santalfredo
santalfredo

poesie

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. "Biet, poesie" è il titolo della raccolta che contiene alcune delle opere di Stefano Villa, concorezzese doc, classe 1938. Quando Villa venne alla luce Concorezzo era un borgo di poche migliaia di anime che parlavano prevalentemente la lingua brianzola, il dialetto. Non era solo un modo di comunicare: in quelle parole, in quei modi di dire, in quei suoni era conservata la cultura popolare ma anche la capacità di descrivere con sentimento persone, luoghi ed emozioni.

Le poesie di Villa sono un tuffo in quel passato, senza indugiare nella nostalgia. Un modo vivo e sentito di indicare anche alle nuove generazioni la bellezza racchiusa nella semplicità. Una poesia che nasce dalla conoscenza della letteratura e che, per la scrittura, non esita a confrontarsi con il vocabolario del Cherubini.

C'è la poesia che racconta Cuncuress, quella che accarezza idealmente il volo di un merlo (lo sgurbatt), quella che prova a spiegare il senso della bellezza, quella che coglie i tesori contenuti nella natura, quella che stigmatizza l'orrore della guerra. Settanta pagine di emozioni, di riflessioni, di luci, suoni e colori. Una bella raccolta così tanto lontana dalla velocità e superficialità contenute in tanti social media. E, forse per questo, ancora più preziosa.

L'AUTORE. Stefano Villa nasce a Concorezzo, nel 1938. Inizia a scrivere  nei primi anni dell’adolescenza, proprio nel momento in cui smette di andare a scuola a causa dell’incompatibilità con il lavoro. Per anni si dedica al lavoro e alla famiglia, coltivando la passione per la lettura che lo porterà a scoprire la scrittura come forma di espressione e condivisione del suo vissuto.  Ispirato dalla quotidianità, dall’amore per la moglie e per il proprio paese provato sulla pelle e rimasto nel cuore e dai paesaggi che tuttora sono impressi nella sua memoria, Stefano arriva a scrivere una serie di poesie , che confluiranno in una raccolta, pubblicata nel 2022 per la prima volta. Tutto ciò che scrive, Stefano lo scrive in dialetto, che considera la sua “lingua madre”: il dialetto è la lingua che lo ha accompagnato in ogni vicenda che ha colorato la sua vita e per raccontare i suoi giorni non può pensare di usare una forma diversa da quella. La sua poesia è inizialmente privata e Stefano si limita a condividerla con la famiglia, in particolare con la moglie Inno, e gli amici; alla fine, però, ascolta il consiglio delle persone a lui vicine,  che insistono affinché i suoi versi raggiungano più persone e permettano al dialetto di rimanere vivo, e le rende pubbliche.

Nella foto Stefano Villa con la moglie e, qui sotto, la copertina della sua raccolta di poesie

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

*/ ?>

Cultura

Il piccolo mondo antico di Stefano Villa

Il piccolo mondo antico di Stefano Villa

Concorezzo. "Biet, poesie" è il titolo della raccolta che contiene alcune delle opere di Stefano Villa, concorezzese doc, classe 1938. Quando Villa venne alla luce Concorezzo era un borgo di poche migliaia di anime che parlavano prevalentemente la lingua brianzola, il dialetto. Non era solo un modo di comunicare: in quelle parole, in quei modi di dire, in quei suoni era conservata la cultura popolare ma anche la capacità di descrivere con