santalfredo-1.png
santalfredo-2.png

vero volley

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-GAS SALES BLUENERGY PIACENZA 3-0
 
Se qualcuno un mese fa avesse pronosticato la Vero Volley Monza in testa da sola nella classifica della Superlega dopo 5 giornate sarebbe passato per visionario. Invece è tutto vero, anche se con un pizzico di aiuto del calendario che ha già fatto riposare la Sir Safety Conad Perugia, ancora imbattuta, in questo campionato a 13 squadre. C’è un punto a separare le due fuggitive, che si incontreranno il 12 dicembre nel match di andata della regular season.
 
Alla sfida d’alta quota tra monzesi e piacentini erano presenti all’Arena 930 spettatori, che hanno assistito a un’ottima pallavolo, pur se indubbiamente gli ospiti hanno deluso le aspettative, interrompendo una striscia di 4 vittorie consecutive. Il team allenato da Massimo Eccheli è riuscito a rimanere a un livello “top” per tutti e 3 set, grazie anche al sacrificio in difesa e alla qualità delle giocate del libero Federici e soprattutto del palleggiatore Orduna, premiato come MVP. Nonostante una scarsa percentuale in ricezione (53% a 38% per i lupi) i brianzoli hanno saputo trovare le giuste direttrici in battuta e in attacco e hanno giganteggiato a muro. Riguardo all’attacco parlano da sole le percentuali finali: 52% a 32%. Eccellenti in particolare le performance di Dzavoronok (17 punti per un 64%) e di Grozer, l’opposto scambiato in estate con Lagumdzija proprio con il club emiliano: la sfida tra i due è stata vinta nettamente dal neo-rossoblù (18 punti a 8, 46% a 24%). Nella compagine guidata da Lorenzo Bernardi da segnalare la prestazione dell’altro “ex” della partita, Holt, che ha chiuso col 57% in attacco.
 
Il primo set è stato il più combattuto ed è stato quello in cui hanno pesato moltissimo le prestazioni di Davyskiba (8 punti per uno straordinario 83%) e Grozer (10 punti), che con una schiacciata dalla seconda linea ha chiuso il parziale sul 25-22.
 
Il secondo porta come prima firma quella di Dzavoronok (7 punti). I biancorossi erano partiti bene, prendendosi 4 punti di margine (4-8), ma proprio lo schiacciatore ceco ha trascinato i compagni all’aggancio (11-11). Si è proseguito testa a testa fino al 17-17, quando ancora Dzavoronok si è scatenato con 2 attacchi vincenti. I piacentini hanno patito i colpi cedendo psicologicamente nel finale di set, chiuso 25-21 da una battuta sbagliata di Recine.
 
Nel terzo parziale è calato Grozer (solo 2 punti per un misero 11%), ma sono cresciuti i centrali Grozdanov e Galassi. Sull’11-8 proprio il campione d’Europa con la Nazionale dà il via alla fuga decisiva (14-8) con una schiacciata e un ace. Due muri di Grozdanov solidificano il cospicuo vantaggio (17-10). Anche stavolta il set è chiuso da un errore in battuta, in questo caso di Pujol (25-17).
 
La Vero Volley Monza tornerà in campo già mercoledì prossimo alle ore 20.30 ancora all’Arena nell’anticipo dell’undicesima giornata, in programma l’8 dicembre, dovuto agli impegni nel Campionato mondiale della Cucine Lube Civitanova.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

La Vero Volley schiaccia Piacenza e resta da sola in testa

La Vero Volley schiaccia Piacenza e resta da sola in testa

VERO VOLLEY MONZA-GAS SALES BLUENERGY PIACENZA 3-0   Se qualcuno un mese fa avesse pronosticato la Vero Volley Monza in testa da sola nella classifica della Superlega dopo 5 giornate sarebbe passato per visionario. Invece è tutto vero, anche se con un pizzico di aiuto del calendario che ha già fatto riposare la Sir Safety Conad Perugia, ancora imbattuta, in questo campionato a 13 squadre. C’è un punto a separare le due fuggitive

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-KIOENE PADOVA 2-3
 
Brutta serata per la Vero Volley Monza, che nel turno infrasettimanale di Superlega perde in casa contro la Kioene Padova e giocando pure male. La squadra “sorpresa” dell’avvio di Superlega 2021/22 non c’è più, franata assieme al “capocordata” Grozer, oggi apparso stanco come anche diversi suoi compagni in rossoblù. Battute inefficaci quando non sbagliate, muri troppo spesso mal posizionati o fuori tempo, ricezioni a corrente alternata, schiacciate troppo sovente respinte dai muri avversari: difficile superare una squadra giovane ma ben impostata come quella patavina se ci si trova in una palese condizione di affaticamento. Il gruppo guidato da Massimo Eccheli avrebbe bisogno di rifiatare, anche perché giocano sempre i 7 titolari più al massimo Beretta, oggi schierato all’inizio al centro al posto di un deludente Grozdanov. Evidentemente per il tecnico monzese la panchina è corta, ma oggi nel terzo set ha assistito impassibile alla débâcle della sua squadra senza nemmeno provare a cambiare qualcosa, mal che andava per far riposare i soliti “scudieri”. Con Grozer e Davyskiba in serata no almeno Karyagin avrebbe meritato una chance.
 
E così i pochi intimi venuti ad assistere alla partita infrasettimanale all’Arena di Monza hanno assistito a uno spettacolo bruttino, eccezion fatta per qualche difesa da applausi. Se non altro hanno almeno avuto la consolazione delle emozioni del tie-break, giocato punto a punto fin quasi alla fine.
 
Già nel primo set si è messo in mostra tra gli ospiti il classe 2000 Bottolo, MVP del match grazie a 23 punti (58% in attacco), di cui 1 ace e 1 muro, e al 55% in ricezione.
 
Nonostante le 6 battute sbagliate, la compagine allenata da Jacopo Cuttini porta a casa il primo parziale grazie a una ricezione più precisa (48% a 28%), che permette a Zimmermann di distribuire meglio i palloni rispetto all’“ex” di giornata Orduna. I brianzoli riescono a prendere 4 lunghezze di vantaggio (9-5), ma Weber e Petrov ricuciono e ribaltano (13-14). Sul 18-18 un’invasione a rete e una schiacciata di Bottolo dalla seconda linea portano i veneti a +2, distacco che difendono fino alla fine (23-25).
 
La “frustata” sveglia Dzavoronok e compagni, che dominano il secondo set in attacco (79% a 35%) chiudendolo agevolmente sul 25-14 (gli ultimi 2 punti monzesi portano la firma di Galassi).
 
Nella Kioene viene confermato nel settetto Loeppky, subentrato a Petrov nel finale del secondo parziale. Nonostante altri 7 errori in battuta (a fine gara saranno ben 27) gli ospiti fanno un boccone dei rossoblù, ribaltando le percentuali in attacco della frazione precedente (70% a 30%). Si scatena l’opposto tedesco Weber, con ben 11 punti (75%), mentre il connazionale Grozer chiude con 2 miseri punti (22%). La Vero Volley regge fino al 7-7, poi crolla dopo 2 ace di Weber. Sul 13-18 il tedesco fa 1 punto in schiacciata e altri 2 in battuta (a fine gara ne avrà totalizzati 27, di cui 5 ace e 4 muri). Il punto del 17-25 porta però la firma dell’altro tedesco Zimmermann.
 
Solo a questo punto Eccheli cambia, ma solo Beretta con Grozdanov. La Kioene tracolla in ricezione e Grozer riesce a mettere giù 8 palloni. Si va a braccetto fino al 20-20, poi una battuta errata di Loeppky e un ace di Dzavoronok portano la vero Volley a +2 che diventano alla fine +3 (25-22) grazie a una schiacciata dalla seconda linea di Grozer.
 
Il tie-break si gioca punto a punto, ma a fare la differenza alla fine a favore dei padovani è probabilmente la ricezione (50% a 20%), anche se un'infrazione fischiata dall’arbitro ai monzesi sull’11-13 è parsa piuttosto generosa e abbastanza decisiva. Il punto del 12-15 viene invece regalato agli ospiti da Galassi che sbaglia la battuta.
 
Purtroppo per la squadra rossoblù non ci sarà tempo per riposare. Il ritorno in campo è previsto già per sabato prossimo alle ore 18 in casa della Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia. Il match verrà trasmesso in diretta tv su Rai Sport.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

La Vero Volley si spegne contro Padova

La Vero Volley si spegne contro Padova

VERO VOLLEY MONZA-KIOENE PADOVA 2-3   Brutta serata per la Vero Volley Monza, che nel turno infrasettimanale di Superlega perde in casa contro la Kioene Padova e giocando pure male. La squadra “sorpresa” dell’avvio di Superlega 2021/22 non c’è più, franata assieme al “capocordata” Grozer, oggi apparso stanco come anche diversi suoi compagni in rossoblù. Battute inefficaci quando non sbagliate, muri troppo spesso mal po

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-VOLLEY BERGAMO 1991 3-1
 
Sfortunatamente per il Volley Bergamo 1991 e per il suo grande concittadino del XIX secolo Gaetano Donizetti al direttore d’orchestra dell’Arena di Monza, Marco Gaspari, piace Ludwig van Beethoven e in particolare la Nona Sinfonia: con la vittoria di oggi contro gli orobici, infatti, la Vero Volley Monza inanella il nono successo consecutivo in Serie A1. Come la Nona Sinfonia si è assistito a 4 movimenti, con il finale dell’Inno alla gioia per gli importanti 3 punti messi in carniere. Il primo movimento non è però stato eseguito bene, ma bissare il 3-0 della gara di andata era difficile perché il team allenato da Pasqualino Giangrossi si è rinforzato nel mercato di riparazione invernale.
 
Con un po’ di difficoltà la formazione rosablù ha recuperato l’efficacia in tutti i fondamentali, ma quello che è stato decisivo per le sorti del match è stato il muro: alla fine sono stati 16 i punti conquistati con veri e propri “monster blocks” contro i 3 delle avversarie. Il premio come MVP è andato alla palleggiatrice Orro perché se ben 5 compagne sono andate in doppia cifra lo si deve alla sua capacità di variare il gioco, peraltro aiutata da una buona percentuale in ricezione della squadra: 57%. Da sottolineare, comunque, le ottime prestazioni anche dell’opposto Van Hecke (18 punti di cui 1 ace e 3 muri) e della centrale Candi (10 punti di cui 5 a muro). Da segnalare, infine, la persistente assenza per infortunio della schiacciatrice Mihajlovic e l’esordio in panchina della centrale Rettke, l’acquisto del mercato invernale.
 
Davanti a un migliaio di spettatori si comincia e la compagine di “Lino” Giangrossi si porta sull’1-4 mettendo subito in mostra la schiacciatrice Lanier, alla fine realizzatrice di 22 punti. Le monzesi provano a reagire ma non ci capiscono nulla: vengono murate e vengono infilate in continuazione da schiacciate da tutte le posizioni. Sul 4-10 inizia una rimonta, guidata da Van Hecke e da Gennari (una delle 5 “ex” della contesa), che ha successo, ma effimero. Sul 13-12 il Volley Bergamo 1991 riprende il filo dell’efficacia in attacco e trascinata da May riallunga fino al 19-23. Purtroppo alle padrone di casa vengono a mancare in attacco Davyskiba, Gennari e Danesi e così il set se lo portano a casa le orobiche col punto del 21-25 firmato da May.
 
Dal secondo set la musica cambia perché da una parte migliorano le prestazioni individuali di alcune atlete rosablù, dall’altra si assiste a un calo fisico che condiziona il rendimento complessivo della squadra bergamasca. A proposito di atlete rosablù che escono dallo stato di sbandamento, Davyskiba esplode sul 4-6 mettendo a segno 4 punti di fila (2 attacchi inframmezzati da un muro e da un pallonetto). Proprio il muro della Nazionale bielorussa apre la strada alle compagne che finalmente prendono le misure nel fondamentale a Lanier e socie portandosi sul 15-11. Poi Davyskiba, con la mano ormai calda, prosegue a far punti in serie allargando il solco tra le due compagini. A chiudere il set sul 25-18 è un ace di Van Hecke.
 
Il terzo parziale è più equilibrato anche perché Lanier è scatenata. Si procede testa a testa fino al 19-19, poi un filotto di 5 punti delle monzesi annichilisce il Volley Bergamo 1991. L’“ex” Loda sbaglia la battuta e il set si chiude 25-20.
 
La quarta frazione di gioco vede in campo tra le ospiti Ogoms al posto di Butigan. La Vero Volley vola sul 9-4 sospinta da Gennari, ma viene ripresa sul 13-13 a causa di 2 errori in attacco di Candi. L’equilibrio dura poco perché Davyskiba infila 3 punti portando avanti di 3 lunghezze le monzesi (18-15), che poi vanno a chiudere sul 25-19.
 
La Vero Volley tornerà in campo, sempre all’Arena di Monza, già dopodomani alle ore 18 per recuperare l’ultima gara del girone di andata contro la Delta Despar Trentino.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

La Vero Volley suona la nona... vittoria consecutiva

La Vero Volley suona la nona... vittoria consecutiva

VERO VOLLEY MONZA-VOLLEY BERGAMO 1991 3-1   Sfortunatamente per il Volley Bergamo 1991 e per il suo grande concittadino del XIX secolo Gaetano Donizetti al direttore d’orchestra dell’Arena di Monza, Marco Gaspari, piace Ludwig van Beethoven e in particolare la Nona Sinfonia: con la vittoria di oggi contro gli orobici, infatti, la Vero Volley Monza inanella il nono successo consecutivo in Serie A1. Come la Nona Sinfonia si è assi

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 3-0
 
I tre ceffoni presi all’Arena di Monza in Coppa Italia, con relativa eliminazione, dalla Reale Mutua Fenera Chieri lo scorso 30 dicembre hanno fatto sì che la Vero Volley terminasse anzitempo le vacanze natalizie a livello mentale e tornasse a lavorare concentrata per i principali obiettivi di stagione: il campionato e la Champions League. Il 3-0 col quale si è sbarazzata della Unet E-Work Busto Arsizio, compagine che nella gara di andata aveva vinto per 3-1 e che in classifica inseguiva a soli 2 punti, testimonia che la lezione è servita a qualcosa e che il gruppo è rimasto compatto agli ordini di Marco Gaspari, inanellando l’ottavo successo consecutivo in Serie A1.
 
L’unico match rimasto in calendario per la prima giornata di ritorno (gli altri 6 sono stati rinviati tutti per troppe positività al coronavirus tra le giocatrici) ha mostrato una formazione rosablù determinata e grintosa, meno imprecisa del solito (62% in ricezione), ma soprattutto più efficace nella correlazione muro-difesa, dove ha giganteggiato Parrocchiale, MVP di questo derby lombardo al quale hanno purtroppo assistito solo un migliaio di spettatori anche per via della diretta tv su Sky Sport Arena.
 
In attesa del transfer per la centrale statunitense Dana Rettke, Gaspari ha schierato le ex “farfalle” Gennari (preferita a Van Hecke come titolare con lo spostamento di Stysiak a fare l’opposto) e Orro (l’altra “ex” Negretti è rimasta in panchina) assieme a Danesi e Candi, oltre a Davyskiba e, appunto, Parrocchiale.
 
Il primo set risulta molto equilibrato (bello il botta e risposta alla banda tra la monzese Gennari e la bustocca Gray), ma sul 13-15 si scatena Stysiak, che firma 5 punti (attacco, 2 ace e 2 schiacciate dalla seconda linea) inframmezzati solo da un muro dell’evanescente Herrera Blanco. La polacca mette a segno nel parziale ben 10 dei suoi 22 punti complessivi. Un muro di Candi porta le locali sul 19-16, vantaggio che viene gestito e ampliato da Stysiak (attacco e muro). Il punto del 25-21 lo firma Danesi.
 
Per il secondo set, disputato senza cambio di campo per evitare al massimo la possibilità di contagi tra i due gruppi squadra, l’allenatore ospite Marco Musso preferisce Olivotto a Herrera Blanco. Ma oltre a risultare poco incisiva al centro, la compagine biancorossa si spegne alla banda e fuori banda, calando pure a muro. Solo Mingardi (13 punti complessivi) prova a resistere alla buona vena delle padrone di casa, che sul 13-13 mettono la freccia e salutano. Sul 15-14 a chiudere di fatto il parziale ci pensano un attacco di Candi, un muro di Lazovic (subentrata a una spenta Davyskiba) e 2 ace di Gennari inframmezzati da una schiacciata di Lazovic. Le 6 lunghezze di margine rimangono fino alla battuta sbagliata di Stevanovic che fissa il set sul punteggio di 25-19.
 
La terza frazione di gioco, con Lazovic confermata in campo, amplifica quanto emerso nel secondo parziale: la differenza delle percentuali in attacco (42% a 19%) spiega il 25-16 conclusivo.
 
La Vero Volley Monza è ora attesa da un’altra “vendetta”: sabato prossimo alle ore 20.30 (con diretta tv su Rai Sport) giocherà in casa della Reale Mutua Fenera Chieri, la “castigatrice” di Coppa Italia, che però poi ha sfortunatamente perso a tavolino la semifinale della competizione a causa di un focolaio di coronavirus emerso alla vigilia del match.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

La Vero Volley tarpa le ali alle "farfalle"

La Vero Volley tarpa le ali alle "farfalle"

VERO VOLLEY MONZA-UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 3-0   I tre ceffoni presi all’Arena di Monza in Coppa Italia, con relativa eliminazione, dalla Reale Mutua Fenera Chieri lo scorso 30 dicembre hanno fatto sì che la Vero Volley terminasse anzitempo le vacanze natalizie a livello mentale e tornasse a lavorare concentrata per i principali obiettivi di stagione: il campionato e la Champions League. Il 3-0 col quale si è sbarazzata della Un

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA 3-0
 
Dopo tre sconfitte consecutive, due contro l’Imoco Conegliano in Champions League intervallate da quella in casa de Il Bisonte Firenze in campionato, la Vero Volley Monza torna al successo travolgendo una pessima Bartoccini Fortinfissi Perugia, che rischia di essere una delle due squadre che retrocederanno in Serie A2. Un sorriso stiracchiato ma niente più si può fare dopo questa vittoria perché le rosablù hanno mostrato un’involuzione di gioco preoccupante in vista dei play-off scudetto. Uniche note liete una discreta efficacia in battuta e un’ottima correlazione muro-difesa, elementi cardine da cui ripartire per ritrovare la quadra nelle prossime settimane. La sensazione è che la regista Orro si sia appannata e che l’ultima arrivata, la statunitense Larson, non sia in forma (anche se dà segnali di crescita). Nelle ultime due giornate di regular season la compagine allenata da Marco Gaspari dovrà difendere il terzo posto dato che i primi due difficilmente verranno persi dall'Igor Novara e dall’Imoco Conegliano.
 
All’Arena di Monza si è giocato davanti a poche centinaia di spettatori. Tra le ospiti, guidate in panchina da Luca Cristofani, erano presenti le “ex” Melandri e Havelkova.
 
La Vero Volley parte subito decisa con Davyskiba e si porta sul 4-0 e poi sul 6-1. Grazie a un’ottima ricezione e al catastrofico attacco umbro (15% nel parziale con addirittura l’opposto Galkowska, arrivata all’inizio di febbraio per rimpiazzare Diouf scappata in Polonia, “capace” di non fare neanche 1 punto su 11 attacchi, che poi a fine match diventeranno 14) le brianzole allungano a +7 (13-6), amministrando quindi il vantaggio. Il punto del 25-18 lo firma Van Hecke.
 
L’opposto belga diventa ancora più protagonista nel secondo set, mettendo a segno 7 punti e guadagnandosi di fatto il premio di MVP: chiuderà il match con 18 punti all’attivo (53% in attacco) di cui 1 ace e 3 muri. A differenza del primo parziale, il secondo resta in equilibrio fino all’8-8, quando la Vero Volley opera un allungo che ipoteca l’esito dello stesso: una schiacciata di Van Hecke dalla seconda linea, un muro di Orro, un attacco di Davyskiba e uno di Rettke inframmezzati da un errore di Havelkova portano le padrone di casa a +5. Sul 21-16 altri attacchi di Rettke, Danesi e Van Hecke, inframmezzati da un muro di Boldini (subentrata all’affaticata Orro) e da una schiacciata di Diop (subentrata alla disastrosa Galkowska), fissano il punteggio sul 25-17.
 
Il terzo set vede la conferma nei rispettivi sestetti di Boldini e Diop. Sul 4-4 le rosablù mettono la freccia e salutano le perugine, che sprofondano nuovamente in attacco, in particolare con Havelkova (14% nel parziale). Stavolta le monzesi arrivano a +8 (14-6) prima di amministrare. Il punto del 25-18 è di Davyskiba che chiude così ottimamente il suo parziale (5 punti pari all’80% in attacco) e la sua partita (12 punti di cui 2 ace, 50% in attacco e 46% in ricezione).
 
Domenica prossima la Vero Volley disputerà l’ultima gara casalinga di regular season ospitando alle ore 17 la Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia, altra formazione in lotta per la salvezza.
 
Intanto la squadra maschile ha chiuso oggi la regular season al settimo posto: nei quarti di finale dei play-off scudetto affronterà la Cucine Lube Civitanova, seconda in graduatoria.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

La Vero Volley torna a sorridere in campionato

La Vero Volley torna a sorridere in campionato

VERO VOLLEY MONZA-BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA 3-0   Dopo tre sconfitte consecutive, due contro l’Imoco Conegliano in Champions League intervallate da quella in casa de Il Bisonte Firenze in campionato, la Vero Volley Monza torna al successo travolgendo una pessima Bartoccini Fortinfissi Perugia, che rischia di essere una delle due squadre che retrocederanno in Serie A2. Un sorriso stiracchiato ma niente più si può fare dopo qu

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-SAVINO DEL BENE SCANDICCI 3-0
 
Una spettacolare Vero Volley Monza interrompe a 8 la striscia di vittorie consecutive della Savino Del Bene Scandicci, che a inizio match era appaiata al primo posto in classifica con le rosablù (in attesa dei recuperi che dovrebbero vedere la Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano e l’Igor Gorgonzola Novara scavalcarle entrambe). È ripresa dunque al meglio la marcia nella parte nobile della graduatoria della formazione allenata da Marco Gaspari dopo lo stop patito a Novara nel recupero infrasettimanale. Oggi le sue giocatrici sono state davvero impeccabili e anche lui è stato bravo a sostituire l’ex biancoblù Stysiak al momento giusto, quando pareva chiaro che l’opposto polacco non era in giornata.
 
Davanti al migliaio di spettatori presenti all’Arena di Monza la compagine brianzola è partita subito bene, portandosi sul 7-3 grazie all’ottima vena della palleggiatrice Orro e alle difese di una superlativa Parrocchiale. Il team guidato da Massimo Barbolini ha però pian piano risalito la china, trascinata dalle bordate dell’opposto Antropova, impattando sul 17-17. La reazione monzese è stata affidata a Danesi, ma perlopiù sono stati gli errori delle toscane (Pietrini ha fatto registrare un misero 15% in attacco) a far volare la squadra di casa, che ha chiuso sul 25-20 con una “fast” di Rettke.
 
La centrale statunitense è risultata decisiva anche nel secondo parziale, meritandosi il titolo di MVP del match grazie ai 14 punti messi a segno (61% in attacco) di cui 1 muro. A tenerle testa tra le ospiti è stata la brasiliana Natalia, capace di mettere giù complessivamente 17 palloni. Chi ha invece un po’ deluso tra le monzesi sono state Stysiak e, solo nel secondo set, Davyskiba. Sul 6-8 Gaspari ha effettuato un cambio decisivo, sostituendo la polacca, al 16% in attacco, con Van Hecke. Una schiacciata dalla seconda linea di Gennari e un muro di Danesi hanno portato al pareggio (9-9), ma il “break” è arrivato sul 14-13, quando Van Hecke aveva già schiacciato 2 palloni-punto ed esultato per 1 ace. Proprio la belga, seguita da Danesi con una doppietta (1 su muro) e da una rinfrancata Davsykiba hanno allargato la forbice a +5. La Vero Volley ha quindi controllato la reazione delle fiorentine chiudendo sul 25-21 ancora con Rettke.
 
Per il terzo set Gaspari ha naturalmente confermato Van Hecke mentre dall’altra parte Barbolini ha tenuto sul taraflex dell’Arena le subentrate Sorokaite e Lippmann, rispettivamente per Pietrini e Antropova. Alla fine la tedesca avrà fatto il suo mentre Sorokaite chiuderà il parziale con un agghiacciante 6% in attacco. Il rendimento della schiacciatrice prelevata lo scorso 18 gennaio da Il Bisonte Firenze ha di certo contribuito alla resa delle scandiccesi al termine del combattutissimo set, risoltosi ai vantaggi dopo una serie di scambi infiniti che hanno entusiasmato il pubblico. Inizialmente le ospiti erano riuscite a prendersi un leggero margine di vantaggio (2-5), ma Rettke, Davyskiba e Orro avevano ridato carica alle ugole dei tifosi, operando un sontuoso sorpasso (12-10). Il testa a testa tra le due squadre è quindi proseguito fino al 31-29, quando un muro di una super Danesi e un attacco di Gennari hanno posto fine alla contesa. Ad allietare ulteriormente la serata del consorzio volistico il risultato giunto pochi minuti dopo da Padova, dove la formazione maschile ha battuto per 3-0 la Kioene.
 
La prossima sfida per la Vero Volley femminile sarà per l’ultima giornata della fase a gironi di Champions League: martedì alle ore 18 finlandesi (le 17 italiane) scenderà in campo in casa del Viesti Salo con l’obiettivo di essere una delle 3 migliori seconde dei 5 gironi che si qualificheranno assieme alle prime ai quarti di finale. Il campionato la vedrà giocare in casa domenica 20 alle ore 17 contro l’Acqua & Sapone Roma Volley Club.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

La Vero Volley torna a volare in campionato

La Vero Volley torna a volare in campionato

VERO VOLLEY MONZA-SAVINO DEL BENE SCANDICCI 3-0   Una spettacolare Vero Volley Monza interrompe a 8 la striscia di vittorie consecutive della Savino Del Bene Scandicci, che a inizio match era appaiata al primo posto in classifica con le rosablù (in attesa dei recuperi che dovrebbero vedere la Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano e l’Igor Gorgonzola Novara scavalcarle entrambe). È ripresa dunque al meglio la marcia nella parte nob

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-BOSCA SAN BERNARDO CUNEO 3-0
 
Dopo l’inopinata sconfitta di Cremona di sabato scorso trasmessa in diretta tv su Rai Sport, la Vero Volley Monza rialza la testa all’Arena contro la Bosca San Bernardo Cuneo, reduce da 2 successi consecutivi, e lo fa nuovamente davanti alle telecamere della Rai. Il 3-0 finale è il risultato di una partita giocata non al meglio ma comunque con buone indicazioni in vista della gara di andata dei quarti di finale di Champions League che mercoledì prossimo alle ore 20.30 vedrà le brianzole ospitare in un derby italiano la A. Carraro Imoco Conegliano. La chiave di volta del match è stata l’alta percentuale in ricezione, il 72% contro il 52% delle piemontesi, che ha permesso a Orro di gestire ottimi palloni per le fromboliere rosablù e in particolare per Stysiak, autrice di una prestazione in crescendo, culminata col premio di MVP in virtù dei 22 punti messi a segno (55% in attacco) di cui 2 ace.
 
Una curiosità della sfida di oggi è che le 4 “ex” hanno racimolato pochi minuti in campo: Squarcini da una parte e Van Hecke dall’altra sono rimaste sempre in panchina, Zakchaiou era in tribuna e Candi ha giocato dei brevi spezzoni.
Un’altra curiosità era fornita dalla situazione di politica internazionale, con la bielorussa Davyskiba tra le fila della compagine allenata da Marco Gaspari e la russa Kuznetsova nella formazione guidata da Andrea Pistola una di fronte l’altra e poi a fine match riunite col marito della giocatrice di casa, titolare nella squadra maschile del consorzio, a parlare probabilmente di quello che stanno vivendo, con la loro attività in Nazionale sospesa nonché, eventualmente, quella di snow volley e beach volley.
 
Nel primo set la Vero Volley prende un margine di 3 punti (7-4) e sul 17-15 lo incrementa a 6 (21-15). Il parziale sembra ipotecato e invece le cuneesi reagiscono raggiungendo addirittura il pareggio (22-22). Una battuta sbagliata di Kuznetsova e una schiacciata di Stysiak dalla seconda linea riportano a +2 le monzesi. Quindi Gicquel (6 punti per lei nella frazione di gioco) e l’ottima Davyskiba sigillano il punteggio sul 25-23. Da segnalare le deludenti performance in attacco di Lazovic (20%) da parte lombarda e Degradi (14%) da parte piemontese.
 
Quest’ultima si rifà nel secondo set, dove invece è Gicquel a crollare al 14%, mentre Lazovic continua a non convincere e sul 9-9, dopo che la Vero Volley era passata a condurre 6-2, viene sostituita dal neoacquisto Jordan Larson. La campionessa statunitense mette a segno il punto del 15-13 e aiuta la sua squadra più che altro in ricezione. Sul 21-19 un attacco di Davyskiba e un errore di Jasper segnano il secondo e decisivo “break” per la compagine di casa, che con Larson chiude il parziale sul 25-21.
 
L’americana resta in campo per il terzo set, dove si viaggia testa a testa fino al 14-15. Poi un muro di Danesi, un errore di Gicquel, un attacco di Stysiak e un ace di Davyskiba scavano il solco che non viene più ricoperto. Anzi Lazovic, rientrata nel finale, riscatta la prova opaca con una schiacciata e un muro che chiudono il parziale sul 25-20 e il match sul 3-0.
 
Relativamente al campionato di Serie A1 la Vero Volley Monza è ora attesa in casa de Il Bisonte Firenze domenica prossima alle 17.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

La Vero Volley torna a volare in vista della "Champions"

La Vero Volley torna a volare in vista della "Champions"

VERO VOLLEY MONZA-BOSCA SAN BERNARDO CUNEO 3-0   Dopo l’inopinata sconfitta di Cremona di sabato scorso trasmessa in diretta tv su Rai Sport, la Vero Volley Monza rialza la testa all’Arena contro la Bosca San Bernardo Cuneo, reduce da 2 successi consecutivi, e lo fa nuovamente davanti alle telecamere della Rai. Il 3-0 finale è il risultato di una partita giocata non al meglio ma comunque con buone indicazioni in vista della gara

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE 3-0
 
Nonostante il turn-over attuato dall’allenatore Marco Gaspari la Vero Volley Monza liquida facilmente in 3 set una arrendevole VBC Trasporti Pesanti Casalmaggiore, lontana parente del team casalasco che nel 2015 si laureò campione d’Italia e l’anno successivo campione d’Europa. La terza vittoria consecutiva per le atlete rosablù è arrivata, nell’anticipo dovuto alla diretta tv su Rai Sport, senza l’infortunata Mihajlovic e con Zakchaiou e l’“ex” (nell’anno dello scudetto) Gennari in panchina per preservarle per l’esordio della Vero Volley in Champions League di mercoledì prossimo in casa della VakifBank Istanbul (fischio d’inizio alle ore 19 locali, le 17 italiane, in diretta pay-tv su Discovery+).
 
All’Arena di Monza, davanti a 812 spettatori, si è ammirato come mai si era verificato prima il gioco di squadra delle brianzole, con tutte le “bocche da fuoco” chiamate a turno dalla palleggiatrice Orro a fornire il proprio contributo alla causa. Nonostante i soli 3 set disputati ben 5 giocatrici locali sono arrivate in doppia cifra: Van Hecke ha toccato quota 16 punti, Davyskiba (sostituta di Gennari) è stata la MVP con 13 punti (44% in attacco) e un buon 58% in ricezione, Lazovic e al centro Danesi e Candi (ottima sostituta di Zakchaiou con l’85% in attacco) hanno chiuso a 10 punti. Molto bene si è comportata la difesa guidata dal libero Parrocchiale, anche se l’attacco cremonese è stato davvero flebile, eccezion fatta per Shcherban (13 punti): l’opposta Malual ha fatto registrare un misero 18% nelle statistiche finali.
 
Nel primo set la formazione allenata da Martino Volpini ha resistito fino al 5-5, poi l’enorme divario in ricezione e in attacco ha fatto volare la Vero Volley prima fin sul 15-10 e poi a +7 (22-15). I 3 punti di Shcherban nel finale sono stati rintuzzati da Lazovic e 2 volte da Van Hecke dalla seconda linea, che ha chiuso il parziale sul 25-20.
 
Nel secondo set le padrone di casa sono calate in ricezione, ma le casalasche non ne hanno approfittato, facendosi trovare quasi sempre impreparate nella correlazione muro-difesa. Sul 3-3 le monzesi hanno preso 2 punti di vantaggio, che poi sul 12-9 sono diventati velocemente 7 (16-9). A quel punto a Orro e compagne non è restato che amministrare e a Van Hecke è spettato ancora il compito di archiviare il parziale (25-17).
 
Nel terzo set la belga ha fatto a gara di punti con Davyskiba, che l’ha spuntata per 7-6 grazie alla partenza a razzo (5-0 con 3 punti suoi). Anche in questo parziale le monzesi hanno poi amministrato il bottino e Gaspari ne ha approfittato per far giocare un po’ pure Stysiak, già entrata nel secondo set, e Negretti. Il massimo vantaggio di 7 punti (15-8) è stato controllato fino alla fine del match, sigillato da Danesi (25-18).
 
Dopo l’impegno europeo la Vero Volley si ritufferà nel campionato: domenica prossima alle ore 17 è attesa in casa della Bosca S.Bernardo Cuneo.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO

 

*/ ?>

Sport

La Vero Volley troppo pesante per Casalmaggiore

La Vero Volley troppo pesante per Casalmaggiore

VERO VOLLEY MONZA-VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE 3-0   Nonostante il turn-over attuato dall’allenatore Marco Gaspari la Vero Volley Monza liquida facilmente in 3 set una arrendevole VBC Trasporti Pesanti Casalmaggiore, lontana parente del team casalasco che nel 2015 si laureò campione d’Italia e l’anno successivo campione d’Europa. La terza vittoria consecutiva per le atlete rosablù è arrivata, nell’anticipo dovuto

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-PROSECCO DOC IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 2-3
 
È stata una partita memorabile quella andata in scena stasera all’Arena di Monza, e in diretta tv su Rai Sport, tra la Vero Volley e le campionesse d’Italia della Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano. Il secondo e il terzo set sono stati degni di una finale di Champions League per lo spettacolo tecnico offerto e l’equilibrio che ha regnato fino alla fine ha emozionato i 2307 spettatori presenti, cioè il massimo consentito dalle attuali Leggi di contenimento del “coronavirus”, che prevedono un affollamento massimo pari al 60% della capienza dell’impianto al chiuso.
Purtroppo la squadra brianzola, reduce dalla sconfitta interna per 3-2 contro l’Igor Gorgonzola Novara, ha solo sfiorato l’impresa contro la capolista che nei primi 4 match di campionato non aveva perso alcun set. Per la formazione trevigiana, priva dell’infortunata Fahr e con Sylla e De Gennaro in panchina per onor di firma, si è trattata della 70ª vittoria consecutiva in partite ufficiali in Italia e in Europa, un dato che la dice lunga sul dominio continentale di Egonu e compagne.
Con 3 sconfitte a fronte di 2 soli successi la classifica della Vero Volley in questo momento non è soddisfacente, ma è certo che giocando sempre come stasera si risalirebbero tutte le posizioni almeno fino alla terza piazza. Con un servizio di squadra incisivo, un’ottima correlazione muro-difesa, ricezioni precise e alte percentuali in attacco l’allenatore Marco Gaspari può continuare a lavorare serenamente conscio che le avversarie più forti si rincontreranno all’inizio del girone di ritorno, quando anche l’acciaccata Mihajlovic dovrebbe essere fisicamente a posto.
 
Dopo un avvio balbettante (1-3, 2-4) è l’opposta Stysiak (29 punti complessivi con 3 ace e 2 muri) a suonare la carica e a lanciare le compagne alla conquista del primo set in maniera schiacciante. I suoi 6 punti, i parziali di 5-0 e 2-0 rispettivamente negli ace e nei muri vincenti e un mostruoso 84% in ricezione giustificano il 25-14 col quale viene annichilita la formazione guidata da Daniele Santarelli, costretto a cambiare le appannate Omoruyi e Vuchkova rispettivamente con l’ex rosablù Plummer e Folie. Anche la fuoriclasse Egonu non è in partita e ogni tanto finisce in panchina a vantaggio di Frosini.
 
A riequilibrare il match è proprio la statunitense Plummer, MVP con 22 punti (4 muri). I suoi 8 punti del secondo set unitamente al parziale di 7-1 per le venete nei muri vincenti e al deludente 14% in attacco di Lazovic producono il pareggio. Sul 14-14 le ospiti guadagnano un margine di 4 punti che diventano 5 alla fine.
 
Il terzo set è ancora più bello, con Stysiak e Plummer che fanno a gara di schiacciata infiammando il pubblico e mantenendo la suspense sull’esito fino alla fine. Le padrone di casa provano una prima fuga (8-5) grazie a una ritrovata Lazovic e alle difese di Parrocchiale, ma anche Egonu comincia a ricordarsi di essere campionessa d’Europa e scalda la mano rintuzzando gli allunghi rosablù. Sul 14-14 i servizi incisivi di Candi riportano a +3 le monzesi, però dall’altra parte c’è anche Courtney, brava e costante per tutta la gara (18 punti), che con una schiacciata e un muro rimette in parità il punteggio (22-22). Sul 25-25 risultano decisivi l’ennesimo attacco di Stysiak e un muro di Danesi, altra “ex” della contesa assieme alla compagna Moretto in panchina.
 
Dal quarto set Gaspari propone dall’inizio Candi per Zakchaiou, ma a farsi notare è l’altra centrale coneglianese De Kruijf, che firma 5 punti. Le ospiti piazzano un parziale di 4-0 nei muri vincenti e uno strepitoso 81% in ricezione e chiudono sul 20-25 a proprio favore. A differenza del secondo parziale la fuga arriva già sul 5-5. Da 6-7 a 6-13 è un attimo, grazie alla solita ottima regia di Wolosz. Nonostante l’ottimo inserimento a partita in corso di Davyskiba il divario non viene colmato.
 
Nel tie-break, con Davyskiba per Lazovic, le “pantere” prendono il largo (4-8, 5-9) ma subiscono il ritorno delle locali, che con 2 attacchi di Stysiak impattano (11-11). Purtroppo sale in cattedra Egonu, che sul 13-13 firma gli ultimi 2 punti (schiacciata dalla seconda linea e ace) portando il suo bottino di giornata a 17.
 
La Vero Volley Monza è ora chiamata a un ritorno alla vittoria: domenica prossima alle ore 17 dovrà essere ottenuta a tutti i costi in casa della Savino Del Bene Scandicci.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
 
*/ ?>

Sport

La Vero Volley ubriaca la Prosecco DOC ma non abbastanza

La Vero Volley ubriaca la Prosecco DOC ma non abbastanza

VERO VOLLEY MONZA-PROSECCO DOC IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 2-3   È stata una partita memorabile quella andata in scena stasera all’Arena di Monza, e in diretta tv su Rai Sport, tra la Vero Volley e le campionesse d’Italia della Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano. Il secondo e il terzo set sono stati degni di una finale di Champions League per lo spettacolo tecnico offerto e l’equilibrio che ha regnato fino alla fine ha e

 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

 
VERO VOLLEY MONZA-VAKIFBANK ISTANBUL 1-3
 
Si interrompe a 3 la striscia di vittorie consecutive in Champions League della Vero Volley Monza, che anche nella gara di ritorno contro le campionesse di Turchia e del mondo della VakifBank Istanbul hanno dovuto soccombere e con lo stesso punteggio della gara di andata: 3-1. Troppo forte la squadra allenata dall’italiano Giovanni Guidetti per le ragazze guidate da Marco Gaspari, tra le cui fila ha esordito il rinforzo invernale, la centrale statunitense Dana Rettke. All’Arena di Monza la VakifBank ha dimostrato di essere assieme alla Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano la compagine più forte del mondo, con atlete “top” in tutti i reparti e in tutti i fondamentali: una vera e propria “macchina da guerra” costruita per vincere tutto il possibile dentro e fuori dalla Turchia (in campionato è attualmente seconda in classifica a 1 punto dall'Eczacibasi ma con 1 gara giocata in meno). La scorsa stagione è venuto a mancare proprio il successo in Champions League, sfuggito in finale contro le friulane trascinate da Egonu. Ma quest’anno la sfida si ripete e sarà molto difficile per le avversarie inserirsi nella sfida tra le due “superpotenze” mondiali, ritrovatesi anche nella finale del Campionato del mondo.
 
La quinta e penultima giornata del Girone B ha dunque assegnato matematicamente il primo posto alle giallonere e il secondo posto alle rosablù, che però non significa la qualificazione ai quarti di finale in quanto solo le 3 migliori seconde dei 5 gironi vi accederanno. La sorte della Vero Volley si deciderà martedì 15 febbraio in casa delle finlandesi del Viesti Salo, che hanno raggiunto al terzo posto le francesi dell’ASPTT Mulhouse.
 
All’Arena di Monza è andato comunque in scena per 3 set uno spettacolo di altissimo livello, che ha fatto registrare il tutto esaurito (1296 spettatori) per via del limite del 35% della capienza imposto dalle attuali normative di contenimento della pandemia di “coronavirus”.
 
Il primo set aveva fatto ben sperare, nonostante la bassissima percentuale di positività in ricezione fatta registrare dalla compagine di casa. Le “bocche da fuoco” brianzole picchiavano a terra palloni uno dietro l’altro da tutte le posizioni mentre dall’altra parte della rete la brasiliana Gabi arrancava col 12% in attacco. Particolarmente avvincente risultava da subito la sfida tra gli opposti Stysiak e Haak: la polacca della Vero Volley chiudeva a 8 punti (dei 19 complessivi) contro i 7 della svedese. Il botta e risposta tra le due compagini si trascinava fin sul 16-16, poi Orro e Stysiak con 2 attacchi creavano il solco non più coperto dalle turche, ma anzi alla fine ampliato da una battuta sbagliata di Bartsch-Hackley (25-21).
 
A quel punto Guidetti dava le giuste dritte alle sue ragazze, che tornavano in campo determinate a chiudere il girone imbattute. Mentre l’attacco della VakifBank migliorava quello monzese calava d’incisività, con addirittura Stysiak che crollava dal 62% al 18% di positività. Sul 7-7 le turche facevano il “break” e sul 14-18 assestavano l’allungo decisivo con un filotto di 4 punti (2 attacchi di Haak inframmezzati da 2 schiacciate di Gabi). Proprio Haak con un muro chiudeva il set (17-25).
La svedese si scatenava nel terzo set mettendo a segno altri 13 punti (saranno 32 quelli complessivi) e ipotecando il premio di MVP. Si risollevava Stysiak ma in compenso mollava Gennari, sprofondata al 12% in attacco al pari però di Bartsch-Hackley. La VakifBank prendeva il largo sul 5-5 e sul 9-12 era Haak a infilare 3 punti consecutivi che indirizzavano anche il terzo parziale verso la sponda turca. Ancora Haak e Bartsch-Hackley fissavano il punteggio nuovamente sul 17-25.
 
Pure nel quarto set le ospiti s’involavano sul 5-5, ma stavolta la resistenza della compagine monzese risultava pressoché nulla. Da 7-9 si passava a 7-12 e da 10-14 a 10-19. Il tracollo anche psicologico diventava evidente quando sul 12-20 le turche piazzavano altri 5 punti consecutivi. Quello finale non poteva che essere di Haak.
 
La Vero Volley Monza è ora chiamata a un altro impegno quasi proibitivo: domenica alle ore 18.15 per il campionato scenderà in campo a Villorba contro l’altra “superpotenza” mondiale, la Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO

 

*/ ?>

Sport

Mamma che turche! Vero Volley rimandata in Champions League

Mamma che turche! Vero Volley rimandata in Champions League

    VERO VOLLEY MONZA-VAKIFBANK ISTANBUL 1-3   Si interrompe a 3 la striscia di vittorie consecutive in Champions League della Vero Volley Monza, che anche nella gara di ritorno contro le campionesse di Turchia e del mondo della VakifBank Istanbul hanno dovuto soccombere e con lo stesso punteggio della gara di andata: 3-1. Troppo forte la squadra allenata dall’italiano Giovanni Guidetti per le ragazze guidate da Marco Gaspari,

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

SAUGELLA MONZA-GALATASARAY HDI ISTANBUL 3-0
 
Mentre stiamo scrivendo, alla Pro Victoria Pallavolo stanno già spolverando la bacheca dei trofei e preparando lo spazio per far posto alla CEV Cup 2021. Il secondo trofeo continentale è stato infatti ipotecato dalle ragazze della Saugella nella finale di andata disputata all’Arena di Monza, purtroppo ancora a porte chiuse, contro le turche del Galatasaray HDI Istanbul. Dopo un 3-0 con due parziali devastanti (25-23, 25-15, 25-16) viene davvero difficile ipotizzare un cappotto in riva al Bosforo: le rosablù dovrebbero infatti soccombere per 3-0 o 3-1 e poi perdere pure il golden set. Insomma, la Challenge Cup 2019 (terza coppa europea per importanza) e i trofei conquistati nelle categorie minori, il più prestigioso dei quali è stata la Coppa Italia di Serie B1 2013 (vinta tra l’altro con in rosa Lara Lugli, in questi giorni sotto i riflettori dei media anche internazionali per la mensilità non ricevuta dal Maniago Pordenone come “risarcimento” per essere rimasta incinta), si preparano a lasciare il posto d’onore in bacheca alla CEV Cup, la cui assegnazione si deciderà il 23 marzo.
 
La compagine allenata da Marco Gaspari ha avuto vita facile anche grazie all’assenza tra le fila ospiti del forte opposto ucraino Rykhliuk, bloccato in Turchia per complicazioni legate al “coronavirus” assieme al libero di riserva Cayirgan. A tenere in piedi almeno nel primo set la formazione guidata da Ataman Guneyligil è stata l’altra stella giallorossa, la schiacciatrice russa Kosheleva, autrice di 18 punti, di cui ben 10, appunto, nella prima frazione di gioco.
 
Nonostante le ricezioni imprecise di squadra e la serata di scarsa vena offensiva di Begic, le brianzole si sono aggiudicate il primo parziale, seppur faticando un po’ nel finale. Il 6-2 nei muri e i 7 punti a testa di Heyrman e Van Hecke spiegano le chiavi del successo nel set, che da ormai ipotecato sul 16-9 era stato messo a rischio da un rilassamento del gruppo, forse già convinto di essere superiore di molto a quello turco giunto a Monza. Non avevano però fatto i conti con l’esperta Kosheleva, capace di trascinare le compagne fino al clamoroso sorpasso (21-22). La strigliata di Gaspari risultava provvidenziale e l’ex giallorossa Meijners e Van Hecke mettevano giù i palloni del controsorpasso e dell’1-0 nei parziali.
 
Il secondo e il terzo set sono stati poco più che passeggiate. La ricezione assestata e la schiacciante superiorità a muro (11-0), unite ai punti di Van Hecke (altri 10), non hanno lasciato scampo alle avversarie.
 
La finale di ritorno si disputerà, appunto, martedì prossimo, alle ore 20 di Istanbul (le 18 in Italia).
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
4Antonietta Bianco, Daniele Usuelli e altri 2
 
*/ ?>

Sport

Mamma... le brianzole! E la Saugella ipoteca la CEV Cup

Mamma... le brianzole! E la Saugella ipoteca la CEV Cup

SAUGELLA MONZA-GALATASARAY HDI ISTANBUL 3-0   Mentre stiamo scrivendo, alla Pro Victoria Pallavolo stanno già spolverando la bacheca dei trofei e preparando lo spazio per far posto alla CEV Cup 2021. Il secondo trofeo continentale è stato infatti ipotecato dalle ragazze della Saugella nella finale di andata disputata all’Arena di Monza, purtroppo ancora a porte chiuse, contro le turche del Galatasaray HDI Istanbul. Dopo

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

SAUGELLA MONZA-REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-0
 
I playoff scudetto per la Saugella Monza iniziano come è finita la CEV Cup: con una vittoria per 3-0 senza discussioni. A differenza che con le turche del Galatasaray HDI Istanbul, però, il successo delle ragazze rosablù è stato sofferto perché la Reale Mutua Fenera Chieri si è dimostrata squadra tosta, molto forte in ricezione e in difesa. Contro una “super” Saugella, comunque, nulla ha potuto nonostante l’assenza in panchina tra le brianzole del “condottiero”, l’allenatore Marco Gaspari, bloccato dal “coronavirus” assieme a uno scoutman della società. A dirigere le ragazze (ma neanche più di tanto e del resto non ce n’era praticamente bisogno) è stato il suo vice Fabio Parazzoli.
 
Oggi erano in campo la terza della regular season contro la sesta, divario non visto nei precedenti a Chieri e a Monza, dove le squadre di casa si erano imposte per 3-2. Le piemontesi sono giunte all’Arena, naturalmente sempre chiusa al pubblico, dopo 16 giorni di “stop” (dovuto al ritiro dai pre-playoff per troppi casi di positività delle avversarie della Vbc Èpiù Casalmaggiore) e con la palleggiatrice titolare Bosio in panchina per onor di firma.
 
Nel primo set, che vede il ritorno di Orthmann titolare dopo il fastidio muscolare all’addome che l’ha bloccata per quasi un mese, le monzesi provano la fuga (10-6) trascinate da una superlativa Danesi (Mvp del match con 15 punti, di cui 6 a muro e 9 in attacco, pari all’81%). 3 muri consecutivi delle ospiti, di cui gli ultimi 2 della centrale Mazzaro, cresciuta nel consorzio brianzolo, riportano la parità (12-12). Con 2 attacchi di Meijners (7 punti nel primo set) le padrone di casa riallungano (23-19), ma subiscono nuovamente il ritorno delle torinesi, che si riportano a -1. A chiudere i conti sul 25-22 sono una schiacciata di Meijners e un muro di Orro, entrambe protagoniste assieme a Parrocchiale di un’ottima gara. Per dare un’idea di quanto coriacee siano state le ragazze guidate da Giulio Cesare Bregoli, la frazione di gioco si è chiusa sul filo di lana nonostante le differenze di percentuali di squadra in attacco fossero abissali: del 42% la Saugella, del 21% la Reale Mutua Fenera.
 
Il secondo set si dimostra altrettanto spettacolare grazie alle percentuali da urlo in ricezione delle due contendenti. Orro si diverte un mondo a smistare palle di qua e di là, di su e di giù, davanti e di dietro. Le chieresi faticano a star dietro a muro, ma resistono in difesa e contrattaccano con quello che hanno. La Saugella mette la freccia sull’8-8, ma le ospiti si attaccano alle caviglie e reggono fino al 15-14. Nonostante le schiacciate di Villani si va sul 22-17, vantaggio difeso fino alla fine (25-20).
 
Bregoli cambia l’opposto, sostituendo una deludente Grobelna (1 ace ma 3 attacchi punto per un misero 18%) con Laak. La mossa all’inizio sortisce buoni effetti, con la Reale Mutua Fenera che si porta a +2 (5-7) grazie proprio a 3 schiacciate della estone. Ma la Saugella non ha voglia di tirare per le lunghe il match e si scatena in attacco chiudendo il parziale con un fantastico 64%. Gli ultimi 3 punti, che fissano il punteggio sul 25-18, sono di Van Hecke (2) inframmezzati da un muro di Heyrman.
 
Gara-2 a Chieri si disputerà giovedì prossimo alle ore 18.30: le monzesi non dovranno abboccare al “pesce d’aprile” che prepareranno loro le tenaci piemontesi, perché il bis di oggi significherà l’accesso alle semifinali scudetto.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

Ottima partenza nei playoff scudetto per la Saugella

Ottima partenza nei playoff scudetto per la Saugella

SAUGELLA MONZA-REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-0   I playoff scudetto per la Saugella Monza iniziano come è finita la CEV Cup: con una vittoria per 3-0 senza discussioni. A differenza che con le turche del Galatasaray HDI Istanbul, però, il successo delle ragazze rosablù è stato sofferto perché la Reale Mutua Fenera Chieri si è dimostrata squadra tosta, molto forte in ricezione e in difesa. Contro una “super” Saugella, comunque

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MOREConcorezzo. Il volley rosa strappa una bella vittoria tra le mura domestiche di via La Pira e si conferma saldamente al quarto posto della Serie D regionale (Girone D). Sotto la guida dell'allenatore Carlo Riva le giocatrici biancorosse hanno vinto sabato per 3 set a 1 contro l'agguerrita compagine di Lariointelvi. Davanti nei primi due set, la squadra di casa si è arresta per 21 a 25 nel combattuto terzo set, mettendo però subito il sigillo nel quarto e decisivo set, anch'esso combattuto. Sabato la trasferta con il New Volley Brianza

Foto di Angelo Buscaini

Tabellino:
Primo Set       25-14
Secondo set   25-22
Terzo set        21-25
Quarto set      25-21
Squadra Concorezzo
6) Silvia Redaelli ( capitano)
18) Stefania Danzi
1) Alice Viscardi
15) Gloria Mauri ( Top Score)
8) Federica Del Priore
4) Chiara Dellorusso ( Top Score)
5) Ileana Viviani
In panchina:
9) Sara Cazzaniga
13) Elisa Ghezzi
3) Cecilia Bonanomi
2) Elena Monguzzi
10) Chiara Brioschi
11) Sara Di Blasi
 
 
 
 

 

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

 
 
*/ ?>

Sport

Pallavolo, bella vittoria per le ragazze della Ledlumen

Pallavolo, bella vittoria per le ragazze della Ledlumen

Concorezzo. Il volley rosa strappa una bella vittoria tra le mura domestiche di via La Pira e si conferma saldamente al quarto posto della Serie D regionale (Girone D). Sotto la guida dell'allenatore Carlo Riva le giocatrici biancorosse hanno vinto sabato per 3 set a 1 contro l'agguerrita compagine di Lariointelvi. Davanti nei primi due set, la squadra di casa si è arresta per 21 a 25 nel combattuto terzo set, mettendo però subito il sigillo n

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-0
 
Iniziano bene per la Vero Volley Monza i play-off scudetto: in gara-1 dei quarti di finale, giocata all’Arena, le atlete agli ordini di Marco Gaspari hanno liquidato in 3 set la Reale Mutua Fenera Chieri, la compagine che lo scorso 30 dicembre aveva eliminato dalla Coppa Italia la formazione rosablù infliggendo lo stesso risultato in terra di Brianza. Le “wallabies” non sono ancora tornate ai migliori livelli di gioco, però certamente vincere aiuta a vincere e chiudere in 2 match la pratica piemontese alimenterebbe il morale delle ragazze per le difficilissime semifinali. Contro le torinesi hanno iniziato molto male, con errori in attacco e scarsa efficacia a muro. Fortunatamente Van Hecke, che aveva approcciato così male la partita da essere al limite della sostituzione, ha iniziato a mettere giù palloni e Danesi a ruota ha cominciato a murare come raramente si era visto in regular season. In generale il muro è stato un fondamentale molto importante, con ben 10 muri-punto a favore delle monzesi contro 3 delle avversarie. A mano a mano che il match è andato avanti è emersa la differenza di valori tra le due compagini, classificatesi al terzo (le padrone di casa) e al sesto posto (le ospiti) in regular season. La Vero Volley non dovrà però cullarsi sugli allori perché in gara-2 il team allenato da Giulio Cesare Bregoli venderà cara la pelle tra le mura amiche. A proposito di mura amiche, oggi all’Arena di Monza c’erano solo 1329 spettatori, un dato non giustificato dalla diretta tv su Sky Sport Arena: ora che la capienza del palasport è tornata al 100% sarebbe davvero un peccato che i monzesi non lo riempissero in occasione delle eventuali semifinali e finali.
 
Il primo set, come anticipato, inizia male per le brianzole, contratte, distratte e poco precise in attacco. La Reale Mutua Fenera Chieri ne approfitta, in particolare con Grobelna, e si porta sul 5-11. Van Hecke si gioca bene l’ultima possibilità prima di essere sostituita con Stysiak come opposto (cambio poi mai avvenuto) e la “sveglia” suona un po’ per tutte, anche a muro. Con Gennari che firma tre attacchi e Danesi due muri si impatta sul 16-16. Sul 19-19 una schiacciata sbagliata dell’“ex” Mazzaro e un attacco di Van Hecke producono il “break” che la Vero Volley difende fino al termine (25-23).
 
Nel secondo set si esalta Danesi, votata come MVP del match grazie ai 13 punti all’attivo (62% in attacco ), di cui ben 8 muri. Pronti, via ed è 3-0. Il margine di 3 punti diventa di 5 (16-11) grazie a due attacchi di Rettke e Van Hecke, quest’ultimo dalla seconda linea. La statunitense Larson (12 punti complessivi) dà il cambio a Danesi nel contrastare i punti di Cazaute e la Vero Volley conduce in porto senza particolari affanni il parziale (25-20).
 
Per il terzo set Bregoli propone da subito la statunitense Frantti per la deludente Villani (27% in attacco), ma a scatenarsi è un’altra connazionale e non Alhassan, ma una con una maglia diversa, ossia Rettke, che firma 6 punti degli 11 totali. La frazione di gioco è un monologo rosablù e a spiegarlo maggiormente è la statistica della ricezione: 83% delle monzesi contro il 33% delle chieresi. 3-0, 6-1, 9-2, 12-3: i parziali mostrano una resa incondizionata da parte delle ospiti, incapaci anche con le subentrate di dare una sterzata all’inerzia del match. Sul 18-10 due attacchi di Rettke, uno di Larson e un errore di Cazaute mettono virtualmente la parola fine a set e partita. Il punto del 25-13 lo firma Van Hecke con una schiacciata dalla seconda linea.
 
Gara-2 si giocherà a Chieri mercoledì prossimo alle ore 20.30. L’eventuale gara-3 si disputerebbe all’Arena o sabato o domenica.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

Play-off scudetto, buona la prima per la Vero Volley

Play-off scudetto, buona la prima per la Vero Volley

VERO VOLLEY MONZA-REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-0   Iniziano bene per la Vero Volley Monza i play-off scudetto: in gara-1 dei quarti di finale, giocata all’Arena, le atlete agli ordini di Marco Gaspari hanno liquidato in 3 set la Reale Mutua Fenera Chieri, la compagine che lo scorso 30 dicembre aveva eliminato dalla Coppa Italia la formazione rosablù infliggendo lo stesso risultato in terra di Brianza. Le “wallabies” non sono an

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

IGOR GORGONZOLA NOVARA-VERO VOLLEY MONZA 2-3
 
È stata una serata indimenticabile per la sezione femminile del Consorzio Vero Volley: la prima squadra ha conquistato per la prima volta nella sua storia le finali scudetto rimontando da 0-2 a 3-2 la gara-3 delle semifinali dei play-off in casa della fortissima Igor Gorgonzola Novara. Le “wallabies” cominceranno la serie di gare al meglio delle 3 vittorie contro le campionesse d’Italia e d’Europa in carica della Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano sabato prossimo alle ore 20.30 a Villorba (diretta tv sulla Rai).
 
La compagine allenata da Marco Gaspari ha compiuto un’impresa superlativa, approfittando dei troppi errori commessi dalle padrone di casa (29 contro i 18 delle monzesi) e del calo fisico accusato da Karakurt e compagne dal terzo set in poi, forse accompagnato dalla convinzione di essersi ormai qualificate. Se nei muri-punto hanno avuto la meglio le piemontesi (16-10), nelle battute vincenti si sono fatte preferire le brianzole (6-1).
 
Davanti ai 3820 spettatori del Pala Igor Gorgonzola (quasi tutto esaurito), tra cui una centuria di rumorosi supporters ospiti, è andato in scena uno spettacolo emozionante, che ha tenuto tutti col fiato sospeso fino alla fine, dopo la quale sono arrivate anche le lacrime di gioia da una parte e di delusione dall’altra: la formazione guidata da Stefano Lavarini aveva chiuso la regular season al primo posto a pari punti col team di Conegliano (ma al secondo per quoziente set) e davanti di 3 lunghezze a quello monzese. Dopo aver eliminato la Bosca San Bernardo Cuneo nei quarti di finale (e la Vero Volley aver fatto lo stesso con la Reale Mutua Fenera Chieri) le azzurre si erano imposte per 3-2 in gara-1 delle semifinali, ma avevano subito la reazione delle brianzole in gara-2, brave a chiudere a proprio favore il match per 3-0.
 
La carta vincente di Gaspari è stata l’opposto Stysiak, subentrata a Van Hecke in gara-2 ed esplosa nella serata di stasera con 22 punti (50% in attacco ), tra cui 1 ace, e per questo scelta come MVP del match. E pensare che era uscita durante il secondo set perché non metteva più a terra palloni (6 attacchi senza punti nel parziale), ma quando è rientrata nel terzo per l’opaca Van Hecke è tornata devastante come nel primo set.
 
La cronaca: nel primo set l’Igor tenta un primo allungo con un paio di muri inframmezzati da due attacchi di Karakurt (7-3), ma la Vero Volley si ricompatta e raggiunge il pareggio sull’11-11 in seguito a due errori in schiacciata di Karakurt e a un attacco vincente di Stysiak; poi ancora Karakurt e un muro di Bosetti riportano a +4 le padrone di casa (18-14), raggiunte però subito dalle brianzole con una schiacciata di Danesi, un ace di Orro, un muro di Danesi e un attacco di Gennari e pure scavalcate con un altro muro di Danesi e un attacco di Stysiak. Chirichella, con una schiacciata e un muro, rimette la situazione in parità (22-22) e sul 24-24 un errore di Stysiak dalla seconda linea e un attacco di Daalderop consegnano il parziale alle novaresi.
 
Il secondo set resta equilibrato fino al 14-14, quindi Washington, Karakurt dalla seconda linea e Bosetti scavano il solco che non viene più coperto, ma anzi ampliato da Daalderop che firma il punto del 25-21. Il 36% in ricezione e il 21% in attacco sono le percentuali della Vero Volley che fotografano il calo di rendimento che fa presagire un tracollo psicologico.
 
E invece la conferma di Van Hecke in campo per Stysiak porta inizialmente buoni frutti, seguita dall’ingresso come libero di Negretti per una incerta Parrocchiale. Sull’11-11 del terzo set le rosablù mettono a segno il “break” decisivo: un attacco dalla seconda linea di Van Hecke e un muro di Gennari creano apprensione tra le azzurre, che sbagliano diverse battute. Rettke schiaccia il punto del +3 (14-17), vantaggio che viene amministrato fino al punto finale di Larson (22-25), comunque non in una delle sue giornate migliori.
 
Il quarto set vede la conferma di Negretti, che diventerà la co-protagonista della rimonta grazie a una serie di difese mirabolanti. È questo il parziale più combattuto, con nessuna delle due squadre che riesce a staccarsi di più di 2 punti dalle avversarie. Ci riesce verso la fine la Vero Volley grazie alla rientrata Stysiak, che piazza 4 punti inframmezzati da un muro della calante Daalderop (21-24). L’Igor prova a recuperare con Washington e Bosetti, ma è ancora la polacca a essere implacabile (23-25).
 
Per il tie-break Lavarini schiera Herbots per Daalderop, ma la schiacciatrice belga non incide. Sul 10-10 arriva il “break” che decide la qualificazione: Stysiak con un attacco dalla seconda linea, un errore proprio di Herbots e un muro di Rettke ammutoliscono il Pala Igor (centuria ospite esclusa). Ormai la regista Orro sa a chi affidare le palle per sfondare il muro avversario e così anche il 12-15 conclusivo porta la firma di Stysiak. È l’apoteosi: si festeggia come se si fosse vinta una coppa ma è giusto così perché quando si scavalca un’asticella mai superata è comunque una vittoria speciale. A proposito di coppe, il team veneto della fuoriclasse Egonu che le ragazze della Vero Volley affronteranno nelle finali è quello che le ha eliminate nei quarti di finale di Champions League, manifestazione che anche l’anno prossimo vedrà impegnate le atlete monzesi.
 
Lo scudetto è un sogno, ma è bello sognare per qualche settimana ancora...
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

Play-off scudetto, la Vero Volley alle finali!

Play-off scudetto, la Vero Volley alle finali!

IGOR GORGONZOLA NOVARA-VERO VOLLEY MONZA 2-3   È stata una serata indimenticabile per la sezione femminile del Consorzio Vero Volley: la prima squadra ha conquistato per la prima volta nella sua storia le finali scudetto rimontando da 0-2 a 3-2 la gara-3 delle semifinali dei play-off in casa della fortissima Igor Gorgonzola Novara. Le “wallabies” cominceranno la serie di gare al meglio delle 3 vittorie contro le campionesse d’

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-SIR SAFETY CONAD PERUGIA 1-3
 
Una delle migliori Vero Volley della stagione non è bastata a frenare la corsa della Sir Safety Conad Perugia verso lo scudetto: dopo le due vittorie nelle prime due semifinali, la squadra umbra è ora a un passo dalla qualificazione alle finali. Come a Perugia sabato scorso, i rossoblù hanno tenuto testa ai vincitori della regular season, riuscendo a strappare ai forti avversari un altro set da aggiungere ai due messi in carniere in gara-1, però se domenica prossima al PalaBarton non vinceranno si chiuderà per loro la stagione, comunque straordinaria.
 
Per l’occasione non ci sarà l’allenatore Massimo Eccheli, assente già oggi all’Arena di Monza perché trovato positivo al tampone del “coronavirus”, come successo qualche giorno fa al suo omologo della prima squadra femminile del consorzio. Al suo posto ha guidato la squadra dalla panchina il vice Giuseppe Ambrosio. Che purtroppo non è riuscito a evitare che i giocatori monzesi fossero poco incisivi in battuta: solo 4 gli ace contro i 12 degli umbri e ben 18 gli errori al servizio contro i 12 degli avversari.
 
La sfida, giocata come sempre a porte chiuse, inizia col ritorno di Holt tra i titolari dopo i problemi muscolari che l’hanno bloccato per oltre un mese. A finire in panchina inizialmente è Beretta, ex perugino come Galassi e Lanza, mentre dall’altra parte della rete l’ex di turno è Plotnytskyi. L’avvio è un po’ balbettante, con la compagine allenata da Vital Heynen che si porta avanti di 4 lunghezze. A svegliare i suoi compagni ci pensa un Lanza col “dente avvelenato” verso la sua precedente società: mette a segno 3 punti decisivi per l’aggancio sul 10-10. Leon (7 punti nel parziale) e Solè riportano avanti i “Block Devils”, che mostrano una ricezione decisamente migliore (53% a 33% nel parziale), ma Lagumdzija (5 punti nel parziale) e Beretta firmano i punti del nuovo aggancio sul 21-21. Due attacchi di Leon inframmezzati da un ace di Ter Horst e una battuta sbagliata di Dzavoronok consegnano però la frazione di gioco agli ospiti (22-25).
 
Il secondo set offre la doppia sfida a suon di punti tra i due opposti Lagumdzija e Ter Horst e due degli schiacciatori, Lanza e Leon, entrambe vinte per 7-6 dai monzesi. Si gioca sul filo dell’equilibrio per tutto il parziale, ma sul 16-16 i ragazzi rossoblù conquistano un “tesoretto” (vantaggio massimo sul 22-18) che non si fanno recuperare. Il punto del 25-22 lo firma Lanza.
 
Il subentrato Beretta viene confermato in campo a inizio terzo set al posto di Galassi e dall’altra parte Heynen preferisce Russo a Ricci. La Vero Volley parte alla grande e con due ace di Lagumdzija (11 punti nel parziale) vola sul 9-3. Un tracollo in ricezione e qualche ace subito di troppo permettono agli umbri di recuperare velocemente e pervenire al sorpasso già sull’11-12. Da qui in avanti si assiste a un entusiasmante testa a testa, purtroppo conclusosi col punteggio di 31-29 per i bianconeri. Il punto finale, il suo nono nel parziale, è di Leon, che ha messo a terra il sesto set-ball della sua squadra contro uno avuto dalla formazione di casa.
La Vero Volley patisce il colpo e nel quarto set parte male (2-8) e non riesce a recuperare (10-17). Un muro di Dzavoronok fa sperare (18-21), ma una battuta lunga di Lagumdzija (comunque autore di 26 punti complessivi), un muro di Solè (Mvp del match) e l’ennesimo attacco di Leon (23 punti complessivi) chiudono i conti (19-25).
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

Play-off scudetto, la Vero Volley non frena i "Block Devils"

Play-off scudetto, la Vero Volley non frena i "Block Devils"

VERO VOLLEY MONZA-SIR SAFETY CONAD PERUGIA 1-3   Una delle migliori Vero Volley della stagione non è bastata a frenare la corsa della Sir Safety Conad Perugia verso lo scudetto: dopo le due vittorie nelle prime due semifinali, la squadra umbra è ora a un passo dalla qualificazione alle finali. Come a Perugia sabato scorso, i rossoblù hanno tenuto testa ai vincitori della regular season, riuscendo a strappare ai forti avversari un

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-IGOR GORGONZOLA NOVARA 3-0
 
Una straordinaria Vero Volley Monza regala ai 4090 calorosi spettatori dell’Arena (tutto esaurito) uno spettacolo magnifico regolando in soli 3 set, nella gara-2 delle semifinali dei play-off scudetto, l’Igor Gorgonzola Novara, vendicando dunque le 2 sconfitte in regular season e quella di gara-1 per 3-2. L’accesso alle finali, già raggiunte dalla Prosecco DOC Imoco Volley Conegliano, sarà dunque deciso in gara-3, che si disputerà mercoledì prossimo alle ore 20.30 a Novara. Le atlete agli ordini di Marco Gaspari, terze in regular season, hanno giocato con determinazione, coraggio e intelligenza, cercando di colpire le avversarie nei loro punti deboli e non calando di concentrazione nei momenti topici del match. Le azzurre allenate da Stefano Lavarini, seconde in regular season, hanno deluso, non riuscendo mai a cambiare marcia anche a causa dei troppi errori commessi in attacco. Tra le quattro giocatrici statunitensi in campo, le grandi protagoniste sono state le due padrone di casa, Rettke e Larson, quest’ultima votata come MVP del match grazie ai 13 punti all’attivo (41% in attacco ), di cui 1 muro, e al 75% in ricezione. L’ex rosablù Hancock non ha giocato al suo solito livello e Washington si è vista a sprazzi, anche se comunque ha fatto meglio dell’altra centrale Chirichella.
 
Sia Hancock che la palleggiatrice avversaria Orro hanno variato molto le giocate, mandando a segno un po’ tutte le “bocche da fuoco”. Questo aspetto ha giovato allo spettacolo al contrario di quanto si vede quando in campo ci sono le campionesse d’Italia e d’Europa di Conegliano, dove però a schiacciare è quasi sempre il fenomeno Egonu. A Novara c’è Karakurt che è certamente una dei migliori opposti del mondo, ma non era in una delle sue migliori serate, anche se nel primo set si è distinta mettendo a referto 9 punti. Primo set che ha visto la Vero Volley volare sul 7-3 e poi subire la reazione dello piemontesi, trascinate da Karakurt, che si sono portate avanti 9-10. Si è quindi proseguito testa a testa anche dopo il cambio di un’opaca Van Hecke con Stysiak. Dopo 4 set-ball sprecati dall’Igor Novara, è stata la compagine monzese a chiudere a proprio favore il parziale 29-27 con 2 punti dell’ottima Danesi (schiacciata e muro) e un attacco di Stysiak.
 
Il secondo set si è aperto con la conferma di Stysiak e con la Vero Volley che ha preso subito il largo (6-2). Il margine tra le due squadre si è poi allargato vistosamente (13-6, 20-10) grazie anche a delle difese superlative di Parrocchiale, ma con l’ingresso di Herbots per Daalderop le azzurre hanno ripreso coraggio, limitando i danni. Il punto del 25-17 porta ancora la firma di Stysiak.
 
Per il terzo set Herbots è stata confermata in campo da Lavarini e inizialmente la scelta viene premiata (0-4, 2-6). Poi Stysiak e Rettke (80% in attacco nel parziale) hanno trascinato le rosablù all’aggancio (8-8) e Larson al temporaneo 15-12. Le novaresi non hanno però mollato la presa e hanno riagguantato Orro e compagne sul 20-20. Sul 24-24 a decidere set e match sono una battuta lunga di Karakurt e una schiacciata di Gennari.
 
Mercoledì sera sarà un’altra storia ma con una Vero Volley Monza così le finali scudetto non sono un sogno ma un’ipotesi concreta.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

Playoff scudetto, la Vero Volley costringe l'Igor alla bella

Playoff scudetto, la Vero Volley costringe l'Igor alla bella

VERO VOLLEY MONZA-IGOR GORGONZOLA NOVARA 3-0   Una straordinaria Vero Volley Monza regala ai 4090 calorosi spettatori dell’Arena (tutto esaurito) uno spettacolo magnifico regolando in soli 3 set, nella gara-2 delle semifinali dei play-off scudetto, l’Igor Gorgonzola Novara, vendicando dunque le 2 sconfitte in regular season e quella di gara-1 per 3-2. L’accesso alle finali, già raggiunte dalla Prosecco DOC Imoco Volley Conegli

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB 3-0
 
Nonostante il 3-0 finale non è stato per niente facile per la Vero Volley Monza superare un’Acqua & Sapone Roma Volley Club rivitalizzata dal recente cambio di allenatore. La formazione capitolina ora guidata da Andrea Mafrici ha tenuto testa alla più quotata avversaria con una importante correlazione muro-difesa e con la “verve” della palleggiatrice statunitense Bugg e gli attacchi della tedesca Stigrot. Le qualità per ottenere la salvezza ci sono, ma la concorrenza è tanta: altre 5 squadre. A decidere le 2 retrocessioni in questo finale di regular season potrebbero essere il Covid-19 e gli infortuni. Che potrebbero anche decidere l’ordine di arrivo delle prime 4 in classifica tra cui le rosablù brianzole.
 
Oggi la differenza con le avversarie l’hanno fatta l’efficacia in attacco (47% a 30%) e i muri (10-6 quelli decisivi) ma anche in battuta Danesi e compagne hanno messo in difficoltà le laziali, che erano reduci da 2 vittorie consecutive. “Top scorer” della compagine allenata da Marco Gaspari è stata la schiacciatrice bielorussa Davyskiba, votata come MVP per i 13 punti messi a segno (44% in attacco) di cui 1 ace e per il 56% in ricezione.
 
A farsi notare di più nel primo set è però stata Gennari con 5 punti pari all’80% del totale degli attacchi. È stato suo il primo punto della squadra di casa, che sul 2-2 ha guadagnato fino a 4 punti di margine, poi ridottosi a 1 (15-14). Due attacchi di Davyskiba e Stysiak, un errore di Klimets e un muro di Gennari hanno scavato il solco decisivo, poi ampliato da una scatenata Candi (suoi gli ultimi 3 punti) per il 25-19 finale.
 
Nel secondo set si è assistito a un forte calo in ricezione della Vero Volley, compensato però dalla crescita di Davyskiba, brava a fare punti (7 nel parziale) anche con palle sporche. L’equilibrio si è spezzato sul 14-14: con un muro di Orro, un ace di Candi e un errore di Stigrot dalla seconda linea le rosablù hanno preso quel vantaggio che poi si è leggermente ampliato con la schiacciata finale di Candi (25-21).
 
Nel terzo set è salita in cattedra Danesi, mettendo a segno 7 dei 10 punti complessivi. La centrale ha messo la firma sull’avvio bruciante e sul finale devastante. Pronti, via ed è 4-0 con 3 suoi punti di cui 2 a muro. La squadra romana è parsa come un pugile suonato e sul 7-1 Mafrici ha chiesto già il secondo time-out. Piano piano l’Acqua & Sapone ha poi ripreso a recuperare palle in difesa e a trasformarle in punti. Un ace di Stigrot (6 punti nel parziale dei 14 complessivi) ha riportato a -3 le ospiti (16-13). La subentrata Van Hecke (per una Stysiak dal rendimento troppo altalenante) ha rilanciato le rosablù, che con 2 ace di Danesi hanno chiuso la partita (25-18).
 
Mercoledì prossimo alle ore 19 la Vero Volley recupererà la gara della seconda giornata di ritorno in casa della Reale Mutua Fenera Chieri, la “castigatrice” di Coppa Italia. Poi sabato alle 20.30 sarà ospite della VBC Trasporti Pesanti Casalmaggiore, match che sarà trasmesso in diretta tv su Rai Sport.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

Roma non doma Monza: la Vero Volley salta l'ostacolo

Roma non doma Monza: la Vero Volley salta l'ostacolo

VERO VOLLEY MONZA-ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB 3-0   Nonostante il 3-0 finale non è stato per niente facile per la Vero Volley Monza superare un’Acqua & Sapone Roma Volley Club rivitalizzata dal recente cambio di allenatore. La formazione capitolina ora guidata da Andrea Mafrici ha tenuto testa alla più quotata avversaria con una importante correlazione muro-difesa e con la “verve” della palleggiatrice statunitense

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

SAUGELLA MONZA-IGOR GORGONZOLA NOVARA 1-3
 
Finisce tra le lacrime il sogno della Saugella Monza di conquistare le finali scudetto. Dopo 5 sfide ufficiali consecutive vinte contro l’Igor Gorgonzola Novara, comprese le 2 di regular season, le atlete brianzole si sono arrese in sole 2 gare alle piemontesi: 3-2 al PalaIgor mercoledì scorso e 3-1 oggi all’Arena. Ci sono però due motivi di consolazione: uno è che tanto alle finali non ci sarà storia perché l’Imveoco Volley Conegliano è nettamente più forte essendo chiaramente la compagine numero 1 del mondo; l’altro è che proprio la formazione veneta, eliminando poco prima dell’inizio del match di Monza la Savino Del Bene Scandicci, ha staccato alla Saugella il biglietto per la prossima edizione della Champions League, competizione mai disputata nella storia dalla Pro Victoria Pallavolo. Il 3° posto in Serie A1 di quest’anno è infatti il nuovo record del club sambiagino, avendo migliorato il 4° del 2019.
 
La Saugella chiude la stagione con sole 2 sconfitte tra le mura amiche, entrambe registrate in campionato (in regular season contro l’Imoco Volley Conegliano e nei play-off contro l’Igor Gorgonzola Novara), e con l’orgoglio di aver vinto la CEV Cup, la seconda coppa europea, messa in bacheca accanto alla Challenge Cup, la terza coppa, conquistata nel 2019.
 
Purtroppo tutta questa splendida stagione si è dipanata coi palazzetti chiusi o quasi (nei primi match era stato consentito l’accesso a qualche centinaio di spettatori). A mostrare le prodezze delle ragazze rosablù ci hanno pensato LVF Tv, la web-tv ufficiale della Lega Pallavolo Serie A femminile, e ogni tanto la Rai, come stasera.
 
Come già era successo per i maschi della Vero Volley Monza, proprio nelle partite decisive è venuto a mancare alla prima squadra del consorzio l’allenatore, Marco Gaspari, risultato positivo al Covid-19 e dunque sostituito in panchina dal suo vice Fabio Parazzoli.
 
Nel primo set l’Igor parte bene, ma una schiacciata di Van Hecke dalla seconda linea e un errore in attacco di Washington rimettono il punteggio in parità (7-7). Il testa a testa si interrompe sull’11-11 quando la Saugella s’invola a +5 (17-12) in virtù di una pregevole varietà di punti in attacco. La compagine allenata da Stefano Lavarini si scuote grazie a Bosetti, a segno 5 volte nel parziale. Poi la affianca Washington e si impatta sul 20-20. Heyrman e Meijners (rispettivamente 5 e 7 punti nella frazione di gioco) sono però scatenate e chiudono sul 25-21.
 
Nel secondo set cala la ricezione monzese e cresce Washington, che mette giù altri 5 palloni. La fuga delle piemontesi scatta sul 10-10: accumulati 5 punti di vantaggio (11-16) riescono ad amministrarli, anche se una schiacciata della subentrata Obossa riporta momentaneamente le padrone di casa a -1 (17-18). La rientrata Van Hecke sbaglia la battuta e il parziale si chiude 21-25.
 
Nella Saugella subentrano delusione e stanchezza e sul 3-3 del terzo set l’Igor saluta e se ne va grazie alla scarsa efficacia dell’attacco di casa. Solo Begic, con 5 punti, tiene testa a Smarzek e Daalderop, rispettivamente a segno con 7 e 6 punti, ben rifornite dall’ex palleggiatrice monzese Hancock. In avvio Bosetti, con un attacco e un muro, trascina le sue compagne a +4 (8-12). Poi Begic, Van Hecke e un muro di Heyrman riaccorciano a -1 (13-14). Ma, appunto, si scatenano Smarzek e Daalderop e per la Saugella è notte fonda. Il punto del 19-25 lo firma Tajè con un ace.
 
Il quarto parziale doveva essere quello della riscossa e inizialmente sembra esserlo: Van Hecke in schiacciata e a muro e Danesi a muro portano la Saugella sul 3-0. L’Igor, però, riceve meglio e attacca meglio e dunque recupera alla svelta. Purtroppo l’apporto di Orthmann, in campo da inizio set per Meijners, non è quello sperato: chiuderà con un terrificante 8% in attacco, addirittura 6% nel complesso della partita. L’aggancio arriva già sul 7-7 e con un muro di Bosetti (6 punti nel parziale, 17 in totale di cui 3 a muro, 66% in ricezione: numeri che le valgono il premio come Mvp) le novaresi paiono sigillare il match e la qualificazione (16-21). Un muro a testa per Danesi e Van Hecke (7 punti nel parziale, 17 in totale) e due schiacciate sbagliate di Herbots e Washington riaprono invece la contesa. Sul 23-24, però, Hancock offre una palla d’oro al centro a Chirichella che schiaccia una mina. Fine dei sogni monzesi. Gioia nella metà campo novarese, lacrime in quella rosablù. Grazie lo stesso ragazze, sarà per l’anno prossimo.
 
 
FOTO ROBERTO DEL BO
*/ ?>

Sport

Saugella, niente scudetto ma si va in Champions League

Saugella, niente scudetto ma si va in Champions League

SAUGELLA MONZA-IGOR GORGONZOLA NOVARA 1-3   Finisce tra le lacrime il sogno della Saugella Monza di conquistare le finali scudetto. Dopo 5 sfide ufficiali consecutive vinte contro l’Igor Gorgonzola Novara, comprese le 2 di regular season, le atlete brianzole si sono arrese in sole 2 gare alle piemontesi: 3-2 al PalaIgor mercoledì scorso e 3-1 oggi all’Arena. Ci sono però due motivi di consolazione: uno è che tanto alle finali

COM_CONTENT_REGISTER_TO_READ_MORE

VERO VOLLEY MONZA-REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-1
 
La Vero Volley Monza femminile rompe il ghiaccio e conquista i primi 3 punti della stagione ai danni della Reale Mutua Fenera Chieri, come da recente tradizione squadra ostica per la compagine brianzola. E difatti il primo set è stato appannaggio della squadra piemontese, partita benissimo e vincente in volata. Ma ormai in campo era già entrata Stysiak, l’opposta polacca capace di ribaltare il corso del match con una serie impressionante di punti, ben 28 alla fine, di cui 1 in battuta e 1 a muro. Non poteva che essere lei a ricevere il premio come MVP davanti ai 617 spettatori presenti all’Arena di Monza. L’ingresso da fuoriclasse di Stysiak ha certamente dato una scossa al gruppo allenato da Marco Gaspari anche dal punto di vista psicologico, permettendo in particolare a Lazovic, in campo dall’inizio al posto dell’acciaccata Mihajlovic, di crescere in sicurezza concludendo alla grande (16 punti per lei, 1 in più di Gennari).
 
Se Stysiak ha fatto bene è perché la titolare Van Hecke ha fatto male. Sul 6-11 del primo set, con 2 punti all’attivo (28% in attacco), è stata sostituita ed è iniziata un’altra partita per le rosablù (anche se la nuova divisa è di difficile interpretazione, sulla scia di certe improbabili maglie che si vedono sui campi da calcio). La sua sostituta è invece partita col botto chiudendo il parziale addirittura col 66% in attacco a fronte dell’insufficiente 20% di Lazovic. La rimonta è iniziata sull’8-15 e ha avuto conclusione sul 20-20. Grazie a un’infrazione di Frantti in seconda linea la Vero Volley è pure passata in vantaggio (22-21). Ma proprio la statunitense, assieme alla connazionale Alhassan e a Villani, ha trascinato la squadra guidata da Giulio Cesare Bregoli al successo ai vantaggi (25-27).
 
Il secondo set è stato quello della crescita collettiva in casa monzese, soprattutto di Gennari, che ha chiuso il parziale con l’80% in attacco. Sul 4-4 le padrone di casa hanno salutato le avversarie e sono andate a vincere 25-15.
 
Il terzo è terminato 25-20, ma Orro e compagne avevano già preso presto un largo margine (15-9), grazie agli attacchi di Stysiak, ma finalmente anche di Lazovic (55%) e al centro di Zakchaiou. I punti della subentrata Grobelna, per Frantti, hanno tenuto a galla le torinesi, però non è bastato.
 
Nel quarto parziale tra le fila chieresi è stata pure inserita Weitzel per l’ex di giornata Mazzaro, ma il divario tra le due squadre è aumentato: solo in attacco il set è finito 60% a 24%, con Stysiak ancora a mille (66%) e un’ottima Lazovic (71%). Eppure le ospiti hanno retto fino al 12-12, più per un avvio rilassato delle padrone di casa che per meriti loro. Un muro di Gennari ha chiuso la frazione di gioco (25-13) e la contesa.
 
Mercoledì prossimo alle ore 20.30 la terza giornata regalerà un altro derby a Bergamo dopo quello della prima giornata a Busto Arsizio.
*/ ?>

Sport

Stysiak stecchisce la Reale e la Vero Volley sorride

Stysiak stecchisce la Reale e la Vero Volley sorride

VERO VOLLEY MONZA-REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-1   La Vero Volley Monza femminile rompe il ghiaccio e conquista i primi 3 punti della stagione ai danni della Reale Mutua Fenera Chieri, come da recente tradizione squadra ostica per la compagine brianzola. E difatti il primo set è stato appannaggio della squadra piemontese, partita benissimo e vincente in volata. Ma ormai in campo era già entrata Stysiak, l’opposta polacca capace di