuperarle con veicoli intestati a prestanome, accompagnandole presso le abitazioni, dove veniva poi stoccata e rivenduta la merce oggetto del reato. Due dei destinatari dell'ordinanza sono stati rintracciati sul territorio romano e due in Lombardia, grazie alla collaborazione con i Carabinieri della Compagnia di Desio e del Nucleo Investigativo di Monza, sono stati associati in carcere a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, in attesa dell'interrogatorio di garanzia.

Foto di repertorio

 

*/ ?>

Dalla Brianza

Furti in casa a Roma, sgominata banda Rom: blitz in Brianza

Furti in casa a Roma, sgominata banda Rom: blitz in Brianza

Monza. I Carabinieri della Compagnia Roma Centro, in collaborazione con i colleghi di Monza e Desio, nell'ambito dell'operazione "Open Door", hanno sgominato una banda di rom dediti ai furti in abitazione. Due di questi criminali erano nascosti in Brianza. L'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Roma - avviata nel mese di Luglio 2020, ha portato ad un'ordinanza di applicazione di misure cautelari, em

Monza. Nei giorni scorsi i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Monza hanno tratto in arresto in flagranza di reato K.M., 21enne albanese, senza fissa dimora, incensurato. Nella circostanza i militari, intervenuti in questa via Sant’Alessandro di Monza a seguito della richiesta di aiuto per un furto in corso presso un bar, dopo aver constato la forzatura della porta d’ingresso e l’allontanamento degli autori, si sono messi alla caccia dei malviventi, soprendendoli in questa via Mercadante. Il giovane albanese si trovava a bordo di una autovettura Opel Astra mentre attendeva altri due complici – rimasti ignoti e riusciti poi a dileguarsi a piedi - che tentavano di compiere un altro furto all’interno dell’asilo nido “Akuna matata”. La vettura, su cui erano state montate delle targhe appartenenti ad un'altra auto, era stata rubata a Cologno Monzese. L'albanese è stato successivamente condannato con rito direttissimo. L'Opel Astra è stata restituita al legittimo proprietario.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Dalla Brianza

Furto all'asilo, preso un ladro albanese

Furto all'asilo, preso un ladro albanese

Monza. Nei giorni scorsi i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Monza hanno tratto in arresto in flagranza di reato K.M., 21enne albanese, senza fissa dimora, incensurato. Nella circostanza i militari, intervenuti in questa via Sant’Alessandro di Monza a seguito della richiesta di aiuto per un furto in corso presso un bar, dopo aver constato la forzatura della porta d’ingresso e l’allontanamento degli autori, si son

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Monza. "Il Monza per me e per Silvio Berlusconi è il nostro last dance”. Parola di Adriano Galliani, amministratore delegato del club brianzolo, intervistato dal Corriere della Sera. “Dopo le avventure con le tv e al Milan, questa – parafrasando Michael Jordan – è il nostro 'last dance’".  

“Stiamo applicando qui il know how che ci ha permesso di vincere tutto con il Milan”, ha aggiunto Galliani. “Ho provato a prendere Boateng, ma il suo stipendio è fuori dal nostro budget, come quello di Ibrahimovic che adoro. Tra 12 mesi – ha concluso – speriamo di essere in Serie A”

*/ ?>

Dalla Brianza

Galliani e Berlusconi: "Monza in A, la nostra last dance"

Galliani e Berlusconi: "Monza in A, la nostra last dance"

Monza. "Il Monza per me e per Silvio Berlusconi è il nostro last dance”. Parola di Adriano Galliani, amministratore delegato del club brianzolo, intervistato dal Corriere della Sera. “Dopo le avventure con le tv e al Milan, questa – parafrasando Michael Jordan – è il nostro 'last dance’".   “Stiamo applicando qui il know how che ci ha permesso di vincere tutto con il Milan”, ha aggiunto Galliani. “Ho provato a

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonzaAdriano Galliani, 76 anni, amministratore delegato dell'Associazione Calcio Monza e vicepresidente della Lega Nazionale Professionisti B, è tornato a casa. L'ad del Monza è stato dimesso oggi dall'ospedale San Raffaele di Milano dopo due settimane di ricovero causa Covid-19. "Sono stato due settimane ricoverato in quella che, vista da fuori, sembra una struttura sportiva. All'interno c'è una tecnologia impressionante, ma soprattutto la competenza e il cuore di infermieri e medici fantastici del San Raffaele" il messaggio di gratitudine su Facebook. Galliani era risultato positivo al tampone lo scorso 26 febbraio e successivamente aveva optato per un ricovero precauzionale, affinché le sue condizioni potessero essere monitorate al meglio. 

*/ ?>

Dalla Brianza

Galliani ha vinto la sfida col Covid

Galliani ha vinto la sfida col Covid

Monza. Adriano Galliani, 76 anni, amministratore delegato dell'Associazione Calcio Monza e vicepresidente della Lega Nazionale Professionisti B, è tornato a casa. L'ad del Monza è stato dimesso oggi dall'ospedale San Raffaele di Milano dopo due settimane di ricovero causa Covid-19. "Sono stato due settimane ricoverato in quella che, vista da fuori, sembra una struttura sportiva. All'interno c'è una tecnologia impressionante, ma

Monza. "Tra un anno dovremo essere in Serie A”. È il mantra che Adriano Galliani, amministratore delegato del Monza, ha ripetuto più e più volte durante la conferenza stampa di presentazione delle maglie ufficiali della squadra neopromossa in Serie B per la stagione 2020/21 tenutasi all’autodromo. L'occasione è stata propizia anche per presentare l'ultimo acquisto, l'attaccante danese Christian Gytkjaer, “bomber” prelevato dai polacchi del Lech Poznan.

Galliani è stato, come al solito, il mattatore dell’evento. Quando c'è da parlare del suo grande amore, il Monza, non smetterebbe mai: “Siamo qui per la presentazione della maglia del ‘grande sogno’, creata dallo sponsor tecnico Lotto, lo stesso del Vicenza, anch'esso promosso in Serie B. Abbiamo 4 sponsor tra maglia e pantaloncini più 1 in attesa di autorizzazione dalla Lega Serie B perché sarebbe sulla manica. Significa che gli imprenditori credono nel nostro progetto, che è quello di portare per la prima volta questa città in Serie A. La squadra è già allestita: non posso dire i nomi dei nuovi acquisti perché molti stanno ancora giocando in Italia o in Europa (comunque sono già trapelati i nomi del portiere Michele Di Gregorio, dell’Inter ma attualmente in prestito al Pordenone, del difensore Giulio Donati del Lecce, del difensore Davide Bettella, dell’Atalanta ma attualmente in prestito al Pescara, del centrocampista Andrea Barberis del Crotone e dell’attaccante bosniaco Mirko Maric dell’Osijek, club croato, nuova patria del giocatore, ndr). Zlatan Ibrahimovic è nel mio cuore ma chiede un ingaggio troppo elevato. Mi ha detto che deciderà tra una settimana: al 99% non giocherà nel Monza. Ho detto ai giocatori di non far venire da me i procuratori per il rinnovo del contratto finché non saremo in Serie A. Sarà una squadra che farà sognare i nostri tifosi e dovrà togliermi dopo oltre 40 anni la delusione mai digerita per le quattro volte consecutive che il Monza ha sfiorato la Serie A senza mai andarci. Ma non c’è solo la squadra: a Monza c'è anche la struttura societaria. Il budget è importantissimo: solo ‘patron’ Silvio Berlusconi poteva far sognare questa città. Quando lo andiamo a trovare, io e i manager di Fininvest, parla solo del Monza e dà per scontato che tra un anno saremo in Serie A. Oggi ero a pranzo col presidente dell’Atalanta e gli ho detto che sono un modello di società; anche per lo stadio vogliamo fare come a Bergamo: per la Serie A vogliamo tenere del Brianteo solo la tribuna e ricostruire gli altri settori con la copertura.

Il sindaco Dario Allevi ha sottolineato la “voglia di tornare alla normalità. Prima dell’arrivo della pandemia c’era un entusiasmo attorno al Monza che non si vedeva dai tempi dello stadio Sada. Stiamo collaborando con la società per l’esecuzione di lavori dentro e fuori lo stadio necessari per affrontare la cavalcata nella cadetteria. A tutti i tifosi dico che dobbiamo continuare a sognare perché con la coppia Berlusconi-Galliani niente è impossibile”.

Pietro Benvenuti, direttore generale dell’Autodromo Nazionale di Monza, è alle prese col primo Gran Premio d’Italia di Formula 1 senza pubblico. Un problema di grave entità anche dal punto di vista finanziario, ma ciò nonostante guarda con ottimismo al futuro: “Siamo fieri di essere diventati un anno fa city partner del Monza, per i risultati eccellenti della squadra e per il grande entusiasmo che vediamo attorno al club, entusiasmo che ci ha fatto superare momenti difficili”.

Il presidente di Lotto Sport Italia, Andrea Tomat, ha introdotto così le nuove maglie: “Il nostro compito è trovare ogni anno qualcosa di nuovo, di particolare, per dare lustro alla società. Squadra che vince non si cambia e noi siamo qui per restare per lungo tempo”.

Finalmente sono state svelate le maglie: la prima, nel segno della tradizione, resterà rossa con la banda verticale bianca, la seconda sarà bianca con la banda rossa e la terza blu navy con banda biancorossa. Il nuovo main sponsor sarà WithU, brand commerciale di Europe Energy, azienda italiana operante nel mercato dell’energia elettrica e del gas. Tornerà la scritta Pontenossa, azienda della famiglia Colombo, ex proprietaria del Monza, come back sponsor, mentre sui pantaloncini rimarrà Dell’Orto come short sponsor. A proposito di marketing, il Monza è sbarcato su TikTok, canale social che si aggiunge a Facebook e Instagram. Riguardo al sito internet, che da pochi giorni è anche in lingua inglese, Galliani ha rivelato che “adesso 1 visitatore su 10 è straniero”.

La sorpresa finale è stata la presentazione di Gytkjaer: “Lo voleva mezza Europa” ha dichiarato Galliani. Il giocatore ha espresso, in inglese con l’aiuto di una interprete, le solite frasi di circostanza: “Non è un segreto che io abbia ricevuto diverse offerte perché arrivo da stagioni positive. Quella di venire a Monza è stata una decisione convinta perché credo che qui si possa fare molto in quanto c’è un grande progetto. Ho parlato con alcuni amici che giocano in Italia, come Simon Kjær, e mi hanno dato certezze, mi hanno detto di venire con sicurezza. Qui mi sono convinto di aver fatto la scelta giusta. Col Monza ero in contatto da diverso tempo ma il Covid-19 ha bloccato tutto. I tifosi sono entusiasti del mio arrivo? Sono contento. Speriamo ce l'abbiano per tutta la stagione. Anch’io sono molto entusiasta, di essere qui a Monza”.

La squadra, radunatasi l’1 luglio e al lavoro al centro sportivo Monzello dall’8 luglio, ha già disputato alcune partitelle in famiglia, ma a breve saranno annunciate le amichevoli che accompagneranno il gruppo fino all’inizio del campionato di Serie B, che probabilmente sarà il 19 settembre.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Sport

Galliani: "Ecco la maglia del Monza che andrà in Serie A"

Galliani: "Ecco la maglia del Monza che andrà in Serie A"

Monza. "Tra un anno dovremo essere in Serie A”. È il mantra che Adriano Galliani, amministratore delegato del Monza, ha ripetuto più e più volte durante la conferenza stampa di presentazione delle maglie ufficiali della squadra neopromossa in Serie B per la stagione 2020/21 tenutasi all’autodromo. L'occasione è stata propizia anche per presentare l'ultimo acquisto, l'attaccante danese Christian Gytkjaer, “b

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. Ha solo una ventina di giorni e neppure un nome, e la sua vita poteva concludersi anche così. Davvero sconcertante la storia del gattino trovato la mattina del 15 maggio nell’ex discarica di Monza di via Offelera, adiacente a un campo Rom, dove la gente continua a buttare la spazzatura nonostante la struttura sia chiusa da tempo. La sua fortuna è che, come ogni mattina, passava di lìMilena, volontaria ENPA, mentre andava in ufficio. "La nostra volontaria non avrebbe neanche visto il micino - raccontano i volontari dell'Enpa - se lui non si fosse messo a miagolare come un disperato. Perché era immobile per terra, tutto solo, quasi nascosto dai cumuli di rifiuti, gliocchi chiusi incrostati di pus e labocca piena di terra. A completare il desolante quadro, ilposteriore ricoperto di cagnotti che lo stavano divorando. Non trovando tracce di una mamma gatta e temendo un destino davvero terribile se lo avesse lasciato lì – seppellito da altra spazzatura e con la nettezza urbana che arriva regolamento per sgomberare l’area – la volontaria lo ha portato via. Il piccolo è stato subito visitato e la veterinaria ha confermato che è stato recuperato appena in tempo: da lì a poco, infatti, sarebbe morto, mangiato vivo dai vermi. Lavato e disinfestato accuratamente, ora il micino è accudito provvisoriamente a casa di Milena".

 

"Per sua fortuna non era particolarmente denutrito e il pelo era sufficientemente pulito; l’ipotesi più probabile, quindi, è che fino a poco tempo prima fosse accudito dalla mamma, poi inspiegabilmente scomparsa, oppure magari buttato lì nella discarica, proprio come un rifiuto anche lui - spiegano - Questo è solo l’ultimo dei numerosi gattini in difficoltà o abbandonati che soccorriamo ogni anno - spiegano i volontari - Uno dei tanti episodi, qualcuno destinato a risolversi felicemente, qualcun altro, purtroppo, no. Quel che è certo è che senza la dedizione di molti volontari e collaboratori fidati che fanno parte del nostroAsilo dei Cuccioli, le storie a lieto fine sarebbero molto meno".

 

Appello per collaboratori per l’Asilo dei Cuccioli

 

Enpa Monza e Brianza è alla ricerca di nuovi volontari per l'Asilo, progetto dell’ENPA di Monza e Brianza lanciato nel lontano 2005. Si cercano persone disposte ad accogliere a casa propria uno o più gattini, offrendo loro, oltre alle cure, affetto e attenzioni, un ambiente sicuro e protetto, dove possono crescere e diventare sempre più autonomi in attesa dell’adozione definitiva. Per far parte dell’Asilo dei Cuccioli è fondamentale disporre di:

 

uno spazio in casa, anche piccolo, dove i gattini non verranno in contatto con eventuali gatti o altri animali di casa;

 

del tempo necessario per accudire, socializzare e portare i micini alle periodiche visite veterinarie al Gattile di Monza e agli appuntamenti fissati per la loro possibile adozione.

 

Tutte le visite veterinarie verranno eseguite presso il Gattile di Monza in Via San Damiano, così come verranno forniti, a carico dell’ENPA, i trattamenti antiparassitari, eventuali farmaci, i vaccini, gli alimenti e la sabbietta.

Contatti: chi fosse interessato a sapere di più può gentilmente scrivere ad: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

*/ ?>

Dalla Brianza

Gattino di 20 giorni gettato nell'ex discarica di Monza: è salvo

Gattino di 20 giorni gettato nell'ex discarica di Monza: è salvo

Monza. Ha solo una ventina di giorni e neppure un nome, e la sua vita poteva concludersi anche così. Davvero sconcertante la storia del gattino trovato la mattina del 15 maggio nell’ex discarica di Monza di via Offelera, adiacente a un campo Rom, dove la gente continua a buttare la spazzatura nonostante la struttura sia chiusa da tempo. La sua fortuna è che, come ogni mattina, passava di lì Milena, volontaria ENPA, mentre andava in ufficio.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Un po' di compiti, un po' di divertimento controllato con i videogiochi e anche lezioni di galateo, che per i bambini non guastano mai. E' il programma di oggi, 2 marzo, all'interno della iniziativa di successo "Sabato in Camilla", promosso dalla omonima azienda agrituristica di via Dante. Grazie alla presenza di esperti, i bambini da 6 a 13 anni hanno la possibilità di trascorrere un pomeriggio diverso e stimolante (dalle 14 alle 18,30) in uno splendido contesto verde, arricchito dalla presenza di diverse specie animali. Un posto sicuro per i genitori dove lasciare per qualche ora i figli coniungando la necessità dei compiti con il diritto al divertimento.

Info e prezzi: https://www.lacamilla.it/shop/sabato-in-camilla/+

La Camilla è anche a Osnago: https://www.lacamilla.it/la-camilla-osnago/?lang=it

*/ ?>

redazionali

Giochi e galataeo per bambini: sabato diverso alla Camilla

Giochi e galataeo per bambini: sabato diverso alla Camilla

Concorezzo. Un po' di compiti, un po' di divertimento controllato con i videogiochi e anche lezioni di galateo, che per i bambini non guastano mai. E' il programma di oggi, 2 marzo, all'interno della iniziativa di successo "Sabato in Camilla", promosso dalla omonima azienda agrituristica di via Dante. Grazie alla presenza di esperti, i bambini da 6 a 13 anni hanno la possibilità di trascorrere un pomeriggio diverso e stimolante (dalle 14 alle 18

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza.  Anche quest'anno va in scena al Brianteo Monza-Milan,tradizionale amichevole tra "cugini" lombardi. I ragazzi di Mister Delpiano affronteranno la squadra allenata da Sinisa Mihajlovic  nella gara che si disputerà giovedì 8 ottobre, con calcio di inizio alle ore 18,00. .

I prezzi dei biglietti saranno i seguenti: TRIBUNA VIP  € 20,00 (abbonati Monza € 15), TRIBUNA  € 15,00 (abbonati Monza  € 10), CURVA € 10 (abbonati Monza  € 5). Ingresso gratuito per le persone con disabilità e per i bambini fino ai 6 anni.

*/ ?>

Dalla Brianza

Giovedì al Brianteo arriva il Milan di Balotelli

Giovedì al Brianteo arriva il Milan di Balotelli

Monza.  Anche quest'anno va in scena al Brianteo Monza-Milan, tradizionale amichevole tra "cugini" lombardi. I ragazzi di Mister Delpiano affronteranno la squadra allenata da Sinisa Mihajlovic  nella gara che si disputerà giovedì 8 ottobre, con calcio di inizio alle ore 18,00. . I prezzi dei biglietti saranno i seguenti: TRIBUNA VIP  € 20,00 (abbonati Monza € 15), TRIBUNA  € 15,00 (abbonati Monza  € 10), CURVA € 10 (abbonati

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Il Monza ha proposto a tifosi e simpatizzanti di cambiare l'inno ufficiale tramite sondaggio. Il bellissimo (come inno di squadra di calcio) Monza Alè, composto nel 2006 dagli Amusia del frontman Michele Magrin, allora giocatore biancorosso, è una delle poche cose sopravvissute dall'arrivo di Fininvest come proprietà. Capiamo la volontà di dare una "rinfrescata" all'immagine della società, a maggior ragione che è stata portata per la prima volta in Serie A, ma le alternative non piacciono per nulla alla gran parte dei tifosi storici della squadra. Una, già molto indietro nel sondaggio, è quella di promuovere a inno Dai Monza Vola di Dario Baldan Bembo, brano scritto nel 2019, su richiesta di "patron" Silvio Berlusconi, in stile nazionalpopolare anni '70. L'altra è quella di far diventare inno ufficiale lo stupendo brano pop Destinazione Paradiso di Gianluca Grignani, pezzo di successo del 1995, che però non è stato certamente scritto per il Monza e non ha attinenze col calcio se non per quel titolo che richiama l'avvenuta promozione nella massima serie.
 
Ebbene, ormai tra tifosi storici del Monza ci si conosce un po' tutti e si nota, scorrendo i nomi di fianco agli emoticon, che la grande maggioranza di questi ha votato per la difesa di Monza Alè. Ne deduciamo che Destinazione Paradiso sia stato scelto perlopiù da simpatizzanti dell'ultima ora, probabilmente tifosi di Milan, Inter e Juventus, e giovanissimi alle prime esperienze con la passione per i colori biancorossi.
 
La cosa dà non poco fastidio, perché se si vuole a tutti i costi cambiare inno si dovrebbe a nostro parere dare l'incarico a qualcuno di comporre un bel brano dedicato al Monza e poi sottoporlo a sondaggio. Destinazione Paradiso? E perché allora non Grazie Roma cambiando Roma con Monza? Se dobbiamo attingere all'esterno anziché avere qualcosa di nostro, di unico, di non cedibile, come lo stemma con la Corona Ferrea e la spada di Estorre Visconti, allora tanto vale...
 
Pertanto invitiamo caldamente tutti ad andare sulla pagina Facebook e sulla pagina Instagram dell'AC Monza a votare il brano con l'emoticon dell'abbraccio.
 
 
FOTO BUZZI
*/ ?>

Sport

Giù le mani dall'inno "Monza Alè"!

Giù le mani dall'inno "Monza Alè"!

Il Monza ha proposto a tifosi e simpatizzanti di cambiare l'inno ufficiale tramite sondaggio. Il bellissimo (come inno di squadra di calcio) Monza Alè, composto nel 2006 dagli Amusia del frontman Michele Magrin, allora giocatore biancorosso, è una delle poche cose sopravvissute dall'arrivo di Fininvest come proprietà. Capiamo la volontà di dare una "rinfrescata" all'immagine della società, a maggior ragione che è stata portata per la pr

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. Domenica nell'Autodromo di Monza è comparso un immenso striscione a sostegno del referendum per l'autonomia della Lombardia. Qualcuno ha storto il naso e addirittura sono state annunciate azione investigative per scoprire chi abbia introdotto il "lenzuolone". Si potrebbe sorridere del fatto che, da anni, l'Italia ha aperto le porte a ondate di criminali e oggi ci si voglia concentrare sui "pericolosi" giovani padani che hanno manifestato la loro costituzionale opinione sul referendum lombardo, tra l'altro sostenuto a 360° da centrodestra, PD e Movimento 5 Stelle. La questione è un'altra. Quello striscione è sacrosanto perché se esiste ancora un Gran Premio di Monza (ribattezzato generosamente Gran Premio d'Italia) è merito soprattutto della Regione, che oltre alla politica ci ha messo i soldi e che nel triennio 2017-2019 stanzierà altri 15 milioni di euro. L'Autodromo ma anche il Parco, la rinata Villa Reale, lo splendido Museo del Duomo e la riqualificata cappella di Teodolinda sono gli emblemi di una città e di una regione che si sono fatte da sè, regalando allo Stato, ogni anno, oltre 50 miliardi di euro. Ne fossero tornati indietro almeno una parte, il Gran Premio a Monza non sarebbe mai stato in discussione, la Villa sarebbe rinata dieci anni fa (e sarebbe stata anche ultimata), il Parco sarebbe ancora più splendido e infrastrutture come la metropolitana non sarebbero un appuntamento in agenda. Quindi ben venga lo striscione "Sì Autonomia" al Gran Premio di Monza. E un parere spassionato per la Questura: ci sono altre persone da rintracciare in Brianza, non i giovani padani che hanno esposto lo striscione (e che tra l'altro si sono orgogliosamente autodenunciati su Facebook).

*/ ?>

Dalla Brianza

Gp, giusto quello striscione: Monza salvata dalla Regione

Gp, giusto quello striscione: Monza salvata dalla Regione

Monza. Domenica nell'Autodromo di Monza è comparso un immenso striscione a sostegno del referendum per l'autonomia della Lombardia. Qualcuno ha storto il naso e addirittura sono state annunciate azione investigative per scoprire chi abbia introdotto il "lenzuolone". Si potrebbe sorridere del fatto che, da anni, l'Italia ha aperto le porte a ondate di criminali e oggi ci si voglia concentrare sui "pericolosi" giovani padani che hanno manife

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORESta per tornare uno dei più appassionanti appuntamenti della stagione di Formula 1, che sta per veder ridiscendere in pista i bolidi per l'immancabileGran Premio d'Italia del circuito di Monzaper il 2021. Una risorsa davvero molto importante per tutto l'indotto della Brianza legato agli eventi sportivi, al quale va ad aggiungersi quest'anno anche la disputa del matchItalia - Svezia per la qualificazione al Campionato Europeo Under 21.

L'attesa per ilGran Premio d’Italia Formula 1 Heineken 2021sale e intanto il ricordo va da quella prima edizione del 1921, sulle strade urbane di Montichiari (in provincia di Brescia) all'epoca riadattate a tracciato di gara. Ed è in occasione di questoprimo centenario, durante il quale quasi sempre è stato corso annualmente il GP, che arriva l'ulteriore novità dell'introduzione dellaQualifica Sprint del sabato pomeriggio: 100 km da percorrere senza sosta per delineare la griglia di partenza del giorno dopo, assegnando ai primi tre classificati dei punti (3 al primo, 2 al secondo, 1 al terzo), ma nessun punto extra per il giro veloce. Questi punti si sommano a quelli della domenica. 

Novità anche sul piano tecnico, poiché ogni scuderia può decidere con quale mescola portare a termine la Qualifica Sprint e non ci sono limiti sul carburante, per rendere più spettacolare il format competitivo. 

"E' incessante anche l'evoluzione del dietro le quinte dal punto di vista tecnologico - dichiara Massimo Righi, redattore per larubrica "Computer e accessori" di CercoTech - per la cybersicurezza della grande mole di dati trasmessi tra la vettura ed i box, tra i membri dello staff via Wi-Fi, ricetrasmettitori e via Internet per fare arrivare in tempo reale le informazioni dei sensori direttamente al quartier generale per un'analisi tecnica e la modifica delle strategie di gara. In questi tempi di ransomware non sfuggono al controllo degli addetti anche i dispositivi personali di piloti e direttori tecnici, per evitare furti di dati anche involontari".

Per il grande evento, che si svolgerà dal 10 al 12 Settembre 2021, non potevano mancare nemmeno gli aggiornamenti riguardanti i biglietti. Infatti, a seguito della necessaria riorganizzazione delle procedure per rispettare leprescrizioni anti-covid ibiglietti si possono acquistare solo online, a tariffe più alte per il doveroso taglio del 50% dei posti disponibili: per l’ingresso del venerdì il prezzo minimo è di 76 euro, per l’ingresso delsabato il prezzo minimo è di 136 euro e per assistere alla competizione ufficiale delladomenica il prezzo minimo  è di 250 euro.

 

Rincari che tengono conto anche della nuova entusiasmante sessione di Qualifica Sprint, attribuita a solo tre tappe del Campionato mondiale da parte della Federazione Internazionale ad iniziare da Silverstone.

*/ ?>

Dalla Brianza

Gran Premio, tutto pronto per il via

Gran Premio, tutto pronto per il via

Sta per tornare uno dei più appassionanti appuntamenti della stagione di Formula 1, che sta per veder ridiscendere in pista i bolidi per l'immancabile Gran Premio d'Italia del circuito di Monza per il 2021. Una risorsa davvero molto importante per tutto l'indotto della Brianza legato agli eventi sportivi, al quale va ad aggiungersi quest'anno anche la disputa del match Italia - Svezia per la qualificazione al Campionato Europeo Under 21. L'atte

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Monza. Quando la guida turistica diventa impresa: sono circa 50 le attività di impresa, soprattutto per  le donne. In aumento anche gli stranieri. tra sedi e unità locali, che in Lombardia sono specializzate nel settore delle visite guidate, a cui fanno capo delle guide turistiche, con 70 addetti, secondo l’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati registro imprese al primo trimestre 2018. La Lombardia pesa il 5% delle quasi mille attività presenti in Italia ma prime nel settore sono Lazio (15,5%), Toscana (14%), Sicilia e Sardegna (oltre 10% ciascuna). Un settore, quello delle guide turistiche, che cresce del 9% in un anno e del 96% in cinque anni in regione e del 10% e 35% in Italia. Le province dove fare visite guidate diventa più attività d’impresa sono Roma (136 localizzazioni), Napoli (81) e Firenze (60), seguite da Sassari, Palermo e Venezia. Milano è tredicesima con 20 attività e 33 addetti (+18% in un anno e +67% in cinque). Un’attività dove è forte la presenza femminile (57% delle imprese del settore in Lombardia e Italia) e gli imprenditori nati all’estero pesano l’11% in regione e il 7% a livello nazionale. Per addetti di questo settore specializzato, prime Roma e Firenze, con oltre 100 su 1200 in Italia. Ha dichiarato Valeria Gerli, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e presidente di Confguide GITEC (Guide Italiane Turismo e Cultura) - Confcommercio Milano: “Le Olimpiadi sono una opportunità per rafforzare il settore. Dalle guide turistiche arriva un contributo fondamentale alla qualità dell’esperienza di visita e dell’apprezzamento della città. Sempre più piccoli gruppi, famiglie, coppie si affidano alle guida, fa risparmiare tempo per scoprire nuovi luoghi al di là delle mete più note. Le guide turistiche rappresentano un punto di riferimento con  uno sguardo attento e costante. In una realtà dinamica, le guide turistiche sono impegnate in un aggiornamento costante delle proprie competenze. C’è purtroppo una questione emergente di abusivismo e concorrenza sleale, fonte di illegalità. I turisti incautamente a volte si affidano a persone non abilitate, con il rischio di uno svilimento dell’esperienza di visita, a danno dell’immagine dei luoghi visitati. Si tratta di valorizzare il turismo. Occorre sensibilizzare l’opinione pubblica: esiste una figura professionale fondamentale per valorizzare le risorse turistiche e culturali”. Voto 8,4 alle guide abilitate secondo l’indagine nazionale sulle guide turistiche di Confguide – Confcommercio. Le guide turistiche abilitate al servizio sono in prevalenza laureati (83,5%) in conservazione e tutela dei beni culturali, in storia dell’arte e archeologia (38%) oppure in lingue straniere (27%). I tour sui quali lavorano di più sono: visite guidate in musei, mostre temporanee o monumenti (72,3% delle guide), mentre il 20,5% lavora soprattutto con passeggiate e tour turistici in esterna. La composizione della clientela mostra una prevalenza di stranieri (per il 60,5% delle guide turistiche), seguono gli italiani che risiedono in altre regioni (indicati dal 37,7% delle guide) mentre il target prevalente di clientela è interno alla regione per il 25,3% delle guide e locale per il 14,5%. A rivolgersi agli albergatori per una visita guidata con la guida sono soprattutto gruppi di amici o familiari (target indicato dal 54,2% delle strutture), seguiti dalle famiglie (38,6%) e dalle coppie di vacanzieri (33,3%). Un servizio per il quale la clientela degli hotel esprime evidente soddisfazione: basandosi sui commenti e sulle informazioni raccolte presso gli ospiti che hanno richiesto una visita guidata sul territorio, gli operatori alberghieri esprimono un voto medio di 8,4 (su un massimo 10) per l’attività delle guide turistiche sperimentate dalla propria clientela.

*/ ?>

Dalla Brianza

Guide turistiche, è boom soprattutto al femminile

Guide turistiche, è boom soprattutto al femminile

Monza. Quando la guida turistica diventa impresa: sono circa 50 le attività di impresa, soprattutto per  le donne. In aumento anche gli stranieri. tra sedi e unità locali, che in Lombardia sono specializzate nel settore delle visite guidate, a cui fanno capo delle guide turistiche, con 70 addetti, secondo l’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati registro imprese al primo trimestre 2018. La Lombardia pes

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. I would like a Spritz, please. Se il vostro inglese non vi consente nemmeno di ordinare un aperitivo al bancone o se, invece, la parlata è così fluente che vorreste tenerla allenata con una insegnante madre lingua, venerdì 20 marzo è in calendario la serata che fa per voi. Dalle 19 alle 20,30, nella piacevole cornice dell'Agriturismo La Camilla, in via Dante Alighieri 267 (sp2, altezza Torri Bianche) va in scena l'English Happy Hour, l'aperitivo in lingua inglese alla presenza di una insegnante madre lingua. Con soli 15 euro verranno offerti un cocktail, il buffet e un'ora e mezza di informali chiacchierate in lingua inglese.

Ulteriori info: http://www.lacamilla.it/eventi/

*/ ?>

redazionali

Happy English, l'aperitivo che ti insegna l'inglese

Happy English, l'aperitivo che ti insegna l'inglese

Concorezzo. I would like a Spritz, please. Se il vostro inglese non vi consente nemmeno di ordinare un aperitivo al bancone o se, invece, la parlata è così fluente che vorreste tenerla allenata con una insegnante madre lingua, venerdì 20 marzo è in calendario la serata che fa per voi. Dalle 19 alle 20,30, nella piacevole cornice dell'Agriturismo La Camilla, in via Dante Alighieri 267 (sp2, altezza Torri Bianche) va in scena l'English Happy Ho

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Monza. Ha preso il via ufficialmente da pochi giorni la campagna abbonamenti del Centemero Monza per la regular season 2015/16 di Serie A1. Considerando che sono 19 anni che una società cittadina di hockey su pista non disputa il massimo campionato nazionale, ci si attende dal territorio una risposta massiccia al richiamo dello sport più titolato del capoluogo della Brianza. L’appello al tesseramento è rivolto non solo a tutti gli appassionati della disciplina a rotelle, ma anche a tutti gli sportivi che desiderano assistere a sfide emozionanti tra giocatori italiani e stranieri considerati tra i migliori del mondo. Ricordiamo che l’Italia è una delle grandi patrie hockeystiche, campione d’Europa in carica a livello di Nazionale. L’Hockey Roller Club Monza, il cui “title sponsor” per la nuova stagione è Officina Meccanica Centemero (con sede a Vimercate e Concorezzo), è stato promosso in Serie A1 sospinto da un tifo intergenerazionale. Dagli anziani, memori delle gesta dei grandi club del passato, ai bambini delle squadre giovanili ai primi passi con i pattini ai piedi, passando per papà, mamme, giovani con la parola Monza tatuata nella mente e nell’anima, tutti hanno costituito il sesto giocatore in pista al PalaRovagnati di Biassono. Una magia che non si vuole spezzare, ma prolungare con una platea ancora più ampia. Per questo motivo la dirigenza del Centemero Monza ha deciso di mantenere gratuita la visione delle partite ai ragazzi.

LO SLOGAN

SiAMO Monza… SiAMO tornAt1!! Senza TE non siamo NOI!!” è lo slogan scelto per la campagna abbonamenti 2015/16. Non ci sarebbe bisogno di spiegazione: l’hockey è tradizione che si perpetua se è nel cuore della gente di Monza e Brianza; chi ama Monza e ha amato le squadre di Monza non può non rispondere al “richiamo della foresta” dei pattini che scorrono e frenano, dei bastoni che s’incrociano per arrivare prima su una pallina che quando gonfia la rete (dalla parte giusta) ti fa sobbalzare dalla felicità.

IL PALAZZETTO

Per la Serie A1 gli 848 posti disponibili al PalaRovagnati sono stati divisi in due settori: poltroncine e gradinate. L’abbonamento per le 13 partite di regular season costa rispettivamente 80 e 50 euro (i biglietti delle singole partite saranno in vendita al prezzo rispettivamente di 8 e 5 euro). Gli iscritti a club di tifosi hanno la possibilità di sottoscrivere un abbonamento ridotto, valido solo per le gradinate, al costo di 40 euro. L’ingresso sarà invece gratuito per i nati dal 1° gennaio 2001 in poi.

INFO

La campagna abbonamenti si concluderà il 31 ottobre 2015. Pagina 2 di 2 La sottoscrizione è possibile presso le seguenti sedi e nei seguenti giorni e orari: Monza Club (c/o Circolo Libertà - Via Libertà 33, Monza – tel. 0393300537): il giovedì e il venerdì dalle ore 21 alle 24 fino al 10 settembre; PalaRovagnati (Via Parco 57, Biassono – tel. 3393127079 Andrea Nobili): il martedì e il giovedì dalle ore 21.30 alle 23 dal 15 settembre; Biglietteria PalaRovagnati (Via Parco 57, Biassono) in occasione delle partite interne del Centemero Monza. Per informazioni si può navigare nel sito internet ufficiale www.hrcmonza.it, scrivere una e-mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., sfogliare la pagina Facebook ufficiale Hockey Roller Club Monza, telefonare ad Andrea Brambilla al 3284656992. Il campionato prenderà il via sabato 3 ottobre alle ore 20.45 (il Centemero Monza giocherà a Viareggio) e si concluderà il 16 aprile con cinque soste (26 dicembre, 2 gennaio, 27 febbraio, 19 marzo, 26 marzo) e due turni infrasettimanali (martedì 8 dicembre e martedì 9 marzo). La prima partita in casa è in calendario sabato 10 ottobre: ospite al PalaRovagnati sarà il Bassano.

Leggi anche: In A1 con l'Hockey Roller Monza anche un po' di Concorezzo

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Dalla Brianza

Hockey a rotelle, campagna abbonamenti per godersi la serie A

Hockey a rotelle, campagna abbonamenti per godersi la serie A

Monza. Ha preso il via ufficialmente da pochi giorni la campagna abbonamenti del Centemero Monza per la regular season 2015/16 di Serie A1. Considerando che sono 19 anni che una società cittadina di hockey su pista non disputa il massimo campionato nazionale, ci si attende dal territorio una risposta massiccia al richiamo dello sport più titolato del capoluogo della Brianza. L’appello al tesseramento è rivolto non solo a tutti gli ap

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. Le rotelle biancorosse sono pronte a ritagliarsi lo spazio in A1, la categoria dell'Hockey che più si addice alla più che blasonata storia del club. A quattro giornate dalla fine del campionato (di cui tre in casa) e quattro punti dalla seconda, l'HRC Monza scenderà in campo al PalaRovagnati di Biassono domani sera, sabato, alle 20,45 (ingresso 3 euro). Sfida tosta con l'Hockey Sandrigo, società che arriva da quel di Vicenza e che occupa oggi la quarta posizione in classifica. Un'occasione unica anche per gli amanti dello sport per godersi emozioni vere, agonismo puro e i brividi di una sfida che ha il sapore di un sogno targato A1. L'appello è non solo ai tifosi ma a tutti i brianzoli: fate sentire l'abbraccio a questi ragazzi!

Foto tratta dal sito ufficiale di HRC Monza. 

Link: http://www.hrcmonza.it/

 

*/ ?>

Dalla Brianza

Hockey a rotelle, Monza sogna il ritorno in A1

Hockey a rotelle, Monza sogna il ritorno in A1

Monza. Le rotelle biancorosse sono pronte a ritagliarsi lo spazio in A1, la categoria dell'Hockey che più si addice alla più che blasonata storia del club. A quattro giornate dalla fine del campionato (di cui tre in casa) e quattro punti dalla seconda, l'HRC Monza scenderà in campo al PalaRovagnati di Biassono domani sera, sabato, alle 20,45 (ingresso 3 euro). Sfida tosta con l'Hockey Sandrigo, società che arriva da quel di Vicenza e che occu

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREMonza. Vittoria sudata per il Centemero Monza nella sfida tra le due matricole del campionato. Il 5-4 finale contro il Thiene ultimo in classifica a 0 punti testimonia il momento di leggera crisi della squadra allenata da Tommaso Colamaria, che negli ultimi due match ha sofferto di preoccupanti cali di tensione. A Sarzana sono costati la sconfitta, mentre sabato sera al PalaRovagnati di Biassono hanno rischiato di compromettere la vittoria. Le note positive sono state le belle combinazioni create nel corso dei 50′ e la vena realizzativa di Lucas Martinez, “bomber” argentino di altissimo livello. Il Centemero Monza, una volta osservato il minuto di raccoglimento per le vittime delle stragi di Parigi, è sceso in pista con Oviedo, Panizza, Camporese, Martinez e Retis; il Thiene ha risposto con Comin, Giorgio Casarotto (che è anche l’allenatore), Sperotto, Piroli e Marangoni. Non è stato della partita Marco Scuccato a causa di una pallinata in faccia presa in allenamento. Nei primi minuti le due difese lasciano a desiderare, ma i due portieri respingono di tutto. Le cose cominciano a cambiare al 10’15″, quando Martinez insacca con una fiondata in diagonale. Dopo 4′ l’attaccante argentino raddoppia trasformando un tiro diretto concesso per un fallo di Casarotto su Compagno. Il Thiene reagisce centrando una traversa con Sperotto, ma è il Centemero a sprecare i gol che avrebbero chiuso il match nel primo tempo, come capitato due settimane prima con l’AFP Giovinazzo. Martinez si fa parare un tiro diretto e dopo 1’ centra il palo, mentre Compagno perde la pallina di un tiro diretto. Pochi secondi dopo il 16enne in prestito dal Breganze segna un gran gol, ma l’arbitro annulla per un presunto fallo di marca brianzola. A 19” dal termine del primo tempo è Marangoni ad accorciare le distanze su rigore concesso per fallo di Oviedo su Casarotto. La ripresa inizia con un gol sottoporta di Martinez, che al 5’ fallisce un tiro diretto. Al 10’23″ Casarotto riporta a meno uno i gialloblù vicentini con una staffilata da lontano. Il Centemero subisce il colpo, ma non crolla grazie a Oviedo. Intorno al 19′ Retis e Martinez si scambiano i favori: il primo segna su assist dell’argentino e poco dopo le parti si invertono. Brendolin accorcia col tiro diretto assegnato per il decimo fallo di squadra dei locali, Compagno fa tremare la traversa degli avversari con una conclusione da quasi centropista, ma a dare suspense al finale sono le reti di Dalle Carbonare e Piroli con tocchi sottoporta. Mancano 95″, durante i quali Compagno fallisce il tiro diretto assegnato per il decimo fallo di squadra degli ospiti e Oviedo sventa su Dalle Carbonare. La sirena sancisce la vittoria biancorossoazzurra e il consolidamento di Martinez in testa alla classifica cannonieri, con 16 gol ufficiali più 1 erroneamente assegnato a un altro. “Sapevamo che oggi avremmo avuto da soffrire – ha commentato Colamaria – perché il Thiene è vero che le ha perse tutte, ma in diverse partite ha tenuto in bilico il risultato per lungo tempo. Comunque, quello che conta oggi sono i 3 punti, pesantissimi perché il Thiene è una diretta concorrente. Ci sono stati momenti in cui abbiamo rischiato di lasciare la partita a loro e non va bene. Abbiamo anche sprecato qualche occasione di troppo, soprattutto con i tiri diretti. Poi dobbiamo ancora trovare l’amalgama di squadra. Sono invece soddisfatto del fatto che anche oggi abbiamo costretto la compagine avversaria ad arrivare al decimo fallo. Riguardo alla quaterna di Martinez, che dire? Non l’abbiamo preso alla cieca. Ha giocato nella Liga spagnola. Siamo riusciti a portarlo a Monza grazie alle referenze e alle buone relazioni. E non abbiamo ancora visto tutto di questo giocatore…”. Sabato prossimo alle ore 20.45 tornerà il derby classico della Lombardia: il Centemero Monza scenderà in pista al PalaCastellotti di Lodi contro l’Amatori Wasken Lodi.

CENTEMERO MONZA-THIENE 5-4 (2-1) CENTEMERO MONZA: Oviedo, Brusa, Camporese, Mariani, Retis, Martinez, Panizza, Roca, Compagno, Piscitelli. All.: Colamaria. THIENE: Dalla Vecchia, Brendolin, Dalle Carbonare, Sperotto, Piroli, Marangoni, Casarotto, Vanzo, Comin. All.: Casarotto. ARBITRI: Fronte di Novara e Uggeri di Lodi. MARCATORI: p.t. 10’15″ Martinez, 14’03″ Martinez, 24’41″ Marangoni; s.t. 0’45″ Martinez, 10’23″ Casarotto, 18’37″ Retis, 19’05″ Martinez, 22’11″ Dalle Carbonare, 23’25″ Piroli.

NOTE: falli di squadra Centemero Monza 10, Thiene 10; espulsi 2′ Oviedo, Casarotto, Piroli (due volte) e Brendolin, spettatori circa 300.

RISULTATI DELLA 7ª GIORNATA CGC Viareggio – Trissino 5-1 Banca Cras Follonica – Carispezia Sarzana 6-2 AFP Giovinazzo – Amatori Wasken Lodi 4-7 Faizanè Lanaro Breganze – Forte dei Marmi 7-3 Sinus Matera – Admiral Valdagno 7-2 Centemero Monza – Thiene 5-4 Pieve010 – Sind Bassano 3-3

CLASSIFICA DOPO LA 7ª GIORNATA Forte dei Marmi punti 16; Amatori Wasken Lodi p. 15; Faizanè Lanaro Breganze, Sinus Matera e Banca Cras Follonica p. 14; Centemero Monza p. 13; CGC Viareggio p. 12; Trissino p. 11; Sind Bassano e Admiral Valdagno p. 8; Pieve010, AFP Giovinazzo e Carispezia Sarzana p. 4; Thiene p. 0.

IL PROGRAMMA DELLA 8ª GIORNATA 21 novembre 2015 19:00 Matera Sinus Matera – Pieve010 21 novembre 2015 20:45 Lodi Amatori Wasken Lodi – Centemero Monza 21 novembre 2015 20:45 Viareggio Viareggio – Faizanè Lanaro Breganze 21 novembre 2015 20:45 Follonica Banca Cras Follonica – Forte dei Marmi 21 novembre 2015 20:45 Giovinazzo AFP Giovinazzo – Sind Bassano 21 novembre 2015 20:45 Trissino Trissino – Carispezia Sarzana 21 novembre 2015 20:45 Valdagno Admiral Valdagno – Thiene

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Dalla Brianza

Hockey, che fatica: ma alla fine la spunta il Monza

Hockey, che fatica: ma alla fine la spunta il Monza

Monza. Vittoria sudata per il Centemero Monza nella sfida tra le due matricole del campionato. Il 5-4 finale contro il Thiene ultimo in classifica a 0 punti testimonia il momento di leggera crisi della squadra allenata da Tommaso Colamaria, che negli ultimi due match ha sofferto di preoccupanti cali di tensione. A Sarzana sono costati la sconfitta, mentre sabato sera al PalaRovagnati di Biassono hanno rischiato di compromettere la vittoria. Le no