santalfredo
santalfredo

Monza, col Napoli si rivede Pessina

FB_IMG_1661005138491.jpg

Monza. Siamo alla vigilia della prima partita in trasferta del Monza in Serie A della sua storia e l’allenatore biancorosso Giovanni Stroppa è giustamente preoccupato perché domani alle ore 18.30 i suoi uomini giocheranno allo stadio Diego Armando Maradona di Napoli contro una squadra capace di andare a vincere a Verona per 5-2 all’esordio. Mentre i biancorossi hanno iniziato male perdendo 2-1 tra le mura amiche dell’U-Power Stadium contro il Torino.

“La squadra sta bene e ha una settimana in più di lavoro rispetto alla partita col Torino – ha attaccato la conferenza stampa Stroppa – Però purtroppo Carlos Augusto non ce l’ha fatta a recuperare dall’infortunio patito contro i granata. Si è trattata di una botta importante, ma sarà comunque a disposizione per la prossima gara. Poi c’è Pessina che tornerà almeno in panchina. Mentre invece ho perso Mota a causa di una mezza contrattura. Il Napoli, che è allenato da Spalletti che per me è un mostro sacro, ha un modo di giocare diverso rispetto al Torino per cui dovremo prendere maggiori precauzioni. A fine partita sarò soddisfatto se avrò visto dei miglioramenti rispetto all’esordio in campionato. Domani avremo di fronte una delle squadre più forti del torneo: hanno abilità e fisicità, hanno tutto. Comunque le pressioni non le dà il Napoli ma la categoria. Anche dopo questa trasferta dovremo restare sereni e continuare a lavorare. Squadra e società sono allineati sull’obiettivo che è quello della salvezza. Lo staff tecnico sta lavorando tanto per mettere in campo una squadra con un’identità forte. Già contro il Torino per me abbiamo giocato bene nel primo tempo. Dobbiamo integrare i giocatori arrivati per ultimi dal mercato. Birindelli? Ha un motore importante da mettere al servizio di sè stesso e della squadra. Petagna? Ha bisogno di lavorare. Purtroppo ci sono tutte queste partite di fila ma le deve sfruttare per trovare la condizione. Domani per lui sarà un match speciale, dato che fino a una decina di giorni fa giocava nel Napoli, e spero faccio un'ottima partita. Sensi? Sta migliorando la propria condizione. Se un giorno lui e Pessina potranno giocare assieme? Spero di sì, quando staranno entrambi bene".

Per commentare effettua il LOGIN al sito, se non sei ancora registrato REGISTRATI