July 25, 2024
#Cronaca

Tasso investito e ucciso a Concorezzo: omissione di soccorso

tasso_concorezzo.jpeg

tasso_concorezzo.jpegConcorezzo. Il corpo esanime ai bordi della Provinciale è stato raccolto dalla Polizia locale. Tecnicamente, anche se ci troviamo di fronte ad un animale, si tratta di omissione di soccorso. E questa volta, a pagare il dazio con la strada, è stato un raro tasso, che si trovava a passeggiare lungo una delle trafficate arterie cittadine. 

Il Codice della strada non lascia spazio alle interpretazioni, circa le responsabilità. Nel caso si investa un animale, che sia domestico come il cane o il gatto, protetto o da reddito, vige l’obbligo di fermarsi, prestare soccorso e fare in modo che scattino gli allarmi necessari all’intervento di operatori specializzati nel settore.

Sono previste multe per i trasgressori che vanno da 389 euro a 1.559 euro in caso di partecipazione diretta: anche per chi vede e non si ferma è giustamente prevista una multa, più ridotta, che va da 78 euro a 311 euro.

L’APPELLO DELL’ASSESSORE

“Vediamo troppo spesso queste immagini sulle nostre strade e non possiamo rimanere indifferenti – spiega l’assessore Silvia Pilati – E’ fondamentale avere la consapevolezza che non esistiamo solo noi sulla Terra e che sulle strade ai confini con ambiti verdi è normale l’attraversamento di piccoli animali selvatici. La presenza di un tasso, già specie protetta, è inusuale e per questo e altri animali vale la pena prestare attenzione durante la guida, moderando la velocità, cosa che si dovrebbe fare a prescindere. Se poi capita di investire un animale, oltre a quanto previsto dalla legge, sarebbe un dovere morale fermarsi a prestare soccorso e chiamare chi di competenza”.