Elezioni, si va verso la sfida a quattro: ecco i nomi

comuneconcorezzo.JPG

Concorezzo. Una poltrona, quattro candidati. A fine maggio, insieme alle Europee (e alle Politiche, se l'accordo Renzi-Berlusconi andrà in fumo), anche i cittadini di Concorezzo saranno chiamati al voto per rinnovare il Consiglio comunale. Per la prima volta nella storia del nostro paese si voterà con il doppio turno, dal momento che la soglia dei 15mila abitanti è stata superata. Il numero dei consiglieri verrà ridotto da 20 a 16, a cui si aggiunge il sindaco. In questi numeri, per la prima volta, verrà scelto anche il presidente del Consiglio comunale. 
Salvo new entry la sfida per la poltrona di sindaco dovrebbe vedere in campo quattro schieramenti: la maggioranza uscente (Lega Nord, NCD, Forza Italia e Ccd, quest'ultimo senza l'ex capogruppo Andrea Brambilla e altri passati a Vivi Concorezzo) ricandida Riccardo Borgonovo. Pd e il Centrosinistra la scelta è quasi definitivamente caduta su Massimo Giuseppe Canclini. La lista civica italiana (ex lista Per il Bene Comune) è pronta a candidare il consigliere Rosanna Garofalo. Ancora qualche nodo da sciogliere, infine, per la nuova lista Vivi Concorezzo, che ha tra i maggior animatori l'ex sindaco Alberto Bernareggi e l'ex capogruppo CdC Andrea "Billa" Brambilla. Se il primo potrebbe essere frenato da impegni di lavoro e il secondo non ha sciolto le riserve, in questi giorni a condurre alcuni incontri sul territorio c'è ad esempio Ottavio Riva, concorezzese doc e marito della dottoressa Biolchini. in settimana erano circolate indiscrezioni su una sua possibilie candidatura, mentre un altro nome potrebbe essere quello  di Orlando Mariani, coetaneo di Borgonovo: una sfida del 1956, insomma. Vivi Concorezzo potrebbe presentare simbolo elettorale e candidato in queste ore. Ma anche sui due principali schieramenti di centrodestra e centrosinistra sono in arrivo novità.

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI