santalfredo-1.png
santalfredo-2.png

tari

 

Concorezzo. Tari azzerata per le famiglie che ospitano i profughi ucraini. Questa la nuova iniziativa prevista del Comune di Concorezzo per sostenere l’accoglienza in città. La decisione, ratificata nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, prevede, nello specifico, che l’esenzione totale della tassa sui rifiuti valga per tutto il periodo in cui sussiste l’ospitalità dei profughi ucraini, fino al 31 dicembre 2022.

 

Per poter aderire all’iniziativa e quindi ottenere l’esenzione, occorre presentare l'apposita dichiarazione, entro 90 giorni solari dall’inizio dell’ospitalità.

 

 “Abbiamo voluto sostenere e dare un riconoscimento alla generosità di quanti stanno ospitando le persone in fuga dal conflitto, facendosi concretamente carico dell’accoglienza- ha precisato il sindaco Mauro Capitanio-. Un’accoglienza al di fuori dei circuiti istituzionali.

 

Come Comune abbiamo, quindi, pensato a un modo concreto per dare un aiuto ai concorezzesi che stanno facendo, in modo autonomo, un qualcosa di grande in questo momento così drammatico per l’Ucraina. Esentare dal pagamento della Tari vuole essere una mano tesa verso queste famiglie. Il Comune, ribadisco, è disponibile per eventuali necessità da parte loro”.

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

 

*/ ?>

Politica

A Concorezzo niente TARI per le famiglie che accolgono i profughi ucraini

A Concorezzo niente TARI per le famiglie che accolgono i profughi ucraini

  Concorezzo. Tari azzerata per le famiglie che ospitano i profughi ucraini. Questa la nuova iniziativa prevista del Comune di Concorezzo per sostenere l’accoglienza in città. La decisione, ratificata nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, prevede, nello specifico, che l’esenzione totale della tassa sui rifiuti valga per tutto il periodo in cui sussiste l’ospitalità dei profughi ucraini, fino al 31 dicembre 2022.   Per p

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

Concorezzo.  Il Comune ha predisposto un fondo di 150mila euro in sostegno di famiglie e aziende locali nell’ambito del pagamento della tassa rifiuti (TARI). Si tratta di un’ulteriore iniziativa programmata per aiutare le realtà in difficoltà economica dovuta alla pandemia.

Il fondo sarà così distribuito: 110mila euro in favore delle aziende e 40mila euro dei privati cittadini.

Per le utenze domestiche la riduzione tariffaria prevista è pari al 25% della bolletta. Per le aziende la riduzione della tariffa sarà del 25% sulla quota variabile e riceveranno il bollettino al netto dello sconto previsto.

Le ditte selezionate sono tutte quelle con un codice ATECO che prevedeva la chiusura delle attività nella fase di lockdown. 

I privati cittadini che potranno usufruire della riduzione della tariffa sulla bolletta sono coloro che in famiglia hanno avuto criticità lavorative dovute alla pandemia a partire dal 23 febbraio (perdita del lavoro da parte di almeno uno dei componenti del nucleo famigliare, cassa integrazione, riduzione dell’orario di lavoro di almeno il 20% e mancato rinnovo di almeno un contratto i lavoro a termine). 

Le famiglie che ne hanno diritto devono presentare la richiesta in Comune entro il 31 ottobre. Il modello per la richiesta della riduzione tariffaria da parte delle famiglie sarà reso disponibile nei giorni in cui saranno distribuiti gli avvisi di pagamento. Qualora i cittadini aventi diritto avessero già pagato la TARI sarà possibile ottenere un rimborso.

 

“Si tratta del secondo intervento che il Comune ha predisposto nell’ambito del sostegno al pagamento delle tasse comunali- ha precisato l’assessore al Bilancio Riccardo Mazzieri-. Oltre ad aver posticipato le scadenze di TARI, TOSAP, IMU e Imposta pubblicità, abbiamo programmato questa riduzione tariffaria della TARI certi di dare una boccata di ossigeno soprattutto alle aziende che in questo periodo sono nel pieno della gestione delle scadenze fiscali.

Continua così l’impegno della nostra Amministrazione in sostegno delle realtà concorezzesi maggiormente colpite dalla crisi economica dovuta alla pandemia”.

*/ ?>

Cronaca

Tari, 150.000 euro per aiutare aziende e famiglie

Tari, 150.000 euro per aiutare aziende e famiglie

Concorezzo.  Il Comune ha predisposto un fondo di 150mila euro in sostegno di famiglie e aziende locali nell’ambito del pagamento della tassa rifiuti (TARI). Si tratta di un’ulteriore iniziativa programmata per aiutare le realtà in difficoltà economica dovuta alla pandemia. Il fondo sarà così distribuito: 110mila euro in favore delle aziende e 40mila euro dei privati cittadini. Per le utenze domestiche la riduzione tariffari

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzoNuove misure a sostegno dei concorezzesi in difficoltà a causa delle conseguenze economiche della pandemia. Nell’ambito dell’iniziativa di riduzione del pagamento della TARI prevista per i privati e per le aziende, il Comune ha ampliato il plafond dei contributi per le famiglie da 40 a 70 mila euro. Con questo aumento di 30mila euro del fondo specifico per i privati, è stato ampliato anche il bacino dei possibili beneficiari alla misura. 

E’ infatti ora possibile richiedere una riduzione della TARI del 25% anche agli esercenti o alle partite iva in generale che abbiano visto una diminuzione del fatturato nel mese di aprile di due terzi rispetto a quanto fatturato nell’aprile del 2019. 

“Questo genere di iniziativa comunale, che ha previsto uno stanziamento complessivo di 150mila euro, ha già coinvolto le aziende di Concorezzo che hanno usufruito del fondo per circa 80mila euro contro i 110mila euro inizialmente previsti- ha precisato l’assessore al Bilancio Riccardo Mazzieri-. Abbiamo quindi deciso di ampliare il fondo destinato ai privati cittadini e di estendere la possibilità ridurre la TARI del 25% anche ai nuclei famigliari in difficoltà economica dovuta alle conseguenze della pandemia in cui un componente sia proprietario di partiva iva. 

Si tratta evidentemente di un ulteriore intervento in sostegno delle realtà concorezzesi in difficoltà. Ricordiamo infatti che il Comune è già intervenuto nei mesi scorsi oltre che diminuendo la rata della tassa sui rifiuti anche posticipando le scadenze di TARI, appunto, TOSAP, IMU e Imposta pubblicità per dare ossigeno alle attività nel pieno della gestione delle scadenze fiscali. L’obiettivo è quello di continuare a essere al fianco delle famiglie e delle aziende concorezzesi in difficoltà sostenendole con tutti i mezzi a nostra disposizione”.

Gli aventi diritto possono presentare la richiesta in Comune entro il 31 ottobre.

*/ ?>

Cronaca

Tari, un mese per chiedere gli sconti

Tari, un mese per chiedere gli sconti

Concorezzo. Nuove misure a sostegno dei concorezzesi in difficoltà a causa delle conseguenze economiche della pandemia. Nell’ambito dell’iniziativa di riduzione del pagamento della TARI prevista per i privati e per le aziende, il Comune ha ampliato il plafond dei contributi per le famiglie da 40 a 70 mila euro. Con questo aumento di 30mila euro del fondo specifico per i privati, è stato ampliato anche il bacino dei possibili beneficiar